Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Banned
    Data Registrazione
    09/08/14
    Località
    Cadorago (CO)
    Età
    35
    Messaggi
    847
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Due anni fa, durante l'estate 2019, mentre mi stavo divertendo a fare plot (è una delle cose che adoro della meteorologia) mi sono imbattuto su questo sito:
    Linear Correlations in Atmospheric Seasonal/Monthly Averages: NOAA Physical Sciences Laboratory
    In una correlazione abbastanza interessante in chiave estiva, una correlazione che di fatto risulta essere un discreto predictor per avere un'idea di massima di quanto caldo possa fare in Italia proprio durante la stagione estiva avendo questa informazione con parecchi mesi di anticipo. La correlazione è questa:



    In pratica, come potete notare, risulta esserci una buona relazione tra il valore medio della NAO del trimestre febbraio-aprile dell'anno "x" e le altezze GPT rilevate sull'Italia durante le estati dell'anno "x+1". Correlazione questa che nelle estati del nuovo millennio è diventata ancora più sostanziosa soprattutto nelle aree centro-settentrionali del Paese come mostrato dal plot qui sotto:



    E che spiega il perché ad esempio nel 2006, nel 2011 o nel 2014 abbiamo avuto estati zoppicanti mentre invece nel recente passato abbiamo dovuto fare i conti con estati parecchio calde. Ovviamente con "spiega" non voglio insinuare che ci sia una relazione diretta di causa-effetto tra la NAO FMA dell'anno "x" e le estati dell'anno successivo ma solo che osservando i dati è curioso come in generale il dato di partenza abbia dato con abbastanza precisione l'idea di quanto poi abbia fatto caldo sul nostro Paese l'anno dopo in estate.

  2. #2
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    24,029
    Menzionato
    982 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Citazione Originariamente Scritto da Pyntakx Visualizza Messaggio
    Due anni fa, durante l'estate 2019, mentre mi stavo divertendo a fare plot (è una delle cose che adoro della meteorologia) mi sono imbattuto su questo sito:
    Linear Correlations in Atmospheric Seasonal/Monthly Averages: NOAA Physical Sciences Laboratory
    In una correlazione abbastanza interessante in chiave estiva, una correlazione che di fatto risulta essere un discreto predictor per avere un'idea di massima di quanto caldo possa fare in Italia proprio durante la stagione estiva avendo questa informazione con parecchi mesi di anticipo. La correlazione è questa:

    Immagine


    In pratica, come potete notare, risulta esserci una buona relazione tra il valore medio della NAO del trimestre febbraio-aprile dell'anno "x" e le altezze GPT rilevate sull'Italia durante le estati dell'anno "x+1". Correlazione questa che nelle estati del nuovo millennio è diventata ancora più sostanziosa soprattutto nelle aree centro-settentrionali del Paese come mostrato dal plot qui sotto:

    Immagine


    E che spiega il perché ad esempio nel 2006, nel 2011 o nel 2014 abbiamo avuto estati zoppicanti mentre invece nel recente passato abbiamo dovuto fare i conti con estati parecchio calde. Ovviamente con "spiega" non voglio insinuare che ci sia una relazione diretta di causa-effetto tra la NAO FMA dell'anno "x" e le estati dell'anno successivo ma solo che osservando i dati è curioso come in generale il dato di partenza abbia dato con abbastanza precisione l'idea di quanto poi abbia fatto caldo sul nostro Paese l'anno dopo in estate.
    Speriamo bene allora, se ho capito bene l'estate 2022 dovrebbe allora vedere con buona probabilità un assetto di gpt negativi sull'Italia

  3. #3
    Banned
    Data Registrazione
    09/08/14
    Località
    Cadorago (CO)
    Età
    35
    Messaggi
    847
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Speriamo bene allora, se ho capito bene l'estate 2022 dovrebbe allora vedere con buona probabilità un assetto di gpt negativi sull'Italia
    In linea di massima sì anche considerando il trend GW di sottofondo: potrebbe risultare pressoché ovunque ben più fredda di quella appena vissuta (e sarebbe anche giusto)

  4. #4
    Vento forte
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Preonzo), TI, Svizzera
    Età
    25
    Messaggi
    4,807
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Purtroppo ai fini predittivi il sistema meteorologico è troppo complesso per essere linearizzato con semplici correlazioni ed indici.

  5. #5
    Banned
    Data Registrazione
    09/08/14
    Località
    Cadorago (CO)
    Età
    35
    Messaggi
    847
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Alla luce dell'andamento della scorsa estate questa correlazione non ha mostrato la performance sperata. Però soffermandomi in questi giorni sullo storico dei dati della NAO:

    https://www.cpc.ncep.noaa.gov/produc...nt.ascii.table

    Ho notato che prendendo in considerazione il solo periodo febbraio-marzo la performance in particolare sul periodo del Solleone (Luglio-Agosto) aumenta in modo rilevante e infatti facendo il plot relativo si ottiene questo risultato:



    Sempre sottolineando il fatto che questa correlazione non intende mostrare una relazione diretta di causa-effetto tra la NAO del periodo febbraio-marzo dell'anno "x" e i GPT rilevabili sull'Italia nell'anno "x+1" nel bimestre luglio-agosto appare comunque interessante come questa correlazione abbia preannunciato con largo anticipo le estati zoppicanti del 2011 e del 2014 e allo stesso tempo, tanto per fare un esempio recente, la caldissima estate 2021 (soprattutto al sud) quindi alla luce di tutto ciò anche se potrebbe apparire piuttosto scontato in quest'epoca di GW galoppante possiamo affermare che ci sono discrete probabilità che anche la prossima estate (in particolare tra luglio e agosto appunto) sarà molto calda, in linea con le ultime appena vissute ...

    PS: questo post vorrebbe essere una sorta di regalino di Natale per tutto il forum che in realtà avrei voluto pubblicare più in là nel tempo ma che ho deciso di anticipare a stasera soprattutto per tutti quelli che gradiscono ancora leggere i miei commenti e ai quali auguro il meglio per il futuro a venire

  6. #6
    Vento forte
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Preonzo), TI, Svizzera
    Età
    25
    Messaggi
    4,807
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Ribadisco un pensiero forse già espresso altre volte.
    Se non esiste una correlazione dimostrata scientificamente resto scettico su questo tipo di esercizi che sono fini a se stessi, a maggior ragione con il clima in mutamento dove le configurazioni stesse e indicatori vari sono sotto pressione.
    Per quale ragione una situazione definita arbitrariamente con alcuni indici dovrebbe in un futuro casuale trovare una correlazione che non sia appunto, casuale?
    Potrei anche obbiettare sul fatto di definire “zoppicante” l’estate 2006 che all’interno dello stesso trimestre ha mostrato in Europa centrale spesso il luglio fino ad allora più caldo mai registrato (per non parlare di fasi a giugno) seguito da un agosto tra i più freddi in quota da quasi 100 anni… come gestire a livello predittivo una situazione con divergenze così estreme per esempio?
    Ultima modifica di AbeteBianco; 23/12/2022 alle 22:23

  7. #7
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    43
    Messaggi
    2,581
    Menzionato
    124 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Questa correlazione non è casuale ma è dovuta al trend, non ci dice nulla su come sarà la prossima estate solo che la nao feb-mar ha un trend positivo:

    tsgcos.corr.80.180.77.110.356.13.19.44.png

    e i gpt luglio-agosto sono aumentati a causa del gw tranne nell'artico ed intorno all'antartide:

    g20221223_2135_2055490_1.png



    e specie dove c'è poca variabilità interannuale nei gpt (nei tropici):

    g20221223_2032_1912425_1.png

    saltano fuori correlazioni positive praticamente ovunque(tranne che nell'artico ed intorno all'antartide):

    80.116.101.98.356.13.34.56.gif

  8. #8
    Banned
    Data Registrazione
    09/08/14
    Località
    Cadorago (CO)
    Età
    35
    Messaggi
    847
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Vorrei ringraziare elz per il lavoro di approfondimento svolto su questa correlazione, lavoro che mi fa sorgere un bel punto interrogativo: come mai la NAO feb-mar presenta un trend positivo? Quali potrebbero essere le cause che spingono ad avere maggiore zonalità nel comparto euro-atlantico rispetto al passato proprio in quel periodo? Se qualcuno volesse intervenire per fornire delle risposte a questo quesito gliene sarei veramente grato ...

  9. #9
    Vento forte
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Preonzo), TI, Svizzera
    Età
    25
    Messaggi
    4,807
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Una chicca che forse potrebbe interessarvi...

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Questa correlazione non è casuale ma è dovuta al trend, non ci dice nulla su come sarà la prossima estate solo che la nao feb-mar ha un trend positivo:

    tsgcos.corr.80.180.77.110.356.13.19.44.png

    e i gpt luglio-agosto sono aumentati a causa del gw tranne nell'artico ed intorno all'antartide:

    g20221223_2135_2055490_1.png



    e specie dove c'è poca variabilità interannuale nei gpt (nei tropici):

    g20221223_2032_1912425_1.png

    saltano fuori correlazioni positive praticamente ovunque(tranne che nell'artico ed intorno all'antartide):

    80.116.101.98.356.13.34.56.gif
    Grazie della precisazione, ero stato ambiguo su un passaggio in quanto mi riferivo all’utilizzo come strumento predittivo, di cui confermi l’utilità praticamente nulla nel caso specifico, mentre la correlazione non è casuale nella misura in cui sta ad indicare il trend di fondo.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •