Pagina 11 di 34 PrimaPrima ... 91011121321 ... UltimaUltima
Risultati da 101 a 110 di 331
  1. #101
    Vento forte L'avatar di Viva la fioca
    Data Registrazione
    09/07/10
    Località
    fraz. Vaccheria di Guarene 154 s.l.m.
    Età
    28
    Messaggi
    4,369
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Allego la media 00/18 di Govone di Walter (lou vall). Ricordo che l'altro ieri la massima è stata 26,9 gradi su una media anni 2000 di 9,5. 17 gradi sopra media.
    Sarebbe come farne 48 in luglio

    Inviato dal mio ASUS_X00HD utilizzando Tapatalk

  2. #102
    Burrasca
    Data Registrazione
    29/09/09
    Località
    boves (cn)
    Età
    39
    Messaggi
    5,629
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Pensavate di aver visto il peggio?
    Va beh non andrà proprio così penso..ma intanto....

    Basso Piemonte -Febbraio 2020-gfsopeu12_300_1.png

    Basso Piemonte -Febbraio 2020-gfsopeu12_336_1.png

    Basso Piemonte -Febbraio 2020-gfsopeu12_348_1.png

  3. #103
    Vento forte L'avatar di siberian
    Data Registrazione
    19/11/07
    Località
    Vignolo (CN)
    Età
    45
    Messaggi
    4,127
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Citazione Originariamente Scritto da emy80 Visualizza Messaggio
    Pensavate di aver visto il peggio?
    Va beh non andrà proprio così penso..ma intanto....

    Basso Piemonte -Febbraio 2020-gfsopeu12_300_1.png

    Basso Piemonte -Febbraio 2020-gfsopeu12_336_1.png

    Basso Piemonte -Febbraio 2020-gfsopeu12_348_1.png
    12z da tunnel degli orrori....la cosa grave che tutti gli spaghi seguono il run ufficiale

  4. #104
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    23,988
    Menzionato
    49 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Vedo che di questo mese finalmente vuol fare 30°C Era anche ora!

    Intanto facciamo un piccolo excursus meteo-storico su quello che definirei probabilmente l'inverno più bislacco e strano di tutti. E' stato, cioè, un inverno dalla seconda parte esattamente opposta alla prima, senza alcuna via di mezzo. La prima parte è il sogno di tutti: pioggia, neve, freddo, perturbazioni a gogo, burian in dicembre, e chi più ne ha più ne metta... e la seconda parte è l'incubo di tutti: siccità estrema, caldo, e alta pressione inscalfibile. L'avete già capito di quale parlo, vero? Ebbene sì, è lui: l'inverno 1996/1997.
    Si viene da un anno (il 1996 appunto) magnifico per ogni freddofilo. Un'estate fresca, perturbata (pensate, la media del trimestre estivo fu di +18,4° e la media delle massime fu +24,8°... ora una cosa del genere non ce la fa a farla neanche in primavera..), a cui segue un autunno da sogno: fresco, normalmente piovoso, perturbato. 149.6mm a settembre, 374.8mm ad ottobre, 136.8mm a novembre. Piogge ben distribuite, con le prime spruzzate dai 2000 metri già a settembre (ora cosa impossibile neanche nei migliori sogni da polluzione notturna), e abbondantissime nevicate ottobrine al di sopra dei 2100-2200 metri (al Chiotas fece appena 5cm, ma al Pian delle Baracche vedo che caddero 272mm con temperature sempre intorno al grado, per cui se non fu neve lì fu appena più in alto...). Novembre continua benissimo, con piogge e nevicate (97cm al Chiotas, 136.8mm a Boves), e dicembre vuole proprio chiudere l'anno col botto: pioggia, neve e burian: cadono 177cm al Chiotas, e il pluviometro di Boves totalizza 122.2mm mensili. La notte di Capodanno il nivometro segna gradevolissimi 120cm al suolo, e l'anno nuovo inizia nel migliore dei modi: altra pioggia, e altra neve: al Chiotas cadono 153cm dall'1 al 9 gennaio, seguiti da altri 35cm tra il 19 e il 20; in basso si è un pò meno interessati dalle precipitazioni, ma comunque Boves si porta a casa 73.4mm tra la prima e la seconda decade, che è già più della media mensile. Il nivometro ai 2000 metri arriva a segnare 230cm al suolo nei giorni 7 e 20 gennaio. Quindi, che dire? Fino qui, fino al 20 gennaio, stagione da incorniciare, da 10 e lode. Ma, per la legge del menga, si sa già (anche se guardiamo all'indietro e non in avanti ) che non può andare tutto così dannatamente bene. E infatti accade quello che noi piemontesi conosciamo molto bene: i rubinetti si chiudono di nuovo, proprio da quel 20 di gennaio. Tutto febbraio chiude a 0mm spaccati. A marzo cadono 3.6mm il giorno 7, poi stop. Ad aprile non cade assolutamente nulla fino al 20, e in quei giorni seguenti fa la miseria di 7.8mm. Le "piogge", se così si possono definire, perchè non sono certo abbondanti, ma finalmente superano i 10mm, arriveranno solo dopo il 5 maggio. In quota la situazione non va meglio: nulla a febbraio, spolverate in marzo e in aprile, e poi 13cm che cadono l'8 maggio. Il manto nevoso inizia a fondere: dai 230cm del 20 gennaio, ai 185cm del 1° febbraio ai 121cm del 1° marzo. Tenuta notevole, tutto sommato, ma marzo è molto molto caldo: il 1° aprile si contano solo più 27cm al suolo, e dal giorno 5 siamo a 0. Proprio così: dal 5 aprile il terreno è sgombro dalla neve a 2000 metri, e le spolverate seguenti saranno effimere. Da segnalare una bella nevicata tardiva (20cm) il 2 giugno, ma dagli effetti nulli. Quello che fu assurdo di quella stagione fu proprio la siccità estrema che ci colpì: 11.4mm dal 21 gennaio al 4 maggio, cioè in 104 giorni! E, volendo allungare il range fino al 31 maggio (che fu secco comunque, con appena 39.0mm), abbiamo 50.4mm in 131 giorni. Tre mesi consecutivi (febbraio, marzo e aprile) non superano i 10mm di accumulo mensile. Questa siccità disastrosa, oltre ad avere numeri da record, ebbe una caratteristica molto dannosa, e cioè che avvenne in periodo che dovrebbe essere il più piovoso - o il secondo più piovoso - dell'anno, e cioè nell'arco di tutta la primavera. Primavera che, ricordo, totalizzò 50.4mm totali (su una media di 346.2!!). In montagna mancarono completamente tutte le nevicate primaverili, una cosa che suppongo abbia un solo precedente, nei tempi recenti, ed è la catastrofica siccità del 1893, di cui avevo già postato (ma magari se non rompo troppo la rimetto).
    Lou soulei nais per tuchi

  5. #105
    Vento moderato
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roccaforte Mondovì (CN)
    Età
    32
    Messaggi
    1,145
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Vedo che di questo mese finalmente vuol fare 30°C Era anche ora!

    Intanto facciamo un piccolo excursus meteo-storico su quello che definirei probabilmente l'inverno più bislacco e strano di tutti. E' stato, cioè, un inverno dalla seconda parte esattamente opposta alla prima, senza alcuna via di mezzo. La prima parte è il sogno di tutti: pioggia, neve, freddo, perturbazioni a gogo, burian in dicembre, e chi più ne ha più ne metta... e la seconda parte è l'incubo di tutti: siccità estrema, caldo, e alta pressione inscalfibile. L'avete già capito di quale parlo, vero? Ebbene sì, è lui: l'inverno 1996/1997.
    Si viene da un anno (il 1996 appunto) magnifico per ogni freddofilo. Un'estate fresca, perturbata (pensate, la media del trimestre estivo fu di +18,4° e la media delle massime fu +24,8°... ora una cosa del genere non ce la fa a farla neanche in primavera..), a cui segue un autunno da sogno: fresco, normalmente piovoso, perturbato. 149.6mm a settembre, 374.8mm ad ottobre, 136.8mm a novembre. Piogge ben distribuite, con le prime spruzzate dai 2000 metri già a settembre (ora cosa impossibile neanche nei migliori sogni da polluzione notturna), e abbondantissime nevicate ottobrine al di sopra dei 2100-2200 metri (al Chiotas fece appena 5cm, ma al Pian delle Baracche vedo che caddero 272mm con temperature sempre intorno al grado, per cui se non fu neve lì fu appena più in alto...). Novembre continua benissimo, con piogge e nevicate (97cm al Chiotas, 136.8mm a Boves), e dicembre vuole proprio chiudere l'anno col botto: pioggia, neve e burian: cadono 177cm al Chiotas, e il pluviometro di Boves totalizza 122.2mm mensili. La notte di Capodanno il nivometro segna gradevolissimi 120cm al suolo, e l'anno nuovo inizia nel migliore dei modi: altra pioggia, e altra neve: al Chiotas cadono 153cm dall'1 al 9 gennaio, seguiti da altri 35cm tra il 19 e il 20; in basso si è un pò meno interessati dalle precipitazioni, ma comunque Boves si porta a casa 73.4mm tra la prima e la seconda decade, che è già più della media mensile. Il nivometro ai 2000 metri arriva a segnare 230cm al suolo nei giorni 7 e 20 gennaio. Quindi, che dire? Fino qui, fino al 20 gennaio, stagione da incorniciare, da 10 e lode. Ma, per la legge del menga, si sa già (anche se guardiamo all'indietro e non in avanti ) che non può andare tutto così dannatamente bene. E infatti accade quello che noi piemontesi conosciamo molto bene: i rubinetti si chiudono di nuovo, proprio da quel 20 di gennaio. Tutto febbraio chiude a 0mm spaccati. A marzo cadono 3.6mm il giorno 7, poi stop. Ad aprile non cade assolutamente nulla fino al 20, e in quei giorni seguenti fa la miseria di 7.8mm. Le "piogge", se così si possono definire, perchè non sono certo abbondanti, ma finalmente superano i 10mm, arriveranno solo dopo il 5 maggio. In quota la situazione non va meglio: nulla a febbraio, spolverate in marzo e in aprile, e poi 13cm che cadono l'8 maggio. Il manto nevoso inizia a fondere: dai 230cm del 20 gennaio, ai 185cm del 1° febbraio ai 121cm del 1° marzo. Tenuta notevole, tutto sommato, ma marzo è molto molto caldo: il 1° aprile si contano solo più 27cm al suolo, e dal giorno 5 siamo a 0. Proprio così: dal 5 aprile il terreno è sgombro dalla neve a 2000 metri, e le spolverate seguenti saranno effimere. Da segnalare una bella nevicata tardiva (20cm) il 2 giugno, ma dagli effetti nulli. Quello che fu assurdo di quella stagione fu proprio la siccità estrema che ci colpì: 11.4mm dal 21 gennaio al 4 maggio, cioè in 104 giorni! E, volendo allungare il range fino al 31 maggio (che fu secco comunque, con appena 39.0mm), abbiamo 50.4mm in 131 giorni. Tre mesi consecutivi (febbraio, marzo e aprile) non superano i 10mm di accumulo mensile. Questa siccità disastrosa, oltre ad avere numeri da record, ebbe una caratteristica molto dannosa, e cioè che avvenne in periodo che dovrebbe essere il più piovoso - o il secondo più piovoso - dell'anno, e cioè nell'arco di tutta la primavera. Primavera che, ricordo, totalizzò 50.4mm totali (su una media di 346.2!!). In montagna mancarono completamente tutte le nevicate primaverili, una cosa che suppongo abbia un solo precedente, nei tempi recenti, ed è la catastrofica siccità del 1893, che a breve vediamo
    Febbraio pensi sia andato?


    Inviato dal mio HMA-L29 utilizzando Tapatalk

  6. #106
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    23,988
    Menzionato
    49 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Citazione Originariamente Scritto da FDV1988 Visualizza Messaggio
    Febbraio pensi sia andato?


    Inviato dal mio HMA-L29 utilizzando Tapatalk
    Senza mezzi termini direi di sì, febbraio è andato al 99% secondo me, e chiuderà molto probabilmente a 0mm quasi ovunque.
    Eccezione fatta per le creste alpine più occidentali: dalla prossima settimana, forse, qualche mm potrebbero prenderlo per sfondamento. Ma per la nostra pedemonta, la piana, e gran parte delle montagne direi che questo mese è spacciato.
    D'altronde la storia meteo lo insegna molto bene: dopo un periodo molto piovoso (ottobre-novembre-dicembre 2019) per forza deve arrivare un periodo non solo più asciutto, ma addirittura siccitoso. E qui in Piemonte lo sappiamo molto bene, dato che abbiamo un clima che ormai non ammette più vie di mezzo: o siccità, o alluvioni.
    Lou soulei nais per tuchi

  7. #107
    Uragano L'avatar di roby4061
    Data Registrazione
    20/06/02
    Località
    Villar Perosa e Villanova C.se (TO)
    Messaggi
    32,949
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Vedo che di questo mese finalmente vuol fare 30°C Era anche ora!

    Intanto facciamo un piccolo excursus meteo-storico su quello che definirei probabilmente l'inverno più bislacco e strano di tutti. E' stato, cioè, un inverno dalla seconda parte esattamente opposta alla prima, senza alcuna via di mezzo. La prima parte è il sogno di tutti: pioggia, neve, freddo, perturbazioni a gogo, burian in dicembre, e chi più ne ha più ne metta... e la seconda parte è l'incubo di tutti: siccità estrema, caldo, e alta pressione inscalfibile. L'avete già capito di quale parlo, vero? Ebbene sì, è lui: l'inverno 1996/1997.
    Si viene da un anno (il 1996 appunto) magnifico per ogni freddofilo. Un'estate fresca, perturbata (pensate, la media del trimestre estivo fu di +18,4° e la media delle massime fu +24,8°... ora una cosa del genere non ce la fa a farla neanche in primavera..), a cui segue un autunno da sogno: fresco, normalmente piovoso, perturbato. 149.6mm a settembre, 374.8mm ad ottobre, 136.8mm a novembre. Piogge ben distribuite, con le prime spruzzate dai 2000 metri già a settembre (ora cosa impossibile neanche nei migliori sogni da polluzione notturna), e abbondantissime nevicate ottobrine al di sopra dei 2100-2200 metri (al Chiotas fece appena 5cm, ma al Pian delle Baracche vedo che caddero 272mm con temperature sempre intorno al grado, per cui se non fu neve lì fu appena più in alto...). Novembre continua benissimo, con piogge e nevicate (97cm al Chiotas, 136.8mm a Boves), e dicembre vuole proprio chiudere l'anno col botto: pioggia, neve e burian: cadono 177cm al Chiotas, e il pluviometro di Boves totalizza 122.2mm mensili. La notte di Capodanno il nivometro segna gradevolissimi 120cm al suolo, e l'anno nuovo inizia nel migliore dei modi: altra pioggia, e altra neve: al Chiotas cadono 153cm dall'1 al 9 gennaio, seguiti da altri 35cm tra il 19 e il 20; in basso si è un pò meno interessati dalle precipitazioni, ma comunque Boves si porta a casa 73.4mm tra la prima e la seconda decade, che è già più della media mensile. Il nivometro ai 2000 metri arriva a segnare 230cm al suolo nei giorni 7 e 20 gennaio. Quindi, che dire? Fino qui, fino al 20 gennaio, stagione da incorniciare, da 10 e lode. Ma, per la legge del menga, si sa già (anche se guardiamo all'indietro e non in avanti ) che non può andare tutto così dannatamente bene. E infatti accade quello che noi piemontesi conosciamo molto bene: i rubinetti si chiudono di nuovo, proprio da quel 20 di gennaio. Tutto febbraio chiude a 0mm spaccati. A marzo cadono 3.6mm il giorno 7, poi stop. Ad aprile non cade assolutamente nulla fino al 20, e in quei giorni seguenti fa la miseria di 7.8mm. Le "piogge", se così si possono definire, perchè non sono certo abbondanti, ma finalmente superano i 10mm, arriveranno solo dopo il 5 maggio. In quota la situazione non va meglio: nulla a febbraio, spolverate in marzo e in aprile, e poi 13cm che cadono l'8 maggio. Il manto nevoso inizia a fondere: dai 230cm del 20 gennaio, ai 185cm del 1° febbraio ai 121cm del 1° marzo. Tenuta notevole, tutto sommato, ma marzo è molto molto caldo: il 1° aprile si contano solo più 27cm al suolo, e dal giorno 5 siamo a 0. Proprio così: dal 5 aprile il terreno è sgombro dalla neve a 2000 metri, e le spolverate seguenti saranno effimere. Da segnalare una bella nevicata tardiva (20cm) il 2 giugno, ma dagli effetti nulli. Quello che fu assurdo di quella stagione fu proprio la siccità estrema che ci colpì: 11.4mm dal 21 gennaio al 4 maggio, cioè in 104 giorni! E, volendo allungare il range fino al 31 maggio (che fu secco comunque, con appena 39.0mm), abbiamo 50.4mm in 131 giorni. Tre mesi consecutivi (febbraio, marzo e aprile) non superano i 10mm di accumulo mensile. Questa siccità disastrosa, oltre ad avere numeri da record, ebbe una caratteristica molto dannosa, e cioè che avvenne in periodo che dovrebbe essere il più piovoso - o il secondo più piovoso - dell'anno, e cioè nell'arco di tutta la primavera. Primavera che, ricordo, totalizzò 50.4mm totali (su una media di 346.2!!). In montagna mancarono completamente tutte le nevicate primaverili, una cosa che suppongo abbia un solo precedente, nei tempi recenti, ed è la catastrofica siccità del 1893, di cui avevo già postato (ma magari se non rompo troppo la rimetto).
    Me lo ricordo.

    Villanova record di 83 gg consecutivi senza precipitazioni..
    Villar Perosa, B.ta Casavecchia (TO) 630 m
    Villanova C.se (TO) 376 m slm



  8. #108
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Chiusa di Pesio (CN)
    Età
    33
    Messaggi
    4,123
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Buongiorno
    Mattinata dal cielo un po' velato e temperatura attuale di +6.
    La minima registrata +0.2 gradi.
    I don't know what's 'round the corner way, I feel right now...

  9. #109
    Uragano L'avatar di lifeisnow
    Data Registrazione
    30/10/07
    Località
    Cavallermaggiore 285
    Età
    46
    Messaggi
    15,195
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Per me come per molti di voi febbraio e' gia andato, ma resto dell'idea che marzo potrebbe regalarci diverse emozioni di stampo invernale, il VP andra' a brandelli e chi prima chi dopo si becchera' la sua rasoiata fredda con al seguito alcuni passaggi perturbati!

    stanotte poteva fare una buona minima ma le nubi alte lo hanno impedito, infatti ci siamo fermati a soli -0,8°c, appena ho un po di tempo faccio il confronto con il famigerato 2006/07 mi sa che se febbraio si comporta in base a quello che vedono le carte lo possiamo pure battere

    Cavallermaggiore 29-01-2012

    http://meteorob.altervista.org/Cava280/

  10. #110
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    23,988
    Menzionato
    49 Post(s)

    Predefinito Re: Basso Piemonte -Febbraio 2020

    Avvistata un'ape a lavoro. Piante con le prime gemme, entro fine mese fiorirà tutto.
    Lou soulei nais per tuchi

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •