Pagina 849 di 852 PrimaPrima ... 349749799839847848849850851 ... UltimaUltima
Risultati da 8,481 a 8,490 di 8511
  1. #8481
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    5,883
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Situazione che ad Umbertide non mi piace.
    Le due belle scosse non sono state seguite dal classico sciame di assestamento.
    Non vorrei che ci debba essere ancora qualche botta
    Se i giovani sapessero, se i vecchi potessero!!!

  2. #8482
    Vento fresco L'avatar di and1966
    Data Registrazione
    24/02/09
    Località
    Mariano C. (CO)
    Età
    56
    Messaggi
    2,930
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Situazione che ad Umbertide non mi piace.
    Le due belle scosse non sono state seguite dal classico sciame di assestamento.
    Non vorrei che ci debba essere ancora qualche botta
    Pienamente d' accordo.

    Peraltro continua lo sciame strumentale poco a nord, nel Castellano ....


    Ps: uno sciame piuttosto simile, sia come andamento che punte di intensità, a quello di Umbertide, si ebbe fra il 17 ed il 18 ottobre 1982, poco verso SE (Giomici - Valfabbrica).
    " Intra Tupino e l'acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo,
    fertile costa d'alto monte pende........" Dante, Paradiso XI
    - In avatar, il mio mondo : Omar, Sarah, il cantiere e .... la neve!

  3. #8483
    Vento moderato L'avatar di Edonati
    Data Registrazione
    12/02/12
    Località
    San Mauro (To)
    Età
    58
    Messaggi
    1,162
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Intervista di Doglioni su La Stampa


    Le ultime scosse di terremoto che ieri hanno riguardato parte del Centro Italia, con epicentro in Umbria, riportano l’attenzione su uno dei nostri peggiori incubi: la terra che trema provocando disastri, danni e morti. E oggi un’altra scossa di magnitudo 3.5 ha spaventato Reggio Calabria.
    Professore Carlo Doglioni, lei è il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che cosa può dirci in merito alle scosse che ieri hanno colpito l’Umbria?
    «Si è sviluppata una piccola sequenza che non ha causato gravi conseguenze perché non particolarmente violenta, tenga presente che in Italia ci sono mediamente 20 scosse tra 4 e 4,5. Il secondo motivo per cui le conseguenze non sono state gravi è che non si è trattato della stessa faglia che nel 2016 aveva colpito Amatrice, tanto per intenderci».
    Di che faglia stiamo parlando, invece?
    «Quella che noi chiamiamo Alto Tiberina inclinata a basso angolo: significa che, tecnicamente, una faglia del genere non può generare terremoti particolarmente energetici».
    Quindi cosa dobbiamo aspettarci? Possiamo rassicurare gli abitanti di quelle zone?
    «In linea di massima sì, perché in situazioni simili nel 95% dei casi il sisma si esaurisce con eventi di questo tipo. Poi stiamo sempre parlando di terremoti, per cui non esistono certezze. Infine la zona coinvolta ha già avuto in passati eventi sismici importanti».
    A proposito quando potremo arrivare ad anticipare gli eventi disastrosi?
    «Forse mai. Si investe poco in questo senso. Si preferisce, invece, guardare al cielo a alla conquista dello spazio come se sotto i nostri piedi, essendoci l’inferno, si volesse non sapere, non conoscere più a fondo come stanno le cose».
    E come stanno le cose?
    «Lei sa che in Italia ci sono 10 vulcani attivi, che abbiamo una scossa di terremoto ogni 30 secondi e emissione di gas in alcuni casi letali? Il nostro è un territorio complesso, molto a rischio ma noi tendiamo a dimenticare subito. Guardi cosa è accaduto in Turchia: 50 mila morti, 200 mila abitazioni collassate o danneggiate con gravi danni per l’economia e non si parla più di tutto questo. Non è trascorso nemmeno un mese».
    Siamo molto indietro?
    «Dovremmo avere un territorio in grado di resistere ad eventi sismici disastrosi, a cominciare da un’edilizia più sicura. Ma non solo: vale la pena studiare i territori, dovremmo dare agli ingegneri i numeri giusti per fare in modo che le case stiano in piedi durante un terremoto».
    Quali sono in Italia le zone più a rischio?
    «La Sicilia Orientale, tutta la Calabria e la fascia appenninica dalla Basilicata al Molise, passando per Campania, Abruzzo, Lazio, Toscana, Marche e Liguria. Poi la pedemontana a ridosso delle Alpi tra Friuli e Bergamasca. Meno interessato, invece, il Nord Ovest
    Ultima modifica di Edonati; 10/03/2023 alle 14:28

  4. #8484
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    5,883
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    E l'Umbria.... ovviamente....
    Speriamo che si esaurisca tutto rapidamente
    Se i giovani sapessero, se i vecchi potessero!!!

  5. #8485
    Vento forte
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,702
    Menzionato
    138 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Citazione Originariamente Scritto da Edonati Visualizza Messaggio
    «Dovremmo avere un territorio in grado di resistere ad eventi sismici disastrosi, a cominciare da un’edilizia più sicura. Ma non solo: vale la pena studiare i territori, dovremmo dare agli ingegneri i numeri giusti per fare in modo che le case stiano in piedi durante un terremoto».
    Sono cose che Boschi diceva decenni fa, anni 90 o ancora prima. Inascoltato.

  6. #8486
    Vento moderato L'avatar di Edonati
    Data Registrazione
    12/02/12
    Località
    San Mauro (To)
    Età
    58
    Messaggi
    1,162
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    Sono cose che Boschi diceva decenni fa, anni 90 o ancora prima. Inascoltato.
    Penso che sia più facile prendersi il 110% per rifare facciate e risparmio energetico che ristrutturazione antisismica

  7. #8487
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    5,883
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Una cosa però tocca dirla .....i centri storici di tutte le città e paesi d'Italia quanto costerebbero per essere resi antisismici?
    Se i giovani sapessero, se i vecchi potessero!!!

  8. #8488
    Vento moderato L'avatar di Edonati
    Data Registrazione
    12/02/12
    Località
    San Mauro (To)
    Età
    58
    Messaggi
    1,162
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Per le zone sismiche c è il "sismabonus" che rimborsa dal 50% al 85% dei costi. Il fatto che, a differenza del superbonus, Il primo venga riproposto fino al 2024 farebbe pensare che non sia stato molto utile. Pare, dico pare, che si voglia istituire un super sismabonus da 110%,staremo a vedere.

  9. #8489
    Vento moderato L'avatar di Edonati
    Data Registrazione
    12/02/12
    Località
    San Mauro (To)
    Età
    58
    Messaggi
    1,162
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Mi correggo, il super sismabonus è stato inserito nel Decreto Rilancio già x il 2023

  10. #8490
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    5,883
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio sismico in Italia e nel mondo: qui!

    Umbertide senza repliche sopra i 2....
    Mah ...
    Se i giovani sapessero, se i vecchi potessero!!!

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •