Pagina 18 di 23 PrimaPrima ... 81617181920 ... UltimaUltima
Risultati da 171 a 180 di 221
  1. #171
    Vento fresco
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    2,551
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da Ghiacciovi Visualizza Messaggio
    Vorrei scusarmi con Treborsnow per aver usato parole esagerate ed 'espressioni istintive nei giorni scorsi: " ... mi fai ridere...", ed altre che non ricordo. Spero tu possa accettarle e possiamo continuare a discutere e confrontarci serenamente. Nulla di personale ma solo istintività...... anche io sono molto fermo sulle mie posizioni ma ammetto che anche le tue argomentazioni sono giuste e valide. La pioggia è sicuramente importante al sud e bastevole per le falde idriche in molti casi.
    Ok, andata.

  2. #172
    Vento teso
    Data Registrazione
    09/06/17
    Località
    Castelli Romani
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Molto bella la storia dell'approvvigionamento idrico di Palermo tramite l'acquedotto di Scillato. Un acquedotto che, ad iniziare dal 1900, iniziò ad immettere nella rete idrica della città, centinaia di litri al secondo di purissima acqua pura di sorgente delle Madonie. L'introduzione dell'acqua corrente abbondante e purissima fu necessaria dopo due terribili ondate di colera che avevano devastato la città negli anni precedenti. Ancora oggi Palermo si approvvigiona anche con quest'acqua ( e a volte non basta).
    A titolo di informazione, ecco i quantitativi di neve fresca annua in cm caduti a Piano Battaglia, località carsica con dolina a 1570 metri di quota, in provincia di Palermo, dalla stagione di accumulo 2008-2009 a quella del 2014-2015: 292;141;180;454;426;237;446 (da fonte Meteomont).
    Ultima modifica di Ghiacciovi; 16/04/2021 alle 20:05

  3. #173
    Vento teso
    Data Registrazione
    09/06/17
    Località
    Castelli Romani
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da TreborSnow Visualizza Messaggio
    Ok, andata.
    Sei un grande

  4. #174
    Bava di vento L'avatar di AcquaSacra
    Data Registrazione
    12/04/21
    Località
    roma
    Età
    49
    Messaggi
    219
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da Ghiacciovi Visualizza Messaggio
    Molto bella la storia dell'approvvigionamento idrico di Palermo tramite l'acquedotto di Scillato. Un acquedotto che, ad iniziare dal 1900, iniziò ad immettere nella rete idrica della città, più di 1000 litri di purissima acqua pura di sorgente delle Madonie. L'introduzione dei acqua corrente abbondante e purissima fu necessaria dopo due terribili ondate di colera che avevano devastato la città negli anni precedenti. Ancora oggi Palermo si approvvigiona con quest'acqua.
    A titolo di informazione, ecco i quantitativi di neve fresca annua caduti a Piano Battaglia, località carsica con dolina a 1570 metri di quota, in provincia di Palermo dalla stagione di accumulo 2008-2009 a quella del 2014-2015:
    292;141;180;454;426;237;446.
    I dati sono espressi in cm di neve totale cumulata dai bollettini Meteomont.
    Vedi anche li ritorniamo alla neve in montagna, le Madonie con gli impianti sciistici di piano BattagliaImportanza della neve riguardo le riserve idriche

    Inviato dal mio SM-A307FN utilizzando Tapatalk

  5. #175
    Vento teso
    Data Registrazione
    09/06/17
    Località
    Castelli Romani
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    I Monti Fanusi, Castellaro, Cozzo di Castellazzo, Balata di Caltavuturo, Cozzo Vituro, Monte dei Cervi, Cozzo Morto e Piano della Madonna, costituiscono il bacino imbrifero delle sorgenti di Scillato. La superficie interessata è di 30 Km. quadrati circa ed in queste zone non si presentano corsi d’acqua superficiali. Le acque vengono, infatti, raccolte da depressioni a imbuto, chiamate doline e convogliate in cavità sotterranea, dove scorrono come veri e propri fiumi. Tutto ciò avviene per la presenza delle rocce calcaree,costituite soprattutto da Carbonato di Calcio, formatesi a partire dal periodo Triassico. La cattura delle acque piovane e lo scioglimento delle nevi da parte del sistema sotterraneo di drenaggio affiora a quota 376,68 metri s.l.m., a monte del centro urbano di Scillato, in contrada Sorgive, dando luogo alle sorgenti Agnello, Bosco e Golfone. Si ritiene, comunque, che il bacino imbrifero del gruppo dei monti citati, non è il solo tributario delle sorgenti di Scillato, ma anche di altre sorgenti in zone di Collesano e Polizzi Generosa. Le acque sono state convogliate mediante cunicoli e gallerie attraverso il perforamento della montagna, ad un livello più basso di quello di affioramento perchè si potesse aumentarne la capacità, ed allacciate ad un edificio di presa o botte di riunione dove ha inizio la condotta idrica per Palermo che costituisce l’acquedotto. La media della portata delle acque degli ultimi anni è di 460 litri/secondo. Le acque sono molte fresche, la temperatura è intorno a 12 gradi centigradi.

  6. #176
    Brezza leggera L'avatar di alexeia
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    305
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da Ghiacciovi Visualizza Messaggio
    Estremizzando, un territorio con grossi insediamenti urbani, a mio modo di vedere, per poter vivere di sola acqua piovana (assenza di grandi fiumi o laghi, assenza di possibilità di captazioni di acqua fossile o contributi da dissalatori o catene montuose con snow melting), dovrebbe trovarsi nelle stesse condizioni che si hanno nelle isole inglesi ad esempio, in cui le precipitazioni sono equamente distribuite in tutte e quattro le stagioni e cadono non in modo troppo concentrato ed intenso. Infatti, è noto che in Inghilterra, quando si verificano periodi anomali con assenza di piogge per soli 15 - 20 giorni, spesso si vada in sofferenza idrica rapidamente. Questo è il pericolo che si corre quando si dipende solo dalle piogge. La situazione migliore è quella in cui la diversificazione degli approvvigionamenti e tutti i contributi, ivi inclusi anche quelli piovosi e nevosi, riescono a garantire approvvigionamento per tutti i 12 mesi dell'anno. Se al sud nevicasse ancor più sarebbe ancora meglio, così come se piovesse anche nei mesi estivi ( in tal caso basterebbero le sole piogge ).
    Dipende, ognuno è un caso a sé stante. Dalle mie parti, ad esempio (sud Miano) viene captata una falda profonda, che ha la sua ricarica a monte, molto a monte; non è la vera e propria falda fossile, che sta più sotto, e pare sia salata. La falda superficiale a sua volta è bella vispa tutto l'anno, la si vede nelle varie cave attorno; si è innalzata rispetto al passato. Poi, quando piove tanto, si innalza ancora di più e ti ritrovi il box con piscina... Comunque, a voler vedere, anche la falda profonda è alimentata de monte, e chissà se conta di più la neve o la pioggia: probabile che date le distanze i vari picchi si attenuino nel tempo e si confondano sino ad avere quasi un tutt'uno omogeneo.
    D'altra parte, a monte abbiamo le Alpi, con aree innevate e vaste aree solo pioggiate: quanto contribuisce l'uno e l'altro? L'appennino, da cui si è partiti, è una situazione completamente diversa, tanto per cominciare non ci sono pianure cioè c'è la montagna e poi l'acqua esce fuori subito...quindi si risente molto più direttamente dei vari picchi di precipitazione. Il problema è che non puoi fare la controprova: se sulla Maiella piovesse anche l'inverno anziché nevicare, cosa cambierebbe? come si comporterebbero le sorgenti? Questo è il punto... ahimé non verificabile. solo ipotizzabile attraverso modelli, che però li fai nel luogo e con i dati del luogo e punto. Tutti gli altri paragoni secondo me lasciano il tempo che trovano perché le variabili in gioco sono troppe.

  7. #177
    Brezza leggera L'avatar di alexeia
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    305
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da AcquaSacra Visualizza Messaggio
    Sono perfettamente d'accordo con te, ho spiegato anche io nel dettaglio l'approvvigionamento idrico di Roma ed ho elencato tutte le sue sorgenti sia antiche che moderne, i Romani erano super esperti di acqua hanno fatto gli acquedotti in tutto il mondo la rete fognaria di Roma è sostanzialmente quella di 2000 anni fa', per chi è interessato leggetevi la storia della Cloaca Maxima.
    I Romani non avrebbero mai fatto quello che hanno fatto se dovevano contare solo o in maggior parte sull'acqua piovana, con 3/4 mesi estivi di possibile siccità è vero che il clima 2000 anni fa' era differente ma sugli Appennini nevicava già molto lo testimoniano gli acquedotti che ci sono


    Inviato dal mio SM-A307FN utilizzando Tapatalk
    Qui hai toccato - bravo, non ci avevo pensato - un altro punto che costringe a contestualizzare il singolo caso. Per i Romani, stiamo parlando di optimum climatico dell'Età Romana, che a quest'ora e dopo un tot di assaggi di liquorini non sono in grado di quantificare... però, ecco, il clima era diverso, quindi fare i conti sulla nevosità dell'Appennino attuale e correlarla al fatto che gli acquedotti romani andavano proprio lì...beh, è un salto troppo lungo, manca qualche punto d'appoggio. Magari andavano lì perché comunque le precipitazioni erano elevate, e anche se liquide comunque funzionavano.. boh? occorre stare sul singolo caso, secondo me, se no non se ne viene fuori...

  8. #178
    Brezza leggera L'avatar di alexeia
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    305
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da AcquaSacra Visualizza Messaggio
    Immagino siano correlati senza disponibilità non credo ci possa essere nemmeno un consumo procapite o perlomeno molto limitato vedi i paesi Africani, ecco perché siamo i primi in Europa ed i terzi al mondo, perché di acqua ne abbiamo

    Inviato dal mio SM-A307FN utilizzando Tapatalk

    Sì, però puoi anche avere disponibilità d'acqua e non avere consumo. Per dire, nell'oscuro Medioevo anche se non c'era in casa, avevano ereditato la tradizione romana dei bagni, e andavano a lavarsi fuori, o al fiume; nel civile Rinascimento pensavano che l'acqua danneggiasse il corpo, e quindi non si lavavano, usavano i profumi. A parità di disponibilità di acqua - non entro nel dettaglio, ipotizziamo che non ci siano grandi variazioni - il consumo crollò drasticamente.
    Per non parlare dei nostri nonni... sino agli anni '60 era normale la doccia una volta la settimana anche avendo l'acqua calda in casa; oggi i consumi sono drasticamente aumentati, ma perché è cambiato il modello culturale, non perché sia aumentata l'acqua.

  9. #179
    Vento fresco
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    2,551
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Ho fatto una ricerca veloce anche tra articoli accademici e tesi varie di una misura della perdita per evaporazione dopo fusione e sublimazione diretta ma nonostante se ne parli sempre ancora non trovo qualche dato medio.

  10. #180
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    09/12/20
    Località
    SS
    Età
    26
    Messaggi
    407
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Importanza della neve riguardo le riserve idriche

    Citazione Originariamente Scritto da AcquaSacra Visualizza Messaggio
    Sono perfettamente d'accordo con te, ho spiegato anche io nel dettaglio l'approvvigionamento idrico di Roma ed ho elencato tutte le sue sorgenti sia antiche che moderne, i Romani erano super esperti di acqua hanno fatto gli acquedotti in tutto il mondo la rete fognaria di Roma è sostanzialmente quella di 2000 anni fa', per chi è interessato leggetevi la storia della Cloaca Maxima.
    I Romani non avrebbero mai fatto quello che hanno fatto se dovevano contare solo o in maggior parte sull'acqua piovana, con 3/4 mesi estivi di possibile siccità è vero che il clima 2000 anni fa' era differente ma sugli Appennini nevicava già molto lo testimoniano gli acquedotti che ci sono


    Inviato dal mio SM-A307FN utilizzando Tapatalk
    Si, nel caso dell'Appennino Laziale devi considerare per prima cosa che ha una pluviometria notevole, è da quello che dipende l'elevata nevosità. Del resto, i Simbruini si chiamano così per questo motivo. Il fatto che l'acqua di Palermo venga dalle Madonie è dovuto alla stessa ragione. Poi io non parlerei di 3/4 mesi di siccità, almeno nel Centro Italia. I temporali pomeridiani in montagna non sono affatto rari.
    Ultima modifica di SsNo; 17/04/2021 alle 20:24

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •