Pagina 23 di 34 PrimaPrima ... 13212223242533 ... UltimaUltima
Risultati da 221 a 230 di 333
  1. #221
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    16
    Messaggi
    834
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    La ragione di base è l'ignoranza. Praticamente tutti in Italia credono che la potatura renda un albero meno pericoloso. Nei paesi germanici sono molto più bravi: abbattono con disinvoltura (evidentemente non hanno le leggi assurde che abbiamo noi sulla "salvaguardia del verde") e soprattutto piantano le specie adatte. Comunque quei due platani resisteranno bene. A Modena credo si raggiunga il punto più basso: spese folli per massacrare pioppi e querce e mai che tolgano di mezzo i tantissimi lugubri olmi secchi, quelli sì pericolosi. Grazie a loro, quando si arriva a Modena dall'autostrada, sembra di essere arrivati alla Morte Nera.
    Hahaha ho notato quando ci sono andato qualche giorno fa..ma non solo a Modena eh...peccato perché gli olmi sarebbero alberi capaci di diventare grandissimi

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

  2. #222
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    22
    Messaggi
    5,206
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    La ragione di base è l'ignoranza. Praticamente tutti in Italia credono che la potatura renda un albero meno pericoloso. Nei paesi germanici sono molto più bravi: abbattono con disinvoltura (evidentemente non hanno le leggi assurde che abbiamo noi sulla "salvaguardia del verde") e soprattutto piantano le specie adatte. Comunque quei due platani resisteranno bene. A Modena credo si raggiunga il punto più basso: spese folli per massacrare pioppi e querce e mai che tolgano di mezzo i tantissimi lugubri olmi secchi, quelli sì pericolosi. Grazie a loro, quando si arriva a Modena dall'autostrada, sembra di essere arrivati alla Morte Nera.
    Amen fratello :D

    Qui non siamo a quei livelli e chi lavora in comune capisce che una volta superata una certa età/dimensione le piante dai centri abitati vanno RIMOSSE e non si fanno problemi a farlo, punto e basta, pena il rischio caduta con le conseguenze che conosciamo.

    E mi viene così tanto il nervoso quando nei centri la gente si scandalizza per gli abbattimenti.... mi danno un fastidio gigantesco, non sanno niente di giardinaggio e botanica e vogliono far la morale ambientalista con sapienza e superiorità al grido "salviamo gli alberi e il pianeta terra". La verità è che, se lì c'è una pianta è perché qualcuno l'ha piantata evidentemente, non era un monumento vegetale messo lì dal Signore dall'alba dei tempi e non esendo eterno questo si "logora" e diventa perocoloso. E, pensa un po', così come è stata piantata allora può essere piantata anche adesso! Che strana la vita!

    I monumenti vegetali da ammirare lasciamoli in campagna o nel bosco. Dove sì che riescono a esprimere la loro magnificenza.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk

  3. #223
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    22
    Messaggi
    5,206
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Hahaha ho notato quando ci sono andato qualche giorno fa..ma non solo a Modena eh...peccato perché gli olmi sarebbero alberi capaci di diventare grandissimi
    Ecco, proprio perché enormi non dovrebbe neanche passare per la testa di piantarne lungo le strade.

    Fino a qualche anno fa ne avevo uno di olmo cresciuto in un prato da sfalcio nostro. Era alto trenta metri con diametro di un metro o forse più. Poi si è seccato e l'abbiamo tagliato, ma avanti smaltirlo con la stufa ci son voluti 3 inverni :D

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk

  4. #224
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    16
    Messaggi
    834
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Ecco, proprio perché enormi non dovrebbe neanche passare per la testa di piantarne lungo le strade.

    Fino a qualche anno fa ne avevo uno di olmo cresciuto in un prato da sfalcio nostro. Era alto trenta metri con diametro di un metro o forse più. Poi si è seccato e l'abbiamo tagliato, ma avanti smaltirlo con la stufa ci son voluti 3 inverni :D

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    No no sono spontaneissimi ahah mica li piantano
    Qua in Emilia crescono come l'erba...se solo non ci fosse sto virus avremmo degli olmeti da urlo
    Comunque ho notato che gli olmi secchi MOLTO raramente cadono, anzi stanno più in piedi di altre piante vive

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

  5. #225
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    58
    Messaggi
    800
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    No no sono spontaneissimi ahah mica li piantano
    Qua in Emilia crescono come l'erba...se solo non ci fosse sto virus avremmo degli olmeti da urlo
    Comunque ho notato che gli olmi secchi MOLTO raramente cadono, anzi stanno più in piedi di altre piante vive
    Con tutto il riguardo, si vede che non hai molta esperienza di forbice, motosega e scure.
    Un albero secco è praticamente un telaio di carbonio, ergo durissimo e resistente, in modo statico, anche più di un albero vivo. Solo che è rigidissimo e quindi fragile, inoltre dopo qualche anno le radici marce lo fanno cadere all'improvviso. Non sai dopo quanti anni, ma di sicuro cade.
    Ultima modifica di alnus; 23/04/2019 alle 15:11

  6. #226
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    58
    Messaggi
    800
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Amen fratello :D

    Qui non siamo a quei livelli e chi lavora in comune capisce che una volta superata una certa età/dimensione le piante dai centri abitati vanno RIMOSSE e non si fanno problemi a farlo, punto e basta, pena il rischio caduta con le conseguenze che conosciamo.

    E mi viene così tanto il nervoso quando nei centri la gente si scandalizza per gli abbattimenti.... mi danno un fastidio gigantesco, non sanno niente di giardinaggio e botanica e vogliono far la morale ambientalista con sapienza e superiorità al grido "salviamo gli alberi e il pianeta terra". La verità è che, se lì c'è una pianta è perché qualcuno l'ha piantata evidentemente, non era un monumento vegetale messo lì dal Signore dall'alba dei tempi e non esendo eterno questo si "logora" e diventa perocoloso. E, pensa un po', così come è stata piantata allora può essere piantata anche adesso! Che strana la vita!

    I monumenti vegetali da ammirare lasciamoli in campagna o nel bosco. Dove sì che riescono a esprimere la loro magnificenza.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    Applausi!
    Piena sintonia!
    Anche a me dà un gran nervoso l'ecologismo di moda, tanto che per esempio non sopporto più il suono di parole come "biodiversità" o "territorio".
    Soprattutto è nefanda questa legge che abbiamo in Italia, che oltre una certa taglia un albero non si può abbattere, ma potare sì. Il nostro famoso paesaggio, di cui tanto ci vantiamo, ne risulta molto peggiorato.
    In altri paesi si abbatte e si ripianta, e si pianta un albero che crescerà vigoroso. Non come a Modena, che è piena di aceri ricci, montani, negundi, frassini, addirittura betulle: sopravvivono per decenni in condizioni miserabili; la gente non se ne accorge, non capisce niente, credono che gli alberi siano così.

    Ti ammiro perchè sei uno dei pochi con le idee chiare.

  7. #227
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    16
    Messaggi
    834
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Con tutto il riguardo, si vede che non hai molta esperienza di forbice, motosega e scure.
    Un albero secco è praticamente un telaio di carbonio, ergo durissimo e resistente, in modo statico, anche più di un albero vivo. Solo che è rigidissimo e quindi fragile, inoltre dopo qualche anno le radici marce lo fanno cadere all'improvviso. Non sai dopo quanti anni, ma di sicuro cade.
    Beh un realtà intendevo che cadono con difficoltà proprio tagliandoli come gli alberi vivi

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

  8. #228
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,787
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Applausi!
    Piena sintonia!
    Anche a me dà un gran nervoso l'ecologismo di moda, tanto che per esempio non sopporto più il suono di parole come "biodiversità" o "territorio".
    Soprattutto è nefanda questa legge che abbiamo in Italia, che oltre una certa taglia un albero non si può abbattere, ma potare sì. Il nostro famoso paesaggio, di cui tanto ci vantiamo, ne risulta molto peggiorato.
    In altri paesi si abbatte e si ripianta, e si pianta un albero che crescerà vigoroso. Non come a Modena, che è piena di aceri ricci, montani, negundi, frassini, addirittura betulle: sopravvivono per decenni in condizioni miserabili; la gente non se ne accorge, non capisce niente, credono che gli alberi siano così.

    Ti ammiro perchè sei uno dei pochi con le idee chiare.
    Io non sono del tutto d'accordo e vi spiego perchè:
    ci sono alberi che possono vivere 200 anni,altri arrivano a 500, altri ancora superano i 1000.
    In alcuni casi ci sono esemplari che diventano monumentali anche in città e se non sono fonte di pericolo,vale la pena salvaguardarli.
    I boschi coltivati coetanei sono quanto di più distante dalla situazione naturale delle foreste primigenie, ove accanto ad alberi di media età ne esistono di giovani ed anche esemplari vetusti e monumentali molto vecchi.
    I tagli selettivi forestali tendono a sacrificare gli alberi più vecchi mentre nei boschi spontanei non coltivati,di certe zone ad esempio dell'Abruzzo si possono trovare faggi monumentali vecchi di secoli.

  9. #229
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    58
    Messaggi
    800
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Non ho ben capito su cosa Ennio non è d'accordo con me.
    Continuo il mio sfogo:
    - Facoltà di Agraria dell'Università di Bologna: architettura moderna ed imponente di vent'anni fa: un bellissimo quadrilatero erboso con tre lati a querce piantate già grandi e tenutesi bene: molto bello tutto quanto, anche grazie agli irrigatori del prato che, almeno nei primi anni, hanno funzionato. Però sono tutti cerri, tranne una farnia ed una roverella, finite in posti non simmetrici, evidentemente a caso perchè chi le ha piantate non le distingueva dai cerri ... voglio dire ... nella facoltà di agraria! Sempre lì: lungo i parcheggi esterni un centinaio di frassini maggiori, ognuno con il suo bel tubino di irrigazione. Ma evidentemente mai funzionato, in quanto i frassini sono raccapriccianti, con internodi di 20 centimetri, contorti e sempre carichi di samare all'inverosimile.
    - Alta Velocità tra Modena e Piacenza: corre a fianco dell'autostrada. Entrambe fatte o rifatte tra i 10 ed i 20 anni fa. Separate da una specie di massicciata ricoperta di piante in vaso, tutte seccatesi appena piantate. In cima avevano piantato ginestre, quasi tutte ovviamente seccatesi e rimaste lì secche, con le loro gabbiette arrugginite, a parte qualcuna che ha raggiunto il suolo vero con le radici, 4 o 5 metri più in basso. Risultato: una vista desolante per 100 chilometri di infrastrutture nuovissime, vetrina dell'Italia per il mondo intero. Se invece avessero piantato pioppi o carpini o querce, semplicemente sul terreno, avrebbero speso un decimo od un ventesimo ed avrebbero raggiunto un risultato davvero bello. Poi dopo 100 anni avrebbero dovuto ovviamente abbatterli e ripiantarli, ma sempre con spesa molto minore e con risultato in pochi anni (vedi pioppi).

  10. #230
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione 2019

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Amen fratello :D

    Qui non siamo a quei livelli e chi lavora in comune capisce che una volta superata una certa età/dimensione le piante dai centri abitati vanno RIMOSSE e non si fanno problemi a farlo, punto e basta, pena il rischio caduta con le conseguenze che conosciamo.

    E mi viene così tanto il nervoso quando nei centri la gente si scandalizza per gli abbattimenti.... mi danno un fastidio gigantesco, non sanno niente di giardinaggio e botanica e vogliono far la morale ambientalista con sapienza e superiorità al grido "salviamo gli alberi e il pianeta terra". La verità è che, se lì c'è una pianta è perché qualcuno l'ha piantata evidentemente, non era un monumento vegetale messo lì dal Signore dall'alba dei tempi e non esendo eterno questo si "logora" e diventa perocoloso. E, pensa un po', così come è stata piantata allora può essere piantata anche adesso! Che strana la vita!

    I monumenti vegetali da ammirare lasciamoli in campagna o nel bosco. Dove sì che riescono a esprimere la loro magnificenza.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    Beh monumenti vegetali ci sono anche nelle ville e nei giardini cittadini.
    Basterebbe non piantare alberi a fusto molto grande in giardini o strade strette.
    Il platano è caratteristico delle alberature a Roma, ma anche un po' ingombrante in certi contesti (ci sono anche gli olmi lungo tante strade, e anche i tigli).
    Mi piacerebbe molto vedere più specie anche esotiche da fiore (esempio la jacaranda, che comunque in alcune piazze è stata messa), o l'Erythrina crista-galli ecc.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •