Pagina 62 di 62 PrimaPrima ... 1252606162
Risultati da 611 a 618 di 618
  1. #611
    Vento moderato L'avatar di Edonati
    Data Registrazione
    12/02/12
    Località
    VERRUA SAVOIA
    Età
    55
    Messaggi
    1,085
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .


  2. #612
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .



    I dati storici e geologici suggeriscono che i recenti cambiamenti climatici sono entro i limiti della variabilità naturale.

    Le influenze umane sul clima (in gran parte l'accumulo di CO2 dalla combustione di combustibili fossili) sono un effetto fisicamente piccolo (1%) su un sistema complesso, caotico, multicomponente e multiscala.

    Le attivita' Antropiche influiscono molto piu su gli ecosistemi , sul Ambiente , l' inquinamento Ambientale , problemi Ecologici

    le prime piu grandi Conferenze sul Clima e l Ambiente , negli anni '70

    nel 1972 a Stoccolma ,

    nel 1979 a Ginevra

    I dati e la nostra comprensione sono insufficienti per quantificare utilmente la risposta del clima alle influenze umane.

    Anche se le influenze umane sono quadruplicate dal 1950,


    i fenomeni meteorologici gravi e l'innalzamento del livello del mare non mostrano tendenze significative ad essi attribuibili.

    Tra il 1945 e 1975 mentre aumentava la CO2 , la temperatura media globale e' diminuita ,
    in un periodo climatico mediamente meno caldo ,

    i dati dimostrano che ci sono state anche le peggiori siccita'

    e innondazioni

    forti estremi in questo periodo tra il 1945 e 1975 ,

    come anche il maggior numero di Tornado tra gli anni '60 e '70




    Le proiezioni di eventi climatici e meteorologici futuri si basano su modelli imprecisi .
    Ultima modifica di robertino; 16/06/2019 alle 11:07

  3. #613
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .

    Oscillazioni naturali del clima possono contrastare il riscaldamento del Mar Rosso nei prossimi decenni. Le
    recenti notizie sulle tendenze di riscaldamento nel Mar Rosso sollevano preoccupazioni sulla risposta del fragile ecosistema del bacino in un clima sempre più caldo. Utilizzando una varietà di set di dati SST (Sea Surface Temperature) disponibili, analizziamo l'evoluzione dell'SST del Mar Rosso in relazione alla variabilità del clima naturale . L'analisi delle serie di dati SST a lungo termine rivela una sequenza di tendenze positive e negative alternate , con ampiezze simili e una periodicità di quasi 70 anni associata all'oscillazione multidecadale atlantica . Gli alti tassi di riscaldamento riportati di recente sembrano essere aeffetto combinato del riscaldamento globale e una fase positiva delle oscillazioni SST naturali . Nei prossimi decenni, la tendenza SST nel Mar Rosso relativa al riscaldamento globale dovrebbe essere neutralizzata dalla fase di oscillazione atlantica multidecadale. Indipendentemente dagli attuali trend positivi, le proiezioni che incorporano oscillazioni naturali a lungo termine suggeriscono un possibile effetto di riduzione dell'SST nel prossimo futuro. "



  4. #614
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .


  5. #615
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .

    22 luglio 2019
    .' Il governo peruviano ha decretato lo
    stato di emergenza in tre dipartimenti meridionali (Moquegua, Arequipa e Tacna) per il persistere dell'eruzione dell'Ubinas, uno dei vulcani più turbolenti del Sudamerica e il più attivo del Perù. Secondo il centro di operazioni di emergenza nazionale (Coen) sarebbero in pericolo almeno 30 mila persone. Il vulcano peruviano Ubinas è entrato in attività venerdì scorso con una serie di esplosioni, l'emissione di una densa colonna di fumo e la dispersione di una grande quantità di ceneri. L’eruzione principale del vulcano è avvenuta nella giornata di sabato, quando la nuvola di cenere espulsa, secondo le immagini satellitari analizzate dal VAAC di Buenos Aires, è arrivata fino a 12,2 km sul livello del mare (circa 6 km sopra il vulcano). La cenere è tuttora in sospensione, si sposta ad una velocità di circa 50 nodi (92 km/h) ed ha raggiunto città ad est del vulcano in questione, non solo del Perù ma anche della Bolivia a 780 chilometri di distanza. Questa è stata la più grande eruzione del vulcano Ubinas in 342 anni, considerandola un VEI 3. L’attività sismica è molto intensa con circa 400 scosse di terremoto al giorno. Il Presidente del Perù, Martin Vizcarra ha descritto l’evento come "uno dei più intensi al quale abbiamo mai assistito negli anni recenti".


  6. #616
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .

    Martin Mlynczak del Langley Research Center della NASA ha dichiarato " vediamo un trend di raffreddamento "

    “In alto sopra la superficie della Terra, vicino al bordo dello spazio, la nostra atmosfera sta perdendo energia termica. Se le tendenze attuali continuano, potrebbe presto stabilire un record per l'era spaziale per il freddo. "

    I nuovi dati provengono dal Sounding of the Atmosphere della NASA utilizzando la radiometria a emissione di banda larga o lo strumento SABRE , che si trova a bordo del satellite dell'agenzia spaziale Thermosphere Ionosphere Mesosphere Energetics and Dynamics (TIMED).

    SABRE monitora le radiazioni infrarosse di biossido di carbonio (CO 2 ) e ossido nitrico (NO), due sostanze che svolgono un ruolo vitale nella produzione di energia della nostra termosfera, il livello più alto della nostra atmosfera.

    “La termosfera si raffredda sempre durante il minimo solare. È uno dei modi più importanti in cui il ciclo solare influisce sul nostro pianeta ", ha affermato Mlynczak, che è il principale investigatore associato di SABRE.

    Mlynczak e i suoi colleghi hanno creato il THERMOSPHERE CLIMATE INDEX (TCI),

    TCI che misura la quantità di NO - ossido nitrico , che viene scaricato dalla Thermosphere nello spazio. Durante il massimo solare il numero TCI è molto alto. A volte del minimo solare, il TCI è basso.

    "In questo momento, (TCI) è davvero molto basso", ha detto Mlynczak. “SABRE sta attualmente misurando 33 miliardi di Watt di energia a infrarossi da NO .
    È DIECI VOLTE volte più piccolo di quello che vediamo durante le fasi più attive del ciclo solare. "


    SABRE è in orbita da soli 17 anni, ma Mlynczak e gli scienziati del Langley Research Center della NASA sono stati in grado di ricreare le misurazioni del TCI ( Thermospere Climate Index ) negli anni '40.

    "SABRE ci ha insegnato come farlo rivelando come il TCI dipende da altre variabili come l'attività geomagnetica e la produzione di raggi UV del sole - cose che sono state misurate per decenni", ha detto Mlynczak.

    Infatti, i numeri TCI ora, nei mesi conclusivi del 2018, sono molto vicini a stabilire minimi record dall'inizio delle misurazioni. "Non ci siamo ancora del tutto", riferisce Mlynczak. "Ma potrebbe succedere nel giro di pochi mesi."

    Le nuove scoperte della NASA sono in linea con gli studi pubblicati dalla UC-San Diego e dalla Northumbria University in Gran Bretagna lo scorso anno, entrambi i quali prevedono un Grand Solar minimo nei prossimi decenni a causa della scarsa attività delle macchie solari. Entrambi gli studi hanno predetto l'attività solare simile al minimo di Maunder tra la metà del 17 ° e l'inizio del 18 ° secolo, che coincideva con un tempo noto come la piccola era glaciale, durante il quale le temperature erano mediamente piu basse rispetto quelle odierne .
    Ultima modifica di robertino; 28/07/2019 alle 12:12

  7. #617
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .

    .." Negli ultimi anni, sono stati pubblicati centinaia di articoli scientifici sottoposti a revisione paritaria che collegano i cambiamenti nell'attività solare al clima terrestre ( 2016 , 2017 , 2018 ). Le prove di una solida connessione Sole-Clima continuano ad accumularsi nel 2019

    Quando si parla dell'influenza del Sole sul clima, una conclusione è certa: non esiste un accordo scientifico diffuso su come e in che misura l'attività solare e i suoi parametri correlati (cioè i raggi cosmici galattici, l'attività geomagnetica, il flusso del vento solare) cambiano l'impatto nella temperatura e nelle precipitazioni della Terra. "..

  8. #618
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,232
    Menzionato
    127 Post(s)

    Predefinito Re: Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche .

    ... " Elementi fondamentali per uno spirito di apprendimento sui cambiamenti climatici

    Esistono molti percorsi per comprendere la natura e le dinamiche dei cambiamenti climatici. Un approccio modesto è quello di chiedere assistenza agli scienziati che lavorano in questo campo.

    Will Happer è fisico e autore di oltre 200 articoli scientifici sottoposti a revisione paritaria e coautore di uno dei primi libri su come le emissioni di CO2 influenzano il clima.
    Happer indica la difficoltà di costruire modelli di computer per prevedere i futuri cambiamenti climatici poiché i calcoli devono comprendere due fluidi molto turbolenti: gli oceani e l'atmosfera.

    Dopotutto, la terra è un pianeta acquatico con il 70% della superficie coperta da acqua, mentre l'atmosfera contiene aerosol, gas serra e grandi quantità di acqua che scorre come pioggia, neve e nuvole.


    Equazioni complesse e dati del mondo reale per descrivere questi due sistemi interattivi vengono troncati a causa della loro complessità, della loro variabilità nel tempo geologico e storico, nonché in diverse regioni del mondo.

    Tuttavia, le semplificazioni dei modelli di computer forniscono una facciata di esattezza che non è esistita in passato, non esiste al presente e è improbabile in futuro.


    La dott.ssa Judith Curry, simile ad altri scienziati del clima, ha affermato che “le prime previsioni sul riscaldamento sono troppo elevate rispetto alle osservazioni reali.
    Incolpare tutto il recente riscaldamento sulle emissioni di anidride carbonica non è corretto. Gli effetti indiretti solari e le oscillazioni multidecadali delle circolazioni oceaniche su larga scala sono stati effettivamente ignorati nell'interpretazione delle cause del recente riscaldamento. "


    È difficile per noi - principalmente i consumatori di cience e spesso attraverso i media - cogliere appieno questi insegnamenti da coloro che esercitano le acque scientifiche.


    Ma possiamo avere una buona idea di come gli scienziati interagiscono tra loro in termini di quello che potrebbe essere chiamato il combattimento intellettuale dell'indagine scientifica.
    Questo processo non è una semplice lettura di articoli e articoli. Ricorda come Albert Einstein dovette combattere contro il consenso prevalente per convincere la comunità scientifica delle sue teorie della relatività. Ciò ha richiesto un cambio di paradigma dallo spazio fisso di Newton a uno spazio flessibile.


    Più recentemente, gli esperti medici sono stati convinti che lo stress e gli alimenti piccanti hanno causato ulcere peptiche poiché era inconcepibile che i batteri potessero vivere in un ambiente acido.
    Tuttavia, Barry Marshall e Robin Warren dimostrarono che
    Helicobacter pylori era il principale colpevole di quelle ulcere. Un altro cambio di paradigma che ha dovuto superare il consenso scientifico prevalente. Einstein, Marshall e Warren hanno ricevuto ciascuno premi Nobel.


    Oggi siamo nel mezzo di una competizione tra metodi e concetti su come comprendere al meglio le dinamiche climatiche - una raccolta di fenomeni e processi che sono stati con il pianeta terra per diversi miliardi di anni.

    Al fine di apprezzare appieno il dibattito tra gli scienziati del clima, in particolare per quanto riguarda la previsione del futuro con i modelli di computer, dobbiamo riconoscere il ruolo principale che le statistiche svolgono nell'interpretazione dei dati, reali e putativi. Nicholas Lewis ha giocato un ruolo importante in questo dramma scientifico.

    Recentemente
    Nature , un'importante rivista della comunità scientifica, ha ritirato un articolo che approfondiva l'interazione tra oceano e O2 atmosferica e composizione di CO2. Gli autori hanno spiegato la loro retrazione: “Poco dopo la pubblicazione, derivante dai commenti di Nicholas Lewis, ci siamo resi conto che le nostre incertezze riportate erano sottostimate a causa del nostro trattamento di alcuni errori sistematici come errori casuali. Inoltre, ci siamo resi conto di diversi problemi minori nella nostra analisi dell'incertezza. Sebbene la correzione di questi problemi non abbia sostanzialmente modificato la stima centrale del riscaldamento degli oceani, ha portato a un aumento di circa quattro volte delle incertezze, indebolendo significativamente le implicazioni per una revisione al rialzo del riscaldamento degli oceani e della sensibilità climatica.


    E proprio di recente Nicholas Lewis ha
    bruciato un altro articolo , probabilmente vivendo lo stesso destino del precedente.

    Dopo aver discusso di diversi errori statistici e passi falsi, Lewis chiede perché tali problemi continuino: “È un po 'deprimente che dopo molti anni di critiche per la loro insufficiente comprensione delle statistiche e la mancanza di uno stretto coinvolgimento con la comunità statistica, la comunità delle scienze climatiche appare ancora non aver risolto questo problema. "

    Potresti chiederti perché un editoriale come questo dovrebbe scavare in tali minuzie.
    Il mio obiettivo non è quello di dimostrare che il consenso è sbagliato (anche se è sopravvalutato), ma piuttosto che le basi impiegate nei modelli climatici predittivi devono essere verificate ancora e ancora. Questo è uno degli elementi mancanti nella maggior parte degli articoli che leggiamo nei media e dai gruppi di pressione. Leggiamo il consenso e la certezza, non il flusso e riflusso della ricerca della comprensione del cambiamento climatico. Sembra che l'allarmismo sia migliorato quando la corsa al consenso inciampa sulla matematica usata per predire il futuro del clima.


    Forse un altro dare e avere rivelerebbe ulteriormente l'incapacità di ascoltare nella comunità di consenso.


    Steven Koonin, direttore del Center for Urban Science and Progress presso la New York University ed ex sottosegretario al Dipartimento dell'energia nel primo mandato del Presidente Obama, ha tenuto un discorso che ha affrontato in parte l'innalzamento del livello del mare.
    Un commento del Dr. Gavin Schmidt, direttore del Goddard Institute for Space Studies della NASA, ha criticato Koonin. Ovviamente, entrambi sono scienziati ben considerati con importanti ruoli istituzionali. Tuttavia, c'è il dare e avere che ci perdiamo nella lettura degli account dei media mainstream, ma è essenziale per capire cosa credere: c'è un argomento sul fatto? C'è un argomento sull'interpretazione? O c'è rabbia che acceca i partecipanti al vero dialogo scientifico?


    Vale la pena rintracciare avanti e indietro tra Koonin e Schmidt per quanto riguarda l'innalzamento del livello del mare.
    C'è un dibattito scientifico o piuttosto uno che crea un uomo di paglia dell'altro?


    Koonin descrive l'approccio che ha adottato in un recente discorso sul clima, riflettendo sulla critica offerta da Gavin Schmidt
    : “Cerco di stare attento alle mie parole (anche in un discorso non scritto) e sono deluso dal fatto che non vengano letti con cura comparabile . Sono anche deluso dal fatto che Schmidt non abbia affrontato il punto che ho sollevato, piuttosto che semplicemente respingere ciò che pensa di aver detto.

    Schmidt dice: "Apparentemente, Koonin non pensa che il rapido innalzamento del livello del mare accadrà in futuro perché non è successo negli ultimi 100 anni alla Batteria di New York".

    Koonin risponde: “Ancora una volta, Schmidt sta criticando una citazione interpretativa.
    La
    trascrizione del video è: "Non credo che succederà [un aumento di un metro entro il 2100]. Non ne sono certo, ma sembra sicuramente discordante con ciò che abbiamo visto negli ultimi 150 anni. "


    Koonin spiega inoltre: “Perché il livello del mare aumenti di 1 metro entro il 2100 richiederebbe un tasso medio di 12 mm / anno alla fine di questo secolo.
    Questo è circa sei volte il tasso che abbiamo visto negli ultimi 150 anni e quattro volte il tasso che abbiamo visto negli ultimi decenni (e probabilmente anche negli anni '40).

    Quindi non vedo molte ragioni per cambiare la mia citazione. "


    Quindi, se questo breve scambio caratterizza le sfumature del dialogo scientifico sul cambiamento climatico e sui suoi effetti, possiamo vedere come i gruppi di media e di difesa non riescono a comprendere le lacune tettoniche nei tentativi di misurare non solo l'innalzamento del livello del mare, ma gli effetti di CO2, la sensibilità del clima , contributi antropogenici ai cambiamenti climatici e la moltitudine di altre variabili distribuite sul pianeta terra e che incidono sulle società povere e ricche in diversi modi.

    Questa è la difficoltà nelle minuzie del discorso scientifico che il consenso ignora allegramente.


    Per quanto riguarda l'innalzamento del livello del mare, Curry osserva che "i futuri scenari di innalzamento del livello del mare ignorano tutti i contributi della variabilità del clima naturale e si basano su modelli climatici che sembrano essere troppo caldi e ancorati a scenari di emissioni non realistici".


    Le conseguenze involontarie delle previsioni errate


    Lungi da me dire che la previsione X non è corretta poiché la previsione non può essere falsificata fino a quando non arriva il momento di misurare la sua verità o falsità. Ma così tante previsioni sono state sbagliate che probabilmente è meglio mitigare il detto negativo.
    Un esempio divertente - ora che siamo sopravvissuti al 2019 - è la trasmissione della ABC del 2009 di una visione apocalittica nella sua speciale Earth 2100 con visioni distopiche per gli anni dal 2015 in poi.

    Le previsioni includevano latte che costa $ 12,99 al gallone, gas $ 9 al gallone, un'uraganza che spiana Miami con migliaia di morti e, a volte, New York City sott'acqua. Leggi ancora: New York City è sott'acqua.

    Ma nulla di tutto ciò è successo . È un buon teatro, ma non un commento, soprattutto non riguardo l'innalzamento del livello del mare. E sì, l'isola di Abaco è stata devastata dall'uragano Dorian quest'anno, ma gli edifici non sono stati costruiti per quella situazione. Una migliore architettura e materiali da costruzione potrebbero essere la risposta migliore a Madre Natura piuttosto che cercare di cambiarla con pannelli solari e turbine eoliche in regioni lontane del mondo. Questa è una discussione che vale la pena avere.

    La plausibilità è la strada migliore dell'implausibilità quando si tratta di previsioni climatiche. Curry ha approfondito un'analisi abbastanza tecnica dello scenario peggiore per identificare risultati plausibili del cambiamento climatico. Il suo recente articolo richiede una lettura approfondita delle varie proiezioni della sensibilità climatica. Quella discussione va oltre lo scopo di questo saggio, ma per coloro che vogliono seguire la sua analisi, puoi trovarlo qui .

    Basti dire che le previsioni espansive di un mondo sopraffatto dall'innalzamento del livello del mare rientrano nella categoria degli altamente implausibili. Una previsione computerizzata non può cambiare la conclusione di fondo di ciò che è plausibile e ciò che è non plausibile, a meno che non si importino modelli di computer troncati e non realistici. Mentre è affascinante leggere le previsioni di fine mondo, gli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici sono più probabilmente dovuti all'impatto di grandi meteore, all'esplosione di super vulcani, malattie incontrollate senza vaccini e dittatori impazziti.

    Il pericolo di esagerare i cambiamenti climatici


    Le nostre emozioni influenzano il modo in cui usiamo e reagiamo alle parole. Questo è ciò che ha spinto l'indagine di Spark Neuro in parole che avrebbero suscitato reazioni emotive più forti della semplice frase "cambiamento climatico".
    Le emozioni possono guidare anche il comportamento frenetico del gruppo. Pensa a intensi rivali sportivi con stand pieni dei loro rispettivi sostenitori. Pensa a una celebrità in mezzo a una folla di fan. Fan? Oh sì, deriva dalla parola "fanatico".
    Le folle di adulatori hanno anche versioni negative: comportamento della folla. Pensa al regno del terrore della Rivoluzione francese alla fine del XVIII secolo. Pensa all'uomo musulmano del 21 ° secolo in India che è stato impiccato da una folla indù per aver mangiato carne e ferito sentimenti religiosi .

    Gli esempi sono molteplici e si estendono a tutte le fazioni e a tutte le nazioni. Siamo tutti potenziali convertiti in comportamenti fanatici.


    La domanda diventa se c'è valore nel sensibilizzare una comunità verso una causa particolare.
    Qui non sto discutendo della certezza morale del gruppo X o Y, se un gruppo animato sia giustificato o meno. Piuttosto, il punto è che i gruppi di difesa ambientale e sociale stanno, in effetti, cercando di animare il pubblico in una risposta più viscerale. Non si tratta di fatti, ma di animare ciò che viene percepito come un pubblico sconsiderato.


    Guidati dall'organizzazione Public Citizen, circa una dozzina di gruppi dal Sierra Club, Greenpeace ai progressisti democratici d'America, hanno esortato i principali media a sostituire un linguaggio più drammatico del semplice "cambiamento climatico".

    “Le parole che giornalisti e ancore usano la materia. Ciò che chiamano qualcosa modella il modo in cui milioni di persone lo vedono e influenza il modo in cui le nazioni agiscono ”, secondo Public Citizen . “E oggi dobbiamo agire con coraggio e rapidità. Con gli scienziati che avvertono della catastrofe globale a meno che non riduciamo le emissioni entro il 2030, la posta in gioco non è mai stata più alta e il ruolo dei media non è mai stato più critico. "

    "Ti stiamo esortando a chiamare il pericoloso surriscaldamento del nostro pianeta e la mancanza di azione per fermare ciò che è - una crisi - e coprirlo come uno."


    Il vero pericolo potrebbe non essere spendere trilioni di dollari in un New Deal verde, ma la sua fuoriuscita da altri ha bisogno di problemi più immediati con maggiori possibilità di successo.

    Considera anche che i paesi in via di sviluppo possono vedere questa enfasi sul Green Deal come moralmente perniciosa: i paesi del Primo Mondo hanno costruito i loro paesi sulla tecnologia inquinante ma ora vogliono negare quella stessa opportunità al Terzo Mondo o ai paesi meno sviluppati.

    Tale logica ha spinto le esenzioni verso la Cina e l'India nell'accordo di Parigi sul clima.

    Si può argomentare la giustezza o l'erroneità di tale prioritizzazione delle spese nazionali e internazionali, ma il punto più grande è che le discussioni non dovrebbero essere cortocircuitate da un linguaggio ipnotizzato, specialmente nell'era dei social media.

    Sento obiezioni sul fatto che un movimento di massa per salvare il mondo dal riscaldamento, dall'innalzamento del livello del mare, dagli uragani, dalla pestilenza e da simili catastrofi abbia un valore importante.

    Altri, che potrebbero avere dubbi su tali terribili previsioni, potrebbero semplicemente voler coprire le loro scommesse e potrebbero essere persuasi a spendere somme esorbitanti per "salvare il pianeta".


    Ma funzionerebbero effettivamente i progetti di trasformazione per ribaltare un futuro di clima cupo?
    Uno di questi possibili futuri è già qui. Gli incendi della California mostrano come l'orientamento governativo imposto, gli interessi corporativi, le preferenze ambientaliste e il desiderio di vivere fuori dai sentieri battuti possano combinarsi in modi perversi e quindi non proteggere la cittadinanza. Anche il difensore del clima più idealista dovrebbe riconoscere la probabilità che le catastrofi scaturiscano da buone intenzioni.


    Nel 1841, Charles Mackay, un giornalista scozzese, raccolse una serie di tali fenomeni di folla guidati dalle emozioni che possono essere paragonati agli attuali sforzi per accelerare la difesa del clima: delusioni popolari straordinarie e follia delle folle. C'era la mania del tulipano olandese nel 18 ° secolo. Il fascino degli alchimisti e la loro illusione di poter trasformare i metalli di base in oro.

    I flagellanti del XIV secolo che si frustarono, sperando di cercare la pietà di Dio o di liberarsi della peste bubbonica. Negli Stati Uniti, potremmo notare le Prove delle streghe di Salem del 17 ° secolo, o più recentemente, lo Spavento rosso del 20 ° secolo. Queste sono solo una manciata di delusioni pubbliche che sono un problema sociale umano ricorrente. Chiamalo una reazione emotiva fuori misura che si diffonde in una comunità (che a volte viene descritta come una malattia psicogena di massa). Può essere positivo o negativo, lieve o frenetico, localizzato o non contenuto e diffuso.


    Questo è il gregge che pensa a cui siamo sensibili.
    Mackay osservò nel 1841: "Gli uomini, è stato ben detto, pensano nelle greggi; si vedrà che impazziranno nelle greggi, mentre recupereranno i loro sensi solo lentamente, e uno per uno. "


    Quel pericolo ha sempre fatto parte della condizione umana.
    La sfida è riconoscerla, essere cauti nel parteciparvi ed evitare di sollecitarla sulla più ampia comunità quando la causa è incerta, ambigua e probabilmente non risolta dalla frenesia delle masse.


    Joe Nalven è un ex direttore associato
    dell'Institute for Regional Studies of the Californias presso la San Diego State University.


    Opinione: Dobbiamo confrontare i "cambiamenti climatici" con la ragione piuttosto che l'emozione " ..
    Ultima modifica di robertino; 14/11/2019 alle 12:10

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •