Pagina 16 di 19 PrimaPrima ... 61415161718 ... UltimaUltima
Risultati da 151 a 160 di 181

Discussione: Inverno 2004-2005

  1. #151
    Josh
    Ospite

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Citazione Originariamente Scritto da federer Visualizza Messaggio
    Non c'è nessuna contesa...Si rispondeva a ligure che diceva che noi siamo fuori dall'europa perchè abbiamo un clima diverso e opposto, quando invece è il contrario ne più ne meno
    Fuori dall'Europa noi del centrosud non siamo.Abbiamo solo affinità di configurazioni con la penisola balcanica,non ravvisabili nel nordovest.

  2. #152
    Burrasca L'avatar di nevoso84
    Data Registrazione
    27/02/04
    Località
    Decollatura(CZ)-765 slm
    Età
    36
    Messaggi
    5,454
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Citazione Originariamente Scritto da Stau Visualizza Messaggio
    E' lo stesso discorso che ho fatto qui o nell'altro thread prima: le configurazioni buone spesso variano da regione a regione, qui il Rodano è ottimo pure qui ma c'è Rodano e Rodano: ad esempio tu ricordi bene quello del Febbraio 1983 che qui non fece un fico secco mentre io ricordo benone e volentieri quello del 18-19 Dicembre 2009 che mi diede 20 cm con T = -3°C e che da te se non erro fu una ciofeca.

    Ergo è ovvio che ognuno ha la sua configurazione che è buona per la tal zona e che già a poche decine di km di distanza può non andare bene.
    Mi viene in mente ad esempio il 5 Gennaio 2010, giornata incredibile: a Ferrara splendida nevicata da cuscino con 10 cm cumulati, a Adria solo pioggia quel giorno. E distiamo 40-45 km in linea d'aria!
    Oppure anche all'interno delle Alpi, con il SE, quando a Sondrio non fa niente o quasi e da Morbegno in giù nevica abbestia

    La configurazione buona anche per una singola regione è difficile trovarla figuriamoci per un intero Paese appunto.
    non esiste figuriamocci. Tuttavia se nevica sull'adriatico e qui fa minimone tra i -7 e i -10 non posso dire che quella data configurazione non sia ottima anche per la mia zona. Poi se uno è un nivofilo che vorrebbe sempre nevicare sul proprio orticello è un altro discorso. Ci mancherebbe penso che su questo forum tutti amino la neve, ma non è l'unico fenomeno meteo interessante che si può avere in inverno o sbaglio? Per me può essere interessante anche una bomba mediterranea in pieno gennaio che certo non apporta nevicate con onde alte sino a 10M sulle coste ioniche calabresi
    Agosto 2018-> 188mm (media storica 29mm) Min più assoluta Dic '18-> -3,6°C
    min assoluta Gen '19->-6,2 (4/1)_Max più bassa Gen->0,5°C (4/1)
    Ott->345mm/ Nov-> 284mm/ Dic->198,5mm

  3. #153
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    09/12/20
    Località
    SS
    Età
    26
    Messaggi
    270
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005


  4. #154
    Vento moderato L'avatar di Daniel92
    Data Registrazione
    27/01/19
    Località
    Polverigi (AN) 140mslm - Marche
    Età
    28
    Messaggi
    1,167
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Un'inverno d'oro quello del 2004/2005 che rientra dritto negli annali della storia meteo, forse uno dei migliori inverni di questo ultimo ventennio. Ricordo con piacere la settimana del nevone proprio sotto i giorni della merla a Gennaio, circa mezzo metro qui a 20 km dalla costa, le interne collinari dai 300-400mt sepolte da metrate di neve.. poi si susseguirono altri episodi freddi tra la parte finale di Febbraio e gli esordi di Marzo, furono diverse le occasioni nevose.

  5. #155
    Vento moderato L'avatar di Daniel92
    Data Registrazione
    27/01/19
    Località
    Polverigi (AN) 140mslm - Marche
    Età
    28
    Messaggi
    1,167
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    E che blocco poi, azzorriano e orso russo dopatissimi all'epoca ..

    Inverno 2004-2005-cfsr_1_2005012612_1.png

  6. #156
    Vento teso L'avatar di GiagiKarlo
    Data Registrazione
    31/12/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    16
    Messaggi
    1,732
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Ne ho già parlato, accennandolo, qualche volta, ma ora vi faccio un resoconto completo.
    Allora, qui l'inverno vero inizia il 23 gennaio, quando cadono i primi 6 cm di un inverno anonimo fino a quel momento, ma da lì a marzo sarà apoteosi.
    Il 24 gennaio alti 4 cm molto bagnati (estremi: +0,6°/+3,3°), ma il giorno dopo inizia la tormenta di neve. Tormenta che prosegue dalle prime ore del 25 gennaio ininterrottamente fino al 30 gennaio, buttando al suolo 180 cm di neve ventatissimi, con cumuli creati dalle raffiche che raggiungono i 4 m.
    La Flaminia viene a tratti chiusa, sulla carreggiata non si passa e gli spazzaneve non sono sufficienti a pulire propriamente la strada. Le frazioni di Gualdo sono per la maggior parte isolate, così come molte case del centro storico, raggiungibili solo tramite stretti vicoli, dove il vento accumula la neve.
    Ma non è finita qui.
    Il 31 gennaio si sale finalmente sopra lo 0 (massima: +4,6°), dopo che dalle prime ore del 25 si era sempre rimasti sotto. I giorni successivi sono giorni inversionali e fino al 14 febbraio ci sono solo altri due brevissimi episodi nevosi (1 e 4 febbraio, con 1,5 cm totali). Il 1° febbraio si raggiungono i -9,1° che saranno la temperatura minima di quell'inverno.
    Comunque, dopo una breve scaldata il 12-13 del mese, con estremi in ogni caso contenuti, la neve ritorna preponderante con oltre 40 nuovi cm tra 14 e 17. Due giorni di pausa, e rinevica il 21 febbraio.
    Da quel momento quasi ogni giorno fino all'8 marzo vedrà precipitazioni, ovviamente sempre nevose con circa 85 cm totali nei peggioramenti che portano nuova neve tranne alcuni episodi di pioggia il 4 e 6 marzo, comunque irrisori se comparati alla quantità di neve.
    Il 10 marzo finisce questo magico periodo per gli appassionati di neve che porterà ben 330 cm totali di neve (periodo 23 gennaio-8 marzo) per 309,5 mm di precipitazione con una temperatura media di suddetto periodo di +0,6°, ben -4,5° rispetto alla media usata allora (basata su dati oggi purtroppo non più rintracciabili).

    Il 2005 si concluderà con un'altra ottima nevicata a novembre (20 cm) e varie nevicatine a dicembre (altri 10-15 cm, purtroppo non trovo dati affidabili) che portano i 365 giorni del mio primo anno d'età ad un accumulo totale nevoso storico di oltre 360 cm, rendendolo secondo, a livello nevoso, solo ad un certo 1956.
    Inoltre il periodo di permanenza della neve al suolo (48 giorni) supera lo storico '56 e va direttamente accodato all'ancora più storico 1929.

    Quell'anno per noi appenninici fu magico ed ogni 1° dicembre, puntualmente, mi chiedo se in vita mia riuscirò mai a vivere un evento simile.
    Avatar: una data che sogno spesso la notte.
    PS: la neve caduta allora era più alta della mia altezza attuale.
    PPS: sì, è il 2005.

  7. #157
    Vento moderato L'avatar di Daniel92
    Data Registrazione
    27/01/19
    Località
    Polverigi (AN) 140mslm - Marche
    Età
    28
    Messaggi
    1,167
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Citazione Originariamente Scritto da GiagiKarlo Visualizza Messaggio
    Ne ho già parlato, accennandolo, qualche volta, ma ora vi faccio un resoconto completo.
    Allora, qui l'inverno vero inizia il 23 gennaio, quando cadono i primi 6 cm di un inverno anonimo fino a quel momento, ma da lì a marzo sarà apoteosi.
    Il 24 gennaio alti 4 cm molto bagnati (estremi: +0,6°/+3,3°), ma il giorno dopo inizia la tormenta di neve. Tormenta che prosegue dalle prime ore del 25 gennaio ininterrottamente fino al 30 gennaio, buttando al suolo 180 cm di neve ventatissimi, con cumuli creati dalle raffiche che raggiungono i 4 m.
    La Flaminia viene a tratti chiusa, sulla carreggiata non si passa e gli spazzaneve non sono sufficienti a pulire propriamente la strada. Le frazioni di Gualdo sono per la maggior parte isolate, così come molte case del centro storico, raggiungibili solo tramite stretti vicoli, dove il vento accumula la neve.
    Ma non è finita qui.
    Il 31 gennaio si sale finalmente sopra lo 0 (massima: +4,6°), dopo che dalle prime ore del 25 si era sempre rimasti sotto. I giorni successivi sono giorni inversionali e fino al 14 febbraio ci sono solo altri due brevissimi episodi nevosi (1 e 4 febbraio, con 1,5 cm totali). Il 1° febbraio si raggiungono i -9,1° che saranno la temperatura minima di quell'inverno.
    Comunque, dopo una breve scaldata il 12-13 del mese, con estremi in ogni caso contenuti, la neve ritorna preponderante con oltre 40 nuovi cm tra 14 e 17. Due giorni di pausa, e rinevica il 21 febbraio.
    Da quel momento quasi ogni giorno fino all'8 marzo vedrà precipitazioni, ovviamente sempre nevose con circa 85 cm totali nei peggioramenti che portano nuova neve tranne alcuni episodi di pioggia il 4 e 6 marzo, comunque irrisori se comparati alla quantità di neve.
    Il 10 marzo finisce questo magico periodo per gli appassionati di neve che porterà ben 330 cm totali di neve (periodo 23 gennaio-8 marzo) per 309,5 mm di precipitazione con una temperatura media di suddetto periodo di +0,6°, ben -4,5° rispetto alla media usata allora (basata su dati oggi purtroppo non più rintracciabili).

    Il 2005 si concluderà con un'altra ottima nevicata a novembre (20 cm) e varie nevicatine a dicembre (altri 10-15 cm, purtroppo non trovo dati affidabili) che portano i 365 giorni del mio primo anno d'età ad un accumulo totale nevoso storico di oltre 360 cm, rendendolo secondo, a livello nevoso, solo ad un certo 1956.
    Inoltre il periodo di permanenza della neve al suolo (48 giorni) supera lo storico '56 e va direttamente accodato all'ancora più storico 1929.

    Quell'anno per noi appenninici fu magico ed ogni 1° dicembre, puntualmente, mi chiedo se in vita mia riuscirò mai a vivere un evento simile.
    Tanta roba, ricordo che l'ultima settimana di Gennaio dovette intervenire l'esercito per liberare le strade dai cumuli di neve impressionanti (si parla di 4-5mt) nella zona del fabrianese, ma anche nell'entroterra pesarese sotto il Catria.

    Che invernata!!

  8. #158
    Brezza tesa L'avatar di MarcoT
    Data Registrazione
    25/08/20
    Località
    Marghera (VE)
    Età
    17
    Messaggi
    878
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Ovviamente io apocalissi nevose non posso descriverne, penso che la mia zona sia una delle zone meno nevose a questa latitudine d’Europa (ma anche di tutto l’Emisfero). Però volevo condividere uno dei miei primi flebili ricordi, marzo 2005, ero molto piccolo. Marzo 2005 comincio con due minime assurde, -6,7 l’1 e -6,6 il 2. Sono la seconda e la terza minima più bassa a marzo negli ultimi 60 anni. Il 3 marzo una delle nevicate più belle probabilmente nella storia del veneziano, sicuramente una delle più abbondanti a marzo. Il totale accumulato fu 17 cm, cioè più della media invernale storica. Tutto questo a marzo . Ho trovato anche un video quasi emozionante per me

    Marghera, 3 Marzo 2005 (2) - YouTube
    Ultima modifica di MarcoT; 05/01/2021 alle 19:34

  9. #159
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    17/04/18
    Località
    Bazzano (BO)
    Età
    32
    Messaggi
    284
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Citazione Originariamente Scritto da GiagiKarlo Visualizza Messaggio
    Ne ho già parlato, accennandolo, qualche volta, ma ora vi faccio un resoconto completo.
    Allora, qui l'inverno vero inizia il 23 gennaio, quando cadono i primi 6 cm di un inverno anonimo fino a quel momento, ma da lì a marzo sarà apoteosi.
    Il 24 gennaio alti 4 cm molto bagnati (estremi: +0,6°/+3,3°), ma il giorno dopo inizia la tormenta di neve. Tormenta che prosegue dalle prime ore del 25 gennaio ininterrottamente fino al 30 gennaio, buttando al suolo 180 cm di neve ventatissimi, con cumuli creati dalle raffiche che raggiungono i 4 m.
    La Flaminia viene a tratti chiusa, sulla carreggiata non si passa e gli spazzaneve non sono sufficienti a pulire propriamente la strada. Le frazioni di Gualdo sono per la maggior parte isolate, così come molte case del centro storico, raggiungibili solo tramite stretti vicoli, dove il vento accumula la neve.
    Ma non è finita qui.
    Il 31 gennaio si sale finalmente sopra lo 0 (massima: +4,6°), dopo che dalle prime ore del 25 si era sempre rimasti sotto. I giorni successivi sono giorni inversionali e fino al 14 febbraio ci sono solo altri due brevissimi episodi nevosi (1 e 4 febbraio, con 1,5 cm totali). Il 1° febbraio si raggiungono i -9,1° che saranno la temperatura minima di quell'inverno.
    Comunque, dopo una breve scaldata il 12-13 del mese, con estremi in ogni caso contenuti, la neve ritorna preponderante con oltre 40 nuovi cm tra 14 e 17. Due giorni di pausa, e rinevica il 21 febbraio.
    Da quel momento quasi ogni giorno fino all'8 marzo vedrà precipitazioni, ovviamente sempre nevose con circa 85 cm totali nei peggioramenti che portano nuova neve tranne alcuni episodi di pioggia il 4 e 6 marzo, comunque irrisori se comparati alla quantità di neve.
    Il 10 marzo finisce questo magico periodo per gli appassionati di neve che porterà ben 330 cm totali di neve (periodo 23 gennaio-8 marzo) per 309,5 mm di precipitazione con una temperatura media di suddetto periodo di +0,6°, ben -4,5° rispetto alla media usata allora (basata su dati oggi purtroppo non più rintracciabili).

    Il 2005 si concluderà con un'altra ottima nevicata a novembre (20 cm) e varie nevicatine a dicembre (altri 10-15 cm, purtroppo non trovo dati affidabili) che portano i 365 giorni del mio primo anno d'età ad un accumulo totale nevoso storico di oltre 360 cm, rendendolo secondo, a livello nevoso, solo ad un certo 1956.
    Inoltre il periodo di permanenza della neve al suolo (48 giorni) supera lo storico '56 e va direttamente accodato all'ancora più storico 1929.

    Quell'anno per noi appenninici fu magico ed ogni 1° dicembre, puntualmente, mi chiedo se in vita mia riuscirò mai a vivere un evento simile.
    Bellissimo racconto, però una domanda mi sorge spontanea: ma come fai a ricordarti l'inverno 2004-2005 se eri appena nato??

  10. #160
    Vento forte L'avatar di Federico Ogino
    Data Registrazione
    05/12/15
    Località
    Carmagnola (TO)
    Messaggi
    3,554
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Inverno 2004-2005

    Un inverno freddino, con una prima metà mite e una seconda più fredda. Dicembre il più mite e mese con precipitazioni nella norma, gennaio vicino alla norma ma mese secchissimo e con diverse sfavoniate sia calde che fredde, febbraio freddo e secco con un prolungamento di freddo fino a inizio marzo.

    L'aspetto più brutto di quell'inverno fu però la pochissima neve: giusto 3 cm tra il 25/26 dicembre (penultimo Bianco Natale qui) e 4 cm il 18 gennaio, per un totale di 7 cm appena. Poi altre comparse nella terza decade di febbraio e quel terribile 3 marzo dove fui tra le pochissime zone del Nord Italia a non vedere neanche un cm, solo fioccare al mattino senza imbiancare. Tra le Beffe del Piemonte occidentale più importanti dell'ultimo ventennio.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •