Pagina 10 di 32 PrimaPrima ... 8910111220 ... UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 319
  1. #91
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,761
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Adesso non esageriamo, anche considerando la singola irruzione, gennaio 1979 sta a gennaio 1709 come dicembre 2010 sta a gennaio 1985 Nel 1979, per esempio Istrana ha registrato un paio di giornate -10/-2°C e -9/0°C, certo non comuni tutti gli inverni, ma lontane dai record anche per dicembre (o febbraio). Nel 1709, il Lago di Garda - unico caso storico, almeno negli ultimi 500 anni - è gelato in una notte e alcune cronache parlano di ghiaccio sul mare da Venezia alla Dalmazia...
    Gelato in una notte il lago di Garda? Mi sembra impossibile!

    Comunque parlavo della dinamica, non della lunghezza del singolo periodo freddo. Nell'archivio di wetterzentrale non riesco a trovare nessun altro caso di freddo continentale che dalla Russia scende autonomamente senza il benchè minimo accenno di blocco atlantico anche minimo.

  2. #92
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    4,723
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Per dare un'idea del confronto PEG vs. epoca contemporanea, a Berlino:

    dicembre gennaio febbraio
    1708/'09 -4.6 -13.2* -6.9
    1979/'80 -0.5 -3.6** -2.6


    * per dire, media gennaio Mosca: 1961/'90 -9.3°C, 1981/2010 -6.5°C, 2009/2018 -7.9°C

    ** media gennaio Berlino: 1961/'90 -0.4°C, 1981/2010 +0.1°C

  3. #93
    Vento forte L'avatar di cut-off
    Data Registrazione
    15/10/05
    Località
    Trento Sud (m.190 s.
    Età
    55
    Messaggi
    4,174
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Adesso non esageriamo, anche considerando la singola irruzione, gennaio 1979 sta a gennaio 1709 come dicembre 2010 sta a gennaio 1985 Nel 1979, per esempio Istrana ha registrato un paio di giornate -10/-2°C e -9/0°C, certo non comuni tutti gli inverni, ma lontane dai record anche per dicembre (o febbraio). Nel 1709, il Lago di Garda - unico caso storico, almeno negli ultimi 500 anni - è gelato in una notte e alcune cronache parlano di ghiaccio sul mare da Venezia alla Dalmazia...
    Sì infatti; per restare agli ultimi 50 anni anche solo qui fece ben più freddo nel gennaio 1985 alla fine come valori assoluti (-18° contro -13°); la particolarità dell'evento del 1978-1979 fu proprio il rapido crollo termico che un po' in tutta Europa fece perdere anche più di 20°c in poche ore nelle zone più esposte alle correnti settentrionali dopo giorni di aria mite, come si nota ad esempio dalla bella mappa della Germania postata da Dream Designer.
    Saluti a tutti, Flavio

  4. #94
    Uragano L'avatar di Dream Designer
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli 249 mt / Cassano D'Adda (MI)
    Età
    32
    Messaggi
    19,189
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Per dare un'idea del confronto PEG vs. epoca contemporanea, a Berlino:

    dicembre gennaio febbraio
    1708/'09 -4.6 -13.2* -6.9
    1979/'80 -0.5 -3.6** -2.6


    * per dire, media gennaio Mosca: 1961/'90 -9.3°C, 1981/2010 -6.5°C, 2009/2018 -7.9°C

    ** media gennaio Berlino: 1961/'90 -0.4°C, 1981/2010 +0.1°C
    No ma comunque penso sia fuori dubbio che non ci sono confronti, al massimo potrebbe essere fatto con un 28-29, 39-40 o 62-63 si parlava solo della dinamica dell'ondata di gelo, repentina.


    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    estremi dal 2001: -3.7 (2014) +38.1 (2007)


  5. #95
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    4,723
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Gelato in una notte il lago di Garda? Mi sembra impossibile!

    Comunque parlavo della dinamica, non della lunghezza del singolo periodo freddo. Nell'archivio di wetterzentrale non riesco a trovare nessun altro caso di freddo continentale che dalla Russia scende autonomamente senza il benchè minimo accenno di blocco atlantico anche minimo.
    Come dinamica ne possiamo discutere, ma personalmente penso che il 1709 sia arrivato "sparato" da ENE dalla Russia. Le cronache parlano di un inverno già molto rigido in Russia perfino per i canoni locali e poi di un ingresso massiccio del gelo dall'Adriatico al Baltico, per finire fino almeno ai Pirenei (forse anche in Portogallo?). Comunque anche oggi non siamo ben sicuri di come sia successo, dato che:

    This winter event has drawn the attention of modern-day climatologists in the European Union's Millennium Project because they are presently unable to correlate the known causes of cold weather in Europe today with weather patterns documented in 1709. According to Dennis Wheeler, a climatologist at the University of Sunderland: "Something unusual seems to have been happening".

    1709: The year that Europe froze | New Scientist

    Great Frost of 1709 - Wikipedia

    Ondata di freddo dell'inverno 1709 - Wikipedia

  6. #96
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,761
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Come dinamica ne possiamo discutere, ma personalmente penso che il 1709 sia arrivato "sparato" da ENE dalla Russia. Le cronache parlano di un inverno già molto rigido in Russia perfino per i canoni locali e poi di un ingresso massiccio del gelo dall'Adriatico al Baltico, per finire fino almeno ai Pirenei (forse anche in Portogallo?). Comunque anche oggi non siamo ben sicuri di come sia successo, dato che:

    This winter event has drawn the attention of modern-day climatologists in the European Union's Millennium Project because they are presently unable to correlate the known causes of cold weather in Europe today with weather patterns documented in 1709. According to Dennis Wheeler, a climatologist at the University of Sunderland: "Something unusual seems to have been happening".

    1709: The year that Europe froze | New Scientist

    Great Frost of 1709 - Wikipedia

    Ondata di freddo dell'inverno 1709 - Wikipedia
    Qualcuno ha provato a elaborare una possibile sinottica dell'epoca?

  7. #97
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    11,033
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Come dinamica ne possiamo discutere, ma personalmente penso che il 1709 sia arrivato "sparato" da ENE dalla Russia. Le cronache parlano di un inverno già molto rigido in Russia perfino per i canoni locali e poi di un ingresso massiccio del gelo dall'Adriatico al Baltico, per finire fino almeno ai Pirenei (forse anche in Portogallo?). Comunque anche oggi non siamo ben sicuri di come sia successo, dato che:

    This winter event has drawn the attention of modern-day climatologists in the European Union's Millennium Project because they are presently unable to correlate the known causes of cold weather in Europe today with weather patterns documented in 1709. According to Dennis Wheeler, a climatologist at the University of Sunderland: "Something unusual seems to have been happening".

    1709: The year that Europe froze | New Scientist

    Great Frost of 1709 - Wikipedia

    Ondata di freddo dell'inverno 1709 - Wikipedia
    la sinottica quasi certamente è diversa
    lì c'è un ad con lobo siberiano disteso lungo sul continente
    nel 1709 c'era sicuramente un circuito antizonale da orso molto esteso con getto moribondo in atl
    C'ho la falla nel cervello


  8. #98
    Tempesta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    10,763
    Menzionato
    554 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    L'ondata di freddo del Gennaio 1979 è da sogno. Vorrei viverne almeno una così nella mia vita, perchè deve essere stata qualcosa di indicibile.

    Ci fu un COSTANTE E CONTINUO CROLLO delle temperature che perdurò dalla notte di Capodanno fino alla mattina del 4. E non sto scherzando affatto.

    Il 1979 a Brindisi si aprì con quella che forse è stata la sua notte di Capodanno più calda di sempre: al momento del brindisi si registravano 16°.
    La minima scese a 12° verso l'alba, e la temperatura riaumentò a 18,2° nel pomeriggio . Da quel momento nulla sarebbe più stato come prima.

    Già alla mezzanotte del 2 si rilevavano 13,2° (che divenne la massima del giorno 2). Il vento soffiava da Ovest, con una media di 52 km/h e raffiche di 83 km/h. Il barometro segnava 996 hPa. Se la temperatura stava scendendo vertiginosamente, il contrario stava facendo la pressione atmosferica. Entrambe le variazioni furono record.

    Il giorno proseguì su questa falsa riga, assestandosi temporaneamente sugli 11° fino alle 13. Intanto la pressione si era portata a 999 hPa.
    Appena 6 ore dopo (erano le 19) stava piovendo con soli , ed era alle porte l'ondata di gelo più violenta (per drasticità e rapidità) del secolo scorso. La pressione, in 6 h, era aumentata a 1004 hPa.

    La temperatura continuò a scendere, e alla mezzanotte del 3 Gennaio c'erano -0,8°. Il 2 Gennaio si era aperto con una massima alla mezzanotte e la minima alle 24! Che giornata paradosso! Due giorni prima c'erano 16°, e solo 36 h prima ben 18°.
    La pressione in altre 5 h era aumentata sino a 1009 hPa.
    Il vento, all'una di notte, era furioso: 56 km/h di media da Nord, e raffiche di 106 km/h.
    E' troppo persino per Brindisi.


    Alle 7 del mattino del 3 Gennaio -2° con neve. Nevicò tutto il giorno, con manto nevoso al suolo (alle 13 era segnalato di 11 cm, alle 19 solo di 1 cm, devo approfondire per capire quale delle due misure sia quella corretta).
    La massima fu registrata nel pomeriggio, con 2.6° (una delle massime più basse della storia di Brindisi, solo nel 2017 fece di meglio a Gennaio da allora!).
    La pressione aumentava ogni 6 h di 4 hPa: a mezzanotte ci eravamo lasciati con 1009 hPa, e alle 19 ci ritroviamo con 1020 hPa!!
    In 48 h la pressione era passata da 996 hPa a 1020 hPa, +24 hPa!

    La giornata fu siberiana: nel pomeriggio le medie del vento di tramontana furono sui 70 km/h con raffiche superiori a 100 km/h e massime oltre i 115 km/h!!!
    Non esiste nessun episodio simile per ondate di gelo così massive nella serie brindisina!


    Capitolo finale dell'irruzione: notte tra 3 e 4 Gennaio.
    Con in quota ancora una -11° a 850 hPa, quella notte accadde un miracolo, visto che è raro che ciò si verifichi: il vento, così indemoniato fino alle 20, si attenuò con una rapidità incomprensibile (già alle 22) fino a svanire e ruotare a brezza da SW . Anche questo è ECCEZIONALE.

    Stava iniziando la notte più glaciale degli ultimi 100 anni a Brindisi.

    A mezzanotte del 4 Gennaio, solo 72 h dopo i 16° del Capodanno, l'aeroporto segnava -4°
    SOLO UNA VOLTA Brindisi aveva rilevato una minima del genere nei precedenti 35 anni, nel Marzo 1956! Ma la notte era ancora lunghissima.
    Nella serie dell'idrografico, dal 1930, solo il 31 Dicembre 1941 aveva visto una minima simile.



    La notte andò avanti, e la temperatura continuò a calare.
    Alle 4 del mattino, in uno dei risvegli più emozionanti che avrei mai avuto se solo fossi stato vivo all'epoca, l'aeroporto registrava al SYNOP una minima di -6,4° con NEVE. Stava NEVICANDO con -6°. Io non ho parole.
    Al suolo 3 cm di neve.


    Tuttora è il record indiscusso e imbattuto degli ultimi 100 anni di storia meteorologica, neppure avvicinato LONTANAMENTE dal Marzo 1956.
    E' talmente eccezionale che vi dirò questo. Brindisi fa pena per le minime, raramente ne registra di molto basse. Il confronto con Bari è impietoso, con Bari che registra ogni giorno minime bassissime rispetto a Brindisi anche nelle ondate di freddo più intense.

    Ma nel 1979 Brindisi riuscì laddove Bari NON è MAI riuscita: varcare la soglia dei -6°, che a Bari fu solo sfiorata con i -5,9° del Gennaio 1993.



    Il 4 Gennaio fu la giornata al rovescio del 2: se in quest'ultima la minima fu rilevata alle 24, il 4 Gennaio accadde con la max. Il termometro purtroppo iniziò ad aumentare, così come la pressione a scendere: da -6,4° a 12,2°, da 1021 hPa a 1004 hPa (-17 hPa in 15 h!).

    Il 4 Gennaio, con un'escursione termica di 18.6°, resta tutt'oggi la giornata con la più brutale escursione termica di Gennaio dal 1951.



    Il giorno dopo, dell'evento storico non restava che il ricordo: la neve si era sciolta, la temperatura era tornata addirittura sopra media, e sarebbero passati anni prima che potesse ripetersi qualcosa di simile. E 41 anni dopo, nonostante il 2017 di mezzo, nulla è stato in grado di ripetere l'impresa del Gennaio 1979.
    Ultima modifica di burian br; 01/12/2020 alle 07:37

  9. #99
    Vento fresco L'avatar di japigia
    Data Registrazione
    27/05/14
    Località
    Mola di Bari (Ba)
    Messaggi
    2,235
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Lecce osservatorio la stessa notte del 4 toccó -9,4ºC qualcosa di incredibile a queste latitudini
    Ultima modifica di japigia; 30/11/2020 alle 20:49

  10. #100
    Vento teso L'avatar di GiagiKarlo
    Data Registrazione
    31/12/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    16
    Messaggi
    1,549
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Irruzione Gelida di fine Dicembre 1978 e Inizio 1979

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    L'ondata di freddo del Gennaio 1979 è da sogno. Vorrei viverne almeno una così nella mia vita, perchè deve essere stata qualcosa di indicibile.

    Ci fu un COSTANTE E CONTINUO CROLLO delle temperature che perdurò dalla notte di Capodanno fino alla mattina del 4. E non sto scherzando affatto.

    Il 1979 a Brindisi si aprì con quella che forse è stata la sua notte di Capodanno più calda di sempre: al momento del brindisi si registravano 16°.
    La minima scese a 12° verso l'alba, e la temperatura riaumentò a 18,2° nel pomeriggio . Da quel momento nulla sarebbe più stato come prima.

    Già alla mezzanotte del 2 si rilevavano 13,2° (che divenne la massima del giorno 2). Il vento soffiava da Ovest, con una media di 52 km/h e raffiche di 83 km/h. Il barometro segnava 996 hPa. Se la temperatura stava scendendo vertiginosamente, il contrario stava facendo la pressione atmosferica. Entrambe le variazioni furono record.

    Il giorno proseguì su questa falsa riga, assestandosi temporaneamente sugli 11° fino alle 13. Intanto la pressione si era portata a 999 hPa.
    Appena 6 ore dopo (erano le 19) stava piovendo con soli , ed era alle porte l'ondata di gelo più violenta (per drasticità e rapidità) del secolo scorso. La pressione, in 6 h, era aumentata a 1004 hPa.

    La temperatura continuò a scendere, e alla mezzanotte del 3 Gennaio c'erano -0,8°. Il 2 Gennaio si era aperto con una massima alla mezzanotte e la minima alle 24! Che giornata paradosso! Due giorni prima c'erano 16°, e solo 36 h prima ben 18°.
    La pressione in altre 5 h era aumentata sino a 1009 hPa.
    Il vento, all'una di notte, era furioso: 56 km/h di media da Nord, e raffiche di 106 km/h.
    E' troppo persino per Brindisi.


    Alle 7 del mattino del 3 Gennaio -2° con neve. Nevicò tutto il giorno, con manto nevoso al suolo (alle 13 era segnalato di 11 cm, alle 19 solo di 1 cm, devo approfondire per capire quale delle due misure sia quella corretta).
    La massima fu registrata nel pomeriggio, con 2.6° (una delle massime più basse della storia di Brindisi, solo nel 2017 fece di meglio a Gennaio da allora!).
    La pressione aumentava ogni 6 h di 4 hPa: a mezzanotte ci eravamo lasciati con 1009 hPa, e alle 19 ci ritroviamo con 1020 hPa!!
    In 48 h la pressione era passata da 996 hPa a 1020 hPa, +24 hPa!

    La giornata fu siberiana: nel pomeriggio le medie del vento di tramontana furono sui 70 km/h con raffiche superiori a 100 km/h e massime oltre i 115 km/h!!!
    Non esiste nessun episodio simile per ondate di gelo così massive nella serie brindisina!


    Capitolo finale dell'irruzione: notte tra 3 e 4 Gennaio.
    Con in quota ancora una -11° a 850 hPa, quella notte accadde un miracolo, visto che è raro che ciò si verifichi: il vento, così indemoniato fino alle 20, si attenuò con una rapidità incomprensibile (già alle 22) fino a svanire e ruotare a brezza da SW . Anche questo è ECCEZIONALE.

    Stava iniziando la notte più glaciale degli ultimi 100 anni a Brindisi.

    A mezzanotte del 4 Gennaio, solo 72 h dopo i 16° del Capodanno, l'aeroporto segnava -4°
    SOLO UNA VOLTA Brindisi aveva rilevato una minima del genere nei precedenti 35 anni, nel Marzo 1956! Ma la notte era ancora lunghissima.
    Nella serie dell'idrografico, dal 1930, solo il 31 Dicembre 1941 aveva visto una minima simile.



    La notte andò avanti, e la temperatura continuò a calare.
    Alle 7 del mattino, in uno dei risvegli più emozionanti che avrei mai avuto se solo fossi stato vivo all'epoca, l'aeroporto registrava al SYNOP una minima di -6,4° con NEVE. Stava NEVICANDO con -6°. Io non ho parole.
    Al suolo 3 cm di neve.


    Tuttora è il record indiscusso e imbattuto degli ultimi 100 anni di storia meteorologica, neppure avvicinato LONTANAMENTE dal Marzo 1956.
    E' talmente eccezionale che vi dirò questo. Brindisi fa pena per le minime, raramente ne registra di molto basse. Il confronto con Bari è impietoso, con Bari che registra ogni giorno minime bassissime rispetto a Brindisi anche nelle ondate di freddo più intense.

    Ma nel 1979 Brindisi riuscì laddove Bari NON è MAI riuscita: varcare la soglia dei -6°, che a Bari fu solo sfiorata con i -5,9° del Gennaio 1993.



    Il 4 Gennaio fu la giornata al rovescio del 2: se in quest'ultima la minima fu rilevata alle 24, il 4 Gennaio accadde con la max. Il termometro purtroppo iniziò ad aumentare, così come la pressione a scendere: da -6,4° a 12,2°, da 1021 hPa a 1004 hPa (-17 hPa in 15 h!).

    Il 4 Gennaio, con un'escursione termica di 18.6°, resta tutt'oggi la giornata con la più brutale escursione termica di Gennaio dal 1951.



    Il giorno dopo, dell'evento storico non restava che il ricordo: la neve si era sciolta, la temperatura era tornata addirittura sopra media, e sarebbero passati anni prima che potesse ripetersi qualcosa di simile. E 41 anni dopo, nonostante il 2017 di mezzo, nulla è stato in grado di ripetere l'impresa del Gennaio 1979.
    Mamma mia che roba!
    Quanto darei per avere archivi del genere pure qua...

    Inviato dal mio SM-A515F utilizzando Tapatalk

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •