Pagina 7 di 24 PrimaPrima ... 5678917 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 236
  1. #61
    Vento moderato L'avatar di Luca.
    Data Registrazione
    15/10/22
    Località
    Napoli/Cuneo
    Messaggi
    1,001
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    già che ci siamo apriamo il dibattito sugli scenari
    qual è quello che considerate più probabile nell'attuale panorama delle proposte ipcc?


    Allegato 599503
    Bel grafico riassuntivo

    Le offerte di questo volantino quando scadono? Prenderei la più bassa

  2. #62
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    4,143
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Volendo essere razionale portrei dirti che mi aspetto qualcosa che stia nel range SSP2-4.5/SSP3-7.0.

  3. #63
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    37
    Messaggi
    14,253
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    aggiungo per informazione:
    SSP1 e SSP5 prefigurano gli scenari più ottimistici per l’umanità, con “investimenti sostanziali in istruzione e salute, rapida crescita economica e istituzioni ben funzionanti”. La differenza principale tra loro è che SSP5 postula che questi progressi saranno spinti da un’economia ad alta intensità energetica, basata sui combustibili fossili, mentre in SSP1 prevarranno le pratiche sostenibili.
    SSP3 e SSP4 sono più pessimisti nella loro visione del futuro sviluppo economico e sociale, per cui la società nel suo complesso investirà poco nell’istruzione o nella salute nei paesi più poveri, con una popolazione in rapida crescita e crescenti disuguaglianze.
    La via di mezzo è rappresentata da SSP2, in cui i modelli di sviluppo storici continuano per tutto il XXI secolo.
    C'ho la falla nel cervello


  4. #64
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    4,143
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da Telecuscin Visualizza Messaggio
    Negli ultimi 5-7 anni quelle anomalie a fondoscala si stanno spostando anche verso l'Europa e devo dire che ce ne siamo accorti. In futuro l'unica soluzione è migrare in posti a nord. In questa maniera anche se lo scarto dalla media è superiore si resterà in un clima che dal boreale passa al temperato, piuttosto che passare da un clima semitemperato ad uno tropicale. La cosa impressionante è che ancora in nessuna parte del mondo (se non in Cina per altri motivi) è stato fatto nulla per limitare le nascite, la piaga della fame nei prossimi decenni sarà un genocidio a mio avviso che vedrà la sinergia di fattori del GW, della malagestione antropica e dalle crescenti bocche da sfamare. Occhi puntati su Sudan/Egitto sulle guerre per l'acqua così come Cina/Vietnam e Asia centrali con Tagiki etc.
    Per quanto mi riguarda il punto di non ritorno è già stato superato e l'unica soluzione è un bilancio della CO2 NEGATIVO!
    Due note e 1 osservazione:
    nota 1 - non si misurano i cambiamenti climatici su una scala temporale di 5-7 anni, ma vedo che la tendenza è farlo su una scala graduata se non in giorni ("Oggi fa più caldo di ieri") perlomeno in mesi.
    nota 2- se guardiamo alle medie clino dell'ultimo lustro ciò che scrive non solo non è vero, ma non è nemmeno lontanamente vero e fa parte di quel sensazionalismo controproducente, che mi rende difficile parlare di climatologia. E' sufficiente un aumento di 1,5/1,6°C sulle temperature medie di inizio secolo scorso per creare un più che notevole cambiamento climatologico ed ambientale in senso lato, con effetti sugli ecosistemi prevalentemente nefasti.

    Arriviamo all'osservazione: siccome frequento i forum meteo da quasi 25 anni (1999) ti posso dire due decenni fa le mie posizioni erano considerate estremistiche in materia di (A)GW, attualmente 9 volte su 10 passo per un riduzionista se non per un negazionista, eppure non ho cambiato idea di 1 mm, semplicemente mi da in culo l'approccio pseudo-scientifico all'intera questione e per approccio pseudoscientifico intendo dire che si da al GW un "potere di spiegazione" come lo chiamarebbe K.Popper praticamente illimitato...
    Ultima modifica di galinsog@; 28/10/2022 alle 16:21

  5. #65
    Calma di vento
    Data Registrazione
    26/10/22
    Località
    Abidjan
    Età
    32
    Messaggi
    5
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da Telecuscin Visualizza Messaggio
    Negli ultimi 5-7 anni quelle anomalie a fondoscala si stanno spostando anche verso l'Europa e devo dire che ce ne siamo accorti. In futuro l'unica soluzione è migrare in posti a nord. In questa maniera anche se lo scarto dalla media è superiore si resterà in un clima che dal boreale passa al temperato, piuttosto che passare da un clima semitemperato ad uno tropicale. La cosa impressionante è che ancora in nessuna parte del mondo (se non in Cina per altri motivi) è stato fatto nulla per limitare le nascite, la piaga della fame nei prossimi decenni sarà un genocidio a mio avviso che vedrà la sinergia di fattori del GW, della malagestione antropica e dalle crescenti bocche da sfamare. Occhi puntati su Sudan/Egitto sulle guerre per l'acqua così come Cina/Vietnam e Asia centrali con Tagiki etc.
    Per quanto mi riguarda il punto di non ritorno è già stato superato e l'unica soluzione è un bilancio della CO2 NEGATIVO!

    D'accordissimo. Mentre certi continueranno a dibattere ininterrottamente sulla cause dei cambiamenti, c'è chi avrà agito intelligentemente e si sarà comprato - quando ancora nessuno ci pensava - un posticino di backup in un luogo attualmente molto freddo, domani fresco. Paradossalmente, ad essere troppo tecnici e puristi si finisce per essere appannati

  6. #66
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    4,143
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da Fibonacci Visualizza Messaggio
    D'accordissimo. Mentre certi continueranno a dibattere ininterrottamente sulla cause dei cambiamenti, c'è chi avrà agito intelligentemente e si sarà comprato - quando ancora nessuno ci pensava - un posticino di backup in un luogo attualmente molto freddo, domani fresco. Paradossalmente, ad essere troppo tecnici e puristi si finisce per essere appannati
    Questa cosa che il passaggio da un clima temperato a uno subtropicale o tropicale non comporti anche diversi benefici andrebbe spiegata a qualche migliaio di pensionati benestanti che ogni anno si trasferiscono dal New England alla Florida...
    Ultima modifica di galinsog@; 28/10/2022 alle 16:37

  7. #67
    Tempesta violenta L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    13,646
    Menzionato
    113 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Due note e 1 osservazione:
    nota 1 - non si misurano i cambiamenti climatici su una scala temporale di 5-7 anni, ma vedo che la tendenza è farlo su una scala graduata se non in giorni ("Oggi fa più caldo di ieri") perlomeno in mesi.
    nota 2- se guardiamo alle medie clino dell'ultimo lustro ciò che scrive non solo non è vero, ma non è nemmeno lontanamente vero e fa parte di quel sensazionalismo controproducente, che mi rende difficile parlare di climatologia. E' sufficiente un aumento di 1,5/1,6°C sulle temperature medie di inizio secolo scorso per creare un più che notevole cambiamento climatologico ed ambientale in senso lato, con effetti sugli ecosistemi prevalentemente nefasti.

    Arriviamo all'osservazione: siccome frequento i forum meteo da quasi 25 anni (1999) ti posso dire due decenni fa le mie posizioni erano considerate estremistiche in materia di (A)GW, attualmente 9 volte su 10 passo per un riduzionista se non per un negazionista, eppure non ho cambiato idea di 1 mm, semplicemente mi da in culo l'approccio pseudo-scientifico all'intera questione e per approccio pseudoscientifico intendo dire che si da al GW un "potere di spiegazione" come lo chiamarebbe K.Popper praticamente illimitato...
    Quoto anche le virgole di questo post di gali.

  8. #68
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    37
    Messaggi
    14,253
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Due note e 1 osservazione:
    nota 1 - non si misurano i cambiamenti climatici su una scala temporale di 5-7 anni, ma vedo che la tendenza è farlo su una scala graduata se non in giorni ("Oggi fa più caldo di ieri") perlomeno in mesi.
    nota 2- se guardiamo alle medie clino dell'ultimo lustro ciò che scrive non solo non è vero, ma non è nemmeno lontanamente vero e fa parte di quel sensazionalismo controproducente, che mi rende difficile parlare di climatologia. E' sufficiente un aumento di 1,5/1,6°C sulle temperature medie di inizio secolo scorso per creare un più che notevole cambiamento climatologico ed ambientale in senso lato, con effetti sugli ecosistemi prevalentemente nefasti.

    Arriviamo all'osservazione: siccome frequento i forum meteo da quasi 25 anni (1999) ti posso dire due decenni fa le mie posizioni erano considerate estremistiche in materia di (A)GW, attualmente 9 volte su 10 passo per un riduzionista se non per un negazionista, eppure non ho cambiato idea di 1 mm, semplicemente mi da in culo l'approccio pseudo-scientifico all'intera questione e per approccio pseudoscientifico intendo dire che si da al GW un "potere di spiegazione" come lo chiamarebbe K.Popper praticamente illimitato...
    non te la prendere
    in fondo abbiamo avuto due informazioni fresche :

    la prima è che a quanto pare viene aggiunta la categoria dei puristi appannati a quella dei minimizzatori/pompieri/negazionisti ecc. ecc.
    la seconda è che da ieri a oggi sembra già aver deciso che l'Italia non fa per lui (e pensare che avevo pure cercato di dare una riposta seria )
    C'ho la falla nel cervello


  9. #69
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    37
    Messaggi
    14,253
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Volendo essere razionale portrei dirti che mi aspetto qualcosa che stia nel range SSP2-4.5/SSP3-7.0.
    io non mi esprimo e lascio la parola a utenti molto più preparati sui modelli di business del futuro prossimo venturo
    tra cui sicuramente c'è @snowaholic
    di sicuro la maggior parte degli scenari propongono un aumento di 0,8 dal picco dell'ultimo nino al 2050
    il che è già un gran bell'andare visto che mancano poco più di 25 anni
    C'ho la falla nel cervello


  10. #70
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    4,143
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Confronto sul cambiamento climatico tra appassionati di meteorologia

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Quoto anche le virgole di questo post di gali.
    Grazie, a volte mi viene in mente che rientrando nella categoria del "quasi-vecchiaccio" in (poco) serena attesa dei primi reumatismi il mio livello di tolleranza al caldo sia aumentato nell'ultimo decennio... poi però ci rifletto e mi rendo conto che non è (ancora) vero... nel senso che sono certamente alla soglia della vecchiettudine, ma no, le mie idee sul GW son sempre le stesse è che la grossa fetta di irrazionalità che prima batteva su posizione negazioniste ora si è in parte spostata sul lato giusto (quello della presa d'atto del fenomeno e dei suoi potenziali effetti esiziali), ma non è che sposare una giusta causa, ma con cognizioni sbagliate, aiuti poi davvero quella causa...
    Ultima modifica di galinsog@; 28/10/2022 alle 17:35

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •