Pagina 123 di 138 PrimaPrima ... 2373113121122123124125133 ... UltimaUltima
Risultati da 1,221 a 1,230 di 1374
  1. #1221
    Vento forte
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    3,843
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    punto primo, per le marche c'era allerta arancione.
    punto secondo: era imprevedibile. non ricordo V-Shaped sotto vento ad un monte di 2000m. e se dovessi ricordarli, si parla di cosa mooooolto rara.
    punto terzo: visto che gli strumenti non sono perfetti non utilizziamoli, mi sembra un ragionamento corretto
    come a dire: alle volte l'airbag della macchina non esplode e qualcuno muore, non utilizziamolo è chiaramente una provocazione, ma il concetto è quello.
    eddai su, è proprio polemica inutile, tipo bar sport e fa veramente brutto leggerla su un forum meteo.
    Concordo, però ad esempio i V-shaped che hanno investito l'alta Val Tanaro nel 2016 e quella della Val Vermenagna nel 2020 erano non solo sottovento alla dorsale ligure/padana, ma sottovento a un crinale montuoso formato da montagne ben più alte, sia per elevazione di massa sia per altezze medie di di quelle che costituiscono il nodo orografico Catria-Nerone. I grandi auto-rigeneranti delle alluvioni che hanno riguardato il SW-Piemonte e marginalmente l'Imperiese (Val Tanarello e alta Valle Arroscia) e il Savonese occidentale più interno (bacino della Bormida di Millesimo) negli ultimi decenni si sono quasi sempre manifestati con i loro massimi effetti sul versante sottovento (è l'esito del famoso "effetto trampolino"). Accade quindi che, anche se le celle temporalesche si generano per stau orografica sul lato sopravento poi però vengono rapidamente spinte sul versante opposto, dove si vanno a scaricare i fenomeni precipitativi più intensi. Ma questi sono territori in cui Alpi e Appennino hanno letteralmente i piedi in mare e tra displuviale alpino-appenninica e litorale ci sono al massimo 30/35 Km in linea d'aria e non 230-240 come nel caso delle Marche.

    Quello che stupisce di quest'ultima alluvione marchigiana è proprio l'intera dinamica da "effetto trampolino", che ha confinato le precipitazioni più intense sul versante anconetano, in un tratto in cui la dorsale appenninica principale è così lontana dalle coste dell'alto Tirreno. Sinceramente non l'avrei creduto possibile ed era anche uno dei motivi per cui nell'Italia centrale adriatica ritenevo impossibile (o quasi) vedere in azione autorigeneranti da 300 o 400 mm di cumulata in 12 ore. E' una dinamica chiaramente spiegabile analizzando la direttrice delle correnti e la geografia della zona, ma credo che abbia tempi di ritorno praticamente epocali (ossia di secoli e secoli).
    Ultima modifica di galinsog@; 26/09/2022 alle 20:59

  2. #1222
    Tempesta violenta L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    13,055
    Menzionato
    110 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Concordo, però ad esempio i V-shaped che hanno investito l'alta Val Tanaro nel 2016 e quella della Val Vermenagna nel 2020 erano non solo sottovento alla dorsale ligure/padana, ma sottovento a un crinale montuoso formato da montagne ben più alte, sia per elevazione di massa sia per altezze medie di di quelle che costituiscono il nodo orografico Catria-Nerone. I grandi auto-rigeneranti delle alluvioni che hanno riguardato il SW-Piemonte e marginalmente l'Imperiese (Val Tanarello e alta Valle Arroscia) e il Savonese occidentale più interno (bacino della Bormida di Millesimo) negli ultimi decenni si sono quasi sempre manifestati con i loro massimi effetti sul versante sottovento (è l'esito del famoso "effetto trampolino"). Accade quindi che, anche se le celle temporalesche si generano per stau orografica sul lato sopravento poi però vengono rapidamente spinte sul versante opposto, dove si vanno a scaricare i fenomeni precipitativi più intensi. Ma questi sono territori in cui Alpi e Appennino hanno letteralmente i piedi in mare e tra displuviale alpino-appenninica e litorale ci sono al massimo 30/35 Km in linea d'aria e non 230-240 come nel caso delle Marche.

    Quello che stupisce di quest'ultima alluvione marchigiana è proprio l'intera dinamica da "effetto trampolino", che ha confinato le precipitazioni più intense sul versante anconetano, in un tratto in cui la dorsale appenninica principale è così lontana dalle coste dell'alto Tirreno. Sinceramente non l'avrei creduto possibile ed era anche uno dei motivi per cui nell'Italia centrale adriatica ritenevo impossibile (o quasi) vedere in azione autorigeneranti da 300 o 400 mm di cumulata in 12 ore. E' una dinamica chiaramente spiegabile analizzando la direttrice delle correnti e la geografia della zona, ma credo che abbia tempi di ritorno praticamente epocali (ossia di secoli e secoli).
    Esatto ...e tutto va anche ricondotto al discorso degli AR , ovvero "fiumi" di vapore acqueo direttamente pescati dalle latitudinivtropocali, con quantità di precipitable water estremamente superiori alla media di una massa d'aria tipicamente mediterranea....e nel caso specifico direttamente proveniente dalle Canarie e messa in moto dall'ex uragano in spostamento verso le coste portoghesi

  3. #1223
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    24,607
    Menzionato
    396 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico_3bmeteo Visualizza Messaggio
    Non era sottovento ed il monte non è di 2000m. La v-shaped si è formata circa 20km sopravvento (ovest) al Monte Catria (1702m) e non mi pare che le v-shaped siano poi moooolto rare. Forse, lo sono quelle che scaricano 400mm in 20mq (per fortuna)
    sono rare sotto vento (mi sembra scritto in italiano corretto) e distanti dal mare, altroché. il monte è 1700m, sì, ho volutamente esagerato ai fini del discorso.
    invece che fare le pulci a me sui cento metri in più o in meno, converrebbe vedere il discorso generale e il fine ultimo.

    e per rispondere a quanto dici dopo, no, un V-Shaped lontano dal mare che se ne sbatte di catene alte fino a 2000m non mi è mai capitato di vederlo.
    discorso diverso se nasce direttamente in mare tipo sul ligure come dice l'amico di Genova, mentre il caso marchigiano rimane comunque piuttosto unico. tant'è che nessun modello di nessuna specie l'ha previsto, mentre nonostante il "flop" di questi giorni (per fortuna) i modelli avevano fiutato la nascita di autorigeneranti DAL MARE, appunto. ne hanno fortunatamente sovrastimato la potenza.
    Si vis pacem, para bellum.

  4. #1224
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    24,607
    Menzionato
    396 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Concordo, però ad esempio i V-shaped che hanno investito l'alta Val Tanaro nel 2016 e quella della Val Vermenagna nel 2020 erano non solo sottovento alla dorsale ligure/padana, ma sottovento a un crinale montuoso formato da montagne ben più alte, sia per elevazione di massa sia per altezze medie di di quelle che costituiscono il nodo orografico Catria-Nerone. I grandi auto-rigeneranti delle alluvioni che hanno riguardato il SW-Piemonte e marginalmente l'Imperiese (Val Tanarello e alta Valle Arroscia) e il Savonese occidentale più interno (bacino della Bormida di Millesimo) negli ultimi decenni si sono quasi sempre manifestati con i loro massimi effetti sul versante sottovento (è l'esito del famoso "effetto trampolino"). Accade quindi che, anche se le celle temporalesche si generano per stau orografica sul lato sopravento poi però vengono rapidamente spinte sul versante opposto, dove si vanno a scaricare i fenomeni precipitativi più intensi. Ma questi sono territori in cui Alpi e Appennino hanno letteralmente i piedi in mare e tra displuviale alpino-appenninica e litorale ci sono al massimo 30/35 Km in linea d'aria e non 230-240 come nel caso delle Marche.

    Quello che stupisce di quest'ultima alluvione marchigiana è proprio l'intera dinamica da "effetto trampolino", che ha confinato le precipitazioni più intense sul versante anconetano, in un tratto in cui la dorsale appenninica principale è così lontana dalle coste dell'alto Tirreno. Sinceramente non l'avrei creduto possibile ed era anche uno dei motivi per cui nell'Italia centrale adriatica ritenevo impossibile (o quasi) vedere in azione autorigeneranti da 300 o 400 mm di cumulata in 12 ore. E' una dinamica chiaramente spiegabile analizzando la direttrice delle correnti e la geografia della zona, ma credo che abbia tempi di ritorno praticamente epocali (ossia di secoli e secoli).
    sì, concordo, chiaramente si intende lontano dal mare.
    è come se nascesse un V-Shaped in PP e scaricasse in svizzera 400mm senza accorgersi della catena montuosa giusto giusto altina in mezzo
    la presenza del mare nelle vicinanze fa tutto. Il fatto che sia nato così distante e ciononostante sia riuscito a scaricare 400mm sottovento ad un monte di 1700m rimane una roba unica, personalmente in decenni di osservazioni non l'ho mai vista.
    Si vis pacem, para bellum.

  5. #1225
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    59
    Messaggi
    6,727
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Esatto ...e tutto va anche ricondotto al discorso degli AR , ovvero "fiumi" di vapore acqueo direttamente pescati dalle latitudinivtropocali, con quantità di precipitable water estremamente superiori alla media di una massa d'aria tipicamente mediterranea....e nel caso specifico direttamente proveniente dalle Canarie e messa in moto dall'ex uragano in spostamento verso le coste portoghesi
    I fiumi di vapore citati da Nucera....
    A che quota viaggiano questi fiumi di vapore ?
    grazie

  6. #1226
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    59
    Messaggi
    6,727
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    sì, concordo, chiaramente si intende lontano dal mare.
    è come se nascesse un V-Shaped in PP e scaricasse in svizzera 400mm senza accorgersi della catena montuosa giusto giusto altina in mezzo
    la presenza del mare nelle vicinanze fa tutto. Il fatto che sia nato così distante e ciononostante sia riuscito a scaricare 400mm sottovento ad un monte di 1700m rimane una roba unica, personalmente in decenni di osservazioni non l'ho mai vista.
    Forse, se ne fregano perché le torri delle v-shaped arrivano anche in stratosfera.
    Queste sono le immagini delle celle che hanno colpito la Corsica e la Versilia. Me le sono salvate perché casi di overshooting top tanto grandi (diametri >100km) non ricordo di averli mai viste dalle nostre parti (magari mi sbaglio...).


    Appunti01.jpg
    Appunti02.jpg

  7. #1227
    Vento fresco
    Data Registrazione
    19/05/19
    Località
    Crotone (KR)
    Messaggi
    2,241
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    L'inizio di Ottobre potrebbe essere contrassegnato da un hp invadente e correnti settentrionali.

  8. #1228
    Vento forte
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    3,843
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    sì, concordo, chiaramente si intende lontano dal mare.
    è come se nascesse un V-Shaped in PP e scaricasse in svizzera 400mm senza accorgersi della catena montuosa giusto giusto altina in mezzo
    la presenza del mare nelle vicinanze fa tutto. Il fatto che sia nato così distante e ciononostante sia riuscito a scaricare 400mm sottovento ad un monte di 1700m rimane una roba unica, personalmente in decenni di osservazioni non l'ho mai vista.
    Considera però che l'Antiappennino toscano, che comprende le Colline del Chianti, quelle della Val di Chiana e quelle che delimitano ad ovest la Valle Umbra è ben poca cosa, praticamente tra la costa tirrenica all'altezza di Livorno e il nodo orografico del Catria c'è l'ampio bacino fluviale del Val d'Arno, piatto fino a Firenze e oltre, e più a Sud e ad Est un territorio certamente "mosso" dal punto di vista dell'orografia, ma comunque costituito da rilievi collinari con altezze che variano in genere tra i 400 e i 600 m (con le vette maggiori che non raggiungoni i 900 m) e per di più separati da valli fluviali abbastanza ampie. Ovviamente per osservare fenomeni come quelli di due settimane fa nell'entroterra senigalliese occorrono condizioni che si verificano solo eccezionalmente e immagino su cadenze temporali dilatatissime.
    Ultima modifica di galinsog@; 27/09/2022 alle 09:29

  9. #1229
    Vento forte L'avatar di alaska63
    Data Registrazione
    17/01/06
    Località
    Castel S. Pietro Sabino (RI) - 365 mt. slm
    Età
    59
    Messaggi
    4,483
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Ho osservato fra satellite e radar la formazione del V-shaped che ha colpito le Marche e condividendo quanto avete detto, sono rimasto sorpreso anche da come il "vertice" inferiore del V-shaped fosse nei pressi della Val di Chiana e poi scaricasse il grosso nell'anconetano e in parte nell'urbinate e del pesarese e rimanendo stazionario per molto tempo, nonostante alcuni radar "previsionali" prevedessero che poi il tutto si allontanasse sul mare Adriatico.
    La domanda che vi faccio è un'altra: possibile che non ci fosse nessuno o alla Protezione Civile regionale o non so dove che, incrociando i dati del satellite, del radar e delle centraline meteo ufficiali delle zone sotto scacco potesse intuire che lì sotto stava per succedere un disastro e quindi dare prima l'allarme ?
    Non sarebbe auspicabile nelle sale operative della PCiv la presenza di un esperto meteo 24h/24h soprattutto ora che i fenomeni violenti o alluvionali sono più frequenti per interpretare la presenza di fenomeni estremi e dare l'avviso in tempo ?
    La gnocca è come la precedenza...va data

  10. #1230
    Vento fresco L'avatar di fresh
    Data Registrazione
    21/02/09
    Località
    prov.benevento
    Messaggi
    2,359
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Settembre 2022: modelli e prospettive meteo

    Citazione Originariamente Scritto da downburst Visualizza Messaggio
    L'inizio di Ottobre potrebbe essere contrassegnato da un hp invadente e correnti settentrionali.
    Brutte le prospettive per il mese di ottobre secondo le stagionali ecmwf almeno termicamente...

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •