Pagina 6 di 7 PrimaPrima ... 4567 UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 65
  1. #51
    Burrasca L'avatar di naiva
    Data Registrazione
    04/05/03
    Località
    Merano/Maia Bassa.
    Messaggi
    7,303
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Ciao Naiva!
    Chiedi di quell'alberone isolato della penultima foto, dove si vede un paese sul lato opposto della valle che dovrebbe essere Saltusio?
    A me sembra una quercia, probabilmente una rovere (Quercus sessiliflora) ed è assediata dall'edera. Altrimenti un olmo (la foto non è ingrandibile) ma comunque non un faggio.
    Nell'ultima foto in basso si vedono molte robinie ancora verdi ed al centro una macchia tendente al violaceo, che potrebbe anche essere un orniello. E' sempre in Val Passiria?
    Si ,tutto in Val Passiria,
    L ultima foto é poco prima di Saltusio a nemmeno 500mt.
    Il paese che si vede nella penultima foto é San Leonardo.

    Ciao.


    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

  2. #52
    Vento teso L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    61
    Messaggi
    1,944
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Domenica (temo ultima uscita dalla ragione) ho controllato in bassa val Badia, ma non ho visto faggi, invece molti pecci abbattuti evidentemente ancora da Vaia.
    Per ora concludo che in Val Pusteria il faggio è sì presente, ma limitatamente ad una trentina di piante di non più di trent'anni d'età nei dintorni di San Lorenzo di Sebato.

  3. #53
    Burrasca L'avatar di naiva
    Data Registrazione
    04/05/03
    Località
    Merano/Maia Bassa.
    Messaggi
    7,303
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Il maestoso faggio dichiarato monumento naturale nella località di Bagni di Mezzo a San Pancrazio.
    Questa località termale era molto rinomata a fine 800 ,ci soggiorno la principessa Sissi e Otto von Bismarck.
    Ora é in stato di abbandono,anche la bella chiesetta é in rovina come il centro termale e l hotel.
    Ero solo ,faceva un certo senso,ogni tanto sentivo strano rumori ma non vedevo nessuno,la stradina per arrivarci é diventata pericolosa da buche e ponticello fatiscente.
    La foto del faggio,ha una circonferenza di 4 mt,ne ha viste tante nella sua vita.


    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

  4. #54
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/11/20
    Località
    Malmö
    Messaggi
    40
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Citazione Originariamente Scritto da naiva Visualizza Messaggio
    Il maestoso faggio dichiarato monumento naturale nella località di Bagni di Mezzo a San Pancrazio.
    Questa località termale era molto rinomata a fine 800 ,ci soggiorno la principessa Sissi e Otto von Bismarck.
    Ora é in stato di abbandono,anche la bella chiesetta é in rovina come il centro termale e l hotel.
    Ero solo ,faceva un certo senso,ogni tanto sentivo strano rumori ma non vedevo nessuno,la stradina per arrivarci é diventata pericolosa da buche e ponticello fatiscente.
    La foto del faggio,ha una circonferenza di 4 mt,ne ha viste tante nella sua vita.
    Immagine
    Immagine
    Immagine
    Immagine
    Immagine
    Immagine


    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
    Bellissime foto! Con i colori dell'autunno, poi...
    Io adoro le case abbandonate!

  5. #55
    Vento teso L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    61
    Messaggi
    1,944
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Citazione Originariamente Scritto da naiva Visualizza Messaggio
    Il maestoso faggio dichiarato monumento naturale nella località di Bagni di Mezzo a San Pancrazio.
    Questa località termale era molto rinomata a fine 800 ,ci soggiorno la principessa Sissi e Otto von Bismarck.
    Ora é in stato di abbandono,anche la bella chiesetta é in rovina come il centro termale e l hotel.
    Ero solo ,faceva un certo senso,ogni tanto sentivo strano rumori ma non vedevo nessuno,la stradina per arrivarci é diventata pericolosa da buche e ponticello fatiscente.
    La foto del faggio,ha una circonferenza di 4 mt,ne ha viste tante nella sua vita.
    Immagine
    Immagine
    Immagine
    Immagine
    Immagine
    Immagine


    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
    In un posto così è molto probabile che sia stato piantato

  6. #56
    Vento teso L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    61
    Messaggi
    1,944
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Oggi, o meglio ieri, ho fatto un lungo controllo in Pusteria e non ho trovato altri faggi, oltre a quei pochi di Sebato.
    Invece qualche rovere presso San Sigismondo, 700 m.
    Ho anche visto un bell'abete bianco in mezzo al bosco di pecci e larici sopra San Vito di Braies. (anche lì alcuni alberi seccati: è il bostrico?)
    Secondo me si può dire che la Pusteria, almeno fino allo scorso secolo, era priva di faggi.
    Ultima modifica di alnus; 03/10/2021 alle 14:48

  7. #57
    Vento teso L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    61
    Messaggi
    1,944
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Ieri ho trovato faggi in bassa valle di Tires fra i 300 ed i 500 m specie a bacìo. Poi in sinistra val Ciamin a 1.500 m qualche abete bianco, gli unici che io abbia mai visto fianco a fianco coi cembri.
    Ultima modifica di alnus; 19/10/2021 alle 11:06

  8. #58
    Vento teso L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    61
    Messaggi
    1,944
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Se guardo al fatto che, rispetto al Trentino, in Alto Adige i faggi non solo sono meno presenti, ma anche a quote inferiori, sto cominciando a pensare che non siano tanto condizioni pedoclimatiche diverse a decidere ciò, ma solo il maggior tempo che impiega questa specie recente a penetrare fin dentro le Alpi.

  9. #59
    Banned
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    31
    Messaggi
    18,133
    Menzionato
    65 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Citazione Originariamente Scritto da naiva Visualizza Messaggio
    Alcuni faggi sono meravigliosi.
    Sono una pianta spettacolare.


    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Se guardo al fatto che, rispetto al Trentino, in Alto Adige i faggi non solo sono meno presenti, ma anche a quote inferiori, sto cominciando a pensare che non siano tanto condizioni pedoclimatiche diverse a decidere ciò, ma solo il maggior tempo che impiega questa specie recente a penetrare fin dentro le Alpi.
    Recente di quanto?
    Sei stato all'ottavo tornante della Mendola? Parcheggi sullo spiazzo, prendi il sentiero che si addentra e lo segui nel suo scendere, finché non raggiungi la radura del m.te Ganda, 860m., nell'ampia radura, nel lato NE ci sono dei faggi secolari.

    Io non credo sia troppo recente, ma come ha scritto @Muschio che ringrazio per gli stupendi contributi dal mestiere, vedo una pianta inadatta ai climi continentali ma essendo il Nordest Alpi meno estremo e più graduato nella sua continentalità climatica, i faggi pian piano si son trovati i loro angoli migliori.
    Io ne ho 3 di 50 anni dietro casa. Spettacolari.

  10. #60
    Vento teso L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    61
    Messaggi
    1,944
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Vallate alpine senza faggi

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    Alcuni faggi sono meravigliosi.
    Sono una pianta spettacolare.



    Recente di quanto?
    Sei stato all'ottavo tornante della Mendola? Parcheggi sullo spiazzo, prendi il sentiero che si addentra e lo segui nel suo scendere, finché non raggiungi la radura del m.te Ganda, 860m., nell'ampia radura, nel lato NE ci sono dei faggi secolari.

    Io non credo sia troppo recente, ma come ha scritto @Muschio che ringrazio per gli stupendi contributi dal mestiere, vedo una pianta inadatta ai climi continentali ma essendo il Nordest Alpi meno estremo e più graduato nella sua continentalità climatica, i faggi pian piano si son trovati i loro angoli migliori.
    Io ne ho 3 di 50 anni dietro casa. Spettacolari.
    Grazie della segnalazione, la prossima volta andrò a vedere. Comunque la faggeta della Mendola (lato Est) me la ricordo ancora da quando salii i tornanti in bicicletta 42 anni fa nel primo dei miei viaggi transalpini bici/tenda.

    Intendevo che ho sentito da molte parti (anche in questa discussione è stato citato uno studio svizzero) che l'espansione del faggio in Europa è cosa degli ultimi 3.000 anni.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •