Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 59
  1. #11
    Tempesta violenta L'avatar di Marco*
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    34
    Messaggi
    14,090
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    +13.6°c Barletta Patalini
    +12.0°c Barletta Borgovilla

    Minime che iniziano a scendere e che sicuramente sono andate sotto la soglia dei +10°c in campagna
    Ci aspettano ancora giornate anticicloniche ma occhio al target 10-13 ottobre, con possibile transito di circolazione depressionaria blanda su brodaglia mediterranea. Situazioni spesso poco appariscenti ma potenzialmente esplosive.


    **Always looking at the sky**

  2. #12
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Altra giornata gestita totalmente dalla tramontana, quest'oggi in parte vicariata dal grecale tra notte e mattino.
    Minime notturne più alte rispetto all'entroterra come ovvia conseguenza della dominante ventilazione marina, tra i 17° di Montenegro e i 18,5° dell'aeroporto.

    Durante il giorno le temperature si sono tenute tra i 20 e i 21°, con le massime che hanno raggiunto i 21.2° all'aeroporto, 21.4° a Montenegro, 20.4° al Castello Alfonsino (dove però la minima è stata ben più alta, 19.1°). Fatto curioso, al Castello la minima è stata fatta in pieno giorno, alle 14:15, mentre la massima durante la notte!
    L'aria è sempre stata relativamente secca, con ur attorno al 50% sia nottetempo sia di giorno.


    Al tramonto il passaggio di alcuni cirri nel cielo a W/NW ha tinto di arancio e rosato il cielo, regalando spettacolo.
    Questa una foto scattata dal lungomare del quartiere Casale, che hanno pubblicato sul giornale locale:

    tramonto brindisi-2.jpg


    Il vento dal mare è in attenuazione, nelle prossime ore dovrebbe cedere anche sul mare consentendo alla brezza di terra di sfondare anche lì. Al momento "il fronte" della brezza di terra si colloca sulla periferia di Brindisi, con Montenegro che già registra 14.6°, in minima.



    Segnalo l'altissimo valore di pressione atmosferica, ancora in aumento, 1026.4 hPa all'ultimo SYNOP delle 21. Devo esaminare la serie, ma non è di certo un valore così frequente ad Ottobre.

  3. #13
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Segnalo l'altissimo valore di pressione atmosferica, ancora in aumento, 1026.4 hPa all'ultimo SYNOP delle 21. Devo esaminare la serie, ma non è di certo un valore così frequente ad Ottobre.
    Da una veloce ricerca negli archivi dell'aeroporto è una delle più alte pressioni mai raggiunte dal 2000, ad Ottobre fecero di meglio solo il 2001, 2008, 2017 e 2021.
    Stando ai modelli domani potremmo superare i 1027 hPa, vediamo che picco si riuscirà a raggiungere.

  4. #14
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    E' da ormai tre ore che si è scavata una differenza termica imponente tra la campagna e il mare, con Montenegro che attualmente registra 12,8° e l'aeroporto poco sotto i 19°. Al Castello, che sorge proprio sul mare, 19.3°!
    Un delta dunque di almeno 6° in appena 5 km.

    Nella precedente ora la brezza di terra ha guadagnato almeno la periferia, con S.Elia che ora rileva 14°.
    Persiste invece una tenace quanto fastidiosa ventilazione da nord nei settori vicini alla costa.

    Spero che all'aeroporto la brezza ceda entro i prossimi 40 minuti, così da riscrivere la minima odierna. Sarebbe alquanto frustrante se ciò non succedesse. Per fortuna non siamo in inverno, o la cosa sarebbe bruciante.

  5. #15
    Vento teso
    Data Registrazione
    09/02/04
    Località
    locorotondo(ba)
    Messaggi
    1,924
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Nottata fredda in Valle d'itria com T abbondantemente sotto i 10°,fino ad arrivare ai 3,3 di Sarolo

  6. #16
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Citazione Originariamente Scritto da michelangelo Visualizza Messaggio
    Nottata fredda in Valle d'itria com T abbondantemente sotto i 10°,fino ad arrivare ai 3,3 di Sarolo
    Qui tutt'altra storia, mare in pieno lavoro e minima aberrante sopra i 18° in città. Si salva solo la periferia, con 14° a S.Elia perchè per un paio d'ore il vento dal mare ha ceduto almeno lì.

  7. #17
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Spero che all'aeroporto la brezza ceda entro i prossimi 40 minuti, così da riscrivere la minima odierna. Sarebbe alquanto frustrante se ciò non succedesse. Per fortuna non siamo in inverno, o la cosa sarebbe bruciante.
    Niente da fare, avevo sottovalutato fortemente la capacità del vento dal mare di resistere, e il risultato è che non soltanto non è stata riscritta la minima di ieri, ma che quel dannato ventaccio non ha ceduto per nulla in città! Si salva soltanto la periferia estrema, dove peraltro ha ceduto per appena un paio d'ore dopo la mezzanotte, salvo riconquistarla dopo le 2-3.
    Solo la campagna, con Montenegro, è rimasta sempre e solo sotto il controllo della brezza di terra, scavando un delta impressionante rispetto alle zone sotto costa.
    Le minime, così, sono state le seguenti:

    • 12,2° a Montenegro (4,5 km dal mare)
    • 14,2° a S.Elia (4 km dal porto medio)
    • 18,2° all'aeroporto (1 km dal mare)
    • 19,2° al Castello (sull'isola di S.Andrea nel porto medio)

    Ben 7° di escursione dunque, il tutto in circa 5,5 km procedendo dall'entroterra fin sul porto. 6° in 4 km, da Montenegro all'aeroporto!

    Per mia fortuna è ancora Ottobre, e non era in gioco una minima importante, ma se fosse stato inverno sarebbe stato molto frustrante. Sono le uniche occasioni in cui maledico il microclima brindisino, anche se si tratta solo di rabbia temporanea, in fondo lo adoro.



    Dopo l'alba la tramontana, che non ha mai ceduto come detto in città, ha ripreso anche le campagne, dettando il suo regime termico.
    Le massime sono state abbastanza uniformi di conseguenza: 21.5° a Montenegro, 21.4° anche all'aeroporto e a S.Elia.
    Si distingue il Castello Alfonsino, che ha avuto una max persino inferiore ai 20° (19,7°) che sta venendo quasi ritoccata in questo momento tra l'altro. L'escursione termica diurna al Castello è stata decimale, appena 0.5°!



    Sia all'alba sia al tramonto dei cirri hanno tinto di rosa il cielo, nel primo caso a oriente e nel secondo a occidente.
    Mi sono pertanto preparato e goduto l'ennesimo tramonto rosseggiante dal seno di Ponente del porto interno, ed è stato magnifico!
    Lascio 4 foto dell'album che ho scattato. Come sempre le foto non rendono i colori che c'erano dal vivo, ma non applico mai filtri quindi ciò che vedete è semplicemente quanto la fotocamera ha spontaneamente catturato ed elaborato:

    tramonto 6 ottobre.jpgtramonto 6 ottobre 2.jpgtramonto 6 ottobre 3.jpgtramonto 6 ottobre 4.jpg

    Sono in ordine cronologico, tra la prima e l'ultima foto passano 8 minuti.
    Il tramonto con il mare è qualcosa di speciale, anche se il seno interno del porto è assimilabile ad un fiume.



    Segnalo la pressione atmosferica, che oggi ha sfondato anche i 1027 hPa con un picco massimo di 1027,1 hPa ai SYNOP.
    E' il quarto anno, dal 2000, a superare i 1027 hPa, dopo 2008, 2017 e 2021. Notare come sia il terzo anno degli ultimi 6, a dimostrare un trend di alte pressioni sempre più frequenti in tempi molto recenti.



    Attualmente tramontana fissa, non ci sarà nemmeno stanotte speranza che ceda, stavolta nemmeno in periferia.
    Temperature attorno ai 19°.
    Pressione in calo, 1025 hPa.
    Ultima modifica di burian br; 06/10/2022 alle 22:08

  8. #18
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Fin da ieri sera, dopo quel meraviglioso tramonto, le condizioni si sono rapidamente tramutate in quelle tipiche della serate molto umide, con veloci cumuli a bassissima quota a solcare il cielo, vento dal mare sostenuto anche in città, molta umidità (> 80/85%).
    La minima non è scesa sotto i 19,1° all'aeroporto.

    Durante il giorno non è cambiato niente, il cielo è stato spesso nuvoloso, la tramontana ha soffiato moderata, l'ur è rimasta molto alta (sempre sopra il 75%).


    Massime dettate ancora dal mare, 22.5° a S.Elia e immagino la stessa massima anche all'aeroporto (secondo il SYNOP sarebbe stata 24,5° ma è un errore evidente, immagino intendessero 22,5° anche perchè nessun METAR o SYNOP orario giustificherebbe una simile massima, e tanto meno le caratteristiche meteorologiche della giornata).


    La tramontana, dopo il tramonto, si è fatta sempre più debole, e nelle prossime ore dovrebbe (finalmente) cedere del tutto, anche sul mare. La notte appena iniziata potrebbe scendere fino a 12-13°.
    Attualmente ancora 20°. Il dato di Montenegro non è pervenuto.

  9. #19
    Vento moderato L'avatar di zimbazomba
    Data Registrazione
    17/07/05
    Località
    Taranto
    Età
    47
    Messaggi
    1,475
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    Oggi giornata da mare massima sui 27° vento debole da NE

  10. #20
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    18,405
    Menzionato
    907 Post(s)

    Predefinito Re: Puglia, 1-15 Ottobre 2022

    La giornata che accenna a chiudersi resterà per sempre stampata nella mia memoria meteorologica, perchè nell'anonimato di un'alta pressione ottobrina è accaduto qualcosa che personalmente non ricordo sia mai avvenuto da quando sono appassionato, o se è successo mai in una tale entità. Dire che sia stato sorprendente è estremamente riduttivo, la verità è che non avrei mai concepito neppure la possibilità che un tale evento potesse mai realizzarsi!
    Analizziamo dunque le caratteristiche meteorologiche della giornata di oggi.


    Come da previsione, la brezza di terra ha sfondato fin sulla costa in tarda serata, con la temperatura di conseguenza crollata ovunque sotto la minima della notte precedente (all'aeroporto e al Castello persino sopra i 19°), riscrivendo la minima delle 24 h di diversi gradi. All'aeroporto la minima finale di ieri è stata 15,4° (-3,7° dalla minima in vigore fino alla tarda serata).
    Il calo termico è proseguito nelle ore successive, stagnando sulla soglia dei 13° dopo le 4. La minima all'aeroporto è stata 12,8°.
    A caratterizzare la notte la forte umidità: l'aria è sempre stata prossima alla saturazione (ur da mezzanotte sempre sopra il 91%, dalle 2 alle 8 tra 95 e 96%!!), e al mattino tutti i pluviometri delle stazioni cittadine (incluso l'aeroporto) avevano rilevato ben 0,2-0,3 mm di condensa!
    Già questo rende particolare la giornata, in campo pluviometrico.


    Durante il giorno l'entroterra si è riscaldato notevolmente, tanto che Latiano, a 20 km da Brindisi, ha raggiunto i 26,6° e diffuse sono state le massime sopra i 25,5-26° in tutta la provincia e in Salento.
    Brindisi è rimasta sotto l'ala protettrice della brezza di mare adriatica, quest'oggi da levante tutto il tempo. Da un lato ciò ha garantito temperature contenute in tutto il territorio brindisino, tanto che anche nella periferica S.Elia la massima è stata 24°, dall'altro questa brezza non penetra bene in città a causa dei palazzi, quindi la sensazione era quasi di caldo, sensazione che era messa a tacere quando un fresco refolo di brezza da est riusciva a sfiorarti facendosi strada tra gli edifici.

    Il mare toglie ma il mare restituisce: giorni fa aveva sottratto la città alla brezza di terra e al freddo notturno della provincia tanto da far rilevare minime molto alte (sopra i 18°) presso le aree sotto costa (contro i 12-13° dell'entroterra ad appena 4-5 km di distanza!), oggi invece salva Brindisi da temperature simil-estive.
    E così, come tipico di Brindisi, la giornata più fredda delle ultime non è affatto coincidente con quella dell'afflusso freddo, bensì con la prima giornata di brezza successiva all'evento! Con estremi 12,8/22,1° all'aeroporto, infatti, è la giornata più fredda finora di questo Ottobre, e il tutto quando altrove invece è stata la giornata più calda!

    Anche questa è stata una particolarità della giornata, curiosa ma non sorprendente per chi conosce il microclima brindisino. Stavolta riguarda il campo termometrico.



    Ma ciò che ha reso davvero unico l'8 Ottobre 2022, e lo consacra alla memoria, è stato il cielo.
    Dalle 9 di mattina il cielo è stato costantemente e ripetutamente solcato da...scie d'aereo!!
    Niente di eccezionale, in fondo l'aeroporto è praticamente sotto casa mia, potreste pensare. Beh, il fatto è che queste scie non sono mai svanite!!! Ancora adesso, con la luna piena che splende in congiunzione con Giove, ci sono numerose scie d'aereo che attraversano da una parte all'altra il cielo notturno!


    Con il procedere della mattina, l'aumento del traffico aereo internazionale in transito sul basso Adriatico ha determinato un progressivo accumulo di queste scie, che alla fine hanno finito per segnare quasi tutto il cielo!
    Alle 15 il cielo che guardava a N/NW si presentava così:

    scie aereo 15,24.jpgscie aereo cielo NW.jpg


    Non tutti gli aerei generavano scie persistenti, lo facevano esclusivamente gli aerei in volo alla quota di crociera (36-38mila piedi, ovvero circa 11 km di altitudine).
    Normalmente una scia scompare in poco tempo, queste scie invece subivano un progressivo processo di espansione, perdita di nitidezza e una lenta sfumatura, cui si accompagnava un allontanamento verso l'orizzonte a nord. Questo movimento verso nord delle scie era chiaramente visibile dall'animazione del satellite; dal suolo lo dimostrano queste due foto scattate a 30 minuti l'una dall'altra (la prima delle 15:24, la seconda poco dopo le 15:55):

    scie aereo 15,24 1.jpgscie aereo 15,55.jpg

    Le scie, come ho scritto, non sono svanite, sono solo divenute più sfumate, e appaiono più lontane e vicine all'orizzonte perchè si allontanavano in quella direzione (il N).


    Tre ore dopo, altre scie stavolta nel cielo a S:

    scie aereo cielo sud 18,00.jpg

    Dal satellite si notano benissimo le numerosissime scie tra Adriatico meridionale, Puglia e Ionio, lungo le rotte internazionali che passano proprio per il canale d'Otranto!

    scie aereo sat 1.jpgscie aereo sat 18.jpg



    Ma cosa ha generato questo particolare (e unicissimo) spettacolo?
    La risposta la si trova molto facilmente analizzando i radiosondaggi 12Z di Lecce Galatina: alla quota di crociera degli aeroplani (36mila piedi, poco sotto gli 11 km) i dati illustravano un altissimo valore di ur (> 80% tra 10.500 e 11.000 metri).
    In sintesi: gli aerei attraversavano proprio quel sottile strato d'aria, spesso non più di 500 m, in cui c'era una notevole infiltrazione d'aria umida (picco max 85%!). Il vapore acqueo emesso dall'aereo, trovando l'aria più fredda, cristallizzava in ghiaccio, e poichè l'umidità era molto alta questo ghiaccio non si disperdeva (= non passava di nuovo di stato in vapore).
    Il meccanismo fisico, noto come sovrasaturazione rispetto al ghiaccio, si mette in atto quando l'ur è sopra il 60-70%, evento raro e non capita in condizioni di bel tempo, dato che quelle umidità si riscontrano (ovviamente) in presenza di nuvolosità alta da cirri, per motivi naturali.

    In questo articolo si spiega nel dettaglio il meccanismo fisico:

    http://www.centrometeo.com/articoli-...e-divertendosi



    I radiosondaggi forniscono però anche un altro dato importante: a 11 km (247 hPa nei radiosondaggi, 10.965 m, ovvero proprio 36mila piedi per coincidenza!) oltre ad un'ur dell'85% c'era anche un vento da SW di intensità compresa tra i 40 e i 50 km/h.
    Ecco quindi spiegato il movimento verso N/NE: semplicemente a quella quota il vento proveniva da SW, e la velocità di spostamento era appunto di 40-50 km all'ora, come chiaramente calcolabile guardando l'animazione del satellite.
    Questo al tempo stesso porta a 4 considerazioni molto interessanti:

    • le scie che hanno solcato il cielo sulla verticale si rigeneravano continuamente, perchè appunto le scie che si formavano poi andavano verso nord e il cielo veniva così a "ripulirsi"
    • altre scie giungevano su Brindisi da sud, sempre in virtù di quel movimento dell'aria da S a N
    • le scie hanno generato cirri nel Basso Adriatico
    • le scie e i cirri da essi scaturiti sono andati a finire sui Balcani; domani sarà molto interessante vedere dall'animazione del sat se i cieli dei Balcani sono stati velati da quei cirri artificiali



    Ho esaminato tutti i radiosondaggi di Galatina dal Marzo 2021, e quelli di Brindisi dal 1° Gennaio 2020 al suo ultimo (8/3/2021).
    Nel 2022 il valore di ur ha superato l'80% a 11 km di quota solo il 24 Aprile (a mezzanotte), l'8 Giugno, il 28 e 29 Agosto.
    Negli ultimi 3 casi era in atto lo sviluppo di un cumulonembo temporalesco, il che spiega come mai l'aria fosse quasi satura.
    In generale non ho trovato nessun episodio di bel tempo con un simile valore di ur a quelle quote dal 2020! In tutti i casi in cui l'ur superava il 70% si trattava sempre di giornate nuvolose, e l'ur altissima rifletteva appunto lo stato nuvoloso anche a quella altitudine.

    Non ho memoria di una giornata con una tale concentrazione, una tale persistenza e un tale numero di scie nel cielo.




    E' stata una giornata bizzarra senza dubbio, che mi fa riflettere spontaneamente sull'impronta dell'uomo nella storia della Terra: la copertura nuvolosa di oggi infatti è puramente artificiale, e in una qualunque giornata meteorologicamente identica da centinaia di milioni di anni fa fino al 1930-1940 il cielo sarebbe semplicemente rimasto sereno. Abbiamo imparato a modificare anche il cielo; noi, esseri così piccoli, a disegnare scie a 11 km di altitudine. Trovo il tutto stupefacente, meraviglioso e (in secondo piano) spaventoso al tempo stesso.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •