Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    Brezza leggera L'avatar di Wolf359
    Data Registrazione
    27/02/07
    Località
    Ponte san Nicolò (PD)
    Età
    35
    Messaggi
    449
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Retrogressioni invernali

    Ciao a tutti!

    Dopo tanto tempo sono riuscito a finire una ricerca sulle retrogressioni invernali a 500 hPa, tra gli eventi che portano più freddo e neve in Europa Utilizzando le reanalisi del NOAA moderne e quelle 20CRv3 ho ricostuito i percorsi di tutte* le retrogressioni che hanno interessato l'Europa nel periodo novembre-aprile dal 1806 al 2022, cioè dei minimi di GPT in moto est-ovest fino alla loro scomparsa o riassorbimento in altri minimi/saccature, ottenendo dei plot come quelli degli uragani:

    CapturFiles.png

    Questi sono tutti insieme, un guazzabuglio di linee incomprensibile, ma rimando al link della mappa interattiva in cui si possono selezionare solo certi decenni e vedere meglio il dettaglio di ciascun path: WeatherVeneto - Retrogressioni a 500 hPa ad esempio

    CapturFiles_1.png

    *siccome la ricerca è stata manuale, non è escluso che me ne sia sfuggito qualcuno.

    Volendo fare una statistica sui decenni, questo è il numero che si ottiene per ciascuno:

    Retrogressioni_grafico.jpg

    Ci sono stati due picchi negli anni '40 e anche all'inizio di questo secolo, mentre si nota un vistoso calo negli anni '70; il 2020-29 è ovviamente parziale. Per i tempi più remoti meglio non metterci la mano sul fuoco, è possibile che strutture di dettaglio come queste siano sfuggite alle ricostruzioni, spesso molto smooth, o forse è andata proprio (circa) così.

    Raggruppando i numeri tutti insieme e suddividendoli per mese invece:

    Retrogressioni_mesi.jpg

    Un buon 25% degli eventi capita a gennaio, leggermente meno a dicembre e febbraio, poco meno del 15% a novembre/marzo e meno del 5% ad aprile.

    Da ultimo, una mappa di frequenza spaziale:

    Retrogressioni_mappa.png

    Ovvero: nel caso che avvenga una retrogressione, quali zone sono interessate con maggior probabilità? L'Europa centrale è ovviamente in prima posizione con ~30%, includendo anche l'Italia settentrionale, molto meno al sud Italia dove si scende anche sotto al 10%.
    Dottorando in Polar Sciences - Il mio libro su Amazon: L'apocalisse climatica del 536
    Estremi termici dal 1774: -18.4° (1985) / +42.1° (1952)
    Il mio sito e la mia stazione meteo: http://meteopsn.altervista.org/index.html

  2. #2
    Tempesta L'avatar di Cristiano96
    Data Registrazione
    12/09/12
    Località
    Fasano
    Età
    26
    Messaggi
    10,585
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Come sempre un eccellente lavoro Claudio!


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  3. #3
    Banned
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    4,843
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali


  4. #4
    Tempesta violenta L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    13,868
    Menzionato
    117 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Grande Wolf, grazie !

  5. #5
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    20,021
    Menzionato
    933 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Citazione Originariamente Scritto da Wolf359 Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti!

    Dopo tanto tempo sono riuscito a finire una ricerca sulle retrogressioni invernali a 500 hPa, tra gli eventi che portano più freddo e neve in Europa Utilizzando le reanalisi del NOAA moderne e quelle 20CRv3 ho ricostuito i percorsi di tutte* le retrogressioni che hanno interessato l'Europa nel periodo novembre-aprile dal 1806 al 2022, cioè dei minimi di GPT in moto est-ovest fino alla loro scomparsa o riassorbimento in altri minimi/saccature, ottenendo dei plot come quelli degli uragani:

    CapturFiles.png

    Questi sono tutti insieme, un guazzabuglio di linee incomprensibile, ma rimando al link della mappa interattiva in cui si possono selezionare solo certi decenni e vedere meglio il dettaglio di ciascun path: WeatherVeneto - Retrogressioni a 500 hPa ad esempio

    CapturFiles_1.png

    *siccome la ricerca è stata manuale, non è escluso che me ne sia sfuggito qualcuno.

    Volendo fare una statistica sui decenni, questo è il numero che si ottiene per ciascuno:

    Retrogressioni_grafico.jpg

    Ci sono stati due picchi negli anni '40 e anche all'inizio di questo secolo, mentre si nota un vistoso calo negli anni '70; il 2020-29 è ovviamente parziale. Per i tempi più remoti meglio non metterci la mano sul fuoco, è possibile che strutture di dettaglio come queste siano sfuggite alle ricostruzioni, spesso molto smooth, o forse è andata proprio (circa) così.

    Raggruppando i numeri tutti insieme e suddividendoli per mese invece:

    Retrogressioni_mesi.jpg

    Un buon 25% degli eventi capita a gennaio, leggermente meno a dicembre e febbraio, poco meno del 15% a novembre/marzo e meno del 5% ad aprile.

    Da ultimo, una mappa di frequenza spaziale:

    Retrogressioni_mappa.png

    Ovvero: nel caso che avvenga una retrogressione, quali zone sono interessate con maggior probabilità? L'Europa centrale è ovviamente in prima posizione con ~30%, includendo anche l'Italia settentrionale, molto meno al sud Italia dove si scende anche sotto al 10%.
    Per cui, ad esempio, non sono considerate retrogressioni movimenti meridiani esasperati, sebbene con moto parzialmente da NE a SW, quale Gennaio 2017? Solo gocce fredde in moto retrogrado?

  6. #6
    Brezza leggera L'avatar di Wolf359
    Data Registrazione
    27/02/07
    Località
    Ponte san Nicolò (PD)
    Età
    35
    Messaggi
    449
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Per cui, ad esempio, non sono considerate retrogressioni movimenti meridiani esasperati, sebbene con moto parzialmente da NE a SW, quale Gennaio 2017? Solo gocce fredde in moto retrogrado?
    Se oltre ad esserci una componente meridiana (non obbligatoria) c'è una componente est-ovest abbastanza importante (almeno qualche grado di longitudine) E si riesce ad individuare un minimo chiuso in movimento, allora viene considerata retrogressione.
    Dottorando in Polar Sciences - Il mio libro su Amazon: L'apocalisse climatica del 536
    Estremi termici dal 1774: -18.4° (1985) / +42.1° (1952)
    Il mio sito e la mia stazione meteo: http://meteopsn.altervista.org/index.html

  7. #7
    Brezza leggera L'avatar di Wolf359
    Data Registrazione
    27/02/07
    Località
    Ponte san Nicolò (PD)
    Età
    35
    Messaggi
    449
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Mediando su tutti gli eventi, si ottengono queste due aree in cui, mediamente, si ha l'origine e il termine delle retrogressioni. I centri, sempre statisticamente, sono il confine russo/bielorusso e le Alpi centrali.

    Retrogressoni_zone.png
    Dottorando in Polar Sciences - Il mio libro su Amazon: L'apocalisse climatica del 536
    Estremi termici dal 1774: -18.4° (1985) / +42.1° (1952)
    Il mio sito e la mia stazione meteo: http://meteopsn.altervista.org/index.html

  8. #8
    Brezza leggera L'avatar di Wolf359
    Data Registrazione
    27/02/07
    Località
    Ponte san Nicolò (PD)
    Età
    35
    Messaggi
    449
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    A quanto pare ho aperto la discussione nel momento giusto, vada come vada

    Già, come potrebbe andare? Ho fatto una rapida statistica sulle traiettorie e ne è uscita questa:

    CapturFiles.png

    Ovvero, negli ultimi due secoli abbondanti, quando c'è stata una retrogressione, il minimo a 500hPa

    - il 15% delle volte ha fatto touchdown nel sud Italia, un buon esempio è quella del 1 febbraio / 4 febbraio 1929
    - il 22% è entrato dalla porta della bora / medio-alto Adriatico, come il 11 dicembre / 15 dicembre 2001
    - l'8% ha valicato le Alpi, vedi 3 marzo / 8 marzo 1971
    - il 13% si è buttato dal Rodano, ottimo esempio il 29 gennaio / 3 febbraio 1956
    - il 28% è passato sopra le Alpi, esempio il 3 febbraio / 13 febbraio 1991
    - il 5% è finito in Spagna, come nel lontano 5 febbaio / 14 febbraio 1870
    - il 10% ha avuto altre traiettorie, o molto alte o è rimasto confinato all'est Europa

    (il punto di partenza è puramente indicativo)
    Insomma a dar retta alla pura statistica, l'Europa centrale ne esce favorita, come già era chiaro dalla mappa di densità del primo post. Si vedrà
    Dottorando in Polar Sciences - Il mio libro su Amazon: L'apocalisse climatica del 536
    Estremi termici dal 1774: -18.4° (1985) / +42.1° (1952)
    Il mio sito e la mia stazione meteo: http://meteopsn.altervista.org/index.html

  9. #9
    Bava di vento L'avatar di Marist03
    Data Registrazione
    02/02/22
    Località
    Castel San Giovanni
    Età
    19
    Messaggi
    83
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Citazione Originariamente Scritto da Wolf359 Visualizza Messaggio
    A quanto pare ho aperto la discussione nel momento giusto, vada come vada

    Già, come potrebbe andare? Ho fatto una rapida statistica sulle traiettorie e ne è uscita questa:

    CapturFiles.png

    Ovvero, negli ultimi due secoli abbondanti, quando c'è stata una retrogressione, il minimo a 500hPa

    - il 15% delle volte ha fatto touchdown nel sud Italia, un buon esempio è quella del 1 febbraio / 4 febbraio 1929
    - il 22% è entrato dalla porta della bora / medio-alto Adriatico, come il 11 dicembre / 15 dicembre 2001
    - l'8% ha valicato le Alpi, vedi 3 marzo / 8 marzo 1971
    - il 13% si è buttato dal Rodano, ottimo esempio il 29 gennaio / 3 febbraio 1956
    - il 28% è passato sopra le Alpi, esempio il 3 febbraio / 13 febbraio 1991
    - il 5% è finito in Spagna, come nel lontano 5 febbaio / 14 febbraio 1870
    - il 10% ha avuto altre traiettorie, o molto alte o è rimasto confinato all'est Europa

    (il punto di partenza è puramente indicativo)
    Insomma a dar retta alla pura statistica, l'Europa centrale ne esce favorita, come già era chiaro dalla mappa di densità del primo post. Si vedrà

    Gran lavoro!
    Fioca = pulenta e gnoca

  10. #10
    Burrasca L'avatar di Adriano90
    Data Registrazione
    12/01/11
    Località
    Roma (Montesacro)
    Messaggi
    5,074
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Retrogressioni invernali

    Grande wolf...ma che ne pensa la presidenza del sito di farne un articolo per MNW a disposizione di tutti?
    Always looking at the sky.


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •