Pagina 9 di 10 PrimaPrima ... 78910 UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 96
  1. #81
    Vento fresco
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    25
    Messaggi
    2,550
    Menzionato
    545 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Già uscito il dato del CNR...Sinceramente dire che mi lascia perplesso è poco a sto giro !
    @Perlecano @burian_br : Aprile avrebbe chiuso a -0,35° dalla 1991-2020, il che significa, se non ricordo male, circa +0,2° sulla 1981-2010 !

    Sono piuttosto incredulo, mi aspettavo di certo un'anomalia negativa risicata sulla vecchia 1981-2010 ma non addirittura un segno +.

    In ogni caso la mappa per la mia zona è perfettamente corretta (a Ferrara come dicevo abbiamo chiuso a -1,26 sulla 1996-2015, sulla 1991-2020 forse qualcosa in meno ma comunque ci siamo).

    Quello che mi fa strano è la risicatezza delle anomalie al Sud...avrei creduto più freddo sto mese al Sud (mentre al NW già immaginavo una situazione diversa).

    Immagine
    Sì, mi stupisce abbastanza... Berkeley dice che la differenza tra 91-20 e 81-10 per aprile è proprio di 0,55 °C, quindi la tua conversione è giusta. In ogni caso la mappa mi sembra valida per il Nord Italia e le Centrali adriatiche, mentre mi sembra un po' sovrastimare in altre aree. Il fatto è che anche lo scorso mese di aprile fu circa due decimi di grado più caldo di quanto ci si aspettava (avevo calcolato -0,9 °C sulla 1981-2010 ma il CNR lo calcolò a -0,70 °C). Boh, strano, visto che fino al 2020 compreso non c'erano praticamente mai state sovrastime - vere o presunte che siano - per aprile da parte del CNR (era uno dei pochi mesi le cui carte, nel corso degli anni, non avevano MAI destato sospetti particolari).
    Sai, ogni frase gira seguendo un'onda che tornerà, perché il mondo è rotondità.

  2. #82
    Vento forte
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    51
    Messaggi
    3,017
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da cristiano Visualizza Messaggio
    Aprile fresco qui, -0.8°C su base mensile rispetto alla 1990-2020 e -0.3°C rispetto alla 1981-2010....pluviometricamente un disastro, solo 8mm
    .
    @perlacano, qui pure differenza 0.5°....ma in entrambi i casi aprile sottomedia

  3. #83
    Vento fresco
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    25
    Messaggi
    2,550
    Menzionato
    545 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Già uscito il dato del CNR...Sinceramente dire che mi lascia perplesso è poco a sto giro !
    @Perlecano @burian_br : Aprile avrebbe chiuso a -0,35° dalla 1991-2020, il che significa, se non ricordo male, circa +0,2° sulla 1981-2010 !

    Sono piuttosto incredulo, mi aspettavo di certo un'anomalia negativa risicata sulla vecchia 1981-2010 ma non addirittura un segno +.

    In ogni caso la mappa per la mia zona è perfettamente corretta (a Ferrara come dicevo abbiamo chiuso a -1,26 sulla 1996-2015, sulla 1991-2020 forse qualcosa in meno ma comunque ci siamo).

    Quello che mi fa strano è la risicatezza delle anomalie al Sud...avrei creduto più freddo sto mese al Sud (mentre al NW già immaginavo una situazione diversa).

    Immagine
    Devo dire che calcolando mi è uscito un +0,79 °C di differenza, in Italia, dall'aprile dell'anno scorso che stimai aver chiuso a -0,89 °C dalla 1981-2010, dunque aprile 2022 lo avrei calcolato a -0,10 °C dalla 1981-2010: anomalia negativa presente ma quasi inesistente. In ogni caso, il mio dato (valido fino a un certo punto, ovviamente) è inferiore di ben tre decimi a quello calcolato dal CNR.

    Secondo il CNR invece aprile 2021 chiuse a -0,70 °C dalla 1981-2010 e quindi l'aprile di quest'anno, con il suo +0,20 °C circa sulla trentennale, risulterebbe 0,90 °C più caldo di quello dello scorso anno.
    Sai, ogni frase gira seguendo un'onda che tornerà, perché il mondo è rotondità.

  4. #84
    Brezza tesa L'avatar di dude79
    Data Registrazione
    06/11/07
    Località
    Bologna sud-est
    Età
    42
    Messaggi
    956
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    A Bologna Borgo Panigale (anomalie sulla 71-00)

    MIN: 6.3°C (-1.1°C)
    MED: 12.6°C (-0,1°C)
    MAX: 18.7°C (+1.0°C)

    105.4 mm a Borgo Panigale, 96.3 mm al mio pluviometro.
    Climate is what you expect
    Weather is what you get

  5. #85
    Uragano L'avatar di giorgio1940
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Rimini
    Età
    81
    Messaggi
    25,427
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Il mio aprile 2022:
    Media +11,7
    +0,1 dalla mia climatica 1955/2004
    -0,5 dalla 80/09
    -1,2 dalla 91/20
    Precipitazioni: mm 44(Climatica mm 73)

    Amante della Natura:Monti,meteo,mare,una piccola margherita.....
    Non posso che dir grazie a tanto Artefice!

  6. #86
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    29
    Messaggi
    2,510
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Gran mese!

    Qui dietro estremi medi FOTOCOPIATI dall'anno scorso (5.1°/18.1°) mentre la media delle medie è stata superiore di un decimo (11.4° quest'anno): purtroppo non avendo medie credibili di riferimento mi tocca basarmi su stazioni dall'andazzo simile, quindi stimo un'anomalia negativa compresa tra 1 e 1.5 gradi rispetto alla media dell'ultimo trentennio.

    Altre differenze con aprile 2021 sono state l'assenza di gelate, proprio per 3 decimi positivi (l'anno scorso invece 3 di cui spiccava un -3.6°), e la piovosità parecchio al di sotto della media (solo 71 mm) contro l'abbondante surplus dell'anno scorso (169.4 mm).

    Di notevole interesse per il sottoscritto il triciclo di medie minime appena superiori ai 5° raccolte consecutivamente in questi ultimi 3 anni:
    5.2° nel 2020
    5.1° l'anno scorso
    5.1° quest'anno

    Fanno impressione, considerando sia la fortuna (nel 2020 di notte tirò moltissimo borino che da queste parti, sotto le ''tettoie'' moreniche, non si presentò), sia valutando la media trentennale - molto vicina agli 8° - a sua volta legata al surreale riscaldamento subìto da aprile dal 2000 in poi.

    Non ricordo che voto diedi ad aprile 2021, forse 9 o 10; questo almeno un 8 se lo merita!

  7. #87
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,656
    Menzionato
    897 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Era altamente improbabile che Aprile, dopo un Marzo gelido, avrebbe saputo ulteriormente migliorare il lavoro compiuto dall'eccezionale mese precedente. Ma improbabile non significa impossibile.
    E così, pur contro le probabilità, la prima metà di Aprile, tenendo un regime termico ancora simil-invernale, è riuscita a trasformare il quarto posto che la primavera aveva tra le più fredde dal 1951 al 31 Marzo (Marzo, appunto, è stato il quarto più freddo dal 1951) in un secondo posto per la prima metà di primavera (1/3-15/4) più fredda a Brindisi dal 1951 [1], avvicinando fortemente il mitico 1987 da cui, nel momento di minore distacco, lo separavano solo +0,45° in forte recupero rispetto al delta di +1,7° esistente al 31 Marzo. [2]


    Aprile è stato in grado di conseguire questa prestazione nonostante in quota le premesse non fossero così ottime, infatti sia la prima sia la seconda decade hanno chiuso sopra le relative medie decadali, anche se di poco.
    A brillare particolarmente le minime, talmente basse che la media min progressiva al 20 Aprile era 8,5° (settimo posto tra i più bassi dal 1951 per il periodo 1-20 Apr) e il n° di minime sopra i 10° paragonabile se non inferiore a quello che si potrebbe registrare in un normale periodo 1-20 Dic.


    La mancanza di vere e prolungate fasi calde (fatta eccezione per le massime di 8 e 9 Aprile) che rompessero la continuità di valori simil-invernali ereditata da Marzo (che a sua volta non aveva mai e poi mai infranto) fa sì che i primi 19 giorni di Aprile siano totalmente legati, sul piano termico, ancora all'inverno precedente, di cui le prime due decadi di Aprile si sono configurate come una lunga appendice finale.

    Di fatto l'inverno 2021-22, iniziato il 29 Novembre, si è concluso definitivamente solo la sera del 19 Aprile, l'unico momento in cui si può rinvenire chiaramente il punto ultimo di discontinuità, il punto di non ritorno, tra inverno e primavera.


    L'ultima decade infatti è stata totalmente diversa da tutte le precedenti: ha chiuso per la prima volta da Marzo sopra la media decadale (anche se nella norma 2007-2021); ha riproposto statistiche significative di caldo dopo oltre due mesi, di cui una anche al suolo (la prima e sola, finora, del 2022!); ha avuto come minima più bassa 10.1°, un valore ben +2.5° da quella che era stata la media minime della decade appena precedente; ha visto tutte le medie aumentare di +3/+4° rispetto alla decade antecedente.

    Nonostante un'ultima decade decisamente più mite il bottino messo da parte dalle prime due decadi era ormai troppo consistente per essere completamente dilapidato, per cui Aprile ha chiuso, ancora una volta, sotto la media. Al suolo, per lo meno.




    Iniziamo proprio con la termometria.
    Di seguito le medie termiche di Aprile 2022 a Brindisi Casale:

    media min: 9,8° (-0,7° dalla 81/10; -1° dalla 91/20; -0,1° dalla 51/80)
    media max: 17,9° (-0,3° dalla 81/10; -0,6° dalla 91/20; -0,1° dalla 51/80)
    media delle medie: 13,9° (-0,5° dalla 81/10; -0,8° dalla 91/20; -0,1° dalla 51/80)

    Aprile ha chiuso dunque, anche quest'anno, sotto tutte le medie di riferimento, inclusa la più fredda, l'antica 51/80, che proprio per questo motivo ho stavolta inserito.
    E' il terzo anno consecutivo che Aprile non registra anomalie positive nemmeno rispetto alle medie del passato, risultato straordinario per un mese che per ben 13 anni di fila, dal 2007 al 2019, non aveva MAI chiuso, nemmeno una volta, neppure sotto la nuovissima media 81/10!

    Dal 2020, invece, Aprile sta riuscendo a tenersi ogni anno sotto tutte (e intendo tutte) le vecchie trentennali (51/80, 61/90, 71/00), impresa che non era stato in grado di compiere NESSUN Aprile dal 1998 al 2019; solo 2003 e 2005 chiusero in media 61/90, che però equivale a +0,1° dalla 51/80 e 71/00.


    Aprile 2022, del trio recente, supera di un decimo di grado Aprile 2020, ma resta lontano dalla prestazione di Aprile 2021, configurandosi pertanto come il secondo Aprile più freddo del secolo, per la precisione il secondo più freddo dal 1998 (ultimi 25 anni).

    Aprile 2022 si inserisce inoltre al settimo posto tra i più freddi Aprile dal 1981 e al quinto posto tra i più freddi Aprile dal 1990.

    Fa davvero impressione constatare come gli ultimi 3 mesi di Aprile (2020, 2021, 2022) siano tra gli 8 più freddi degli ultimi 42 anni (1981-2022).


    Oltre alla media complessiva anche la media minime è la seconda più fredda per Aprile dal 1998, dietro solo allo scorso anno, ed è anche la seconda media minime del secolo inferiore a 10° nel mese di Aprile.
    Addirittura è la quinta più bassa media minime dal 1981, sebbene sia un quinto posto condiviso con due anni, il 1981 e il 1982, che considerando i centesimali sarebbero stati in realtà davanti al 2022.




    Vediamo ora le statistiche significative del mese:

    • estremi 4,8/23,8°
    • 16 min > 10°
    • 6 max > 20°
    • record giornaliero di minima per il 12 Aprile (4.8°)
    • secondo posto per maggior n° (6) di minime ≤ 6,3° nel mese di Aprile dal 1951, a pari merito con 1955 e 1967 e dietro soltanto al 1997
    • l'8 Aprile si sono superati per la prima volta nel 2022 i 20°: ottavo posto per tardività della prima max annuale ≥ 20° dal 1951
    • l'8 Aprile è stata anche la prima volta nel 2022 in cui si sono superati i 19,4°: quarto posto per tardività della prima max annuale ≥ 19,4° dal 1951, a pari merito però con tre anni (1972, 1988 e 2005)
    • la minima notturna del 22 Aprile è stata 16°, tra le 12 notti più calde dal 1951 nel mese di Aprile [3]; non si tratta della minima delle 24 h, perchè la sera del 22 Aprile si scese sotto i 16° fino a 13,7°
    • è il terzo anno consecutivo in cui Aprile scende sotto i 5°, in totale dal 2020 è successo 5 volte (3 nel 2020, 1 sia nel 2021 sia nel 2022); era successo soltanto altre 2 volte di avere 3 Aprile consecutivi con almeno una minima sotto i 5° (1984-1985-1986 per un tot di 3 min, una ogni anno, e 2001-2002-2003 per un tot di 6 min)




    Il confronto con la stazione di Brindisi Montenegro, in campagna a 3 km dalla città e 4 km dalla costa, restituisce questo mese il classico delta standard tra le due località.

    Montenegro ha visto medie 7,8/18,7° (grezza di 13,25°). L'aeroporto invece ha avuto medie 9,8/17,9° (grezza di 13,9°).
    La media min, in particolare, è stata -2° dall'aeroporto, mentre la media max +0,8°.

    Il distacco tra le medie grezze di Montenegro e dell'aeroporto è stato pari a -0,6°.


    Più accentuato rispetto agli ultimi mesi il distacco tra le medie minime, che arriva a -2°, ma d'altro canto leggermente più forte, e ci sta considerando l'avanzamento della stagione primaverile, anche lo scarto tra le medie max.
    Il risultato è, come dicevo, il delta standard che si aggira tra -0,5 e -0,6°.
    E' da dire che 4 minime (18, 19, 20 e 21 Apr) e 2 max (19 e 20) sono state in realtà da me stimate postume, in quanto tra la mattina del 18 e quella del 21 Montenegro non ha inviato dati. Questo potrebbe aver generato un certo errore nel calcolo delle medie mensili, che però non dovrebbe essere superiore a ± 0,1°.



    ZT Brindisi Aprile 2022.pngT 850 hPa Brindisi Aprile 2022.pngT 500 hPa Brindisi Aprile 2022.png


    Atmosfera- Con un andamento del tutto opposto rispetto al suolo, Aprile termina sopra media a tutte le quote. Anche in questo ricorda Aprile 2020, molto da vicino: vide anomalie infatti positive lungo tutta la colonna tranne che al suolo, e tra 850 e 700 hPa appena 0,2° più alte di quest'anno. Nettamente più caldo, invece, a 500 hPa.

    Le medie sono state:

    • 850 hPa: 6,4° (+0,7° dalla 81/10)
    • 700 hPa: -2,4° (+1,6° dalla 81/10)
    • 500 hPa: -19,6° (+1,5° dalla 81/10)
    • ZT: 2647 m (+301 m dalla 81/10)



    Questo il riepilogo delle anomalie e delle medie delle varie quote per ogni decade (rispetto alla mensile 81/10):

    Anomalie medie Aprile 2022.png


    Questa invece la distribuzione delle anomalie mensili a tutte le quote, suolo incluso:

    Distribuzione delle anomalie lungo la colonna di Brindisi Aprile 2022.png


    Per quanto possano apparire fortemente positive, in realtà le anomalie non sono state elevate.
    Se andassimo a confrontarle, infatti, con le medie dell'ultimo decennio, emergerebbe come ZT, 700 e 500 hPa siano stati all'incirca in media 2011-20, con solo la quota di 850 hPa decisamente sotto (-0,9°).
    Ancora più negativa la media al suolo: -1,6° dalla 2011/20.

    Quanto appena detto testimonia l'intenso riscaldamento che ha subito in atmosfera il mese di Aprile nello scorso decennio, e che non sta risparmiando neanche gli anni 20 visto che, contrariamente a quanto accade al livello del mare dove è il terzo Aprile consecutivo freddo, lungo la colonna troposferica solo a 850 hPa si sono avute anomalie negative (una volta soltanto, lo scorso anno), mentre per tutte le altre quote (ZT, 700, 500 hPa) è proseguito il perenne e irreversibile sopra media 81/10 che, ormai cronicizzato, perdura dal remoto 2003.
    Una conferma anche stavolta dunque, ma non di una controtendenza ma di una tendenza che, incancrenita, è divenuta norma: scendere sotto le medie del passato, in media troposfera, è impossibile.




    Pluviometria- Sono quasi tre anni, ormai è dunque più che una tendenza consolidata ma la nuova norma, che la stragrande maggioranza dei mesi chiude sotto la media pluvio storica. Non stupisce dunque che anche Aprile lo abbia fatto, e non mi aspettavo nemmeno qualcosa di diverso.
    Tuttavia mai avrei immaginato la sera del 3 Aprile, mentre mi segnavo i primi mm del mese caduti quel pomeriggio, che quei millimetri avrebbero rappresentato praticamente tutta la pioggia che Aprile avrebbe offerto.
    Anche quando sembrava chiaro, giunti al giro di boa mensile, che non ci sarebbero state reali prospettive di precipitazioni degne di questo nome fino a fine mese, ipotizzavo che qualche altro millimetro sarebbe ancora caduto, e che entrare nella top 5 degli Aprile più secchi dal 1951 fosse altamente improbabile.
    Ma, così come ho scritto all'inizio del mio resoconto, quel che è improbabile non è impossibile.


    Aprile 2022, cumulando appena 6 mm (-87,9%), si sublima, e diventa il terzo Aprile più secco dal 1951, dietro solo al 1987 (0,3 mm) e al 1961 (3,5 mm).
    Il dato più storico del mese Aprile lo scrive dunque nella sezione pluviometrica.
    Questo è il titolo più rilevante, ma Aprile 2022 è anche:

    • il 27esimo su 33 da Agosto 2019 a chiudere sotto la media
    • il 14esimo mese su 16 del nuovo decennio (iniziato nel 2021) sotto la media
    • il sesto mese consecutivo sotto la media
    • il quinto mese su 5 del 2022 sotto la media



    6 giorni in cui sono state segnalate precipitazioni, di cui 5 con riscontro al pluviometro.
    4 mm dei 6 totali (66,7%) sono caduti letteralmente in 3 h il pomeriggio del 3 Aprile
    (tra le 15 e le 18, con i fenomeni veri e propri in una sola ora, tra le 16 e le 17).
    Ancora una volta, anche questo accade sistematicamente da 3 anni a questa parte (anche nella maggioranza dei 6 mesi degli ultimi 33 che sono riusciti a chiudere sopra la media pluviometrica), oltre il 50% della pioggia mensile si verifica nell'arco di un singolo episodio, che in questo Aprile ha assunto i grotteschi tratti di appena 3 ore (ma, ripeto, i fenomeni seri si sono avuti per una sola ora-ora e mezza) di precipitazioni contro le 720 h che compongono il mese di Aprile.


    Il 3 Aprile è stato anche l'unico giorno del mese a superare 1 mm, per cui Aprile 2022 conquista anche il secondo posto per minor n° di giorni con precipitazioni ≥ 1 mm dal 1951.
    Terzo posto per minor n° di giorni (5) con precipitazioni ≥ 0,1 mm, a pari merito con il 1968, e dietro solo a 1987 (2), 1952 e 1975 (3).
    Terzo posto anche per minor n° di giorni (2) con precipitazioni ≥ 0,5 mm, a pari merito con il 1975 e dietro sempre a 1987 (0) e 1961 (1).


    Quanto successo questo Aprile ha un che di sarcastico, visto che si veniva da due mesi che, seppur anch'essi chiusi in deficit idrico, per lo meno si erano impegnati, con un ammanco non superiore a 10 mm. Aprile non è un mese piovoso quanto quelli del semestre Ottobre-Marzo, ma la media 81/10 ammonta a 49,4 mm rispetto a cui Aprile 2022 manca di ben 43,4 mm. Anche adoperando la trentennale più secca, la 61/90 (35 mm), mancano 29 mm all'appello.




    Analisi e confronti- Il drastico passaggio tra l'inverno e la primavera, avvenuto quest'anno molto tardi, tra il 19 e il 20 Aprile, merita un approfondimento.
    Può sembrare estremamente tardivo fissare come data di transizione tra le due stagioni il 20 Aprile, in ritardo di un mese persino all'equinozio che segna l'inizio della primavera astronomica (a sua volta 3 settimane dopo l'inizio convenzionale della primavera meteorologica), ma quest'anno non si può fare diversamente: dal 29 Novembre al 19 Aprile, infatti, il clima si è mantenuto su regimi invernali o simil-invernali, con blande fasi sopra media al suolo fatta eccezione il periodo delle festività natalizie (tra la vigilia di Natale e l'Epifania letteralmente), l'unico ad essere interessato da anomalie consistenti spalmate su un intervallo temporale molto lungo.

    Marzo 2022, come già detto, è stato un mese assolutamente invernale, anzi, ha chiuso all'aeroporto appena qualche centesimale sopra la media di Gennaio, e in campagna (Montenegro) è stato addirittura il più freddo dell'ultimo semestre; inoltre i primi 50 giorni di primavera astronomica sono stati talmente freddi da chiudere con le stesse medie di una prima metà (1/12-15/1) di inverno meteorologico, al terzo posto (a pari merito, sostanzialmente, col 1973) per anomalie negative sulla progressiva dal 1951.

    L'unione tra un inverno che ha saputo fare il suo mestiere e una primavera gelida, con l'assenza di fasi calde in quest'ultima (fatta eccezione per i due pomeriggi dell'8 e 9 Aprile), ha generato una strabiliante continuità termica tra le due stagioni, non solo di giorno (come capita molto spesso a Brindisi, infatti la brezza di mare in primavera gioca tutto sulle massime, raffreddandole) ma anche di notte (per tutto il primo mese di primavera astronomica, dal 21/3 al 19/4, hanno prevalso minime da inversione che sfruttavano il carburante "di freddo" che è continuato a giungere da N/NE fino a Pasqua), tale che il fisiologico riscaldamento man mano che si avanza nel calendario c'è stato, innegabile, ma molto lieve, con una pendenza bassa, tanto che ancora in seconda decade di Aprile le temperature si sono mantenute entro il range termico dell'inverno, anche se nella fascia molto sopra la media (vale a dire con medie che possono vedersi in inverno ma molto raramente a Gennaio e Febbraio, viceversa non così infrequentemente nelle prime due decadi di Dicembre).



    1. Suolo:

    Quanto ho finora spiegato è immediatamente visibile dai seguenti grafici, che riportano l'andamento di minime, massime e medie grezze lungo tutte le decadi dell'inverno, dal 1° Dicembre al 20 Aprile:

    Analisi delle decadi Nov 2021-Apr 2022.png


    Per evidenziare quanto sia stato ben delimitato nel tempo il regime invernale ho inserito nei grafici, più chiari così da apparire solo in secondo piano, le medie anche della seconda decade di Novembre e della terza decade di Aprile. I gradoni che separano queste decadi da tutte le altre sono impressionanti, e testimoniano quanto drastici e improvvisi, senza gradualità, siano stati i passaggi tra le "mezze stagioni" (autunno e primavera) e l'inverno.



    2. Confronto II-III decade di Aprile:

    Focalizziamoci sulla seconda transizione, quella tra inverno e primavera, analizzandola non solo con i parametri al suolo, ma anche inserendo i parametri in atmosfera:

    II decade
    III decade
    Differenza
    media min
    8,6 12,5 +3,9
    media max
    16,6 19,8 +3,2
    media
    12,6 16,2 +3,6
    850 hPa
    5,6 9 +3,4
    700 hPa
    -2,5 -0,4 +2,1
    500 hPa
    -19,2 -18,2 +1
    ZT (m)
    2613 2995 +382

    Contrariamente a quanto capita di solito, stavolta la differenza tra le due decadi è stata più forte al suolo piuttosto che in atmosfera, salvo che alla quota di 850 hPa dove il delta è stato confrontabile con quello rilevato al livello del mare.
    Simili scarti tra seconda e terza decade di Aprile non sono infrequenti in atmosfera, mentre lo sono al suolo: per media grezza e media max si è nella parte bassa della top 10 (tra 6° e 9° posto) dal 1951 tra tutti gli scarti tra II e III decade di Aprile; addirittura è terzo posto dal 1951 per la differenza tra le medie minime di seconda e terza decade di Aprile, a pari merito con 1996 e dietro soltanto a 1988 e 1997.



    3. Confronto Marzo-Aprile:

    Per quanto pronunciato possa essere stato il passaggio tra seconda e terza decade di Aprile non è da meno neppure quello tra Marzo e Aprile stesso.
    Se infatti è vero che Aprile non si è comportato, fino al 20, proprio come un mese primaverile propriamente detto, è anche vero che è stato decisamente più indulgente rispetto a Marzo, le cui prime due decadi hanno mostrato il volto crudo dell'inverno.
    Il risultato che ne deriva è un altro salto termico tra i due mesi:

    MARZO 2022
    APRILE 2022
    Differenza
    media min
    6,2 9,8 +3,7
    media max
    13,35 17,9 +4,55
    media
    9,8 13,9 +4,1
    850 hPa
    0,1 6,4 +6,3
    700 hPa
    -8,5 -2,4 +6,1
    500 hPa
    -24,6 -19,6 +5
    ZT (m)
    1667 2647 +980

    Al suolo l'aumento termico registrato non è senza precedenti, anche se relativamente poco frequente.
    In atmosfera, invece, si riscrivono le statistiche storiche:

    • terzo posto per maggiore delta tra Marzo e Aprile a 850 hPa dal 1973
    • secondo posto per maggior delta tra Marzo e Aprile a 700 hPa dal 1973
    • secondo posto per maggior delta tra Marzo e Aprile a 500 hPa dal 1973
    • secondo posto per maggior delta tra Marzo e Aprile per lo ZT dal 1973

    In tutti i podi ritornano due anni: 1987 (al primo posto, ovviamente dopo un Marzo così gelido qualunque Aprile nella norma sarebbe stato lontano anni luce, e Aprile 1987 chiuse pure sopra la media 81/10 anche se non in modo eclatante) e 2016 (una sorpresa, non me lo aspettavo).
    L'unica quota che differisce è quella degli 850 hPa, dove si inserisce il 1998, che tra Marzo e Aprile vide una differenza di ben 7,1°.





    Tra pioggia scarsa e freddo tardivo Aprile non fa che ribadire e confermare il trend degli ultimi 3 anni: è il terzo bimestre Marzo-Aprile a chiudere con entrambi i mesi sotto la media; è l'ennesimo mese fortemente deficitario di precipitazioni da Agosto 2019; è il terzo Aprile consecutivo a vedere temperature minime e massime che prima del 2020 sembravano relegate agli annali storici; è il terzo anno di fila in cui la primavera arriva per davvero solo dopo metà mese.

    Marzo e Aprile hanno dunque seguito e confermato l'andamento recente (clima fresco/freddo ma secco), per cui è lecito attendersi che possa fare lo stesso anche Maggio. Con la meteorologia non si può mai essere certi, ma di fronte ad una tendenza così consolidata è difficile pensare diversamente.

    Il mio augurio è per un Maggio fresco e piovoso, un binomio che, tuttavia, negli ultimi 3 anni è stato quasi impossibile. Se c'è un mese che però può riuscire a presentare entrambe le caratteristiche quello è proprio Maggio.

    Se Maggio terminasse sotto la media sarebbe il quarto consecutivo a riuscirci, e con esso sarebbe la terza primavera consecutiva con tutti i 3 mesi senza anomalie positive.
    Ultima modifica di burian br; 08/05/2022 alle 12:50

  8. #88
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,656
    Menzionato
    897 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Uno dei motivi principali per cui questo mese ho pubblicato in estremo ritardo il resoconto mensile è perchè avevo deciso, finalmente, di prendermi del tempo per capire come realizzare su Excel un grafico che mostrasse anche i range di incertezza delle stime che eseguo per i valori in atmosfera.


    Come ho già detto tante volte i valori che riporto nella sezione "Atmosfera" dei miei resoconti non sono affatto rilevamenti ufficiali dei radiosondaggi, ma ricostruzioni. Da quando non esiste più (1 anno e due mesi esatti con oggi) a Brindisi la stazione di radiosondaggi mi sono preso l'onere di proseguire la serie, ricostruendo due volte al giorno, agli orari dei lanci canonici (00Z e 12Z) le più probabili stime dei principali parametri (gpt e T) alle principali quote (ZT, 850, 700, 500 hPa) sulla verticale di Brindisi, desumendo queste stime dal confronto comparato tra i dati ufficiali dei radiosondaggi della vicina (ma non troppo) stazione di Lecce Galatina (50 km in linea d'aria) e le uscite modellistiche al tempo zero e dei run immediatamente antecedenti di numerosi modelli (per ZT: GFS 0.25°, WRF-NMM 2 km, ARPEGE 0.1°, ICON-EU, UKMO HD, ECMWF LAM; per gpt e T: GFS, ECMWF, UKMO, ICON).

    Trattandosi di rielaborazioni sovente non ho un valore certo al 100% da inserire, motivo per cui ho creato un complesso sistema di colori per sapere l'incertezza della misura.


    I grafici che riporto da un anno nelle sezioni mensili sono fabbricati su quelli che, di volta in volta, ritengo i valori più probabili. In realtà, però, il valore reale potrebbe essere più alto o più basso anche di diversi decimi di grado (o decine di metri).
    Non avevo mai inserito nel grafico, prima di oggi, le incertezze di ogni valore, ma dopo averci sbattuto alcune ore finalmente ce l'ho fatta.



    Vi presento la versione "sperimentale" di questi grafici; si tratta delle temperature sulla verticale di Brindisi (da me stimate) a tutte le principali quote (850, 700, 500 hPa) + ZT (in metri) dal 1° al 30 Aprile.
    In rosso i valori più probabili, quelli che potete ritrovare nei grafici che ho inserito nel resoconto mensile appena sopra; in rosa l'area che esprime l'incertezza delle misure (che è variabile da valore in valore, non è costante).


    Sperimentale ZT Aprile 2022 Brindisi.pngSperimentale T 850 hPa Aprile 2022 Brindisi.pngSperimentale T 700 hPa Brindisi Aprile 2022.pngSperimentale T 500 hPa Brindisi Aprile 2022.png

  9. #89
    Vento teso L'avatar di Andrea92
    Data Registrazione
    13/02/10
    Località
    Falcone (ME)
    Età
    30
    Messaggi
    1,874
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Con un pò di ritardo ecco il resoconto climatico del mese di Aprile:

    - 3° decade chiusa a -1.4° rispetto alla media 2010-2021 (estremi +13.7/+19.7, media +16.7°C). E' la più fredda in assoluto tra le terze decadi, scavalca quella del 2020 che chiuse a +16.9°C.

    - media Tmax = +18.9°C (-1.4 rispetto alla media 2010-2021)
    - media Tmin = +12.3°C (-0.6 rispetto alla media 2010-2021)
    - media complessiva = +15.6°C (-1.0 rispetto alla media 2010-2021)

    Si piazza al 2° posto tra più freddi a pari merito con il 2020 e dietro a quello dello scorso anno chiuso a +15.2°C. E' inoltre il 4° Aprile consecutivo a chiudere sotto la media di riferimento.

    Dal punto di vista pluviometrico accumulati 20.6 mm chiudendo a -39.6% rispetto alla media.


    Davis Vantage Pro 2 - Installazione urbana su tetto

    ESTREMI ASSOLUTI (dal 2010):


    Massima più alta: +43.1°C il 30/06/2017
    Minima più alta: +28.1°C il 02/08/2021
    Massima più bassa: +6.3°C il 07/01/2017
    Minima più bassa: +1.3°C il 07/01/2017
    Heat Index più alto: +45.0°C il 02/08/2015
    Windchill più basso: -5.3°C ​il 07/01/2017
    Dew Point più alto: +27.4°C il 08/08/2017
    Dew Point più basso: -8.8°C il 25/04/2013
    Accumulo maggiore in 24h: 91.2 mm il 13/10/2021
    Rain rate più alto: 218.4 mm/hr il 20/08/2018
    Livello pressione più alto: 1036.8 hPa il 17/03/2010
    Livello pressione più basso: 984.6 hPa il 23/03/2016
    Raffica di vento più forte: 119 km/h il 06/03/2013

  10. #90
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,656
    Menzionato
    897 Post(s)

    Predefinito Re: Aprile 2022: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Già uscito il dato del CNR...Sinceramente dire che mi lascia perplesso è poco a sto giro !
    @Perlecano @burian_br : Aprile avrebbe chiuso a -0,35° dalla 1991-2020, il che significa, se non ricordo male, circa +0,2° sulla 1981-2010 !

    Sono piuttosto incredulo, mi aspettavo di certo un'anomalia negativa risicata sulla vecchia 1981-2010 ma non addirittura un segno +.

    In ogni caso la mappa per la mia zona è perfettamente corretta (a Ferrara come dicevo abbiamo chiuso a -1,26 sulla 1996-2015, sulla 1991-2020 forse qualcosa in meno ma comunque ci siamo).

    Quello che mi fa strano è la risicatezza delle anomalie al Sud...avrei creduto più freddo sto mese al Sud (mentre al NW già immaginavo una situazione diversa).

    Immagine
    Per Brindisi questa mappa vedrebbe anomalie tra +0,5° a -0,5° dalla 91/20, ma in realtà è finito più freddo (-0,8°).

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •