Pagina 19 di 21 PrimaPrima ... 91718192021 UltimaUltima
Risultati da 181 a 190 di 201
  1. #181
    Burrasca L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint-Rhémy-en-Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    5,889
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Buongiorno.
    Questa mattina, prima di uscire di casa in direzione Saluzzo, il cielo si presentava velato e c'erano +4.5 gradi.

    Vedo che c'è un discreto entusiasmo in giro (giustificato pienamente dagli ultimissimi aggiornamenti), e questa è bella cosa.
    Tuttavia io, appartenendo alla vecchia scuola del "finché non vedo non credo", mi tengo cauto...e quindi finché non vedo fuori dalla finestra piovere, non canto vittoria.
    Si perché la distanza è ancora impervia e non ci vuole nulla a ritrovarci abbracciati -per l'ennesima volta- da uno dei tanti vogliosi tentacoli dell'instancabile piovra lì ad ovest...

  2. #182
    Burrasca
    Data Registrazione
    28/02/10
    Località
    Asti (155 m)
    Età
    23
    Messaggi
    5,204
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Mmm. Dubito che in qualsiasi posto in Europa (escluso forse le Isole Greche) possa accadere di avere 90 giorni senza neanche 1mm, neanche nelle siccità più disastrose.
    Altrochè se è possibile Walter, parliamo sicuramente di qualcosa di eccezionale, ma è effettivamente successo. Proprio nel 1997, qui nell'Astigiano a Serole, si sono avuti 108 giorni consecutivi con precipitazioni giornaliere inferiori al millimetro tra il 9 gennaio ed il 26 aprile. Ed allo stesso modo moltissime località di pianura (almeno al Nord-Ovest) hanno registrato circa 90 giorni consecutivi di siccità in quei mesi, proprio come Milano.
    Sito sul clima del presente e del passato con un riguardo particolare ai principali eventi meteorologici ad Asti e provincia: Dati Meteo Asti

  3. #183
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    24,487
    Menzionato
    89 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Fagge97 Visualizza Messaggio
    Altrochè se è possibile Walter, parliamo sicuramente di qualcosa di eccezionale, ma è effettivamente successo. Proprio nel 1997, qui nell'Astigiano a Serole, si sono avuti 108 giorni consecutivi con precipitazioni giornaliere inferiori al millimetro tra il 9 gennaio ed il 26 aprile. Ed allo stesso modo moltissime località di pianura (almeno al Nord-Ovest) hanno registrato circa 90 giorni consecutivi di siccità in quei mesi, proprio come Milano.
    Mmmm, vero vero, però, mi pare sia accaduto solo ed esclusivamente nel 1997 e solo sul Centro-E Piemonte verso NE (già nell'Alessandrino, per esempio, il periodo secco si è interrotto già il 24 febbraio, quando si superò il mm, nel Cuneese S terminò il 6 marzo, nel Torinese il 24 marzo).. Nel senso, mi sembra un caso più unico che raro, con tanto di "sfiga" configurativa che non abbia fatto arrivare al mm in quelle zone in quelle misere occasioni...
    Lou soulei nais per tuchi

  4. #184
    Vento fresco L'avatar di Marco_70
    Data Registrazione
    21/01/15
    Località
    Torino/Salbertrand
    Età
    50
    Messaggi
    2,646
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    E se non ricordo male, si arrivava da un precedente periodo molto piovoso/nevoso, ricordo di super sciate in Febbraio/Marzo

  5. #185
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    24,487
    Menzionato
    89 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Marco_70 Visualizza Messaggio
    E se non ricordo male, si arrivava da un precedente periodo molto piovoso/nevoso, ricordo di super sciate in Febbraio/Marzo
    Ricordi molto bene, il 1996 fu davvero un grande anno dal punto di vista meteo.. tutti i mesi da Luglio ad Ottobre compreso chiusero sottomedia termico e sopramedia pluvio, novembre fu vicino alle medie e dicembre di nuovo piovoso e nevoso. Sì può dire che l'estate e l'autunno del 1996 abbiano rappresentato veramente il massimo per le nostre montagne. Soprattutto ottobre, che addirittura fu "troppo" (quasi alluvionale).
    Poi, purtroppo, dopo la prima decade di gennaio 1997 qualcosa si è inceppato, e la siccità ha colpito duramente fino all'ultima decade di aprile, ma anche maggio non fu assolutamente un granchè, si ebbe un pò di compensazione con grazie a giugno e luglio più piovosi della media.
    Lou soulei nais per tuchi

  6. #186
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    24,487
    Menzionato
    89 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Visto che siamo in tema di siccità storiche, in passato ci fu un periodo simile a quello attuale e simile al 1989/1990, 1997 e 2015, e cioè il lontano 1893.
    Anche in questo caso fu una pesante siccità che riguardò la seconda parte dell'inverno e l'inizio della primavera, grosso modo direi tra febbraio e la fine di aprile/inizio maggio, simile appunto al 1997 e a questo 2019. E, da quanto si evince, lo stesso autunno 1892 e inverno 1892/1893 non fu nè piovoso nè nevoso.
    Le Cronache di Carpi (MO) recitano, in data 26 aprile 1893: "[...]abbiamo una siccità veramente straordinaria. Abbiamo avuto l'autunno sereno, l'inverno uguale tranne poca neve sciolta a forza di sole; mai bagnata sufficientemente la terra e la siccità si estese disgraziatamente a tutta l'Italia. I nostri prati non si sono rinverditi bastantemente; tutti i marzatelli non sono nati; solo il frumento nei terreni regge bastantemente; il frumentone in gran parte non è nato".
    Anche le Cronache di Biella sono dello stesso tenore, e in data 13/04/1893 raccontano "E' così lunga e persistente l'attuale siccità che i raccolti sono dappertutto gravemente minacciati... Il Vescovo ha ordinato che nelle messe e nelle benedizioni si reciti 'ad petendam pluviam' fino a che si ottenga dalla divina bontà tal benefizio"... ma la situazione rimase bloccata, perchè le cronache riportano ancora, in data 23/04/1893 "La siccità continua terribile. Da cinque mesi... Giovedì sera una nuvola passando sopra Biella inumidì la polvere appena: e poi di nuovo un cielo bronzo... Alla cattedrale è cominciata una novena per chiedere a Dio la pioggia... è stata stabilita una processione di penitenza a Oropa".
    La siccità coinvolge anche la Valle d'Aosta, come ben riportato dal Feuille d'Aoste, alla fine di aprile 1893: "Il y a six semaines que nos campagnes n'ont pas reçu une goutte de pluie et l'hiver eté sans neige [...] les blès et les froments souffrent, et l'on ne peut semer les pommes de terre que dans une terre en cendre. Nos campagnards son dans la désolation. Toute la récolte, surtout celle du fourrage est compromise [...] Le 25 avril, la bonne population de Champorcher a pu se rendre en procession au nombre de 418 personnes au Sanctuaire du Lac Miserin (alt. 2577 m) sans fouler la neige, saufsur un petit trajet en y arrivant, tandis que, en d'autres années, on avait du ajourner la fete du 5 aout, a cause de la neige qui covrait encore la montagne. Le 27 avril, la population des trois paroisses d'Aoste, representée par plus de mille personnes, s'est aussi rendue processionnellement a l'Ermitage de St Grat (alt 1765 m) sans rencontrer des traces de neige, qui était releguée sur les sommitès. Le 10 avril, on a dejà cueilli des violettes près du Col de Fenetre sur Cogne, a l'altitude de 2821 metres [...] a Pont-St-Martin et a Carema on ait cueilli des cerises mures les derniers jours du meme mois".
    Questo indica non solo che fu un periodo siccitoso, ma che fu anche decisamente caldo, tutto confermato dai dati dell'allora stazione meteorologica di Aosta (qui purtroppo non posso scendere nei dettagli perchè ne ignoro l'ubicazione precisa). Dall'analisi dei dati sul capoluogo aostano non vi fu alcuna precipitazione dal 17 marzo al 23 aprile, e in seguito alcune debolissime piogge (il 24 e il 28 aprile e il 10 maggio) non contribuirono a smorzare la siccità: il mese di aprile 1893 accumula appena 1.2mm, e tutto l'anno 1893 accumula appena 276 mm di precipitazioni. Non solo secco, ma anche caldo: ad Aosta il giorno 22 del mese si toccarono i +28,6° (dati dell'epoca ovviamente da prendere con le molle perchè non so come e dove fossero stati rilevati). A prescindere dal fatto che furono 28° o 25° magari con stazione a norma, tutte le fioriture e le ciliege mature lasciano ben intendere come facesse tutt'altro che freddo.

    Il 1893 però non fu isolato, il suo strascico continuò anche nell'anno seguente, perlomeno in Valle d'Aosta. Scriveva la Gazzetta Piemontese in data 13/12/1894: "Siccità. Le campagne valdostane traversano una crisi veramente eccezionale. Regna e perdura la più desolante siccità. Sono già due inverni che la candida neve non ricopre più del suo manto i nostri colli e, nè nell'estate nè nell'autunno ora decorsi il nostro suolo venne beneficiato da una pioggia". In realtà, secondo i dati di Aosta, nel 1894 non fu proprio siccità assoluta, sebbene tutti i mesi dell'anno - escluso maggio - abbiano comunque chiuso in deficit pluviometrico.

    In ogni caso, pare che ci fu proprio un periodo secco dalla fine del 1892 almeno fino alla fine del 1894, perchè anche gli inverni vengono descritti come poveri di neve. Gli unici dati che ho, riguardo Aosta città, parlano di 50cm di neve caduti nell'inverno 1892/1893, di cui 35cm nel mese di febbraio, ma altri dettagli purtroppo non ne ho. E' grosso modo metà della media, probabilmente fece anche di peggio, ma quel che si intuisce è che nemmeno in quota riuscì a nevicare abbondantemente. Il pluviometro del Colle di Valdobbia (2480m. - anche qui purtroppo ignoro il dove fosse e come fossero raccolti i dati) raccolse appena 213mm di precipitazioni da novembre 1892 a febbraio 1893: pochissime, considerato il posto (tra la Val di Gressoney e la Valsesia); ne deduciamo che alle quote inferiori precipitò ancora meno.

    Sto cercando dei dati più precisi, ma non ho trovato oltre questo... ma la mia caccia non si ferma
    Lou soulei nais per tuchi

  7. #187
    Burrasca L'avatar di Viva la fioca
    Data Registrazione
    09/07/10
    Località
    fraz. Vaccheria di Guarene 154 s.l.m.
    Età
    29
    Messaggi
    5,009
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Complimenti per la ricerca lou vall

    Inviato dal mio ASUS_X00HD utilizzando Tapatalk

  8. #188
    Banned
    Data Registrazione
    17/03/18
    Località
    Sagliano Micca (Bi) 591 mt
    Età
    49
    Messaggi
    1,951
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Visto che siamo in tema di siccità storiche, in passato ci fu un periodo simile a quello attuale e simile al 1989/1990, 1997 e 2015, e cioè il lontano 1893.
    Anche in questo caso fu una pesante siccità che riguardò la seconda parte dell'inverno e l'inizio della primavera, grosso modo direi tra febbraio e la fine di aprile/inizio maggio, simile appunto al 1997 e a questo 2019. E, da quanto si evince, lo stesso autunno 1892 e inverno 1892/1893 non fu nè piovoso nè nevoso.
    Le Cronache di Carpi (MO) recitano, in data 26 aprile 1893: "[...]abbiamo una siccità veramente straordinaria. Abbiamo avuto l'autunno sereno, l'inverno uguale tranne poca neve sciolta a forza di sole; mai bagnata sufficientemente la terra e la siccità si estese disgraziatamente a tutta l'Italia. I nostri prati non si sono rinverditi bastantemente; tutti i marzatelli non sono nati; solo il frumento nei terreni regge bastantemente; il frumentone in gran parte non è nato".
    Anche le Cronache di Biella sono dello stesso tenore, e in data 13/04/1893 raccontano "E' così lunga e persistente l'attuale siccità che i raccolti sono dappertutto gravemente minacciati... Il Vescovo ha ordinato che nelle messe e nelle benedizioni si reciti 'ad petendam pluviam' fino a che si ottenga dalla divina bontà tal benefizio"... ma la situazione rimase bloccata, perchè le cronache riportano ancora, in data 23/04/1893 "La siccità continua terribile. Da cinque mesi... Giovedì sera una nuvola passando sopra Biella inumidì la polvere appena: e poi di nuovo un cielo bronzo... Alla cattedrale è cominciata una novena per chiedere a Dio la pioggia... è stata stabilita una processione di penitenza a Oropa".
    La siccità coinvolge anche la Valle d'Aosta, come ben riportato dal Feuille d'Aoste, alla fine di aprile 1893: "Il y a six semaines que nos campagnes n'ont pas reçu une goutte de pluie et l'hiver eté sans neige [...] les blès et les froments souffrent, et l'on ne peut semer les pommes de terre que dans une terre en cendre. Nos campagnards son dans la désolation. Toute la récolte, surtout celle du fourrage est compromise [...] Le 25 avril, la bonne population de Champorcher a pu se rendre en procession au nombre de 418 personnes au Sanctuaire du Lac Miserin (alt. 2577 m) sans fouler la neige, saufsur un petit trajet en y arrivant, tandis que, en d'autres années, on avait du ajourner la fete du 5 aout, a cause de la neige qui covrait encore la montagne. Le 27 avril, la population des trois paroisses d'Aoste, representée par plus de mille personnes, s'est aussi rendue processionnellement a l'Ermitage de St Grat (alt 1765 m) sans rencontrer des traces de neige, qui était releguée sur les sommitès. Le 10 avril, on a dejà cueilli des violettes près du Col de Fenetre sur Cogne, a l'altitude de 2821 metres [...] a Pont-St-Martin et a Carema on ait cueilli des cerises mures les derniers jours du meme mois".
    Questo indica non solo che fu un periodo siccitoso, ma che fu anche decisamente caldo, tutto confermato dai dati dell'allora stazione meteorologica di Aosta (qui purtroppo non posso scendere nei dettagli perchè ne ignoro l'ubicazione precisa). Dall'analisi dei dati sul capoluogo aostano non vi fu alcuna precipitazione dal 17 marzo al 23 aprile, e in seguito alcune debolissime piogge (il 24 e il 28 aprile e il 10 maggio) non contribuirono a smorzare la siccità: il mese di aprile 1893 accumula appena 1.2mm, e tutto l'anno 1893 accumula appena 276 mm di precipitazioni. Non solo secco, ma anche caldo: ad Aosta il giorno 22 del mese si toccarono i +28,6° (dati dell'epoca ovviamente da prendere con le molle perchè non so come e dove fossero stati rilevati). A prescindere dal fatto che furono 28° o 25° magari con stazione a norma, tutte le fioriture e le ciliege mature lasciano ben intendere come facesse tutt'altro che freddo.

    Il 1893 però non fu isolato, il suo strascico continuò anche nell'anno seguente, perlomeno in Valle d'Aosta. Scriveva la Gazzetta Piemontese in data 13/12/1894: "Siccità. Le campagne valdostane traversano una crisi veramente eccezionale. Regna e perdura la più desolante siccità. Sono già due inverni che la candida neve non ricopre più del suo manto i nostri colli e, nè nell'estate nè nell'autunno ora decorsi il nostro suolo venne beneficiato da una pioggia". In realtà, secondo i dati di Aosta, nel 1894 non fu proprio siccità assoluta, sebbene tutti i mesi dell'anno - escluso maggio - abbiano comunque chiuso in deficit pluviometrico.

    In ogni caso, pare che ci fu proprio un periodo secco dalla fine del 1892 almeno fino alla fine del 1894, perchè anche gli inverni vengono descritti come poveri di neve. Gli unici dati che ho, riguardo Aosta città, parlano di 50cm di neve caduti nell'inverno 1892/1893, di cui 35cm nel mese di febbraio, ma altri dettagli purtroppo non ne ho. E' grosso modo metà della media, probabilmente fece anche di peggio, ma quel che si intuisce è che nemmeno in quota riuscì a nevicare abbondantemente. Il pluviometro del Colle di Valdobbia (2480m. - anche qui purtroppo ignoro il dove fosse e come fossero raccolti i dati) raccolse appena 213mm di precipitazioni da novembre 1892 a febbraio 1893: pochissime, considerato il posto (tra la Val di Gressoney e la Valsesia); ne deduciamo che alle quote inferiori precipitò ancora meno.

    Sto cercando dei dati più precisi, ma non ho trovato oltre questo... ma la mia caccia non si ferma
    Incredibile, già il fatto di leggere Biella citata mi sconvolge, ma addirittura con riferimento al 1893
    Dove hai trovato questi dati e questa "Cronache di Biella" di cui ignoravo completamente l'esistenza?

  9. #189
    Bava di vento
    Data Registrazione
    27/11/10
    Località
    Villafalletto (CN)
    Età
    29
    Messaggi
    201
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Visto che siamo in tema di siccità storiche, in passato ci fu un periodo simile a quello attuale e simile al 1989/1990, 1997 e 2015, e cioè il lontano 1893.
    Anche in questo caso fu una pesante siccità che riguardò la seconda parte dell'inverno e l'inizio della primavera, grosso modo direi tra febbraio e la fine di aprile/inizio maggio, simile appunto al 1997 e a questo 2019. E, da quanto si evince, lo stesso autunno 1892 e inverno 1892/1893 non fu nè piovoso nè nevoso.
    Le Cronache di Carpi (MO) recitano, in data 26 aprile 1893: "[...]abbiamo una siccità veramente straordinaria. Abbiamo avuto l'autunno sereno, l'inverno uguale tranne poca neve sciolta a forza di sole; mai bagnata sufficientemente la terra e la siccità si estese disgraziatamente a tutta l'Italia. I nostri prati non si sono rinverditi bastantemente; tutti i marzatelli non sono nati; solo il frumento nei terreni regge bastantemente; il frumentone in gran parte non è nato".
    Anche le Cronache di Biella sono dello stesso tenore, e in data 13/04/1893 raccontano "E' così lunga e persistente l'attuale siccità che i raccolti sono dappertutto gravemente minacciati... Il Vescovo ha ordinato che nelle messe e nelle benedizioni si reciti 'ad petendam pluviam' fino a che si ottenga dalla divina bontà tal benefizio"... ma la situazione rimase bloccata, perchè le cronache riportano ancora, in data 23/04/1893 "La siccità continua terribile. Da cinque mesi... Giovedì sera una nuvola passando sopra Biella inumidì la polvere appena: e poi di nuovo un cielo bronzo... Alla cattedrale è cominciata una novena per chiedere a Dio la pioggia... è stata stabilita una processione di penitenza a Oropa".
    La siccità coinvolge anche la Valle d'Aosta, come ben riportato dal Feuille d'Aoste, alla fine di aprile 1893: "Il y a six semaines que nos campagnes n'ont pas reçu une goutte de pluie et l'hiver eté sans neige [...] les blès et les froments souffrent, et l'on ne peut semer les pommes de terre que dans une terre en cendre. Nos campagnards son dans la désolation. Toute la récolte, surtout celle du fourrage est compromise [...] Le 25 avril, la bonne population de Champorcher a pu se rendre en procession au nombre de 418 personnes au Sanctuaire du Lac Miserin (alt. 2577 m) sans fouler la neige, saufsur un petit trajet en y arrivant, tandis que, en d'autres années, on avait du ajourner la fete du 5 aout, a cause de la neige qui covrait encore la montagne. Le 27 avril, la population des trois paroisses d'Aoste, representée par plus de mille personnes, s'est aussi rendue processionnellement a l'Ermitage de St Grat (alt 1765 m) sans rencontrer des traces de neige, qui était releguée sur les sommitès. Le 10 avril, on a dejà cueilli des violettes près du Col de Fenetre sur Cogne, a l'altitude de 2821 metres [...] a Pont-St-Martin et a Carema on ait cueilli des cerises mures les derniers jours du meme mois".
    Questo indica non solo che fu un periodo siccitoso, ma che fu anche decisamente caldo, tutto confermato dai dati dell'allora stazione meteorologica di Aosta (qui purtroppo non posso scendere nei dettagli perchè ne ignoro l'ubicazione precisa). Dall'analisi dei dati sul capoluogo aostano non vi fu alcuna precipitazione dal 17 marzo al 23 aprile, e in seguito alcune debolissime piogge (il 24 e il 28 aprile e il 10 maggio) non contribuirono a smorzare la siccità: il mese di aprile 1893 accumula appena 1.2mm, e tutto l'anno 1893 accumula appena 276 mm di precipitazioni. Non solo secco, ma anche caldo: ad Aosta il giorno 22 del mese si toccarono i +28,6° (dati dell'epoca ovviamente da prendere con le molle perchè non so come e dove fossero stati rilevati). A prescindere dal fatto che furono 28° o 25° magari con stazione a norma, tutte le fioriture e le ciliege mature lasciano ben intendere come facesse tutt'altro che freddo.

    Il 1893 però non fu isolato, il suo strascico continuò anche nell'anno seguente, perlomeno in Valle d'Aosta. Scriveva la Gazzetta Piemontese in data 13/12/1894: "Siccità. Le campagne valdostane traversano una crisi veramente eccezionale. Regna e perdura la più desolante siccità. Sono già due inverni che la candida neve non ricopre più del suo manto i nostri colli e, nè nell'estate nè nell'autunno ora decorsi il nostro suolo venne beneficiato da una pioggia". In realtà, secondo i dati di Aosta, nel 1894 non fu proprio siccità assoluta, sebbene tutti i mesi dell'anno - escluso maggio - abbiano comunque chiuso in deficit pluviometrico.

    In ogni caso, pare che ci fu proprio un periodo secco dalla fine del 1892 almeno fino alla fine del 1894, perchè anche gli inverni vengono descritti come poveri di neve. Gli unici dati che ho, riguardo Aosta città, parlano di 50cm di neve caduti nell'inverno 1892/1893, di cui 35cm nel mese di febbraio, ma altri dettagli purtroppo non ne ho. E' grosso modo metà della media, probabilmente fece anche di peggio, ma quel che si intuisce è che nemmeno in quota riuscì a nevicare abbondantemente. Il pluviometro del Colle di Valdobbia (2480m. - anche qui purtroppo ignoro il dove fosse e come fossero raccolti i dati) raccolse appena 213mm di precipitazioni da novembre 1892 a febbraio 1893: pochissime, considerato il posto (tra la Val di Gressoney e la Valsesia); ne deduciamo che alle quote inferiori precipitò ancora meno.

    Sto cercando dei dati più precisi, ma non ho trovato oltre questo... ma la mia caccia non si ferma
    Grazie Valter


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  10. #190
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    24,487
    Menzionato
    89 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte Marzo 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Neve71 Visualizza Messaggio
    Incredibile, già il fatto di leggere Biella citata mi sconvolge, ma addirittura con riferimento al 1893
    Dove hai trovato questi dati e questa "Cronache di Biella" di cui ignoravo completamente l'esistenza?
    Cerca Biellaclub molto interessante e bello sguardo sul passato
    Lou soulei nais per tuchi

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •