Pagina 16 di 16 PrimaPrima ... 6141516
Risultati da 151 a 152 di 152
  1. #151
    Vento forte L'avatar di ale97
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    24
    Messaggi
    3,509
    Menzionato
    81 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    grazie per il chiarimento, io faccio il meteorologo e su questi argomenti posso solo imparare da commenti come il tuo.
    Un chiarimento ulteriore: nel concetto di consumption based sono anche compresi le emissioni indirette tramite gli acquisti? ormai a parte alcuni generi alimentari e poco altro si produce tutto in Cina, o in Vietnam, sempre più in Cambogia...

    Ps:
    nessuno ha avuto da dire sul continuo consumo di suolo, di biodiversità (certificato anche dai recenti rapporti ISPRA) che continua incontrastato a dispetto della stagnazione demografica e del PIL. Ricordo che se ne era già parlato, cmq.

    Ps2. Ammettiamo pure che il decoupling sia una realtà (almeno per la CO2... poi ci sarebbero anche altri aspetti da considerare, materie prime, plastica, ecc).
    Penso che siamo tutti d'accordo che la riduzione delle emissioni globali di cui abbiamo bisogno per stabilizzare il clima (di cui non si vede ancora alcuna traccia) sarebbe molto più agevole se abbandonassimo questo folle sistema economico, basato sul consumismo (ecco, se dico consumismo, invece che crescita, forse ci capiamo meglio).
    Si è parlato di trasporti sopra: abbiamo davvero bisogno di spostarci così tanto? di spostare così tante merci? penso all'assurdo mercato delle acque e delle bibite in bottiglia, ad esempio, alla follia del fast fashion, agli iperconsumi iperimpattanti degli iper ricchi, ecc ecc e ancora ecc.
    E' davvero impossibile immaginare un'economia stazionaria?

    Ci sono senza dubbio tanti aspetti in cui si potrebbe migliorare tra quelli citati, ma la persona media non è che si sposti poi così tanto. Nella maggior parte dei casi lo fa giornalmente per andare al lavoro (anche perchè in Italia il lavoro da casa non sembra aver sfondato), poi nel weekend o nelle ferie possono voler passare un po' di tempo fuori casa ma mi pare anche normale. Non penso sia quello nello specifico il problema.

    In più, è verissimo che si può migliorare su molti aspetti...ma l'importante è che non si arrivi a voler tornare allo stile di vita di due secoli fa perchè ho sentito tanti che premono per quello. Ad esempio sento dire spesso che "non è un problema la sovrappopolazione in Asia e Africa perchè siamo noi ad avere uno stile di vita esagerato". Però mi viene da dire: si, si può migliorare, ma quindi la soluzione sarebbe sopravvivere come in quei luoghi? Ci deve essere per forza una via di mezzo.

    Senza dubbio un po' più di sensibilizzazione sul consumo delle risorse va fatto

  2. #152
    Bava di vento
    Data Registrazione
    15/12/12
    Località
    Rimini Padulli
    Età
    39
    Messaggi
    163
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Mio fratello é in viaggio di nozze negli Usa. Sono terrificanti nella spreco di risorse. Macchine al 99,9% supermegaiper consumogene e sovradimensionate. Tutti i locali hanno aria condizionata a 18 gradi, da stare con la felpa. In hotel dormono con felpa e sotto la coperta perché é freddissimo. Ieri addirittura sono stati in un locale con camino acceso e aria condizionataLa lunga strada verso le emissioni zero

    Inviato dal mio 2201117PG utilizzando Tapatalk

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •