Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 789
Risultati da 81 a 85 di 85
  1. #81
    Bava di vento
    Data Registrazione
    26/05/19
    Località
    Fregona
    Messaggi
    169
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Alberi tipici delle regioni italiane

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Giusto.
    Però sinceramente non ricordo di avere visto da nessuna parte, neanche a Sasso Fratino, che molti additano come uno dei pochissimi boschi vergini d'Europa, e che è molto misto quanto a specie, individui di altezze molto diverse. Dopo che si è creata una radura, per senescenza, per intervento umano, per maltempo o incendi, ecc, tutte le specie ci mettono veramente pochi anni a chiudere il tetto di chiome. Chi rimane sotto, cioè senza luce, è spacciato, oppure agonizza per anni in attesa del crollo di un patriarca vicino (che però quasi sicuramente lo seppellirà).
    Forse LaBriglia, quando parla di boschi con individui di altezze diverse, intende le fasce arborate al limite altitudinale, ma quelle io non le considero boschi. Forse è questa l'incomprensione.
    Io intendevo dire che molti boschi trentini abbattuti ad ottobre erano frutto di rimboschimenti degli anni 30-40, per questo non creavano un bosco completamente naturale. Lasciando perdere il discorso delle altezze volevo sottolineare come in una precisa zona ci fosse una certa differenza tra bosco mai "toccato" dall'uomo e bosco ripiantato in termini di schianti. E lo dico perché conosco bene le zone colpite, so benissimo che ci sono anche boschi al 90-95% monospecifici

  2. #82
    Uragano L'avatar di Marco.Iannucci
    Data Registrazione
    02/09/06
    Località
    Formia/Napoli
    Età
    32
    Messaggi
    16,592
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Alberi tipici delle regioni italiane

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Verissimo, un po' in tutta la pp. Sono infestanti, ma meglio degli alianti. Ma dunque l'albero più rappresentativo della Lombardia è da considerare il faggio il peccio o il carpino nero?
    L'Ailanto è un albero incredibile. Lungo la Napoli-Salerno si vede un Ailanto adulto che ha preso dall'interno di una casa diroccata

  3. #83
    Uragano L'avatar di Marco.Iannucci
    Data Registrazione
    02/09/06
    Località
    Formia/Napoli
    Età
    32
    Messaggi
    16,592
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Alberi tipici delle regioni italiane

    In Campania credo stravinca la quercia, credo la roverella

  4. #84
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    931
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Alberi tipici delle regioni italiane

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Ho trovato qualche dato per l'Emilia Romagna; il tipo di bosco più diffuso è il querceto misto submesofilo, seguito dalla faggeta e al terzo posto si equivalgono quasi querceti misti xerofili e cerrete

    Allegato 489156
    Querceti submesofili?
    Ma chi la scrive sta roba?
    Tra l'altro separati dalle cerrete e dai boschi con roverella.
    Scusate ma non riconosco alcun valore a queste definizioni assurde.

    Tra l'altro, riguardo al centro e nord d'Italia, credo che anche come ettari l'orno-ostryeto, dove il secondo prevale, vinca. Secondo me l'albero più diffuso sia come numero d'individui, sia come ettari, è il carpino nero.

  5. #85
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    17
    Messaggi
    860
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Alberi tipici delle regioni italiane

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Querceti submesofili?
    Ma chi la scrive sta roba?
    Tra l'altro separati dalle cerrete e dai boschi con roverella.
    Scusate ma non riconosco alcun valore a queste definizioni assurde.

    Tra l'altro, riguardo al centro e nord d'Italia, credo che anche come ettari l'orno-ostryeto, dove il secondo prevale, vinca. Secondo me l'albero più diffuso sia come numero d'individui, sia come ettari, è il carpino nero.
    In che senso non va bene querceti sub mesofili?

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •