Pagina 38 di 38 PrimaPrima ... 28363738
Risultati da 371 a 378 di 378
  1. #371
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    35
    Messaggi
    22,169
    Menzionato
    78 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Proviamo a resuscitare questo thread?

    Colpa di @burian br che si è rammollito e ha smesso di scrivere

  2. #372
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    35
    Messaggi
    22,169
    Menzionato
    78 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    A parte le stupidate, mi piacerebbe chiedere una cosa: l'eruzione del vulcano Hunga-Tonga del gennaio 2022 è stata abbastanza unica nel suo genere e mi stavo chiedendo se, per quanto se ne sappia e nel limite delle possibilità di indagine, si abbia notizia negli ultimi decenni/un secolo di un'eruzione che ha scaraventato così tanta acqua in stratosfera. E ovviamente i conseguenti effetti.

    Perchè ho letto notizie contrastanti a proposito delle conseguenze, c'è chi sostiene che ha contato poco, c'è chi sostiene che ha contato di più...di sicuro non credo che abbiamo compreso fino in fondo tutti gli effetti di quell'eruzione, quindi vorrei capire se esistono dei casi analoghi in letteratura, per poter provare a confrontare
    Ultima modifica di simo89; 29/01/2024 alle 11:00

  3. #373
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    23,953
    Menzionato
    982 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    A parte le stupidate, mi piacerebbe chiedere una cosa: l'eruzione del vulcano Hunga-Tonga del gennaio 2022 è stata abbastanza unica nel suo genere e mi stavo chiedendo se, per quanto se ne sappia e nel limite delle possibilità di indagine, si abbia notizia negli ultimi decenni/un secolo di un'eruzione che ha scaraventato così tanta acqua in stratosfera. E ovviamente i conseguenti effetti.

    Perchè ho letto notizie contrastanti a proposito delle conseguenze, c'è chi sostiene che ha contato poco, c'è chi sostiene che ha contato di più...di sicuro non credo che abbiamo compreso fino in fondo tutti gli effetti di quell'eruzione, quindi vorrei capire se esistono dei casi analoghi in letteratura, per poter provare a confrontare
    Una cosa è certa: la quantità di vapore acqueo iniettata nella stratosfera è senza precedenti tra le misurazioni fatte ad oggi, 4 volte maggiore di quella stimata per il Pinatubo.
    Purtroppo risalire ancor più indietro nel tempo è difficile, non abbiamo proxy per misurare la quantità di vapore acqueo stratosferico nel passato.

    Quanto agli effetti, è molto difficile comprenderli visto che proprio in questo periodo si stanno aggiungendo altri due fattori che potrebbero star scaldando contemporaneamente il pianeta, uno dei quali è certamente El Nino, poi forse la cessazione dell'emissione di aerosol sulfurici che avevano un effetto radiante negativo. Pesare in particolare il contributo di quest'ultimo è difficile, anche perchè il riscaldamento delle acque del Nord Atlantico che si sta rilevando da Luglio (a livelli eclatanti, +0,6° in un anno contro +1° dalla preindustriale al 2022, e parliamo di una superficie vastissima pari quasi al 10% della Terra) potrebbe star dipendendo da altri non precisati fattori (minor trasporto di aerosol dal deserto sahariano ad esempio, ecc).


    Io credo che solo tra qualche anno si potrà comprendere il peso di tutti questi fattori: l'effetto eventuale del vapore acqueo immesso nella stratosfera infatti ha una scadenza a breve termine, mentre quello degli aerosol non ha scadenza, quanto al trend di fondo recente e al contributo di El Nino quelli sono già noti per cui sarà sufficiente valutare come sarà andato il clima rispetto a tutti questi e soppesarli.



    PS: Questo thread vorrei tanto approfondirlo, ma non ho molto tempo ormai per leggere altre ricerche . Pensa che fosse per me vorrei aprire anche un thread sul futuro del clima in termini di scala geologica (centinaia di milioni di anni nel futuro), argomento che sarebbe estremamente appassionante.

  4. #374
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    43
    Messaggi
    2,578
    Menzionato
    123 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    le prime stime erano positive ma includevano solo il vapore acqueo e comunque piccole (~0.04°C), quelle più recenti che includono anche la so2 sono molto piccole e negative...ne arriveranno di migliori ma è difficile che sia un grosso contributo.

  5. #375
    Burrasca
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    5,117
    Menzionato
    151 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    mi stavo chiedendo se, per quanto se ne sappia e nel limite delle possibilità di indagine, si abbia notizia negli ultimi decenni/un secolo di un'eruzione che ha scaraventato così tanta acqua in stratosfera. E ovviamente i conseguenti effetti.
    Per quanto ne sappiamo prima di Hunga-Tonga c'è il Pinatubo del 1991, stimata inferiore (ma all'epoca non c'erano gli strumenti odierni), quindi Krakatoa 1883 e Tambora 1815 di cui sappiamo pochino. Sappiamo talmente poco che sembra che quella del Tambora sia stata preceduta da un'analoga eruzione nel 1810 da qualche altra parte di cui non sappiamo nulla. Per cui è possibile che alcune siano sfuggite. vedi la voce wikipedia sull'eruzione qui.Eruzione del Tambora del 1815 - Wikipedia
    Pare che tutte siano state seguite da lievi raffreddamenti ma finora ciò è stato imputato alla SO2 emessa.

  6. #376
    Burrasca forte L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    41
    Messaggi
    7,991
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Bellissimo trend ragazzi, complimenti davvero... Ho letto alcune pagine e chapeau a tutti!

    Faccio una domanda da molto ignorante (e sperando di non essere OT), provando ad avere una risposta che, magari, avete gia' dato qualche pagina indietro e riguarda... Il popolo degli egizi

    Recentemente, ho visto su un noto canale televisivo di Mediaset un documentario che trattava, appunto, degli egizi e della loro caduta, avvenuta piu' o meno circa 4200 anni fa' (nel 2200 a.c): una recente teoria, argomentata da alcuni archeologi (i quali avrebbero trovato prove anche da carotaggi effettuati nel Kilimangiaro) racconta che piu' o meno in quel periodo i faraoni abbiano cominciato a perdere il controllo del territorio e della popolazione... Tant'e' che sono stati ritrovati tantissimi teschi e reperti fossili di uomini caduti in battaglia, ad indicare il crescente numero di guerre.

    Facendo alcune analisi e indagini, gli archeologi avrebbero scoperto che, piu' o meno attorno a quel periodo, l'Egitto ma sostanzialmente tutta l'Africa centro settentrionale e a parte dell'Asia sarebbe stata investita da una grossissima siccita', con conseguente riduzione della portata del Nilo e inizio di periodi tumultuosi... Io, peraltro, non sapevo nemmeno che all'epoca della costruzione delle piramidi non vi era il deserto, bensi' una grande distesa erbosa assimilabile ad una Savana

    La mia domanda, rivolta a @burian br o ad altri e'... Ammesso che la suddetta teoria della "scomparsa" del popolo egizio sia vera, cosa puo' essere successo dal punto di vista climatico? Avevo letto anch'io qualcosa in merito ad un'alterazione dell'AMOC da qualche parte (se riesco a reperire il documento lo posto) ma non so dirvi se si riferisse proprio al periodo in cui gli Egizi erano al massimo dello splendore.

    Comunque complimenti a tutti!

  7. #377
    Burrasca
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    5,117
    Menzionato
    151 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Credo si tratti del cosiddetto Collasso dell'Età del Bronzo
    Collasso dell'Età del Bronzo - Wikipedia
    Nella pagina Wikipedia tra le cause ipotizzate c'è anche la siccità e se ne parla ampiamente.

  8. #378
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    23,953
    Menzionato
    982 Post(s)

    Predefinito Re: il td della paleoclimatologia

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    Bellissimo trend ragazzi, complimenti davvero... Ho letto alcune pagine e chapeau a tutti!

    Faccio una domanda da molto ignorante (e sperando di non essere OT), provando ad avere una risposta che, magari, avete gia' dato qualche pagina indietro e riguarda... Il popolo degli egizi

    Recentemente, ho visto su un noto canale televisivo di Mediaset un documentario che trattava, appunto, degli egizi e della loro caduta, avvenuta piu' o meno circa 4200 anni fa' (nel 2200 a.c): una recente teoria, argomentata da alcuni archeologi (i quali avrebbero trovato prove anche da carotaggi effettuati nel Kilimangiaro) racconta che piu' o meno in quel periodo i faraoni abbiano cominciato a perdere il controllo del territorio e della popolazione... Tant'e' che sono stati ritrovati tantissimi teschi e reperti fossili di uomini caduti in battaglia, ad indicare il crescente numero di guerre.

    Facendo alcune analisi e indagini, gli archeologi avrebbero scoperto che, piu' o meno attorno a quel periodo, l'Egitto ma sostanzialmente tutta l'Africa centro settentrionale e a parte dell'Asia sarebbe stata investita da una grossissima siccita', con conseguente riduzione della portata del Nilo e inizio di periodi tumultuosi... Io, peraltro, non sapevo nemmeno che all'epoca della costruzione delle piramidi non vi era il deserto, bensi' una grande distesa erbosa assimilabile ad una Savana

    La mia domanda, rivolta a @burian br o ad altri e'... Ammesso che la suddetta teoria della "scomparsa" del popolo egizio sia vera, cosa puo' essere successo dal punto di vista climatico? Avevo letto anch'io qualcosa in merito ad un'alterazione dell'AMOC da qualche parte (se riesco a reperire il documento lo posto) ma non so dirvi se si riferisse proprio al periodo in cui gli Egizi erano al massimo dello splendore.

    Comunque complimenti a tutti!
    Ciao Gio!

    Allora, i tuoi riferimenti molto precisi mi hanno consentito di risalire all'evento in questione, ha anche una pagina Wiki in italiano di cui lascio il link perchè esaustiva:

    Evento climatico 4,2 ka BP - Wikipedia

    Si tratta di un Evento Bond, che corrisponde ad una fluttazione del clima che pare più o meno presentarsi con regolarità nell'Olocene con una cadenza di 1 ogni 1000/1500 anni. Anche la PEG sarebbe un Evento Bond (Bond 0), così come il raffreddamento climatico dell'alto Medioevo.

    Qui dei miei post in cui parlo genericamente di che cosa siano:

    il td della paleoclimatologia
    il td della paleoclimatologia


    Il più celebre è l'evento 8,2 kyr (di 8200 anni fa) di cui lasciai anche una descrizione delle cause e dinamiche:

    il td della paleoclimatologia


    In generale gli Eventi Bond sarebbero scatenati da cambiamenti circolatori nelle acque del Nord Atlantico, sufficienti a generare dei raffreddamenti climatici e/o associate siccità. Su cosa generi questi cambiamenti non si sa con esattezza, solo per alcuni eventi Bond si è riusciti a risalire ad una causa verosimile (come nel caso dell'evento di 8200 anni fa).

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •