Pagina 340 di 345 PrimaPrima ... 240290330338339340341342 ... UltimaUltima
Risultati da 3,391 a 3,400 di 3446
  1. #3391
    Tempesta violenta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    12,772
    Menzionato
    671 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da Lake Visualizza Messaggio
    Ben scritto, hoìbò sono cascato dalla sedia leggendo che il sole non ha nessuna correlazione correlazione con il clima, hai risposto anche per me, grazie.
    Io ho scritto che non ha molta influenza sul riscaldamento odierno, non che non ne abbia.

  2. #3392
    Bava di vento
    Data Registrazione
    09/08/20
    Località
    pozza di fassa
    Età
    36
    Messaggi
    151
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Non credo tutto ciò sia sufficiente a spiegare il riscaldamento recente, anche se sicuramente ha contribuito, a mio parere è evidente ci sia una forte componente antropica.
    La mia non era una giustificazione
    È la constatazione di un fatto basato su principi fisici elementari.
    Quanto all'influenza delle attività umane, bisognerebbe capire quanto co2 è prodotta dalle suddette attività e quanta dagli oceani tanto per citare un esempio.
    Poi, se la co2 assorbe l'energia in uscita e la re irradia in tutte le direzioni ma a distribuire il calore in giro conseguentemente è sempre il vapore acqueo , codesto condensando non fa aumentare l'albedo e ridurre l'energia in entrata ?
    Tutte queste domande son molto semplici ma attualmente una risposta non c'è.
    Non è ideologia al contrario di chi dice che le cose stanno in un certo modo o in un altro ma solo un interrogazione.
    I dati mancano purtroppo e codesto sono affidabili fino alla seconda metà del 900, più affidabili ancora quelli post anni 80 del 900 perché satellitari.
    Prima ci si affida solo ai dati di prossimità e per l'appunto non garantiscono con certezza cosa e come è stato ed escludono una qualsivoglia proiezione futura data dai modelli che seppur rispettabili sono e restano degli elaboratori e calcolatori che anche nelle previsioni meteorologiche a breve termine risultano affidabili non al 100%.
    Quanto al resto, in un verso o nell'altro, le parole rimangono quelle che sono, solo parole.

  3. #3393
    Bava di vento
    Data Registrazione
    09/08/20
    Località
    pozza di fassa
    Età
    36
    Messaggi
    151
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da Lake Visualizza Messaggio
    Ben scritto, hoìbò sono cascato dalla sedia leggendo che il sole non ha nessuna correlazione correlazione con il clima, hai risposto anche per me, grazie.
    Prego !

  4. #3394
    Bava di vento
    Data Registrazione
    11/08/20
    Località
    Mestre (VE)
    Messaggi
    161
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    se per mostruoso intendi "spaventoso" sono d'accordo con te. L'innaturale impennata delle T negli ultimi anni in effetti fa davvero spavento.
    Dimmi qual'è la "spaventosa" impennata delle temperature degli ultimi anni, 0,9 C° mi sembra. Certo proprio spaventosa!

  5. #3395
    Vento moderato
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    1,314
    Menzionato
    311 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da setra85 Visualizza Messaggio
    C'è correlazione invece tra bassa attività solare e riscaldamento delle masse oceaniche con relativo rilascio di calore
    Sappiamo che l'energia ne si crea ne si distrugge ma si trasforma cambiando continuamente forma.
    Il calore passa dunque sempre da un corpo più caldo a uno più freddo.
    Sappiamo anche che i corpi non accumulano calore ma energia interna quale somma di energia potenziale ed energia cinetica ( movimento - calore ) e tale somma deve rimanere costante, se aumenta una diminuisce l'altra e viceversa.
    L'unica fonte perpetua di energia nel nostro sistema solare è per l'appunto il sole
    Meno energia arriva da esso più energia verrà trasformata da potenziale a cinetica in chi la riceve.
    Vale a dire che il riscaldamento degli oceani altro non è che energia trasformata da potenziale accumulata nei decenni precedenti a cinetica ( calore ).
    Da qui la ripresa alla tendenza al riscaldamento concomitante con la ridotta attività solare negli ultimi decenni.
    Alternanti fasi di zone ad attività convettiva intertropicale come il fenomeno enso seguenti ad alternanti tendenti variabilità delle fonti di calore che ricordo essere molteplici al mondo e non una sola a mio parere variano per il continuo variare della circolazione oceanica terrestre unita a quella atmosferica, che son due facce della stessa medaglia.
    Sappiamo anche che la circolazione generale oceanica e atmosferica redistribuisce continuamente il calore attorno al globo e inevitabilmente ne determina il tempo atmosferico avendo un peso sulle medie precipitative, quantità di irraggiamento, copertura nuvolosa, umidità ed infine sulle tanto chiacchierate medie termiche.
    Tutto questo discorso non ha alcun senso, in quale forma diversa dal calore dovrebbe accumularsi questa energia potenziale? E come sarebbe fisicamente possibile che una riduzione di energia in ingresso produca un aumento di temperatura generalizzato sia negli oceani sia un atmosfera, è una assurdità fisica. Se la diminuzione di attività solare fosse stata sufficiente a ridurre la temperatura atmosferica allora gli oceani avrebbero cominciato a cedere calore, ma non in misura sufficiente a compensare il calo.

    Le misurazioni mostrano senza dubbio alcuno che l'energia totale del sistema oceani-atmosfera ha continuato a crescere anche dopo il calo di attività solare, la temperatura è cresciuta sia in atmosfera sia a tutte le profondità oceaniche. Peraltro la riduzione di energia proveniente dal sole è stata misurata direttamente ed è irrisoria, molto inferiore ai forcing antropici stimati e all'energia necessaria per far variare in modo significativo la temperatura globale.

    Quindi riduzione di attività solare può aver rallentato un minimo il riscaldamento ma nulla più.

  6. #3396
    Tempesta violenta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    12,772
    Menzionato
    671 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Dimmi qual'è la "spaventosa" impennata delle temperature degli ultimi anni, 0,9 C° mi sembra. Certo proprio spaventosa!
    Potrebbe divenirlo visto che è possibile che entro il 2100 l'impennata divenga di oltre 3° sulla preindustriale, il tutto in 200 anni di cui 2° presi in 100 anni, cambiamento molto forte visto che non è associato a gravi sconvolgimenti globali.

  7. #3397
    Vento moderato
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    1,314
    Menzionato
    311 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da setra85 Visualizza Messaggio
    La mia non era una giustificazione
    È la constatazione di un fatto basato su principi fisici elementari.
    Quanto all'influenza delle attività umane, bisognerebbe capire quanto co2 è prodotta dalle suddette attività e quanta dagli oceani tanto per citare un esempio.
    Poi, se la co2 assorbe l'energia in uscita e la re irradia in tutte le direzioni ma a distribuire il calore in giro conseguentemente è sempre il vapore acqueo , codesto condensando non fa aumentare l'albedo e ridurre l'energia in entrata ?
    Tutte queste domande son molto semplici ma attualmente una risposta non c'è.
    Non è ideologia al contrario di chi dice che le cose stanno in un certo modo o in un altro ma solo un interrogazione.
    I dati mancano purtroppo e codesto sono affidabili fino alla seconda metà del 900, più affidabili ancora quelli post anni 80 del 900 perché satellitari.
    Prima ci si affida solo ai dati di prossimità e per l'appunto non garantiscono con certezza cosa e come è stato ed escludono una qualsivoglia proiezione futura data dai modelli che seppur rispettabili sono e restano degli elaboratori e calcolatori che anche nelle previsioni meteorologiche a breve termine risultano affidabili non al 100%.
    Quanto al resto, in un verso o nell'altro, le parole rimangono quelle che sono, solo parole.
    Le risposte non ci sono solo se non le vuoi vedere.

    La produzione di CO2 da attività umane è molto superiore all'incremento delle concentrazioni in atmosfera, gli oceani e la biosfera hanno aumentato l'assorbimento di CO2 in conseguenza all'aumento delle concentrazioni (anche ora assorbono circa metà delle emissioni umane), quindi la risposta alla tua domanda è che il 100% dell' aumento di concentrazioni è dovuto alle attività umane e non c'è alcun dubbio su questo.

    Sul vapore acqueo l'aumento delle temperature aumenta anche la quantità di vapore presente in atmosfera (altrimenti avresti minore UR e minore albedo), che quindi aumenta il suo contributo radiativo con un noto feedback positivo. Non c'è alcun motivo per aspettarsi un aumento di albedo dalle nuvole e infatti non si vede dalle misurazioni dei satelliti.

  8. #3398
    Bava di vento
    Data Registrazione
    09/08/20
    Località
    pozza di fassa
    Età
    36
    Messaggi
    151
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Le risposte non ci sono solo se non le vuoi vedere.

    La produzione di CO2 da attività umane è molto superiore all'incremento delle concentrazioni in atmosfera, gli oceani e la biosfera hanno aumentato l'assorbimento di CO2 in conseguenza all'aumento delle concentrazioni (anche ora assorbono circa metà delle emissioni umane), quindi la risposta alla tua domanda è che il 100% dell' aumento di concentrazioni è dovuto alle attività umane e non c'è alcun dubbio su questo.

    Sul vapore acqueo l'aumento delle temperature aumenta anche la quantità di vapore presente in atmosfera (altrimenti avresti minore UR e minore albedo), che quindi aumenta il suo contributo radiativo con un noto feedback positivo. Non c'è alcun motivo per aspettarsi un aumento di albedo dalle nuvole e infatti non si vede dalle misurazioni dei satelliti.
    certo che si , riguardo alle misurazioni dei satelliti hai dati riguardo all'albedo ?
    grazie

  9. #3399
    Bava di vento
    Data Registrazione
    09/08/20
    Località
    pozza di fassa
    Età
    36
    Messaggi
    151
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Tutto questo discorso non ha alcun senso, in quale forma diversa dal calore dovrebbe accumularsi questa energia potenziale? E come sarebbe fisicamente possibile che una riduzione di energia in ingresso produca un aumento di temperatura generalizzato sia negli oceani sia un atmosfera, è una assurdità fisica. Se la diminuzione di attività solare fosse stata sufficiente a ridurre la temperatura atmosferica allora gli oceani avrebbero cominciato a cedere calore, ma non in misura sufficiente a compensare il calo.

    gentile snowholic,
    l'energia potenziale è assimilabile all'energia elastica




    Le misurazioni mostrano senza dubbio alcuno che l'energia totale del sistema oceani-atmosfera ha continuato a crescere anche dopo il calo di attività solare, la temperatura è cresciuta sia in atmosfera sia a tutte le profondità oceaniche. Peraltro la riduzione di energia proveniente dal sole è stata misurata direttamente ed è irrisoria, molto inferiore ai forcing antropici stimati e all'energia necessaria per far variare in modo significativo la temperatura globale.

    Quindi riduzione di attività solare può aver rallentato un minimo il riscaldamento ma nulla più.

    gentile snowholic,
    l'energia potenziale è assimilabile all'energia elastica il quale può trovare semplicemente delucidazioni in internet senza far fatica mentale
    non è come dice lei " questa energia potenziale " bensi una forma di energia potenziale appunto e non espressa ( cinetica )
    La diminuzione dell'attività solare non può in ogni caso diminuire la temperatura della bassa atmosfera in quanto il passaggio di calore avviene sempre dall'irradiato all'aria
    viceversa per reazioni chimiche il raffreddamento dell'atmosfera si ha si ma nell'alta atmosfera
    Ultima modifica di setra85; 20/05/2021 alle 22:31 Motivo: errore

  10. #3400
    Bava di vento L'avatar di Boba Fett
    Data Registrazione
    22/11/08
    Località
    Perugia
    Età
    33
    Messaggi
    236
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Artico verso l'abisso... eppure lo dicevamo che...

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Potrebbe divenirlo visto che è possibile che entro il 2100 l'impennata divenga di oltre 3° sulla preindustriale, il tutto in 200 anni di cui 2° presi in 100 anni, cambiamento molto forte visto che non è associato a gravi sconvolgimenti globali.
    È un po' come l'inizio di una curva dei contagi esponenziale

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •