Pagina 58 di 68 PrimaPrima ... 8485657585960 ... UltimaUltima
Risultati da 571 a 580 di 676
  1. #571
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    58
    Messaggi
    755
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Secondo me sì, anche per le Alpi 800 m almeno quelle che conosco io, grosso modo dal Ticino al Piave.

  2. #572
    Vento teso L'avatar di Mat87
    Data Registrazione
    17/04/13
    Località
    Viterbo (350 m)
    Età
    32
    Messaggi
    1,973
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    L'estate è troppo calda in Pianura padana ed anche sui primi colli bolognesi.
    Bisogna salire almeno a 600 m. per il climax del faggio in modo estensivo.(anche se in particolari condizioni il faggio può scendere più in basso).
    In appennino centrale invece la quota dei boschi di faggio parte almeno dagli 800 metri nei casi più favorevoli.
    Nel basso viterbese e alto romano (Monti Sabatini) i faggi si spingono fino a 3-400 m in alcune vallate strette, mai capito il motivo. Può dipendere dal clima estremamente piovoso e umido della zona, ma non saprei. Sempre in quelle zone c'è il più grande betulleto di tutto il centro Italia, misto ad alberi di ontani (Caldara/Torbiera di Manziana). Fa impressione recarsi in quella zona, sembra di stare in qualche bosco del Nord Europa.

    Sui Monti Cimini faggi presenti sino a 600 m nel lato sud (intorno al cratere del Lago di Vico), 800 m in quello nord, anche questo può essere dovuto alla maggiore umidità e piovosità dei versanti rivolti a sud.

    Ecco il betulleto
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Nowcasting vegetazione anno 2018-25650_111018222252414_100000327105325_155976_6971320_n.jpg   Nowcasting vegetazione anno 2018-25650_111018252252411_100000327105325_155979_3848491_n.jpg   Nowcasting vegetazione anno 2018-25650_111018278919075_100000327105325_155983_2687342_n.jpg   Nowcasting vegetazione anno 2018-25650_111018312252405_100000327105325_155991_2061841_n.jpg  

    Anno 2018
    Pioggia: 1018,0 mm (Agg. 31/12)
    Neve: 26 cm.

  3. #573
    Vento teso L'avatar di Mat87
    Data Registrazione
    17/04/13
    Località
    Viterbo (350 m)
    Età
    32
    Messaggi
    1,973
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Cmq ciò che ho notato, è che dove vi sono sottosuoli vulcanici (in pratica tutta la zona che va dall'Amiata ai Sabatini, passando per i Volsini e Cimini), piante che solitamente crescono a quote più elevate altrove in questi casi si spingono molto più in basso

    Lessi da qualche parte la presenza di betulla pendula anche sul Vesuvio o sbaglio?
    Anno 2018
    Pioggia: 1018,0 mm (Agg. 31/12)
    Neve: 26 cm.

  4. #574
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    58
    Messaggi
    755
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Bentornato Mat87 e bentornata la caldara di Manziana!
    La faggeta depressa del Lago di Vico (la ricordo maestosa quando la costeggiai in bici) secondo me è dovuta all'umidità e fresco del lago. Probabilmente lo stesso motivo di Ischitella. Evidentemente il faggio riesce ad avvantaggiarsi di umidità atmosferica costante e temperature massime contenute.
    Poi penso anche che molti piccoli nuclei depressi di faggio in forre disagevoli siano semplicemente residui dei tempi antichi, quando il faggio stava più in basso ovunque, ma una volta disboscato non è riuscito a ricolonizzare in un clima più caldo.
    Sui suoli vulcanici, credo che contengano gli scarti termici e quindi anche le scaldate. Non per niente il tufo si usa come isolante.

  5. #575
    Vento teso L'avatar di Mat87
    Data Registrazione
    17/04/13
    Località
    Viterbo (350 m)
    Età
    32
    Messaggi
    1,973
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Bentornato Mat87 e bentornata la caldara di Manziana!
    La faggeta depressa del Lago di Vico (la ricordo maestosa quando la costeggiai in bici) secondo me è dovuta all'umidità e fresco del lago. Probabilmente lo stesso motivo di Ischitella. Evidentemente il faggio riesce ad avvantaggiarsi di umidità atmosferica costante e temperature massime contenute.
    Poi penso anche che molti piccoli nuclei depressi di faggio in forre disagevoli siano semplicemente residui dei tempi antichi, quando il faggio stava più in basso ovunque, ma una volta disboscato non è riuscito a ricolonizzare in un clima più caldo.
    Sui suoli vulcanici, credo che contengano gli scarti termici e quindi anche le scaldate. Non per niente il tufo si usa come isolante.
    Già, alla fine l'umidità medio-alta durante tutto l'anno è l'elemento fondamentale per la sopravvivenza del faggio a quote più basse rispetto all'altimetria media di diffusione. Per quanto riguarda il tufo, di cui qui quasi tutti i paesi sono costruiti, senz'altro tiene le case fresche in estate ma anche estremamente umide e freddine in inverno, alcune odorano proprio di muffa di cantina Pietra tra l'altro friabile che tende a spaccarsi con il gelo dopo abbondanti piovute
    Tornando alla Caldara, è oltre 2 anni che non ci vado ma a quanto mi danno detto la caldissima e secchissima estate 2017 ha fatto parecchi danni compromettendo lo stato di salute delle betulle (molte sono morte).
    Anche qui in città molte di quelle piantate nei giardini si sono seccate nell'ultimo anno, altre sono state lesionate.
    Problema sicuramente climatico, non c'è stato alcun parassita che io ne sappia
    Anno 2018
    Pioggia: 1018,0 mm (Agg. 31/12)
    Neve: 26 cm.

  6. #576
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    58
    Messaggi
    755
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Allora si può concludere che il tufo tende a rendere il terreno fresco e umido senza ristagni, quindi favorevole a faggete depresse.

    Molti insetti dannosi vengono favoriti da estati lunghe e calde e da inverni miti, quindi in caso di deperimenti di piante è difficile scindere il fattore insetti dal fattore clima.

  7. #577
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,762
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    I complimenti mi hanno fatto diventare rosso come un faggio in autunno..
    Ora ritrovo una vecchia pubblicazione del Touring Club sulla flora italiana ove sono indicate le quote delle faggete e dei singoli alberi isolati.
    Limiti della faggeta e tra parentesi i limiti inferiori dei faggi abissali.
    Faggeta nord
    Canton Ticino... 1100-1600
    Bassa Valtellina ... 800-1400
    Trentino meridionale ..500-1550
    Dolomiti ... 1100-1500
    Carnia.. 450-1500

    Faggi isolati nord:
    Piemonte (400)
    Canton Ticino (500)
    Lombardia (400)
    Veneto (163)
    Carnia (280)
    Valle Isonzo (428)

    Faggeta e faggi isolati Centro-sud:
    Toscana (200) 900-1700
    Lazio 900-1800
    Abruzzo 900-1850 ( non si legge)
    Campania (300) 1000-1800
    Lucania (200) 1100-1800
    Calabria 800-2100n(m. Pollino)
    Sicilia 1000-2100 (Etna)
    Ultima modifica di EnnioDiPrinzio; 26/10/2018 alle 20:39

  8. #578
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    4,193
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Dalle mie parti c'è una bella faggeta chiamata macchia di Abbateggio che inizia dagli 800 metri o poco sotto.

  9. #579
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    16
    Messaggi
    825
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    I complimenti mi hanno fatto diventare rosso come un faggio in autunno..
    Ora ritrovo una vecchia pubblicazione del Touring Club sulla flora italiana ove sono indicate le quote delle faggete e dei singoli alberi isolati.
    Limiti della faggeta e tra parentesi i limiti inferiori dei faggi abissali.
    Faggeta nord
    Canton Ticino... 1100-1600
    Bassa Valtellina ... 800-1400
    Trentino meridionale ..500-1550
    Dolomiti ... 1100-1500
    Carnia.. 450-1500

    Faggi isolati nord:
    Piemonte (400)
    Canton Ticino (500)
    Lombardia (400)
    Veneto (163)
    Carnia (280)
    Valle Isonzo (428)

    Faggeta e faggi isolati Centro-sud:
    Toscana (200) 900-1700
    Lazio 900-1800
    Abruzzo 900-1850 ( non si legge)
    Campania (300) 1000-1800
    Lucania (200) 1100-1800
    Calabria 800-2100n(m. Pollino)
    Sicilia 1000-2100 (Etna)
    Manca sempre l'Emilia porca miseria

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

  10. #580
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,762
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    Camelia a fioritura invernale ieri
    Allegato 476635

    Allegato 476636

    Allegato 476637
    Per la cronaca questa bella camelia fotografata come post iniziale il 14 gennaio scorso, è morta di freddo quest'inverno dopo 10 anni che la ospitavo nel mio terrazzo.
    Non è stato il più freddo inverno degli ultimi dieci anni, ma è bastato cambiarle posizione ( per agevolare i lavori di ristrutturazione e montaggio delle impalcature) e l'ho posizionata in uno spigolo meno protetto dalla neve.
    Si è trasformata in un bozzolo di neve ghiacciata e si è seccata al disgelo.
    Ultima modifica di EnnioDiPrinzio; 27/10/2018 alle 05:40

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •