Pagina 57 di 66 PrimaPrima ... 7475556575859 ... UltimaUltima
Risultati da 561 a 570 di 657
  1. #561
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    11/08/20
    Località
    Mestre (VE)
    Messaggi
    352
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    Scrivo qui un po' di considerazioni sparse inerenti il tema dei cambiamenti climatici e della transizione ecologica.


    -Per prima cosa, relativamente alle previsione per i cambiamenti climatici trovo che a volte anche scienziati molto conosciuti rischino di perdere la credibilità con uscite poco comprensibili: il sensazionalismo fa male in entrambi i versi e non solo se si riferisce a posizioni negazioniste. Dico questo dopo che Mercalli si è sbilanciato non poco dicendo che ci si aspetta che nel Monferrato si possano avere "estati a 52°C" (nemmeno citato come picco massimo addirittura).
    Vorrei concentrarmi quindi proprio su questa uscita e cercare di capire se è davvero possibile.


    Partiamo dalla considerazione per cui nell'area delle colline del Monferrato, mediamente, il record di caldo attuale sarà presumibilmente sui 38-40 gradi, e che quindi ciò che dice Mercalli implicherebbe avere picchi di 10-15 gradi più alti circa: ora, è vero che i valori estremi possano aumentare in questa misura senza che debbano per forza farlo anche le temperature medie (dipende dalla deviazione standard dei valori estremi rispetto alle medie, che può anche aumentare di un fattore superiore rispetto a queste ultime). Ma facciamo finta che questo non conti nulla e cerchiamo di andare più nel dettaglio.
    In ogni caso, inutile dire che un tale aumento resta improbabile anche guardando allo scenario più estremo, l'RCP 8.5.


    Ora, se non sbaglio il Sahara e in generale le aree equatoriali sono quelle che si stanno riscaldando di meno in assoluto. In che modo questo ci tocca? Beh, le temperature molto elevate da noi, ora come in futuro, non possono che essere determinate da un'espansione del promontorio sahariano, perchè quella zona è nettamente più propizia alla formazione di una simile struttura barica (ricordo che resta in loco praticamente tutto l'anno limitandosi ad abbassarsi di latitudine nei mesi invernali, e ricominciando a rinforzarsi in modo perentorio già da fine inverno, facendo poi raggiungere i picchi più alti ad aprile/maggio nella zona del Sahel: in che modo le medie latitudini, per loro natura esposte a irruzioni di masse d'aria molto diversificate, che spesso portano perturbazioni e che provengono da diverse direzioni- e ad esempio il nord Italia potrebbero avere un riscaldamento simile?)
    Di qui si deduce che il riscaldamento globale non potrà mai spostare se non al limite in piccola parte il core di questa struttura barica, e pertanto le temperature più elevate si avranno sempre nel nord Africa più che in Europa. Ora si, è possibile che a causa di cambiamenti nella circolazione atmosferica e (soprattutto su scale temporali brevi) di un'ITCZ molto a nord si possano avere periodi brevi o meno brevi caratterizzati da forte caldo in Europa, ma non sarà MAI possibile avere in modo assolutamente stabile e ininterrotto, fosse anche solo per i mesi estivi, un promontorio di matrice subtropicale nel nord Italia (ma nemmeno al sud eh), proprio perchè si forma molto più a sud.


    Quindi, da questo, se qui in Italia si piantasse stabilmente la +35 (eh si, perchè una breve ondata nemmeno basterebbe a portare i famosi 52 gradi nel Monferrato) da qualche parte più a sud ci dovrebbe essere almeno una +40 (si, perchè nel Sahara anche oggi fanno la loro comparsa le +32/+34, temperature di un 5 gradi circa superiori a quelle registrate in qualsiasi parte d'Italia escludendo al limite la Sicilia (che ha avuto temperature 2/4 gradi inferiori ma solo in casi veramente eccezionali). Lo vedete fattibile?

    Per la formazione di queste strutture bariche sono necessarie particolari caratteristiche morfologiche, climatiche e geografiche (fondamentalmente date dalla latitudine e quindi anche dall'angolo di incidenza dei raggi solari), non se ne esce.
    Eppure di articoli che dicono che Torino sarà calda come Dallas fra appena 30 anni (nel 2050) se ne leggono a iosa: sulla base di cosa? Se Torino diventa la nuova Dallas con 41°C di massima media, anche se fosse nel 2100, a N'Djamena cosa succederebbe?
    Magari sto anche dicendo stronzate eh, non ho la verità in mano, ma credo sia doveroso anche farsi domande di questa natura invece di vedere il riscaldamento globale solo come un processo "casuale" ed esogeno che è indipendente dalle logiche e dai processi fisici che caratterizzano la climatologia dei vari luoghi della terra.






    Ora lascio perdere però questo per parlare delle misure pensate per la transizione ecologica.
    Non vi sembra (ma va) che si sta andando totalmente alla cieca e per improvvisazione? Ad esempio penso questo leggendo la notizia secondo cui non saranno più vendute- e presumibilmente quindi non saranno più fatte circolare poco dopo- le auto non elettriche. Ma nel caso italiano in particolare ancora non ho capito che si fa: si utilizza l'energia creata dalle centrali termoelettriche per caricare le auto?
    Perchè di soluzioni alla copertura totale del fabbisogno e di nucleare non leggo nulla, e fino a quella data mancano 20 anni scarsi.

    Credo che la sfida più importante sarà quella di non cadere nella tentazione di fare proclami troppo grossi che poi non potranno essere rispettati e di non perdere il contatto con la realtà.
    A essere onesti già ora si ha questa impressione con le norme ideate per combattere la scarsa qualità dell'aria in Pianura Padana, in parte: mi ha colpito apprendere che il limite di temperatura consentito negli edifici è di 18°C (ma poi in uffici e locali pubblici ce ne sono almeno 5 in più sistematicamente, quindi mi chiedo a che serva nel concreto); o ancora più strano è il fatto per cui non potrebbero essere accesi camini o stufe non in linea con i più recenti requisiti ecologici (ma poi si scopre, e meno male, che in caso di indisponibilità di altre fonti di riscaldamento si possono usare comunque: dopo però ci si chiede...ma chi avendo a disposizione fonti ecologiche efficienti andrebbe veramente ad accendere il camino? Ed ecco quindi che la norma diventa praticamente inutile...). In generale mi sembra si tratti di norme che non possono essere fatte rispettare (e per cui manca anche la volontà di farlo se nemmeno le istituzioni che promulgano queste stesse norme le rispettano) e che nessuno prende in considerazione (a parte ovviamente quelle sulle auto), in pieno stile italiano; ma emerge anche il fatto che ci sono vari problemi da risolvere e che ostacolano in modo decisivo questo processo, diciamo così.


    Spero di non aver divagato troppo
    Commento ragionevole che si discosta dalla propaganda scientifico-politica che ci viene somministrata ogni giorno, anche da una parte dei (cosiddetti) esperti climatici

  2. #562
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    24
    Messaggi
    2,356
    Menzionato
    63 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Commento ragionevole che si discosta dalla propaganda scientifico-politica che ci viene somministrata ogni giorno, anche da una parte dei (cosiddetti) esperti climatici
    Non sto mica negando i cambiamenti climatici , semplicemente credo che allo stato attuale l'Italia e le medie-alte latitudini si siano riscaldate cosí tanto non solo per il processo di riscaldamento globale ma anche per dei cambiamenti nella circolazione atmosferica, e che quindi la velocità di crescita delle temperature medie non avverrà per sempre con lo stesso ritmo odierno, o almeno non é scritto da nessuna parte che debba essere cosí.

  3. #563
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    16,907
    Menzionato
    863 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    Non sto mica negando i cambiamenti climatici , semplicemente credo che allo stato attuale l'Italia e le medie-alte latitudini si siano riscaldate cosí tanto non solo per il processo di riscaldamento globale ma anche per dei cambiamenti nella circolazione atmosferica, e che quindi la velocità di crescita delle temperature medie non avverrà per sempre con lo stesso ritmo odierno, o almeno non é scritto da nessuna parte che debba essere cosí.
    E' la mia teoria del plateau estivo. Credo cioè che nei prossimi decenni ci sarà un rallentamento nell'aumento delle medie termiche estive italiane, questo perchè parte del forte incremento dei decenni scorsi è nato dall'aver visto un cambiamento di circolazione atmosferica estiva sulle nostre teste.
    Vedremo come va, io in parte questo rallentamento del riscaldamento estivo rispetto ai decenni precedenti lo sto notando in diverse località meridionali, che sono entrate prima in questo nuovo regime (negli anni 90, mentre il Nord negli anni 2000).

  4. #564
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,907
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    Non sto mica negando i cambiamenti climatici , semplicemente credo che allo stato attuale l'Italia e le medie-alte latitudini si siano riscaldate cosí tanto non solo per il processo di riscaldamento globale ma anche per dei cambiamenti nella circolazione atmosferica, e che quindi la velocità di crescita delle temperature medie non avverrà per sempre con lo stesso ritmo odierno, o almeno non é scritto da nessuna parte che debba essere cosí.
    quindi escludi che il processo di riscaldamento globale coincida con la variabiltà naturale del sistema?

  5. #565
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    24
    Messaggi
    2,356
    Menzionato
    63 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    E' la mia teoria del plateau estivo. Credo cioè che nei prossimi decenni ci sarà un rallentamento nell'aumento delle medie termiche estive italiane, questo perchè parte del forte incremento dei decenni scorsi è nato dall'aver visto un cambiamento di circolazione atmosferica estiva sulle nostre teste.
    Vedremo come va, io in parte questo rallentamento del riscaldamento estivo rispetto ai decenni precedenti lo sto notando in diverse località meridionali, che sono entrate prima in questo nuovo regime (negli anni 90, mentre il Nord negli anni 2000).
    Non so onestamente per la maggior parte delle località del sud, ricordo i tuoi report su Brindisi in merito, peró in Sardegna il riscaldamento continua a essere forte e nell'ultimo decennio si sono avute molte tra le estati piú calde (ma pensandoci bene anche al sud in teoria: 2012, 2015, 2017, 2019). Anche perché se potrebbe esserci una tendenza all'occidentalizzazione della posizione media del promontorio subtropicale (non ne sono affatto sicuro) sarebbe interessata dallo stesso processo in atto al nord-ovest, che ha vissuto un forte riscaldamento negli ultimi 50 anni, pari a un aumento di 2/2.5 gradi della temperatura media nei mesi estivi in molte località.

    Tuttavia, in inverno già ora si é fatto anche di peggio con 2.5/3 gradi in piú, mentre al contrario in Sardegna (e secondo me anche al sud) il riscaldamento nei mesi invernali é molto blando.


    La mia idea comunque é che ci possano essere maggiori margini per il riscaldamento invernale che per quello estivo considerando quanto detto sopra....

  6. #566
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    16,907
    Menzionato
    863 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    Non so onestamente per la maggior parte delle località del sud, ricordo i tuoi report su Brindisi in merito, peró in Sardegna il riscaldamento continua a essere forte e nell'ultimo decennio si sono avute molte tra le estati piú calde (ma pensandoci bene anche al sud in teoria: 2012, 2015, 2017, 2019). Anche perché se potrebbe esserci una tendenza all'occidentalizzazione della posizione media del promontorio subtropicale (non ne sono affatto sicuro) sarebbe interessata dallo stesso processo in atto al nord-ovest, che ha vissuto un forte riscaldamento negli ultimi 50 anni, pari a un aumento di 2/2.5 gradi della temperatura media nei mesi estivi in molte località.

    Tuttavia, in inverno già ora si é fatto anche di peggio con 2.5/3 gradi in piú, mentre al contrario in Sardegna (e secondo me anche al sud) il riscaldamento nei mesi invernali é molto blando.


    La mia idea comunque é che ci possano essere maggiori margini per il riscaldamento invernale che per quello estivo considerando quanto detto sopra....
    Non so esprimermi circa il riscaldamento invernale se non confermando che anche qui è molto blando. In generale l'esperienza coi radiosondaggi mi suggerisce che in inverno le latitudini tropicali e subtropicali (tra cui il Mediterraneo) risentono molto poco del riscaldamento globale. Esiste un netto disaccoppiamento tra quota e suolo.

    In estate le medie continuano ad aumentare anche qui, solo che meno nettamente. Il delta tra la 71/00 e la 81/10 è in altre parole maggiore del delta tra 81/10 e 91/20 per i mesi estivi.
    Credo che il delta tra 91/20 e una futura 2001/30 sarà anche inferiore.

  7. #567
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    58
    Messaggi
    5,929
    Menzionato
    125 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Non so esprimermi circa il riscaldamento invernale se non confermando che anche qui è molto blando. In generale l'esperienza coi radiosondaggi mi suggerisce che in inverno le latitudini tropicali e subtropicali (tra cui il Mediterraneo) risentono molto poco del riscaldamento globale. Esiste un netto disaccoppiamento tra quota e suolo.

    In estate le medie continuano ad aumentare anche qui, solo che meno nettamente. Il delta tra la 71/00 e la 81/10 è in altre parole maggiore del delta tra 81/10 e 91/20 per i mesi estivi.
    Credo che il delta tra 91/20 e una futura 2001/30 sarà anche inferiore.
    Concordo sulla diminuzione del delta, e non a livello regionale ne stagionale ma ben più ampio, le ragioni di questo hiatus, peraltro non il primo, non sono ancora chiare, ma evidenti a livello globale, non sono un indicatore di alcuna inversione o meno nel trend del GW ma meriterrebbero maggior approfondimento, ma si parte da una ammissione di difficoltà nel capirne le cause già negli ambienti scientifici più quotati, seppure gli oceani.......

    M.
    MeteoNetwork
    Validazione stazioni amatoriali

    mauro.serenello@meteonetwork.it
    mauro.serenello@protonmail.com



  8. #568
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    24
    Messaggi
    2,356
    Menzionato
    63 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da capriccio Visualizza Messaggio
    Concordo sulla diminuzione del delta, e non a livello regionale ne stagionale ma ben più ampio, le ragioni di questo hiatus, peraltro non il primo, non sono ancora chiare, ma evidenti a livello globale, non sono un indicatore di alcuna inversione o meno nel trend del GW ma meriterrebbero maggior approfondimento, ma si parte da una ammissione di difficoltà nel capirne le cause già negli ambienti scientifici più quotati, seppure gli oceani.......

    M.
    Tra ovest e nord Europa (compreso il nord Italia) credo che sia aumentato nell'ultimo decennio, ma non é detto che non diminuirà nei prossimi...

  9. #569
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    58
    Messaggi
    5,929
    Menzionato
    125 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    Tra ovest e nord Europa (compreso il nord Italia) credo che sia aumentato nell'ultimo decennio, ma non é detto che non diminuirà nei prossimi...
    È possibile, non ho i dati in mano ma credo che chiunque, dotato di buona volontà, possa stimarlo per la propria zona e non solo

    M.
    MeteoNetwork
    Validazione stazioni amatoriali

    mauro.serenello@meteonetwork.it
    mauro.serenello@protonmail.com



  10. #570
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    34
    Messaggi
    2,118
    Menzionato
    422 Post(s)

    Predefinito Re: Cambiamenti climatici e ambiente: punto centrale o "paravento" per l'establishment?

    Plastic pollution: Green light for '''historic''' treaty - BBC News
    Approvata ieri la risoluzione ONU contro l'inquinamento da plastica, con l'adesione di 200 paesi membri. L'obiettivo sarebbe di arrivare rapidamente ad un trattato analogo agli accordi di Parigi, con obiettivi vincolanti e relativi finanziamenti.
    È solo l'inizio di un percorso, ma è un passo importante di cui avevamo discusso anche qui.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •