Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 33
  1. #21
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,811
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Ah,una passeggiata di salute quest'adattamento di cui parli tu Ho trovato la migliore definizione del tuttobenismo in 6 punti Battute a parte, mi auguro che questo punto di vista resti isolato.Ma dato quel che leggo,ne dubito
    Evidenzio che tutti i motivi portati riguardano problemi che comprometterebbero l'uomo, non la natura.
    Ma una volta dimostrato che i danni all'uomo saranno minimi se capace di adattarsi, a cosa ci si potrà appellare per decretare una catastrofe il cambiamento climatico? Alla natura?

    Quel giorno sarà la migliore conquista per l'umanità nel dibattito climatico, perchè sposteremo il fuoco dall'uomo alla natura. Dall'impegno per una semplice equazione "costi-benefici" per noi, all'impegno solidale per il creato tutto.

    Eppure, anche qui: la catastrofe sarà relativa, la vita sulla Terra resetterebbe il tutto eliminando l'uomo e ricomincerebbe da capo come ha sempre fatto nella sua storia. Stavolta la causa sarebbe anche l'uomo, che si porterà il peccato dell'aver innescato la morte di varie specie nella tomba. Una nuova variabile. In passato a far entrare nelle glaciazioni pare un ruolo lo abbia avuto il fitoplancton.
    Ultima modifica di burian br; 19/02/2020 alle 20:28

  2. #22
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,646
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Evidenzio che tutti i motivi portati riguardano problemi che comprometterebbero l'uomo, non la natura.
    Ma una volta dimostrato che i danni all'uomo saranno minimi se capace di adattarsi, a cosa ci si potrà appellare per decretare una catastrofe il cambiamento climatico? Alla natura?

    Quel giorno sarà la migliore conquista per l'umanità nel dibattito climatico, perchè sposteremo il fuoco dall'uomo alla natura. Dall'impegno per una semplice equazione "costi-benefici" per noi, all'impegno solidale per il creato tutto.

    Eppure, anche qui: la catastrofe sarà relativa, la vita sulla Terra resetterebbe il tutto eliminando l'uomo e ricomincerebbe da capo come ha sempre fatto nella sua storia. Stavolta la causa sarebbe anche l'uomo, che si porterà il peccato dell'aver innescato la morte di varie specie nella tomba. Una nuova variabile. In passato a far uscire dalle glaciazioni pare un ruolo lo abbia avuto il fitoplancton.
    Personalmente penso a scenari problematici, non catastrofici in senso stretto. Fra "finirà la storia dell'umanità" e "non ci saranno grossi problemi" ci sono 50 sfumature di rosso
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  3. #23
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,811
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Personalmente penso a scenari problematici, non catastrofici in senso stretto. Fra "finirà la storia dell'umanità" e "non ci saranno grossi problemi" ci sono 50 sfumature di rosso
    Su quel punto sono disposto a venirti incontro . Di sicuro ci saranno problemi, ma senza problemi non ci sarebbe adattamento.

  4. #24
    Vento forte L'avatar di kima
    Data Registrazione
    10/10/12
    Località
    Glarus Nord
    Età
    41
    Messaggi
    3,244
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Quanta filosofia però ragazzi... Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

  5. #25
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    39
    Messaggi
    2,064
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Il riscaldamento estivo amplificato nella regione mediterranea è quello più problematico, tuttavia è un fenomeno transiente e se le emissioni vengono ridotte non siamo per forza destinati a continuare su questo trend; ad esempio con emissioni nette nulle le temperature globali rimangono costanti per compensazione tra la riduzione della concentrazione di co2 e il riscaldamento di equilibrio di quanto rimane in atmosfera , il pattern spaziale però cambia profondamente, mentre il riscaldamento dell'antartide e di diverse aree oceaniche prosegue le terre si raffreddano in particolare le estati dell'emisfero nord ( a sinistra) e della regione mediterranea, il problema a questo punto sarebbero prevalentemente fenomeni di lungo termine come l'innalzamento del livello dei mari che avvengono comunque in modo graduale, alla fine dipenderà parecchio dalla traiettoria che prenderanno le emissioni nei prossimi decenni.


    Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987-tr.png

  6. #26
    Vento teso L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,566
    Menzionato
    230 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Il riscaldamento estivo amplificato nella regione mediterranea è quello più problematico, tuttavia è un fenomeno transiente e se le emissioni vengono ridotte non siamo per forza destinati a continuare su questo trend; ad esempio con emissioni nette nulle le temperature globali rimangono costanti per compensazione tra la riduzione della concentrazione di co2 e il riscaldamento di equilibrio di quanto rimane in atmosfera , il pattern spaziale però cambia profondamente, mentre il riscaldamento dell'antartide e di diverse aree oceaniche prosegue le terre si raffreddano in particolare le estati dell'emisfero nord ( a sinistra) e della regione mediterranea, il problema a questo punto sarebbero prevalentemente fenomeni di lungo termine come l'innalzamento del livello dei mari che avvengono comunque in modo graduale, alla fine dipenderà parecchio dalla traiettoria che prenderanno le emissioni nei prossimi decenni.


    Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987-tr.png
    ci sono stime su quanti decenni ancora, indicativamente, dovrà proseguire un trend estivo mediterraneo con un "coefficiente angolare" simile a quello vistosi in questi ultimi 40 anni circa? mi riferisco a uno scenario di emissioni probabilisticamente a metà tra quelli più catastrofici (e forse poco verosimili) e quelli che vedono un futuro (più o meno lontano) a emissioni zero o quasi.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  7. #27
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,646
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da kima Visualizza Messaggio
    Quanta filosofia però ragazzi... Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987
    Si uniscono la scuola brindisina, positivista e portata alla solarità ed all'ottimismo e quella casertana, più "autunnale",crepuscolare e preoccupata
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  8. #28
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,766
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Si uniscono la scuola brindisina, positivista e portata alla solarità ed all'ottimismo e quella casertana, più "autunnale",crepuscolare e preoccupata
    bella questa

  9. #29
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,811
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Si uniscono la scuola brindisina, positivista e portata alla solarità ed all'ottimismo e quella casertana, più "autunnale",crepuscolare e preoccupata
    Ahahahah!

  10. #30
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    39
    Messaggi
    2,064
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Top 5 del caldo delle 4 stagioni in Italia: restano solo gli autunni del 1926 e del 1987

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    ci sono stime su quanti decenni ancora, indicativamente, dovrà proseguire un trend estivo mediterraneo con un "coefficiente angolare" simile a quello vistosi in questi ultimi 40 anni circa? mi riferisco a uno scenario di emissioni probabilisticamente a metà tra quelli più catastrofici (e forse poco verosimili) e quelli che vedono un futuro (più o meno lontano) a emissioni zero o quasi.
    nello scenario rcp 4.5 fino verso il 2060, non appena le emissioni si riducono cala anche il trend nel mediterraneo.

    Il trend nei modelli è comunque un po meno di quanto osservato fino ad ora che può voler dire sia che i modelli sottostimano (ed è possibile non mi aspetto che siano in grado di fornire il valore preciso dell'amplificazione estiva) o che ha ricevuto un extra dalla variabilità interna.
    Ultima modifica di elz; 20/02/2020 alle 22:27

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •