Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 28 di 28
  1. #21
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    22
    Messaggi
    5,325
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Citazione Originariamente Scritto da Edonati Visualizza Messaggio
    Cioè l'acqua torna indietro?
    Mi spiego. La confluenza tra avisio e adige è perpendicolare, perciò la corrente dell'avisio, in caso di piene straordinarie, impatta direttamente nell'adige e lo fa con tale veemenza da bloccare il corso dell'adige stesso, di conseguenza esonda a monte. Una volta che la piena dell'avisio cede, è chiaro che tutta l'acqua che si è accumulata a monte si riversa di botto lungo il corso, cioè sulla città di Trento, una decina di km a valle della confluenza.


    Mel 1966 questa dinamica è stata la causa principale, allora l'avisio aveva una portata di 2000-2500 mc/s e una montagna di detriti, con massi grossi come piccole case.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk

  2. #22
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    965
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Mi spiego. La confluenza tra avisio e adige è perpendicolare, perciò la corrente dell'avisio, in caso di piene straordinarie, impatta direttamente nell'adige e lo fa con tale veemenza da bloccare il corso dell'adige stesso, di conseguenza esonda a monte. Una volta che la piena dell'avisio cede, è chiaro che tutta l'acqua che si è accumulata a monte si riversa di botto lungo il corso, cioè sulla città di Trento, una decina di km a valle della confluenza.


    Mel 1966 questa dinamica è stata la causa principale, allora l'avisio aveva una portata di 2000-2500 mc/s e una montagna di detriti, con massi grossi come piccole case.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    Spaventoso! Comunque sì, la noto ogni volte che ci passo sulla A22, la confluenza dell'Avisio, sotto il lunghissimo ponte ferroviario ad archi in muratura: è invasa da pioppi e salici.

    Piccolo fuori programma questa sera verso le 18, passando sul ponte della Via Emilia sul Panaro, qui vicino casa mia, sono rimasto tentato dal bell'aspetto dell'acqua. Quindi ci ho fatto mezz'ora di nuoto contro corrente e mi è piaciuto molto. Acqua pulita, dal buon sapore, circa 20 mc/s largo 20 metri profondo 1,5 m, fondo di ciottoli, temperatura perfetta sui 23 gradi. Aveva proprio il mio passo, perciò rimanevo sul posto senza sforzo. Capita veramente di rado che si possa nuotare in Panaro, specie all'altezza della Via Emilia. Generalmente fa schifo. E' la seconda volta che lo faccio; la prima fu il 9 aprile del 2011, giorno famoso per il record di temperatura per la prima decade di aprile, qui +29; allora però l'acqua era a 15 gradi, ma la portata era simile.
    Ultima modifica di alnus; 12/06/2019 alle 17:17

  3. #23
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,951
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Io non sono un geologo ma cerco di capire cosa farebbe un fiume nella sua alta e media valle e poi giù in pianura se non ci fosse nessuna antropizzazione ( ossia in un territorio completamente selvaggio e non rimaneggiato continuamente dall'uomo).
    L'alta e media valle vedrebbe un ampio alveo occupare tutto il fondo valle, mentre nel basso corso, in cui prevale l'azione di deposito alluvionale di materiali sempre più fini, vedrebbe un corso meandriforme con contorno di anse abbandonate acquitrinose e paludi .
    Quello che forse sfugge è che ad ogni piena la pianura circostante ,allagata, si ritroverebbe dopo il ritiro delle acque, con un nuovo strato di limo che farebbe crescere la sua quota di metri nell'arco di pochi secoli ( nei casi più dinamici).
    Il corto circuito deriva dal fatto che noi pretendiamo da secoli di tenere invariata la quota del piano di campagna , adiacente ai fiumi,su cui abbiamo impostato le strade, le ferrovie ,gli edifici ed anche i campi coltivati.
    Nello stesso tempo però , se c'è deposito l'alveo del fiume si alza.( si arriva, in certi casi,alla aberrazione dell'alveo pensile).

  4. #24
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    267
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Analisi in buona parte vera. Però gli alvei pensili in effetti si formano anche in condizioni naturali.
    Per le alte e medie valli la situazione è più complessa, perché il fattore climatico (precipitazioni ->-> -> portata) interagisce con l'erodibilità dei litotipi messi via via a giorno dall'erosione stessa del corso d'acqua e con la tettonica in atto.
    In definitiva, si osservano fasi in cui il fiume deposita e crea la piana, e fasi in cui erode e incide una valle stretta e profonda, in cui resta confinato. Anche nella fase di piana comunque il fiume sta in un alveo definito, che a sua volta può essere spostato dai materiali che si accumulano ai piedi del versante.

  5. #25
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    22
    Messaggi
    5,325
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    Io non sono un geologo ma cerco di capire cosa farebbe un fiume nella sua alta e media valle e poi giù in pianura se non ci fosse nessuna antropizzazione ( ossia in un territorio completamente selvaggio e non rimaneggiato continuamente dall'uomo).
    L'alta e media valle vedrebbe un ampio alveo occupare tutto il fondo valle, mentre nel basso corso, in cui prevale l'azione di deposito alluvionale di materiali sempre più fini, vedrebbe un corso meandriforme con contorno di anse abbandonate acquitrinose e paludi .
    Quello che forse sfugge è che ad ogni piena la pianura circostante ,allagata, si ritroverebbe dopo il ritiro delle acque, con un nuovo strato di limo che farebbe crescere la sua quota di metri nell'arco di pochi secoli ( nei casi più dinamici).
    Il corto circuito deriva dal fatto che noi pretendiamo da secoli di tenere invariata la quota del piano di campagna , adiacente ai fiumi,su cui abbiamo impostato le strade, le ferrovie ,gli edifici ed anche i campi coltivati.
    Nello stesso tempo però , se c'è deposito l'alveo del fiume si alza.( si arriva, in certi casi,alla aberrazione dell'alveo pensile).
    Posso dirti che almeno la valle dell'adige prima delle opere di bonifica e confinamento dell'adige, era abbastanza un acquitrino infatti, appena il fiume s'ingrossava venivano allagate ampie porzioni della valle, laddove non erano già di per sé paludose. Motivo per cui quasi tutti i paesi sono sorti o in collina oppure sui conoidi fluviali all'imbocco di valli laterali, in quanto sollevati dal fondovalle.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk

  6. #26
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    22
    Messaggi
    5,325
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Spaventoso! Comunque sì, la noto ogni volte che ci passo sulla A22, la confluenza dell'Avisio, sotto il lunghissimo ponte ferroviario ad archi in muratura: è invasa da pioppi e salici.
    Infatti è la sede del biotopo (se così lo si può chiamare, dato che ci passa l'autostrada, la ferrovia e una statale a 4 corsieFiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe)
    Se non altro comunque da lavis verso monte hanno ripulito l'alveo dagli alberi 4 o 5 anni fa lungo tutta la val di cembra, e menomale, altrimenti lo scorso autunno avremmo avuto problemi, ma problemi seri. Adesso, in fiemme, stanno asportando il materiale accumulatosi con la piena in ottobre.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk

  7. #27
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,951
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Posso dirti che almeno la valle dell'adige prima delle opere di bonifica e confinamento dell'adige, era abbastanza un acquitrino infatti, appena il fiume s'ingrossava venivano allagate ampie porzioni della valle, laddove non erano già di per sé paludose. Motivo per cui quasi tutti i paesi sono sorti o in collina oppure sui conoidi fluviali all'imbocco di valli laterali, in quanto sollevati dal fondovalle.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    Stessa cosa per un fiume delle mie parti ( il Sangro) la cui bassa valle era denominata fino ai primi anni del 900 " valle della morte" per gli acquitrini dovuti alle piene ed alla conseguente malaria: tutti i paesi sorgevano lontano dal fondovalle per questo motivo.
    Dopo la seconda guerra mondiale con ampi lavori di bonifica e la collocazione di diversi impianti idroelettrici con diversi laghi artificiali si è resa possibile la messa a coltura prima e l'industrializzazione poi del fondovalle, ma altri problemi sono sorti:
    il regime idrico è stato stravolto con le dighe, nel senso che non esistono più le piene e quindi manca il trasporto solido ( con ripercussioni sull'erosione delle spiagge), inoltre per gli stessi motivi la vegetazione ( alberi di alto fusto) ha occupato l'ampio alveo fino a lambire il canale di minima che le dighe lasciano passare.
    Inoltre il regime estivo, un tempo molto abbondante di acque, per la natura carsica di molti affluenti, è svilita dalle derivazioni e dal regime legato alla produzione idroelettrica (piena diuna ,magra notturna).

  8. #28
    Brezza tesa L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    965
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Fiumi emiliano-romagnoli verso la catastrofe

    Grazie a tutti delle vostre analisi, molto giuste.
    I fiumi stravolgono continuamente il terreno e l'uomo non ha scelta: deve lavorarli di continuo. E deve anche aspettarsi sempre e comunque brutte sorprese, fa parte del gioco.
    Ma quello che assolutamente non può fare è ciò che ha fatto nella mia regione (ed anche in altre): costruire casse d'espansione e dopo, per 40 anni, non fare più niente, come se il problema fosse risolto definitivamente.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •