Pagina 24 di 78 PrimaPrima ... 1422232425263474 ... UltimaUltima
Risultati da 231 a 240 di 778
  1. #231
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    26,956
    Menzionato
    423 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da alaska63 Visualizza Messaggio
    Apro e chiudo l'OT
    Se sono godibili da me giornate con temperature max sui 25° ma con l'83% di UR al mattino derivanti dai puntuali rovesci pomeridiani che abbassano di poco la temperatura ma alzano terribilmente l'umidità allora abbiamo visioni diverse su cosa significhino giornate godibili.
    Sono per me le giornate più brutte.
    Chiuso OT
    oddio, saranno godibili allora +35 col 60%
    su 99/100esimi di Italia sta facendo t più che umane, che poi ci sia qualche località sfigata non si discute.
    ma le carte mostrano assolutamente T godibili in linea generale, mi sembra difficile specificare ogni comune dove non lo sono
    poi non ho capito: fai la massima al mattino?
    Si vis pacem, para bellum.

  2. #232
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    26,956
    Menzionato
    423 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    lol







    carta più calda del run entro le 300h:

    Si vis pacem, para bellum.

  3. #233
    Vento forte L'avatar di Alesa
    Data Registrazione
    18/09/21
    Località
    Alpignano
    Età
    30
    Messaggi
    3,490
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    le famose seccature potenti
    a luglio
    non è che se ne fa una in 20 anni significa che sia normale... direi che a luglio non sia più tempo di atlantico, non a caso hai dovuto citare uno degli outbreak più tosti della storia recente con il tornado EF3 in Brianza
    Capiamoci, roba che arriva da WModelli Giugno 2023: inizia l'inferno?
    Parlavo di adesso comunque. Non so da quanto sul radar non vedo qualcosa arrivare da W
    Inviato dal mio CPH2343 utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di Alesa; 02/06/2023 alle 12:17

  4. #234
    Uragano L'avatar di Dream Designer
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. / Cassano D'Adda (MI)
    Età
    35
    Messaggi
    21,391
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Io comunque non vorrei innescare una polemica, ma esattamente tre anni fa, avveniva una roba simile:



    TRE anni fa, T R E, il mese finì sottomedia.

    Ora i modelli vedono una situazione borderline con instabilità pomeridiana e isoterme comprese fra la +9 e la +14 per diversi giorni e da diversi commenti sembra come se i modelli stessero leggendo chissà che dinamiche fuori di senno: secondo me quello che vi/ci fotte è più l'aspetto psicologico rispetto alla reale possibilità di avvenuta degli eventi ancora, perchè i modelli sono mostrano nulla di inconsueto secondo me: sono semplicemente carte molto belle di una partenza estiva stragodibile, non mostrano un qualcosa che non sarebbe mai potuto più avvenire.



    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    Inizio rilevazioni Gennaio 2002, estremi: -3.6 (2014) +38.3 (2007)


  5. #235
    Bava di vento
    Data Registrazione
    08/05/23
    Località
    san zenone degli ezzelini
    Età
    34
    Messaggi
    229
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da Alesa Visualizza Messaggio
    Io noto una cosa strana però. Da ovest non avanza più nulla, nel senso che non si intravedono le famose saccature potenti, stile 7 luglio 2001 ecc. A cosa è dovuto ciò? Alta sulle Azzorre?
    Tutta la pioggia caduta al nw e relativa instabilità, è stata opera di correnti da NE

    Inviato dal mio CPH2343 utilizzando Tapatalk

    Molto semplicemente il calore si redistribuisce casualmente

  6. #236
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    26,956
    Menzionato
    423 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da Dream Designer Visualizza Messaggio
    Io comunque non vorrei innescare una polemica, ma esattamente tre anni fa, avveniva una roba simile:

    Immagine


    TRE anni fa, T R E, il mese finì sottomedia.

    Ora i modelli vedono una situazione borderline con instabilità pomeridiana e isoterme comprese fra la +9 e la +14 per diversi giorni e da diversi commenti sembra come se i modelli stessero leggendo chissà che dinamiche fuori di senno: secondo me quello che vi/ci fotte è più l'aspetto psicologico rispetto alla reale possibilità di avvenuta degli eventi ancora, perchè i modelli sono mostrano nulla di inconsueto secondo me: sono semplicemente carte molto belle di una partenza estiva stragodibile, non mostrano un qualcosa che non sarebbe mai potuto più avvenire.

    no ma arriviamo da un mese abbondante dinamico, in media o sotto per buona parte di Italia e non c'è la minima traccia di caldo vero nei gm.
    se è per questo allora UN ANNO FA ha fatto il maggio-ottobre più caldo della storia per tutto il NI e mezza Europa.
    nel 2019 ha fatto un giugno che definire allucinante è dire poco.

    il riassunto è: se ci si lamenta non va bene (e ci sta), se si esulta per una partenza estiva che obiettivamente fa fatica, dopo un maggio addirittura troppo piovoso ma che ha messo una pezza ad una siccità altrettanto storica per alcune regioni allora siamo "distorti psicologicamente".



    nessuno ha scritto che sta facendo un qualcosa di impossibile, comunque, lo hai visto solo te.
    Si vis pacem, para bellum.

  7. #237
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Ban (Bz)
    Messaggi
    19,188
    Menzionato
    77 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da Dream Designer Visualizza Messaggio
    Io comunque non vorrei innescare una polemica, ma esattamente tre anni fa, avveniva una roba simile:
    Immagine
    TRE anni fa, T R E, il mese finì sottomedia.
    Ora i modelli vedono una situazione borderline con instabilità pomeridiana e isoterme comprese fra la +9 e la +14 per diversi giorni e da diversi commenti sembra come se i modelli stessero leggendo chissà che dinamiche fuori di senno: secondo me quello che vi/ci fotte è più l'aspetto psicologico rispetto alla reale possibilità di avvenuta degli eventi ancora, perchè i modelli mostrano nulla di inconsueto secondo me: sono semplicemente carte molto belle di una partenza estiva stragodibile, non mostrano un qualcosa che non sarebbe mai potuto più avvenire.


    Eh no!
    Capiamoci: come se ne stanno accorgendo anche i redivivi e rifioriti piemontesi, post-aridità, NON hanno ricevuto nulla che fosse da Sud o quantomeno d'origine occidentale scesa poi sul Mediterraneo.

    L'anomalia è proprio nel numero che ribadisci in maiuscolo: ti par normale che a Cassano d'Adda non passi una sberla di ostro-libeccio da 3 anni come quella postata?
    O quantomeno un evento libecciale importante da 42h di precipitazioni costanti, diffuse ed estese da Biella a Belluno -ed oltre-?
    L'anomalia è tutta alpina, senza dover venir preso a pesci in faccia perché l'ho ripetuto da fine aprile tipo 34 volte.

    L'Atlantico morto è gravissimo, è un palese segno di squilibrio pesante delle figure bariche che han fatto il nostro clima e per nostro intendo quello della regione alpina e delle sue sottostanti pianure! Ha i potenziali connotati di qualcosa di estremamente grave, indi anomalo e semplicemente nuovo per questi territori e per la successiva presenza umana moderna.

    Località che viaggiano sui 1000-1500mm annui non possono improvvisamente trovarsi su regimi piovosi dimezzati. Lo sconvolgimento che ne sta seguendo non è più latente e localizzato ma esteso e sempre più palese.

    Qui son cambiati i cicli stagionali fungini, dal 2010 sempre più frequentemente i boschi sono andati in perdita selettiva del fogliame per evitare di morire seccate.
    Qui eh, non a Brindisi, Bitritto o Stornara (Fg).
    Qui.


    E ribadisco: nessuna polemica.
    Ma non vedo molti margini di interpretazione o di ridimensionamento di un'anomalia molto brutta che ci riguarda in pieno, cioè la morte dell'Atlantico, volendo una metafora meno StudioAperto: l'impossibilità delle LP di riempire coi loro gpt bassi l'area europea atlantica che consente di donarci forti precipitazioni.
    E non solo noialtri disagiati alpini.
    Firenze e grandissima parte della Toscana, le pianure prealpine tutte, il Ponente e Levante ligure, ecc. ecc.
    E la Slovenia anche, coi suoi massimi di precipitazione annua europei: punte oltre i 3000mm annui non le fai senza libeccio teso ed ostro.
    Fine.


    Eccola qua l'instabilità da Nordest: Carinzia e Stiria ben irrigate, dagli Alti Tauri in giù la convezione temporalesca si limita alle quote medie e le valli maggiori resterebbero perlopiù all'asciutto...
    pcp12h.z1.5.png


    Vedremo stasera come evolve coi LAM per il 3-4 giugno, ci sarebbero 6-8h di SW, libeccio, che permetterebbero più esposizione a fenomeni convettivi con garanzia di darci più di 1-2mm come nelle ultime 2 settimane abbiamo visto.
    La LP Andrea di metà maggio avrebbe dovuto ripetersi altre 4-6 volte per lasciarmi in ban, in Autobahn.
    Maggio l'aveva proposto uno scenario ripetutamente perturbato, invece niente.
    o sto male, o posto male. O ho riposto male le fiducie nella civiltà umana, Uma Thurman capirebbe. O posto male o post-pandemia la fiducia nella scienza s'è persa come Andrea di De André che non sa tornare. Uma salvaci tu. Una firma che è un quasi haiku.

  8. #238
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    21,792
    Menzionato
    953 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    Eh no!
    Capiamoci: come se ne stanno accorgendo anche i redivivi e rifioriti piemontesi, post-aridità, NON hanno ricevuto nulla che fosse da Sud o quantomeno d'origine occidentale scesa poi sul Mediterraneo.

    L'anomalia è proprio nel numero che ribadisci in maiuscolo: ti par normale che a Cassano d'Adda non passi una sberla di ostro-libeccio da 3 anni come quella postata?
    O quantomeno un evento libecciale importante da 42h di precipitazioni costanti, diffuse ed estese da Biella a Belluno -ed oltre-?
    L'anomalia è tutta alpina, senza dover venir preso a pesci in faccia perché l'ho ripetuto da fine aprile tipo 34 volte.

    L'Atlantico morto è gravissimo, è un palese segno di squilibrio pesante delle figure bariche che han fatto il nostro clima e per nostro intendo quello della regione alpina e delle sue sottostanti pianure! Ha i potenziali connotati di qualcosa di estremamente grave, indi anomalo e semplicemente nuovo per questi territori e per la successiva presenza umana moderna.

    Località che viaggiano sui 1000-1500mm annui non possono improvvisamente trovarsi su regimi piovosi dimezzati. Lo sconvolgimento che ne sta seguendo non è più latente e localizzato ma esteso e sempre più palese.

    Qui son cambiati i cicli stagionali fungini, dal 2010 sempre più frequentemente i boschi sono andati in perdita selettiva del fogliame per evitare di morire seccate.
    Qui eh, non a Brindisi, Bitritto o Stornara (Fg).
    Qui.


    E ribadisco: nessuna polemica.
    Ma non vedo molti margini di interpretazione o di ridimensionamento di un'anomalia molto brutta che ci riguarda in pieno, cioè la morte dell'Atlantico, volendo una metafora meno StudioAperto: l'impossibilità delle LP di riempire coi loro gpt bassi l'area europea atlantica che consente di donarci forti precipitazioni.
    E non solo noialtri disagiati alpini.
    Firenze e grandissima parte della Toscana, le pianure prealpine tutte, il Ponente e Levante ligure, ecc. ecc.
    E la Slovenia anche, coi suoi massimi di precipitazione annua europei: punte oltre i 3000mm annui non le fai senza libeccio teso ed ostro.
    Fine.


    Eccola qua l'instabilità da Nordest: Carinzia e Stiria ben irrigate, dagli Alti Tauri in giù la convezione temporalesca si limita alle quote medie e le valli maggiori resterebbero perlopiù all'asciutto...
    pcp12h.z1.5.png


    Vedremo stasera come evolve coi LAM per il 3-4 giugno, ci sarebbero 6-8h di SW, libeccio, che permetterebbero più esposizione a fenomeni convettivi con garanzia di darci più di 1-2mm come nelle ultime 2 settimane abbiamo visto.
    La LP Andrea di metà maggio avrebbe dovuto ripetersi altre 4-6 volte per lasciarmi in ban, in Autobahn.
    Maggio l'aveva proposto uno scenario ripetutamente perturbato, invece niente.
    Però Heinrich non si può certo pensare che si possa recuperare tutto in estate.
    Va bene che sono morte le libecciate, ma da quando l'estate è estate, anche all'epoca dei Romani dalle fonti storiche, il tipo di vento prevalente sull'Adriatico e lo Ionio è sempre stato quello da settentrione in questa stagione, non il libeccio.
    Voglio dire, non si può immaginare di avere libecciate potenti ora che è estate, una stagione che è piuttosto tranquilla e statica. Ci sono di certo libecciate anche in questa stagione, ma sono rare. Estati come la 2021, in cui ve ne furono tante, sono l'eccezione e non la regola specialmente nel clima odierno, dove col sollevamento della fascia anticiclonica anche le Alpi vengono ormai inglobate spesso nella stabilità che è sempre stata più tipica del Mediterraneo.

  9. #239
    Uragano L'avatar di Dream Designer
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. / Cassano D'Adda (MI)
    Età
    35
    Messaggi
    21,391
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    Eh no!
    Capiamoci: come se ne stanno accorgendo anche i redivivi e rifioriti piemontesi, post-aridità, NON hanno ricevuto nulla che fosse da Sud o quantomeno d'origine occidentale scesa poi sul Mediterraneo.

    L'anomalia è proprio nel numero che ribadisci in maiuscolo: ti par normale che a Cassano d'Adda non passi una sberla di ostro-libeccio da 3 anni come quella postata?
    O quantomeno un evento libecciale importante da 42h di precipitazioni costanti, diffuse ed estese da Biella a Belluno -ed oltre-?
    L'anomalia è tutta alpina, senza dover venir preso a pesci in faccia perché l'ho ripetuto da fine aprile tipo 34 volte.

    L'Atlantico morto è gravissimo, è un palese segno di squilibrio pesante delle figure bariche che han fatto il nostro clima e per nostro intendo quello della regione alpina e delle sue sottostanti pianure! Ha i potenziali connotati di qualcosa di estremamente grave, indi anomalo e semplicemente nuovo per questi territori e per la successiva presenza umana moderna.

    Località che viaggiano sui 1000-1500mm annui non possono improvvisamente trovarsi su regimi piovosi dimezzati. Lo sconvolgimento che ne sta seguendo non è più latente e localizzato ma esteso e sempre più palese.

    Qui son cambiati i cicli stagionali fungini, dal 2010 sempre più frequentemente i boschi sono andati in perdita selettiva del fogliame per evitare di morire seccate.
    Qui eh, non a Brindisi, Bitritto o Stornara (Fg).
    Qui.


    E ribadisco: nessuna polemica.
    Ma non vedo molti margini di interpretazione o di ridimensionamento di un'anomalia molto brutta che ci riguarda in pieno, cioè la morte dell'Atlantico, volendo una metafora meno StudioAperto: l'impossibilità delle LP di riempire coi loro gpt bassi l'area europea atlantica che consente di donarci forti precipitazioni.
    E non solo noialtri disagiati alpini.
    Firenze e grandissima parte della Toscana, le pianure prealpine tutte, il Ponente e Levante ligure, ecc. ecc.
    E la Slovenia anche, coi suoi massimi di precipitazione annua europei: punte oltre i 3000mm annui non le fai senza libeccio teso ed ostro.
    Fine.


    Eccola qua l'instabilità da Nordest: Carinzia e Stiria ben irrigate, dagli Alti Tauri in giù la convezione temporalesca si limita alle quote medie e le valli maggiori resterebbero perlopiù all'asciutto...
    pcp12h.z1.5.png


    Vedremo stasera come evolve coi LAM per il 3-4 giugno, ci sarebbero 6-8h di SW, libeccio, che permetterebbero più esposizione a fenomeni convettivi con garanzia di darci più di 1-2mm come nelle ultime 2 settimane abbiamo visto.
    La LP Andrea di metà maggio avrebbe dovuto ripetersi altre 4-6 volte per lasciarmi in ban, in Autobahn.
    Maggio l'aveva proposto uno scenario ripetutamente perturbato, invece niente.
    Guarda che il discorso era annesso al post, non era in senso generale e assoluto: è ovvio che ormai ci sono cose che con questo tipo di clima effettivamente non torneranno, si parlava di questo mese inizio di Giugno che sembra profilarsi 'normale', non mi pare si scorgano scenari d'altri tempi nelle carte, era questo il discorso.

    Inviato dal mio SM-S901B utilizzando Tapatalk


    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    Inizio rilevazioni Gennaio 2002, estremi: -3.6 (2014) +38.3 (2007)


  10. #240
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    21,792
    Menzionato
    953 Post(s)

    Predefinito Re: Modelli Giugno 2023: inizia l'inferno?

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    lol

    Immagine



    Immagine



    carta più calda del run entro le 300h:

    Immagine
    Clima perfetto su tutto il Mediterraneo, pure in Spagna.
    All win.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •