Pagina 2 di 23 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 227
  1. #11
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,289
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    sì hai ragione, mi sono reso conto di aver scritto male e ho corretto
    intanto a proposito di preboreale e carote

    Nitrogen and argon isotopes in air trapped in a Greenland ice core (GISP2) show two prominent peaks in the interval 11,800-10,800 B.P., which indicate two large abrupt warming events. The first abrupt wanning (10 +/- 4 degrees C) is the widely documented event at the end of the Younger Dryas. Here, we report on the second abrupt warming (4 +/- 1.5 degrees C), which occurred at the end of a short lived cooler interval known as the Preboreal Oscillation (11,270 +/- 30 B.P.). A rapid snow accumulation increase suggests that the climatic transition may have occurred within a few years. The character of the Preboreal Oscillation and the subsequent abrupt warming is similar to the Dansgaard-Oeschger (D/O) events in the last glacial period, suggestive of a common mechanism, but different from another large climate change at 8,200 B.P., in which cooling was abrupt but subsequent warming was gradual. The large abrupt warming at 11,270 B.P. may be considered to be the final D/O event prior to the arrival of the present stable and warm epoch. (c) 2008 Elsevier B.V. All rights reserved.

  2. #12
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,289
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    in questo studio olandese sul preboreale per la verità un pò datato si stimano anche i valori della co2


  3. #13
    Vento moderato L'avatar di GiagiKarl
    Data Registrazione
    04/02/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    15
    Messaggi
    1,125
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Scusate, ma cosa sono il "Dryas" ed il "lago Agassiz"?
    Non li avevo mai sentiti nominare.
    2012: 31 Gennaio - 15 Febbraio (120 cm) T. minima: -10,9°C
    2017: 5 - 19 Gennaio (40 cm)T. minima: -10,7°C
    2018: 24 - 28 Febbraio (30 cm) T. minima: -11,2°C



  4. #14
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    3,984
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Citazione Originariamente Scritto da GiagiKarl Visualizza Messaggio
    Scusate, ma cosa sono il "Dryas" ed il "lago Agassiz"?
    Non li avevo mai sentiti nominare.
    Dopo la fine dell’era glaciale il clima iniziò a intiepidirsi. I proxy, cioè i dati di cui siamo a disposizione, evidenziano però un improvviso e repentino raffreddamento del clima, almeno in Europa e Nord America, avvenuto circa 12000 anni fa, quando l’era glaciale era Gian terminata da diverse centinaia di anni.
    A questo raffreddamento si dà il nome di Younger Dryas (Dryas recente in italiano).

    La causa pare essere lo stesso riscaldamento del clima: questi infatti aveva fatto sciogliere parte dell’immensa calotta di ghiaccio che ricopriva il Canada e gli USA generando un vastissimo lago d’acqua dolce, detto lago Agassiz. Questo lago era separato dall’oceano Artico e Atlantico da altro ghiaccio della calotta che fungeva da diga.
    Si suppone che quando questa diga di ghiaccio si sciolse, milioni di metri cubi di acqua si riversarono nell’oceano, innalzando i livelli dei mari globali e riducendone la salinità bloccando la corrente del Golfo. Da cui un periodo glaciale di breve durata.

    Così come comparve, altrettanto repentinamente (nell’arco di due vite umane, o meno) scomparve, almeno pare, con un drastico incremento della temperatura.

    Ciò che resta oggi dell’Agassiz sono i vari laghetti sparsi in Canada.

  5. #15
    Vento moderato L'avatar di GiagiKarl
    Data Registrazione
    04/02/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    15
    Messaggi
    1,125
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Dopo la fine dell’era glaciale il clima iniziò a intiepidirsi. I proxy, cioè i dati di cui siamo a disposizione, evidenziano però un improvviso e repentino raffreddamento del clima, almeno in Europa e Nord America, avvenuto circa 12000 anni fa, quando l’era glaciale era Gian terminata da diverse centinaia di anni.
    A questo raffreddamento si dà il nome di Younger Dryas (Dryas recente in italiano).

    La causa pare essere lo stesso riscaldamento del clima: questi infatti aveva fatto sciogliere parte dell’immensa calotta di ghiaccio che ricopriva il Canada e gli USA generando un vastissimo lago d’acqua dolce, detto lago Agassiz. Questo lago era separato dall’oceano Artico e Atlantico da altro ghiaccio della calotta che fungeva da diga.
    Si suppone che quando questa diga di ghiaccio si sciolse, milioni di metri cubi di acqua si riversarono nell’oceano, innalzando i livelli dei mari globali e riducendone la salinità bloccando la corrente del Golfo. Da cui un periodo glaciale di breve durata.

    Così come comparve, altrettanto repentinamente (nell’arco di due vite umane, o meno) scomparve, almeno pare, con un drastico incremento della temperatura.

    Ciò che resta oggi dell’Agassiz sono i vari laghetti sparsi in Canada.
    Ok, grazie per la spiegazione
    2012: 31 Gennaio - 15 Febbraio (120 cm) T. minima: -10,9°C
    2017: 5 - 19 Gennaio (40 cm)T. minima: -10,7°C
    2018: 24 - 28 Febbraio (30 cm) T. minima: -11,2°C



  6. #16
    Vento fresco L'avatar di paolo zamparutti
    Data Registrazione
    08/10/03
    Località
    manzano
    Età
    47
    Messaggi
    2,420
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    qua un ottimo software
    in passato provai a ricostruire con questo le condizioni climatiche dell'ultimo picco dell'era glaciale e i risultati forno spettcolri, in linea con la letteratura.
    si puo' provare per un mese, sufficiente a parecchie simulazioni
    EdGCM
    whatever it takes

  7. #17
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,289
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Citazione Originariamente Scritto da paolo zamparutti Visualizza Messaggio
    qua un ottimo software
    in passato provai a ricostruire con questo le condizioni climatiche dell'ultimo picco dell'era glaciale e i risultati forno spettcolri, in linea con la letteratura.
    si puo' provare per un mese, sufficiente a parecchie simulazioni
    EdGCM
    grazie
    molto interessante

  8. #18
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    3,984
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    L'argomento del thread è appassionante a dir poco, sto scoprendo con le ricerche che sto facendo cose che mai avrei pensato!

    Credo che questo grafico, che sintetizza le oscillazioni termiche dedotte dagli esami delle carote di ghiaccio della Groenlandia, possa essere significativo :



    La glaciazione è terminata bruscamente con l'evento "Bolling-Allerod" (14700-12700 BP). Per la precisione è succeduto al periodo che prende il nome di "Older Dryas".
    L'evento Bolling-Allerod è stato caratterizzato da un incremento stimato di 20-35 ppm della CO2.
    Esso è terminato altrettanto repentinamente con il Younger Dryas, cui è seguito l'Olocene con la fase preboreale.

    A quanto pare, brusche variazioni termiche non sono rare.
    Quelle minori (oscillazioni di pochi gradi, non confrontabili con eventi quali Dryas o Bolling-Allerod) occorsi durante l'era glaciale sono dette eventi di Dansgaard-Oscherger.
    Durante la fase interglaciale dell'Olocene sono dette "Bond events".

    Sono stati individuati 8 Bond events, di cui nelle carote di ghiaccio in esame è visibile solo l'evento 8,2 kyr, avvenuto cioè 8200 anni fa. Tra gli altri 7, ci sono il raffreddamento successivo al periodo caldo romano, e anche la PEG.

  9. #19
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,289
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    da qui uno schema di meccanismo rivoluzionario a dir poco per i bond events


    il td della paleoclimatologia-schermata-2019-10-04-alle-22.22.52.png

  10. #20
    Vento fresco L'avatar di paolo zamparutti
    Data Registrazione
    08/10/03
    Località
    manzano
    Età
    47
    Messaggi
    2,420
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    qua un esempio di ricostruzione del massimo glaciale wurm (i confini non sono corretti non ho tempo per cercare le cartine del'er glaciale, riferito al mese di luglio il td della paleoclimatologia-luglio-temp.pngil td della paleoclimatologia-luglio-press.png
    whatever it takes

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •