Pagina 120 di 138 PrimaPrima ... 2070110118119120121122130 ... UltimaUltima
Risultati da 1,191 a 1,200 di 1374
  1. #1191
    Vento fresco
    Data Registrazione
    19/05/19
    Località
    Crotone (KR)
    Messaggi
    2,243
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Intanto, tra Gfs e Ukmo (ma direi anche Reading di stamani) c’è un abisso sull’affondo della prossima settimana.

  2. #1192
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    37
    Messaggi
    13,921
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Eddi Visualizza Messaggio
    E no Alessandro, mi dispiace ma non sono assolutamente d'accordo, se l'allerta meteo diventa un modo per scaricarsi le responsabilità che diamo per ogni instabilità che si prospetta allora perde di credibilità e non avrebbe più valore, facciamo come la favola al lupo, al lupo, un allerta meteo su una porzione di territorio per quanto locale di 5 milioni di abitanti, non la dai tanto per darla.
    Ognuno si assume le proprie resposnabilità e si dice chiaro e tondo che non si è in grado di prevedere che tipo di precipitazioni ci saranno, 8 mm per un'all'erta meteo.
    ti ribadisco
    qual è l'alternativa se i modelli non sono in grado di calcolare che faccia 8mm invece di 300 a 48/72h
    se poi arriva un evento alluvionale cosa dici?
    non ho dato l'allerta perchè non sapevo se a 72h il gm mi stesse pigliando per il culo?
    ribadisco: un conto è l'esperienza del previsore che deve saper mediare tra la sinottica che analizza e i meri accumuli proposti dalla "macchina"
    ma se reputa che con quella configurazione e le condizioni a contorno la possibilità di un evento alluvionale sia nelle corde ha il dovere di renderlo noto
    Ultima modifica di Alessandro1985; 25/09/2022 alle 18:40
    C'ho la falla nel cervello


  3. #1193
    Banned
    Data Registrazione
    21/06/22
    Località
    Roma
    Età
    54
    Messaggi
    147
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    ti ribadisco
    qual è l'alternativa se i modelli non sono in grado di calcolare che faccia 8mm invece di 300 a 48/72h
    se poi arriva un evento alluvionale cosa dici?
    non ho dato l'allerta perchè non sapevo se a 72h il gm mi stesse pigliando per il culo?
    ribadisco: un conto è l'esperienza del previsore che deve saper mediare in base alla sua esperienza tra una sinottica e gli accumuli proposti dalla "macchina"
    ma se reputa che con quella configurazione e le condizioni a contorno la possibilità di un evento alluvionale sia nelle corde ha il dovere di renderlo noto
    Ho capito perfettamente il senso del tuo discorso, e ti ribadisco che a questo punto tanto vale darla sempre perchè in ogni caso perde di credibilità e di valore, diciamo chiaro e tondo che serve solo per scaricarsi dalle eventuali responsabilità, se toppiamo previsioni in questa maniera anche in prossimità dell'evento, meno di 48 ore, si da sempre tanto non ha più alcun valore e non la segue più nessuno, poi sono curioso di vedere dove ci sono stati questi fantomatoci eventi alluvionali che ci prospettavano le carte.

  4. #1194
    Brezza tesa L'avatar di Cecco d'As
    Data Registrazione
    26/06/21
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    560
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Mi sembra assurdo dover ribadire certi concetti su un forum meteo

  5. #1195
    Banned
    Data Registrazione
    21/06/22
    Località
    Roma
    Età
    54
    Messaggi
    147
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Parliamo dei limiti di validità, decadimento esponenziale come proposto da Edward Lorenz il fisico matematico del famoso effetto farfalla, anche ammettendo di sapere risolvere analiticamente le equazioni fondamentali dell'atmosfera (cosa non ancora raggiunta),è impossibile predire indefinitivamente (cioè deterministicamente una volta per tutte) lo stato dell'atmosfera a causa della natura non-lineare dunque caotica delle equazioni della dinamica dei fluidi che amplifica esponenzialmente l'inevitabile errore di inizializzazione del modello ovvero sulle condizioni iniziali.
    Come ulteriore fonte di incertezza si aggiunge il fatto che le reti di osservazione esistenti hanno una copertura o risoluzione spaziale limitata ovvero non omogenea, specialmente sulle superfici d'acqua.
    Questo per dire che parliamo sempre di previsioni, e che tali previsioni sono enormemente influenzate anche dai cambiamenti climatici di cui avrei molto da dire ma non si può, quando tu metti una metropoli come Roma in allerta meteo e poi cadono 8mm di pioggia perdi di credibilità, e l'allerta meteo è troppo importante per fargli perdere di valore, questa è la mia personale opinione poi ognuno si fa la propria di opinione.

  6. #1196
    Vento fresco L'avatar di Diego 14
    Data Registrazione
    11/01/17
    Località
    Sant'Ilario d'enza (RE)
    Età
    20
    Messaggi
    2,363
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Eddi Visualizza Messaggio
    Parliamo dei limiti di validità, decadimento esponenziale come proposto da Edward Lorenz il fisico matematico del famoso effetto farfalla, anche ammettendo di sapere risolvere analiticamente le equazioni fondamentali dell'atmosfera (cosa non ancora raggiunta),è impossibile predire indefinitivamente (cioè deterministicamente una volta per tutte) lo stato dell'atmosfera a causa della natura non-lineare dunque caotica delle equazioni della dinamica dei fluidi che amplifica esponenzialmente l'inevitabile errore di inizializzazione del modello ovvero sulle condizioni iniziali.
    Come ulteriore fonte di incertezza si aggiunge il fatto che le reti di osservazione esistenti hanno una copertura o risoluzione spaziale limitata ovvero non omogenea, specialmente sulle superfici d'acqua.
    Questo per dire che parliamo sempre di previsioni, e che tali previsioni sono enormemente influenzate anche dai cambiamenti climatici di cui avrei molto da dire ma non si può, quando tu metti una metropoli come Roma in allerta meteo e poi cadono 8mm di pioggia perdi di credibilità, e l'allerta meteo è troppo importante per fargli perdere di valore, questa è la mia personale opinione poi ognuno si fa la propria di opinione.
    Ma senza modelli in base a cosa dirami le allerte?
    Poi non mi sembra un errore così disastroso, i lam hanno inquadrato una macroarea dove si sarebbe potuto sviluppare un v-shaped ed effettivamente così è stato.
    Se poi non fa 400 mm tanto meglio

  7. #1197
    Vento forte
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    4,350
    Menzionato
    30 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Diego 14 Visualizza Messaggio
    Ma senza modelli in base a cosa dirami le allerte?
    Poi non mi sembra un errore così disastroso, i lam hanno inquadrato una macroarea dove si sarebbe potuto sviluppare un v-shaped ed effettivamente così è stato.
    Se poi non fa 400 mm tanto meglio
    Tra l'altro la fase perturbata è tutt'altro che conclusa.
    Che sfiga, crepo!

  8. #1198
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    37
    Messaggi
    13,921
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Eddi Visualizza Messaggio
    Parliamo dei limiti di validità, decadimento esponenziale come proposto da Edward Lorenz il fisico matematico del famoso effetto farfalla, anche ammettendo di sapere risolvere analiticamente le equazioni fondamentali dell'atmosfera (cosa non ancora raggiunta),è impossibile predire indefinitivamente (cioè deterministicamente una volta per tutte) lo stato dell'atmosfera a causa della natura non-lineare dunque caotica delle equazioni della dinamica dei fluidi che amplifica esponenzialmente l'inevitabile errore di inizializzazione del modello ovvero sulle condizioni iniziali.
    Come ulteriore fonte di incertezza si aggiunge il fatto che le reti di osservazione esistenti hanno una copertura o risoluzione spaziale limitata ovvero non omogenea, specialmente sulle superfici d'acqua.
    Questo per dire che parliamo sempre di previsioni, e che tali previsioni sono enormemente influenzate anche dai cambiamenti climatici di cui avrei molto da dire ma non si può, quando tu metti una metropoli come Roma in allerta meteo e poi cadono 8mm di pioggia perdi di credibilità, e l'allerta meteo è troppo importante per fargli perdere di valore, questa è la mia personale opinione poi ognuno si fa la propria di opinione.
    un'allerta non è un assoluto e dovrebbe esserci consapevolezza sul fatto che non potrà mai garantire una realtà oggettiva
    quindi si pesano le informazioni con raziocinio ma non si omettono, anche perchè certamente non tutti i peggioramenti hanno in se e nella fase stagionale in cui si manifestano, le potenzialità di provocare eventi disastrosi
    io offro un riscontro precauzionale sulla base degli strumenti imperfetti che ho a disposizione, poi ognuno ne faccia ciò che vuole
    C'ho la falla nel cervello


  9. #1199
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    24,616
    Menzionato
    396 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    d'accordo ma non è colpa del previsore se i modelli sono poco affidabili su scala locale, specialmente in un paese orograficamente complesso come il nostro
    da un lato è indubbio che il previsore non possa affidarsi acriticamente alle proiezioni di un lam se propone accumuli fuori da ogni logica per la sinottica e il tipo di correnti che sono previste
    anche in questo caso c'erano fiori di lam che vedevano accumuli di decine e decin di mm in zone palesemente in ombra prevalente come la mia
    detto ciò le tempistiche di allerta devono fare i conti la l'affidabilità di cui sopra
    siamo tutti consapevoli che i gm possono dare sterzate significative anche sotto le 96/120 ancora su macroscala
    mentre per porzioni di territorio così ristrette come una regione o addirittura una provincia nemmeno le 72h possono dare grosse garanzie
    ne consegue che o aspetti di le 24h (e in situazioni al limite non puoi essere certo di nulla nemmeno in quel caso perchè basta una insignificante variazione per portare i picchi precipitativi relativamente distante da dove erano attesi) ma ovviamente non avrebbe senso
    oppure rimani consapevole del grado di attendibilità incerto ma l'allerta la dai comunque perchè se la ometti è sicuramente peggio
    poi ci si chiede il perché la meteo in Italia non viene presa sul serio
    vallo a spiegare al fesso di turno che l'orografia, in mezzo ad un mare bollente, è complessissima e che è meglio lanciare un'allerta anziché no.
    Si vis pacem, para bellum.

  10. #1200
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    24,616
    Menzionato
    396 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Eddi Visualizza Messaggio
    E no Alessandro, mi dispiace ma non sono assolutamente d'accordo, se l'allerta meteo diventa un modo per scaricarsi le responsabilità che diamo per ogni instabilità che si prospetta allora perde di credibilità e non avrebbe più valore, facciamo come la favola al lupo, al lupo, un allerta meteo su una porzione di territorio per quanto locale di 5 milioni di abitanti, non la dai tanto per darla.
    Ognuno si assume le proprie resposnabilità e si dice chiaro e tondo che non si è in grado di prevedere che tipo di precipitazioni ci saranno, 8 mm per un'all'erta meteo.
    eccolo lì il ragionamento da italiano medio.
    lanci l'allerta su una cosa SCIENTIFICAMENTE difficile da prevedere, ma il principio di precauzione (questo sconosciuto...) ti consiglia saggiamente di farlo anziché no, non si verifica e taaaac denuncia, perché "Io DoVevO FArE il uIk-enD al MaRe".
    meritiamo di affogare, poco da fare.
    Si vis pacem, para bellum.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •