Pagina 2 di 11 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 108
  1. #11
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    39
    Messaggi
    2,001
    Menzionato
    53 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    le eruzioni extratropicali possono avere un impatto sostanziale sull'emisfero nord ma serve ben più so2, secondo il lavoro sotto in media ci si può aspettare ~ 0.08°C per Tg di zolfo nelle estati successive l'eruzione con parecchia variabilità da evento ad evento.

    Secondo il sat himawari questa eruzione è pari a 1.8 +- 0.6 Tg di so2 ovvero 0.9 +- 0.3 di S, se anche tutto questo zolfo fosse in stratosfera ci si potrebbe aspettare un impatto di -0.05/-0.1 per le aree extratropicali nh nelle estati successive l'eruzione, sarebbe rilevabile ma comunque ancora piccolo.

    Disproportionately strong climate forcing from extratropical explosive volcanic eruptions | Nature Geoscience

    Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!-selection_072.png
    Ultima modifica di elz; 23/06/2019 alle 18:19

  2. #12
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    691
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Citazione Originariamente Scritto da Burzum Visualizza Messaggio
    Pensi possa influenzare il clima nel prossimo futuro?
    Magari!!!! Sarebbe un miracolo l'imminente arrivo di un mini raffreddamento a livello globale e proprio come dicono gli scienziati ciò avviene ogni 200 anni. Minimo di Maunder ha inizio nel 1600, minimo di Dalton ha inizio del 1800, ora ci vorrebbe un bel minimo che si piazzi nel mezzo o la fine di questo secolo tipo da metà/fine 2000 a 2100. Chi vivrà vedrà

  3. #13
    Uragano L'avatar di Marco.Iannucci
    Data Registrazione
    02/09/06
    Località
    Formia/Napoli
    Età
    32
    Messaggi
    16,592
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Ci vuole ben altro...e poi gli impatti sono nel brevissimo termine e vengono subito riassorbiti.
    Se ad esempio c'è una imponente eruzione tra il tropico del cancro e la zona temperata verso primavera, e si arriva a Giugno con l'emisfero nord impestato di polveri, quella che dovrebbe essere la massima insolazione per l'emisfero nord, viene pesantemente riflessa

  4. #14
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    895
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Grazie per i preziosi interventi! Certamente se si fermasse qua, il suo effetto sul clima non sarebbe granchè, ma aspettiamo gli sviluppi!

  5. #15
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,450
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Secondo me è troppo piccola per avere impatti globali, dai dati satellitari sono stati stimati 1,35 Tg di SO2.

    Immagine

    https://mobile.twitter.com/simoncarn...13198480482304

    La latitudine aiuta a raggiungere la stratosfera anche con una eruzione meno potente rispetto a quanto necessario nelle zone tropicali, quindi qualche effetto almeno a livello emisferico potremmo averlo, ma il grosso delle emissioni è rimasto sotto e precipiterà rapidamente con la pioggia. Sarà interessante vedere se a livello strato si osserverà un riscaldamento nei prossimi due mesi, sarebbe un primo indizio della presenza di solfati in stratosfera in misura significativa.

    Per avere impatti importanti a livello globale servono eruzioni molto più potenti di questa e quelle tropicali sono più efficaci perché coinvolgono entrambi gli emisferi, ammesso che riescano a superare la troposfera che alle latitudini tropicali è molto più spessa.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Quello che dicevo, serve almeno un VEI 6

  6. #16
    Vento moderato
    Data Registrazione
    07/01/12
    Località
    Lombar-Emil-Laz-Campa-Abruz-Sicil
    Messaggi
    1,011
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Quello che dicevo, serve almeno un VEI 6
    Un V6 è davvero poca roba, come il Pinatubo con circa -0,5° scarso a livello mondiale per un paio di anni. Con il Global Warming in corso sarebbe meno di una carezza, qualche nevicata e temperatura sottozero in più in qualche parte del Pianeta. Comunque anche un V7, che sicuramente avrebbe un bell'impatto sulle temperature terrestri, al massimo può avere un effetto di breve tempo. In questo caso conosciamo cosa accadde con il Tambora con l'anno senza estate nel 1816, ma oggi partiamo da temperature ben più alte di quelle di due secoli fa e quindi gli effetti di un nuova Tambora sarebbero meno gelidi di quelli che abbiamo avuto a inizio XIX secolo. Per un vero raffreddamento globale intenso e duraturo ci vuol un V8 o una serie di grandi eruzioni inferiori ma ravvicinate nel tempo. Poi però possiamo dire addio alla civiltà e a buona parte dell’umanità e in generale della flora e fauna terrestre. In ogni caso dall'ultima eruzione V8 pare che sia passato, considerando i tempi di ritorno di questi eventi, troppo poco tempo ossia circa 25.360 anni, si tratta dell'eruzione del vulcano neozelandese Taupo.
    Taupo Volcano - Wikipedia


    Statisticamente ci vorranno diverse migliaia di anni prima che avvenga una nuova eruzione V8 ma nel frattempo noi saremmo già tutti morti o l’intera umanità si sarà già estinta o sarà regredita o, al contrario, sarà talmente evoluta da sapere come impedire un simile evento catastrofico. Facciamo prima a raffreddarci con una nuova era glaciale grazie aicicli di Milanković. Sempre che anche questa non riusciremmo a impedirla con le future conoscenze dell’umanità e siccome la maggior parte della gente è caldofila e probabilmente lo sarà anche in futuro......

    Alternative? Il sole? Lasciamo perdere, il ciclo delle macchie scordiamoccelo perché anche quello più debole, tipo quello medioevale-Età Moderna, non porterà mai un super raffreddamento. La Peg, che pare fu conseguenza anche di forti e frequenti eruzioni, era, appunto, un piccolo raffreddamento chiamato a sproposito piccola ERA GLACIALE e oggi, lo ripeto, partiamo da temperature medie ben più alte. Gli asteroidi è come andar di notte....qui i tempi di ritorno sono milioni di anni e ancora, sempre statisticamente, ne abbiamo da aspettare. Resterebbe l'inverno nucleare ma non credo che, parlando dei pochi superstiti, da mutanti affamati sareste tanto interessati a fare, tra le macerie delle metropoli fumanti, pupazzi di neve radioattivi. Diciamoci la verità amiche e amici....la verità è che oggi tutto cospira contro il freddofilo del XXI secolo.
    Ultima modifica di ovestest; 24/06/2019 alle 04:52

  7. #17
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    895
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Citazione Originariamente Scritto da ovestest Visualizza Messaggio
    Un V6 è davvero poca roba, come il Pinatubo con circa -0,5° scarso a livello mondiale per un paio di anni. Con il Global Warming in corso sarebbe meno di una carezza, qualche nevicata e temperatura sottozero in più in qualche parte del Pianeta. Comunque anche un V7, che sicuramente avrebbe un bell'impatto sulle temperature terrestri, al massimo può avere un effetto di breve tempo. In questo caso conosciamo cosa accadde con il Tambora con l'anno senza estate nel 1816, ma oggi partiamo da temperature ben più alte di quelle di due secoli fa e quindi gli effetti di un nuova Tambora sarebbero meno gelidi di quelli che abbiamo avuto a inizio XIX secolo. Per un vero raffreddamento globale intenso e duraturo ci vuol un V8 o una serie di grandi eruzioni inferiori ma ravvicinate nel tempo. Poi però possiamo dire addio alla civiltà e a buona parte dell’umanità e in generale della flora e fauna terrestre. In ogni caso dall'ultima eruzione V8 pare che sia passato, considerando i tempi di ritorno di questi eventi, troppo poco tempo ossia circa 25.360 anni, si tratta dell'eruzione del vulcano neozelandese Taupo.
    Taupo Volcano - Wikipedia


    Statisticamente ci vorranno diverse migliaia di anni prima che avvenga una nuova eruzione V8 ma nel frattempo noi saremmo già tutti morti o l’intera umanità si sarà già estinta o sarà regredita o, al contrario, sarà talmente evoluta da sapere come impedire un simile evento catastrofico. Facciamo prima a raffreddarci con una nuova era glaciale grazie aicicli di Milanković. Sempre che anche questa non riusciremmo a impedirla con le future conoscenze dell’umanità e siccome la maggior parte della gente è caldofila e probabilmente lo sarà anche in futuro......

    Alternative? Il sole? Lasciamo perdere, il ciclo delle macchie scordiamoccelo perché anche quello più debole, tipo quello medioevale-Età Moderna, non porterà mai un super raffreddamento. La Peg, che pare fu conseguenza anche di forti e frequenti eruzioni, era, appunto, un piccolo raffreddamento chiamato a sproposito piccola ERA GLACIALE e oggi, lo ripeto, partiamo da temperature medie ben più alte. Gli asteroidi è come andar di notte....qui i tempi di ritorno sono milioni di anni e ancora, sempre statisticamente, ne abbiamo da aspettare. Resterebbe l'inverno nucleare ma non credo che, parlando dei pochi superstiti, da mutanti affamati sareste tanto interessati a fare, tra le macerie delle metropoli fumanti, pupazzi di neve radioattivi. Diciamoci la verità amiche e amici....la verità è che oggi tutto cospira contro il freddofilo del XXI secolo.
    Queste visioni sommarie sono proprio quello che fa male alla scienza ed in particolare a una scienza così complessa come quella del clima.

  8. #18
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    895
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    le eruzioni extratropicali possono avere un impatto sostanziale sull'emisfero nord ma serve ben più so2, secondo il lavoro sotto in media ci si può aspettare ~ 0.08°C per Tg di zolfo nelle estati successive l'eruzione con parecchia variabilità da evento ad evento.

    Secondo il sat himawari questa eruzione è pari a 1.8 +- 0.6 Tg di so2 ovvero 0.9 +- 0.3 di S, se anche tutto questo zolfo fosse in stratosfera ci si potrebbe aspettare un impatto di -0.05/-0.1 per le aree extratropicali nh nelle estati successive l'eruzione, sarebbe rilevabile ma comunque ancora piccolo.

    Disproportionately strong climate forcing from extratropical explosive volcanic eruptions | Nature Geoscience

    Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!-selection_072.png
    come non detto, ho fatto un osservazione errata in base al plot...diciamo che i dati relativi al NH sono pochi anche se apparentemente un forte effetto sembra esserci!

  9. #19
    Bava di vento L'avatar di Burzum
    Data Registrazione
    17/06/19
    Località
    San Paolo - Prato
    Età
    33
    Messaggi
    157
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Mi state aprendo un mondo per ora a me sconosciuto! Grazie a tutti

  10. #20
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    895
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Massiccia eruzione a sud della penisola di Kamchatka!

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Quello che dicevo, serve almeno un VEI 6
    Qui l'abstract del lavoro (molto interessante) postato da elz, che ringrazio per il contributo.

    A conferma del mio precedente post in cui avevo notato un maggior contributo delle polveri nell'emisfero nord a latitudini medio-alte...

    Extratropical volcanic eruptions are commonly thought to be less effective at driving large-scale surface cooling than tropical eruptions. However, recent minor extratropical eruptions have produced a measurable climate impact, and proxy record ssuggest that the most extreme Northern Hemisphere cold period of the Common Era was initiated by an extratropical eruptionin 536 ce. Using ice-core-derived volcanic stratospheric sulfur injections and Northern Hemisphere summer temperature reconstructions from tree rings, we show here that in proportion to their estimated stratospheric sulfur injection, extratropical explosive eruptions since 750 ce have produced stronger hemispheric cooling than tropical eruptions. Stratospheric aerosol simulations demonstrate that for eruptions with a sulfur injection magnitude and height equal to that of the 1991 Mount Pinatubo eruption, extratropical eruptions produce time-integrated radiative forcing anomalies over the Northern Hemisphere extratropics up to 80% greater than tropical eruptions, as decreases in aerosol lifetime are overwhelmed by the enhanced radiative impact associated with the relative confinement of aerosol to a single hemisphere. The model results are consistent with the temperature reconstructions, and elucidate how the radiative forcing produced by extratropical eruptions is strongly dependent on the eruption season and sulfur injection height within the stratosphere.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •