Pagina 55 di 111 PrimaPrima ... 545535455565765105 ... UltimaUltima
Risultati da 541 a 550 di 1104
  1. #541
    Vento moderato
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    1,484
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Un po' di spaghi






  2. #542
    Burrasca forte L'avatar di Gangi
    Data Registrazione
    08/12/09
    Località
    Gangi(pa), San Pellegrino Terme(Bg)
    Età
    35
    Messaggi
    9,024
    Menzionato
    37 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    ECMWF è buono per queste lande fino alle 120/144h...con temperature più o meno nella media o poco sopra e occasioni per instabilità.

  3. #543
    Brezza tesa L'avatar di extreme
    Data Registrazione
    16/03/08
    Località
    Roma San Lorenzo (w.e. Ronciglione)
    Messaggi
    768
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Domani e dopodomani occasioni temporalesche anche in queste lande, ci riproviamo con la fiducia di sempre

    Reading brutte brutte nel medio/lungo
    Emigrato per lavoro a Roma, quartiere San Lorenzo.
    Nei week end spesso a Ronciglione, dove possiedo una stazione Davis VUE (575 m s.l.m.).

  4. #544
    Tempesta
    Data Registrazione
    06/01/16
    Località
    PA
    Messaggi
    10,185
    Menzionato
    77 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da Gangi Visualizza Messaggio
    ECMWF è buono per queste lande fino alle 120/144h...con temperature più o meno nella media o poco sopra e occasioni per instabilità.
    Possibilità di TS fino a mercoledì/giovedì
    Aspettando le ENS

  5. #545
    Vento moderato
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    1,046
    Menzionato
    258 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da bunicorn Visualizza Messaggio
    Sta cosa di interpretare tutto attraverso gli indici di teleconnessione mi incuriosisce assai.
    Non mi riferisco solo a te, ma in generale.
    Quando vedo questo approccio mi domando sempre... "Ma è nato prima l'uovo o la gallina"?

    Battura a parte, ora cercherò brevemente di chiarirti la mia posizione.
    Premetto che lungi da me asserire che le teleconnessioni non servono a nulla, anzi, ma si deve riflettere sul loro utilizzo.
    Mi baso su ciò che mi hai scritto, ma solo perché è un esempio.

    Se fosse come dici, allora vi dovrebbe essere un periodismo o comunque una relazione abbastanza chiara tra l'indebolimento dell' onda due (e guarda che questa è centrale e tra breve chiarirò il perché) e l'andamento teleconettivo indicato. Invece non è così.
    Focalizziamoci un momento sulla teleconnessione dal periodo più lungo, la PDO, poiché l'altra componente oceanica invocata ha periodo ben più breve. Non parliamo del rilascio di calore dagli oceani artici che avviene annualmente.
    La PDO fu negativa tra gli anni 50-70, per poi tornare poistiva sino all'inizio delgli anni 2000, a cui seguì una fase negativa sino al 2015 circa, per poi virare di nuovo in territorio positivo.
    Ma il pattern dominante che ha affossato l'onda due (figlia della posizione e della dinamica dell'onda uno), è partito e si è rafforzato nel tempo a dagli anni '90 (se non un po' prima).

    L'onda due è veramente una delle chiavi dell'andamento climatologico dell'emisfero Nord e una prova provata sta nel fatto che la NAO è una espressione importante dell'AO.
    Ovvero due indici calcolati in modo completamente differente, il primo "locale" e il secondo emisferico, ma nonostante ciò intimamente legati.
    Questo però non significa che si può usare la NAO per predirre ciò che sarà in futuro, o se vuoi lo si può fare nel brevissimo periodo o con estrema approssimazione su base deduttiva nel lungo, poiché sia la NAO che l'AO riflettono uno stato "istantaneo" dell'atmosfera.
    E qui torna il discorso dell'utilizzo ponderato delle teleconnessioni, mentre si può notare come sia l'azione delle onde la vera sintesi dello stato atmosferico, che ingloba l'insieme degli elementi della macchina climatica.

    Insomma la battuta se viene prima l'ovo o la gallina a mio avviso non è poi così una battuta in questi territoti di analisi...
    Hai introdotto molti spunti interessanti, i dibattiti epistemologici mi appassionano ma forse sono più adatti alla stanza teleconnessioni che a quella modelli, magari se la discussione va per le lunghe meglio spostarla di là.

    In estrema sintesi tutte le tlc sono caratteristiche emergenti del sistema oceano-atmosfera, quindi sono per loro natura prodotto della sintesi delle forzanti presenti in quel momento, l'uovo non nasce mai dal nulla.
    Quelle esclusivamente atmosferiche come AO e NAO sono molto variabili e hanno scarso potere predittivo, quelle che incidono sulla circolazione oceanica come el Niño invece operano su cicli più lunghi e producono una sorta di quasi-equilibrio che evolve lentamente, in cui oceano e atmosfera si influenzano reciprocamente favorendo il mantenimento di un determinato pattern. L'enorme quantità di calore che muovono gli oceani rende questo processi necessariamente lenti, come minimo stagionali.

    Questi indici quindi sono utili a dirci in quale stato di trova il sistema e rappresentano la base su cui si innesta la caoticità atmosferica, in termini probabilistici hanno un buon potere predittivo. Non consentono di dire che una specifica dinamica atmosferica è causata direttamente dalle tlc ma queste hanno un ruolo importante nel favorire alcune dinamiche ostacolare altre.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di snowaholic; 14/09/2020 alle 11:21

  6. #546
    Vento teso L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Età
    16
    Messaggi
    1,871
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da bunicorn Visualizza Messaggio
    Sta cosa di interpretare tutto attraverso gli indici di teleconnessione mi incuriosisce assai.
    Non mi riferisco solo a te, ma in generale.
    Quando vedo questo approccio mi domando sempre... "Ma è nato prima l'uovo o la gallina"?

    Battura a parte, ora cercherò brevemente di chiarirti la mia posizione.
    Premetto che lungi da me asserire che le teleconnessioni non servono a nulla, anzi, ma si deve riflettere sul loro utilizzo.
    Mi baso su ciò che mi hai scritto, ma solo perché è un esempio.

    Se fosse come dici, allora vi dovrebbe essere un periodismo o comunque una relazione abbastanza chiara tra l'indebolimento dell' onda due (e guarda che questa è centrale e tra breve chiarirò il perché) e l'andamento teleconettivo indicato. Invece non è così.
    Focalizziamoci un momento sulla teleconnessione dal periodo più lungo, la PDO, poiché l'altra componente oceanica invocata ha periodo ben più breve. Non parliamo del rilascio di calore dagli oceani artici che avviene annualmente.
    La PDO fu negativa tra gli anni 50-70, per poi tornare poistiva sino all'inizio delgli anni 2000, a cui seguì una fase negativa sino al 2015 circa, per poi virare di nuovo in territorio positivo.
    Ma il pattern dominante che ha affossato l'onda due (figlia della posizione e della dinamica dell'onda uno), è partito e si è rafforzato nel tempo a dagli anni '90 (se non un po' prima).

    L'onda due è veramente una delle chiavi dell'andamento climatologico dell'emisfero Nord e una prova provata sta nel fatto che la NAO è una espressione importante dell'AO.
    Ovvero due indici calcolati in modo completamente differente, il primo "locale" e il secondo emisferico, ma nonostante ciò intimamente legati.
    Quoto, infatti la NAO e l'AO rappresentano quegli indici teleconnettivi che descrivono rispettivamente la differenza di pressione fra Islanda e Azzorre a 500 mb, mentre l'AO la differenza di pressione tra l'artico e le medio-basse latitudini, quindi riflettono un particolare momento delle condizioni dell'atmosfera.

    Mentre la PDO oppure l'ENSO sono indici che vengono presi in considerazione durante un arco di tempo ben più lungo, per questo motivo anche se fin'ora abbiamo una Nina appena conclamata, per inerzia non subiremo effetti per molte altre settimane, e chissà, potremmo renderne l'idea a fine anno.
    Ultima modifica di damiano23; 14/09/2020 alle 10:57
    Io sono già stato quello che voi siete, ma non so se voi sarete, e dico a tutti, quello che io sono.

  7. #547
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    9,782
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da bunicorn Visualizza Messaggio
    Sta cosa di interpretare tutto attraverso gli indici di teleconnessione mi incuriosisce assai.
    Non mi riferisco solo a te, ma in generale.
    Quando vedo questo approccio mi domando sempre... "Ma è nato prima l'uovo o la gallina"?

    Battura a parte, ora cercherò brevemente di chiarirti la mia posizione.
    Premetto che lungi da me asserire che le teleconnessioni non servono a nulla, anzi, ma si deve riflettere sul loro utilizzo.
    Mi baso su ciò che mi hai scritto, ma solo perché è un esempio.

    Se fosse come dici, allora vi dovrebbe essere un periodismo o comunque una relazione abbastanza chiara tra l'indebolimento dell' onda due (e guarda che questa è centrale e tra breve chiarirò il perché) e l'andamento teleconettivo indicato. Invece non è così.
    Focalizziamoci un momento sulla teleconnessione dal periodo più lungo, la PDO, poiché l'altra componente oceanica invocata ha periodo ben più breve. Non parliamo del rilascio di calore dagli oceani artici che avviene annualmente.
    La PDO fu negativa tra gli anni 50-70, per poi tornare poistiva sino all'inizio delgli anni 2000, a cui seguì una fase negativa sino al 2015 circa, per poi virare di nuovo in territorio positivo.
    Ma il pattern dominante che ha affossato l'onda due (figlia della posizione e della dinamica dell'onda uno), è partito e si è rafforzato nel tempo a dagli anni '90 (se non un po' prima).

    L'onda due è veramente una delle chiavi dell'andamento climatologico dell'emisfero Nord e una prova provata sta nel fatto che la NAO è una espressione importante dell'AO.
    Ovvero due indici calcolati in modo completamente differente, il primo "locale" e il secondo emisferico, ma nonostante ciò intimamente legati.
    Questo però non significa che si può usare la NAO per predirre ciò che sarà in futuro, o se vuoi lo si può fare nel brevissimo periodo o con estrema approssimazione su base deduttiva nel lungo, poiché sia la NAO che l'AO riflettono uno stato "istantaneo" dell'atmosfera.
    E qui torna il discorso dell'utilizzo ponderato delle teleconnessioni, mentre si può notare come sia l'azione delle onde la vera sintesi dello stato atmosferico, che ingloba l'insieme degli elementi della macchina climatica.

    Insomma la battuta se viene prima l'ovo o la gallina a mio avviso non è poi così una battuta in questi territoti di analisi...
    In questi ultimi anni, gli andamenti AO/NAO sono stati spesso "slegati", cosa che non succedeva anni addietro quando i due indici viaggiavano a braccetto: in particolare ad AO negativa spesso (quasi sempre negli ultimi 7 anni) non ha corrisposto una NAO negativa....aggiungo anche che la NAO è calcolata a 500 hpa, la AO a 1000 hpa.

  8. #548
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    4,185
    Menzionato
    66 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    i dibattiti epidemiologici
    Forse intendevi epistemologici?

  9. #549
    Vento moderato
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    1,046
    Menzionato
    258 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Forse intendevi epistemologici?

    Ovviamente si, la correzione automatica ha colpito ancora. Ora ho corretto.

  10. #550
    Bava di vento L'avatar di bunicorn
    Data Registrazione
    25/07/20
    Località
    RE
    Messaggi
    95
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2020: analisi e discussioni dei modelli

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    In questi ultimi anni, gli andamenti AO/NAO sono stati spesso "slegati", cosa che non succedeva anni addietro quando i due indici viaggiavano a braccetto: in particolare ad AO negativa spesso (quasi sempre negli ultimi 7 anni) non ha corrisposto una NAO negativa....aggiungo anche che la NAO è calcolata a 500 hpa, la AO a 1000 hpa.
    La NAO per l'appunto non è l'AO e la NAO fu calcolata partando dal suolo (e mi pare di ricordarne perlomeno tre formulazioni).
    Oggi applicano la PCA (o se ti garba di più EOF) a qualsiasi parametro e dunque anche la NAO ha subito sta cosa.
    Inoltre se preferisci chiama l'AO NAM a 1000 hpa; non c'è gran differenza nel calcolarla a 500 o 1000 hPa.
    Io non comparato di recente l'andamento della NAO e dell'AO, probabilmente tu si, ma mi pare di ricordare che negli utlimi anni l'AO è stata (come trend) sul neutro/positivìo e così pure la NAO.
    Ultima modifica di bunicorn; 14/09/2020 alle 11:50

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •