Pagina 7 di 12 PrimaPrima ... 56789 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 115
  1. #61
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/04/22
    Località
    Fado Basso (Mele, GE)
    Messaggi
    524
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da TreborSnow Visualizza Messaggio
    Stai facendo un po' di confusione. Il bollettino valanghe esprime un grado di pericolo ma nessuno impone qualcosa sulla base di quel bollettino. Non a caso, purtroppo, esistono numerosi incidenti mortali da valanghe. Tra l'altro il numero massimo di incidenti avviene col grado di pericolo intermedio, il 3 su una scala di 5.

    E poi esistono le tragiche fatalità, unite al fatto che è cresciuto a dismisura il numero di persone che va in montagna con pochissima cognizione dei pericoli.
    Comunque credo che un sistema basato su una serie di alert simile a quello della valanghe si possa anche costruire, di certo non puoi pensare di azzerare il rischio in montagna, ma puoi esplicitarlo, secondo me nonostante i lodevoli sforzi del CAI, che da anni segnala l'aumentato rischio di frane, scariche di massi e crolli di versante a causa delle alte temperature estive, quello dovuto allo scioglimento del permafrost e all'instabilità di molti versanti acclivi non è un rischio di cui i frequentatori delle alte quote siano molto consapevoli...

  2. #62
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,817
    Menzionato
    385 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    imho ha giocato un ruolo più che fondamentale la totale assenza di neve anche a quote altissime. Volente o nolente la neve copre e tutela dal caldo, finché c'è.
    se già parte la stagione, peraltro caldissima da subito, senza neve, è molto più facile che si verifichi una cosa del genere.
    perché parliamoci chiaro, nel recente passato di mesi di giugno così caldi se ne sono visti un paio, ma mai s'è verificato. questo secondo me perché in questo periodo dell'anno della neve c'è sempre stata a quelle quote.
    quest'anno si è partiti con ZERO neve sin da subito, dubito non abbia influito pesantemente questo fattore ma magari sbaglio.
    Per il resto, la costanza del caldo la fa da padrona, chiaramente dai e dai e ste cose succedono e succederanno sempre più spesso.
    Si vis pacem, para bellum.

  3. #63
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/04/22
    Località
    Fado Basso (Mele, GE)
    Messaggi
    524
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da TreborSnow Visualizza Messaggio
    Rispondo di qua. Riguardo la dilatazione termica credo sia ininfluente, semplicemente perchè la T dei ghiacciai delle medie latitudini è comunque di pochi decimi al di sotto dello 0.
    Ma non sono masse coerenti, perché includono anche quantità non trascurabili di roccia e detriti, non sono così esperto da arrivare a immaginare un modello strutturale di ghiacciaio, ma non dobbiamo considerare i ghiacciai come delle grandi lastre di ghiaccio, ma come delle particolari "strutture geologiche" di cui il ghiaccio costituisce gran parte della massa ma non tutta la massa... poi è chiaro che lo scivolamento gravitativo è favorito essenzialmente dal disgelo e soprattutto dalla lubrificazione che l'acqua di fusione genera nei punti di contatto tra suolo e massa glaciale, mentre il distacco è in parte un processo inevitabile, visto che non essendo strutture coerenti hanno faglie e piani di rottura, su cui agisce la gravità, quando esercita la propria azione sul corpo del ghiaccio stesso. Peraltro puoi anche immaginarti un'insieme piuttosto complesso di condizioni che la massa glaciale subisce nel suo scivolamento verso valle, che sia graduale o dovuto a rotture improvvise, con forze di trazione più o meno intense e orientate lungo vettori differenti a seconda del punto del pendio su cui la massa stessa appoggia. Insomma mi sembra molto complicato capire come si comporterà un ghiacciaio senza un monitoraggio quasi quotidiano del suo stato...
    Ultima modifica di galinsog@@; 04/07/2022 alle 17:31

  4. #64
    Vento forte
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    4,098
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@@ Visualizza Messaggio
    Comunque credo che un sistema basato su una serie di alert simile a quello della valanghe si possa anche costruire, di certo non puoi pensare di azzerare il rischio in montagna, ma puoi esplicitarlo, secondo me nonostante i lodevoli sforzi del CAI, che da anni segnala l'aumentato rischio di frane e crolli di versante a causa delle alte temperature estive, non è un rischio di cui i frequentatori delle alte quote siano molto consapevoli...
    La costruzione del grado di pericolo, non rischio, del bollettino valanghe si basa su osservazioni approfondite del manto nevoso. Osservazioni eseguite a seconda dei casi ogni giorno e/o settimana. Mi sembra complicato fare la stessa cosa per frane e crolli. D'altra parte spesso e volentieri quando vengono verificate certe situazioni i divieti ci sono eccome.

    Quella di ieri mi pare purtroppo una tragica fatalità. Anche se ho gli stessi dubbi espressi da millibar sugli orari, nonostante ci siano di mezzo pure due guide alpine.
    Che sfiga, crepo!

  5. #65
    Vento forte
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    4,098
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@@ Visualizza Messaggio
    Ma non sono masse coerenti, perché includono anche quantità non trascurabili di roccia e detriti, non sono così esperto da arrivare a immaginare un modello strutturale di ghiacciaio, ma non dobbiamo considerare i ghiacciai come delle grandi lastre di ghiaccio, ma come delle particolari "strutture geologiche" di cui il ghiaccio costituisce gran parte della massa ma non tutta la massa... poi è chiaro che lo scivolamento gravitativo è favorito essenzialmente dal disgelo e soprattutto dalla lubrificazione che l'acqua di fusione genera nei punti di contatto tra suolo e massa glaciale, mentre il distacco è in parte un processo inevitabile, visto che non essendo strutture fortemente coerenti hanno faglie e piani di rottura, su cui agisce la gravità, quando esercita la propria azione sul corpo del ghiaccio stesso, peraltro puoi anche immaginarti situazioni differenti con forze di trazione più o meno intense e orientate lungo vettori differenti a seconda del punto del pendio su cui la massa stessa appoggia.
    Ho solo fatto una considerazione sulla dilatazione termica. Ad un evento organizzato dal cai locale una ricercatrice esperta in ghiacciai, soprattutto artici, spiegava proprio questa cosa. I ghiacciai delle medie latitudini hanno una temperatura interna prossima allo zero. Solo gli strati esterni possono risentire del freddo invernale, ma essendo il ghiaccio un ottimo isolante, il freddo non scende. In estate la T è praticamente uniforme. Con una T esterna sopra lo zero il ghiaccio può fondere, non variare volume.

    Ovviamente discorso diverso per la roccia.
    Che sfiga, crepo!

  6. #66
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/04/22
    Località
    Fado Basso (Mele, GE)
    Messaggi
    524
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da TreborSnow Visualizza Messaggio
    Ho solo fatto una considerazione sulla dilatazione termica. Ad un evento organizzato dal cai locale una ricercatrice esperta in ghiacciai, soprattutto artici, spiegava proprio questa cosa. I ghiacciai delle medie latitudini hanno una temperatura interna prossima allo zero. Solo gli strati esterni possono risentire del freddo invernale, ma essendo il ghiaccio un ottimo isolante, il freddo non scende. In estate la T è praticamente uniforme. Con una T esterna sopra lo zero il ghiaccio può fondere, non variare volume.

    Ovviamente discorso diverso per la roccia.
    Questo è assolutamente vero.

  7. #67
    Vento forte L'avatar di Diego Martin
    Data Registrazione
    24/12/03
    Località
    Uggiate Trevano (CO)
    Età
    42
    Messaggi
    3,388
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Da tempo non scrivo più perché tra pargoli e lavoro riesco aver solo il tempo di leggere... però mi dispiace che in generale, specie negli organi d'informazione, si dia la colpa solo al cambiamento climatico, quando il caldo è stato si uno dei fattori che hanno contribuito a questa tragedia, ma non è l'unico. Dal mio punto di vista, è stata una somma di fattori a partire dalla normale dinamica glaciale... ah... riportiamo alla memoria:

    TRAGEDIA GHIACCIAIO MIAGE - YouTube

  8. #68
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,817
    Menzionato
    385 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da Diego Martin Visualizza Messaggio
    Da tempo non scrivo più perché tra pargoli e lavoro riesco aver solo il tempo di leggere... però mi dispiace che in generale, specie negli organi d'informazione, si dia la colpa solo al cambiamento climatico, quando il caldo è stato si uno dei fattori che hanno contribuito a questa tragedia, ma non è l'unico. Dal mio punto di vista, è stata una somma di fattori a partire dalla normale dinamica glaciale... ah... riportiamo alla memoria:

    TRAGEDIA GHIACCIAIO MIAGE - YouTube
    ciao Diego, bello rileggerti
    sicuramente sono dinamiche normali del ghiacciaio, ma sono decisamente accelerate dai fattori climatici contingenti. in questo caso la somma della totale assenza di neve e di un caldo mostruoso da maggio non può non aver influito, mi sembra eccessivo onestamente ridurre tutto alle dinamiche normali di un ghiacciaio.
    Si vis pacem, para bellum.

  9. #69
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    11/08/20
    Località
    Mestre (VE)
    Messaggi
    366
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da Albert0 Visualizza Messaggio
    La dice lunga , Ci sarà qualche concorso di altri fattori ,ma il clima ha sicuramente giocato la parte principale.


    Sito da monitorare nei decenni, mentre lentamente fonde
    Intervento del solito Colucci@CNR
    Clima: Cnr, tra 25-30 anni il ghiacciaio della Marmolada sparira - Clima - ANSA.it
    Il Colucci si è involontariamente scelto un lavoro da becchino ( con rispetto per i morti di oggi), osserva la scmprarsa dei ghiacciai come un medico che segue una malattia terminale Tranne eccezioni, le Alpi non avranno ghiacciai sotto i 3500m. Per Legge, linea di inenvamento sicura per approvare finaniamenti e 1500m. Se volete un ambinete invernale, andte a 2000 ( o a meno di 1000 in qualche valle a nord,ma qui non si parla di micoclimi), a 1700m prendete le sciroccate dii pioggia.
    Oggi a Udine 23.6/36.4, cronaca dalla pianura

    Uno dei soliti tantissimi interventi demagogici vergognosi dei soliti soliti esperti che devono propinarci per legge la catastrofe climatica. I ghiacciai ovviamente si stanno ritirando probabilemte per un fenomeno ciclico, ma quello che è avvenuto è in gran parte una fatalità, che avviene rarissimamente. Come giustamente ha detto Corona temperature più alte si sono registrate numerose volte e non è successo niente. Anche se in tv sembra dagli interventi che i 10 gradi che c'erano a 3000 mt fosse un fatto mai avvenuto prima e che di norma a luglio le temperature siano sotto zero! Ormai è una dittatura dei media esperti sulla catastrofe climatica che ovviamente su molta gente può far presa; per costringerci a cambiare il nostro modo di vita. Come la storia della sparizione della neve sotto i 1550 mt, altra pagliacciata propinata. Certo quest'anno non ha nevicato, come è sempre avvenuto amche in passato, ma altri anni recenti le Alpi sono state sommerse, anche a 500 mt, chissà come mai per il CNR?

  10. #70
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,817
    Menzionato
    385 Post(s)

    Predefinito Re: importante e massiccio collasso del ghiacciaio della Marmolada con conseguente valanga

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Uno dei soliti tantissimi interventi demagogici vergognosi dei soliti soliti esperti che devono propinarci per legge la catastrofe climatica. I ghiacciai ovviamente si stanno ritirando probabilemte per un fenomeno ciclico, ma quello che è avvenuto è in gran parte una fatalità, che avviene rarissimamente. Come giustamente ha detto Corona temperature più alte si sono registrate numerose volte e non è successo niente. Anche se in tv sembra dagli interventi che i 10 gradi che c'erano a 3000 mt fosse un fatto mai avvenuto prima e che di norma a luglio le temperature siano sotto zero! Ormai è una dittatura dei media esperti sulla catastrofe climatica che ovviamente su molta gente può far presa; per costringerci a cambiare il nostro modo di vita. Come la storia della sparizione della neve sotto i 1550 mt, altra pagliacciata propinata. Certo quest'anno non ha nevicato, come è sempre avvenuto amche in passato, ma altri anni recenti le Alpi sono state sommerse, anche a 500 mt, chissà come mai per il CNR?
    è sufficiente così

    poi, sui media concordo, e anche sui 10°. però stai parlando del secondo giugno più caldo di sempre, proprio proprio normale non è. la differenza la fa non il picco termico saltuario ma la costanza. e la tabella (quella sì da fonte affidabile) con le T dar maggio ad oggi in cima alla Marmolada è stata postata. se per te è normale non andare MAI sotto zero a 3400m per 3 settimane di fila, alzo le mani.
    ah giusto, i dati storici sono tutti falsati dalla dittatura climatica, nella realtà giugno è sempre stato così caldo, che stupido che sono
    Si vis pacem, para bellum.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •