Pagina 46 di 57 PrimaPrima ... 36444546474856 ... UltimaUltima
Risultati da 451 a 460 di 569
  1. #451
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    07/06/16
    Località
    Varese
    Età
    49
    Messaggi
    475
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Arrivare ad azzerare le emissioni nette 10 o 20 anni dopo i Paesi occidentali non è "sbattersene", entrambi i Paesi stanno facendo massicci investimenti in rinnovabili, l'India punta ad avere i 50% di rinnovabili nel mix energetico entro il 2030, non è un obiettivo da poco. La Cina si è impegnata a cominciare a ridurre le emissioni entro il 2030 ma probabilmente ci riuscirà ben prima.

    Ma per la natura stessa delle rinnovabili che hanno un investimento iniziale elevato è molto difficile per i Paesi più poveri e in rapida crescita come l'India soddisfare tutta la domanda di energia con rinnovabili, è inevitabile che i tempi per le economie più arretrate siano più lunghi rispetto a quelle industrializzate.

    Ma anche se l'India raddopiasse le emissioni entro il 2030 e gli USA raggiungessero il loro obiettivo di dimezzarle, le emissioni pro-capite resterebbero comunque più alte negli USA, senza contare la differenza enorme di emissioni cumulate. Sicuramente potrebbero fare di più, ma non è proprio una situazione in cui l'occidente possa mettersi a fare la morale agli altri.
    Un conto è parlare di India, che non è ancora un potenza economica e tecnologica, è comunque sulla buona strada, ma la Cina è ben altra cosa.
    È quasi la prima potenza al mondo sotto tutti i punti di vista, ma le sue emissioni sono una grandissima fetta di quelle mondiali.
    Senza la Cina non si ottiene nulla.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  2. #452
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,692
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    La mia domanda (sulla quale verte tutto il mio pessimismo) è:
    quanto tempo c'è a disposizione per invertire globalmente la rotta?
    Le scadenze che vengono date come vengono calcolate?
    Il punto è un altro:
    la domanda di riduzione di emissione non proverrà da una scelta dei cittadini perchè sconveniente.

  3. #453
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    15,140
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    Il punto è un altro:
    la domanda di riduzione di emissione non proverrà da una scelta dei cittadini perchè sconveniente.
    Prima o poi si farà poichè anche i combustibili fossili non durano in eterno

  4. #454
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,692
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Prima o poi si farà poichè anche i combustibili fossili non durano in eterno
    le previsioni sul suo utilizzo sono state sbagliate tanti anni fa, sulla sua disponibilità uguale, tutte previsioni sbagliate che non tenevano conto dell'innovazione tecnologica sempre più efficace nell'utilizzo e nel rendere disponibile i combustibili fossili.

    Il tuo commento Stefano dimostra che sei vittima anche tu della propaganda sulla paura del futuro.

  5. #455
    Vento teso
    Data Registrazione
    16/11/17
    Località
    Luino (VA) 220/310 mt
    Messaggi
    1,768
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    quindi l'opinione pubblica è influenzata dalle pubblicazioni peer-reviewed?

    Le scelte dei cittadini seguono le opinioni delle rivste scientifiche?

    Io non ne conosco una di persona così, invece ne conosco tantissime che leggono e ascoltano i canali di informazione.
    Chi prende decisioni, anche se talvolta nell’immediato non sempre (ma alla lunga sicuramente), si basa sulle pubblicazioni scientifiche, perlomeno per tematiche in cui c’è un’importante unanimità di pensiero.
    Sinceramente l’opinione del tuo vicino di casa non è così rilevante… anzi. E più che un lavoro di sensibilizzazione sul tema o campagne di informazione (seria) non si può fare.

  6. #456
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    11/08/20
    Località
    Mestre (VE)
    Messaggi
    320
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    La mia domanda (sulla quale verte tutto il mio pessimismo) è:
    quanto tempo c'è a disposizione per invertire globalmente la rotta?
    Le scadenze che vengono date come vengono calcolate?
    Non c'è nessuna scadenza, anche se i proclami della propaganda continuano a dire che il tempo è già finito, ci sono pochissimi anni per evitare la "catastrofe" e via dicendo. Tu vedi ad oggi una catastrofe in atto o quasi?

  7. #457
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    34
    Messaggi
    2,033
    Menzionato
    396 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    La mia domanda (sulla quale verte tutto il mio pessimismo) è:
    quanto tempo c'è a disposizione per invertire globalmente la rotta?
    Le scadenze che vengono date come vengono calcolate?
    Le scadenze sono per lo più simboliche e altamente incerte, oltre al fatto che spesso se ne parla senza specificare a quale obiettivo si riferiscano.

    Se parliamo di rispettare l'obiettivo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi (ovvero circa 0,4 gradi sulla media attuale), le emissioni globali andrebbero ridotte in maniera sostanziale entro la fine di questo decennio, anche se l'incertezza pure in questo rimane molto forte. In questo articolo viene trattato in maniera piuttosto approfondita la questione di quando potrebbero essere raggiunte le due soglie simboliche di 1,5 gradi e 2 gradi in base all'andamento delle emissioni.
    Analysis: What the new IPCC report says about when world may pass 1.5C and 2C - Carbon Brief
    In generale non credo che mancare quella scadenza porti automaticamente ad esiti catastrofici, se ci si muoverà nella direzione giusta si potrà eccedere un po' quella soglia ma poi si dovrebbe comunque riuscire a riportare sotto controllo la situazione.
    Per fare un esempio concreto, se gli anni 40 di questo secolo avranno estati italiane con una media pari all'estate 2019 o di mezzo grado più alta non casca il mondo, anche se chiaramente preferirei la prima o magari anche un po' meno.

    Se si continuassero ad aumentare le emissioni senza criterio si rischierebbe di finire in scenari più estremi con il rischio di innescare dinamiche difficilmente reversibili, ma non mi sembra una ipotesi realistica.

  8. #458
    Vento teso
    Data Registrazione
    16/11/17
    Località
    Luino (VA) 220/310 mt
    Messaggi
    1,768
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da MeTeo72 Visualizza Messaggio
    Un conto è parlare di India, che non è ancora un potenza economica e tecnologica, è comunque sulla buona strada, ma la Cina è ben altra cosa.
    È quasi la prima potenza al mondo sotto tutti i punti di vista, ma le sue emissioni sono una grandissima fetta di quelle mondiali.
    Senza la Cina non si ottiene nulla.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Attenzione però a credere che 10 anni di differenza per la neutralità climatica, per un paese come la Cina che ha previsto un aumento del fabbisogno del 130%, possano essere un qualcosa di così negativo. Il piano cinese è stato pubblicato, e vede un'integrazione tra un'alta percentuale di rinnovabili (80%, di cui una buona fetta da idroelettrico dunque abbiamo una fattibilità da un punto di vista di rete e stoccaggio) e una percentuale modesta di nucleare (15%, che per il fabbisogno cinese significa 400 reattori in più rispetto ad ora; e hanno anche i primi prototipi di SMR e reattori al Torio).

    China to put carbon emission goals into medium- and long-term development strategy: climate envoy Xie Zhenhua - Global Times

    Dovremmo rivolgere prima lo sguardo in Europa, ricordando che il Belgio è l'unico paese che da qui al 2030 di fatto carbonizzerà la propria produzione di energia elettrica, e anche la Germania, almeno per i prossimi anni, è già sulla buona strada.

  9. #459
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    34
    Messaggi
    2,033
    Menzionato
    396 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da MeTeo72 Visualizza Messaggio
    Un conto è parlare di India, che non è ancora un potenza economica e tecnologica, è comunque sulla buona strada, ma la Cina è ben altra cosa.
    È quasi la prima potenza al mondo sotto tutti i punti di vista, ma le sue emissioni sono una grandissima fetta di quelle mondiali.
    Senza la Cina non si ottiene nulla.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    È vero che senza la Cina non si ottiene nulla, ma nella realtà la Cina ha sottoscritto l'accordo di Parigi e sta investendo per ridurre le emissioni.
    Gli altri stati tanno cercando di spingerli ad accelerare in modo che stabilizzino da subito le emissioni e comincino a ridurle a partire dal 2025 anziché dal 2030 (vedi discorso di Boris Johnson di oggi) ma i cinesi stanno già riducendo la dipendenza dal carbone ed aumentando la quota di energia da rinnovabili e nucleare, sono già su una traiettoria di riduzione delle emissioni (anche perché questo gli consente di migliorare la qualità dell'aria delle città che era diventata una vera emergenza).

    Non è una traiettoria così diversa da quella dei Paesi occidentali, seppure con un decennio di ritardo.
    china_share-energy-source-sub.jpg


    Ad oggi l'unica forza politica di un grande Paese che rifiuta totalmente la necessità di ridurre le emissioni sono i repubblicani americani, oltre a Putin che la rifiuta di fatto anche se formalmente stanno dentro l'accordo di Parigi.
    Ultima modifica di snowaholic; 03/11/2021 alle 15:40

  10. #460
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    43
    Messaggi
    680
    Menzionato
    51 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Le scadenze sono per lo più simboliche e altamente incerte, oltre al fatto che spesso se ne parla senza specificare a quale obiettivo si riferiscano.

    Se parliamo di rispettare l'obiettivo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi (ovvero circa 0,4 gradi sulla media attuale), le emissioni globali andrebbero ridotte in maniera sostanziale entro la fine di questo decennio, anche se l'incertezza pure in questo rimane molto forte. In questo articolo viene trattato in maniera piuttosto approfondita la questione di quando potrebbero essere raggiunte le due soglie simboliche di 1,5 gradi e 2 gradi in base all'andamento delle emissioni.
    Analysis: What the new IPCC report says about when world may pass 1.5C and 2C - Carbon Brief
    In generale non credo che mancare quella scadenza porti automaticamente ad esiti catastrofici, se ci si muoverà nella direzione giusta si potrà eccedere un po' quella soglia ma poi si dovrebbe comunque riuscire a riportare sotto controllo la situazione.
    Per fare un esempio concreto, se gli anni 40 di questo secolo avranno estati italiane con una media pari all'estate 2019 o di mezzo grado più alta non casca il mondo, anche se chiaramente preferirei la prima o magari anche un po' meno.

    Se si continuassero ad aumentare le emissioni senza criterio si rischierebbe di finire in scenari più estremi con il rischio di innescare dinamiche difficilmente reversibili, ma non mi sembra una ipotesi realistica.
    Grazie per l'articolo

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •