Pagina 38 di 55 PrimaPrima ... 28363738394048 ... UltimaUltima
Risultati da 371 a 380 di 545
  1. #371
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    15/12/12
    Località
    Rimini Padulli
    Età
    41
    Messaggi
    261
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Intanto fortunatamente l'approvazione definitiva della follia è stata rinviata a data da destinarsi, e chissà che il nuovo parlamento l'anno prossimo sia costituito da gente meno folle e fuori da ogni logica e che la decisione venga bloccata definitivamente. L'utilizzo dell'auto elettrica è improponibile per il 70% della popolazione e lo sarà ancora per moltissimi anni, e aggiungo il piacere di guidare un aspirapolvere è pari a zero, non c'è solo l'utilità e il prezzo nell'usare un auto e questa parte minoritaria non può imporre alla popolazione il loro modo di pensiero e il loro modo di vivere
    L'hai mai provato un 'aspirapolvere'? O parli per partito preso?

    Inviato dal mio 2201117PG utilizzando Tapatalk

  2. #372
    Vento teso L'avatar di Stefano Riccio
    Data Registrazione
    25/10/10
    Località
    Firenze (FI)
    Età
    31
    Messaggi
    1,901
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    sì va beh si vede che non hai mai provato un'elettrica. quella che tu chiami "aspirapolvere" fa rabbrividire qualsiasi cosa a motore endotermico.
    mi spiace per te, ma il futuro è quello.
    che poi al momento siano fuori budget per la stragrande maggioranza sono il primo a dirlo, ma lode al cielo il progresso se ne sbatte del pensiero arretrato e si va avanti.
    probabilmente 100 anni fa c'era qualcuno che faceva gli stessi discorsi sui treni a vapore
    Secondo me la cosa più incredibile è che continua a non capire (o forse se ne frega bellamente perché distrugge tutto il suo discorso sulla tragedia dell'imposizione) che sono le case automobilistiche le prime a spingere per far fuori le auto inquinanti, divieti o no nel 2035 sarà rimasta forse qualche azienda di nicchia a produrle.
    Giusto per fare qualche esempio Juguar e Land Rover produrranno solo elettrico già dal 2025, Alfa Romeo dal 2027, Lotus dal 2028, Porsche, Mini, Mercedes, Volvo, Bentley, Cadillac, Lexus, Rolls Royce, Aston Martin, Fiat, Ford, Maserati (e probabilmente me ne sarò perse altre) dal 2030, Audi dal 2033, Volkswagen (ma con possibilità di anticipare), Chevrolet, Hyundai, Kia dal 2035.

    E al di là di questo pure limitandoci alle legislazioni anche la storiella secondo cui solo qualche tiranno eurocrate vuole mettere il blocco è una vaccata, lo stanno preparando un po' tutti (almeno nel mondo civile), in Corea e Norvegia addirittura entrerà in vigore già nel 2025, nel Regno Unito nel 2030 (con blocco pure agli ibridi dal 2035), sempre nel 2030 in Israele, diversi stati degli Stati Uniti alla spicciolata fra 2028 e 2035, il Canada, la tanto vituperata Cina (con zone che anticiperanno addirittura al 2030), il Giappone nel 2035, ma pure gli stessi stati europei in diversi casi si portano avanti, tipo il Belgio che imporrà il blocco dal 2027, l'Austria dal 2028, i Paesi Bassi e la Grecia nel 2030. Alla fine gli unici che reman contro siamo noi che abbiamo il governo che abbiamo, i Polacchi che son pure peggio di noi e la Germania che si è tirata la zappa sui piedi con la dismissione del nucleare e non sa dove andare a parare.
    Database dei record in Toscana: http://climaintoscana.altervista.org/
    Record assoluti: +43,1°C ad Antella il 06/08/2003; -26,0°C a Firenzuola l'08/01/1985.

  3. #373
    Banned
    Data Registrazione
    11/08/20
    Località
    Mestre (VE)
    Messaggi
    507
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Riccio Visualizza Messaggio
    Secondo me la cosa più incredibile è che continua a non capire (o forse se ne frega bellamente perché distrugge tutto il suo discorso sulla tragedia dell'imposizione) che sono le case automobilistiche le prime a spingere per far fuori le auto inquinanti, divieti o no nel 2035 sarà rimasta forse qualche azienda di nicchia a produrle.
    Giusto per fare qualche esempio Juguar e Land Rover produrranno solo elettrico già dal 2025, Alfa Romeo dal 2027, Lotus dal 2028, Porsche, Mini, Mercedes, Volvo, Bentley, Cadillac, Lexus, Rolls Royce, Aston Martin, Fiat, Ford, Maserati (e probabilmente me ne sarò perse altre) dal 2030, Audi dal 2033, Volkswagen (ma con possibilità di anticipare), Chevrolet, Hyundai, Kia dal 2035.

    E al di là di questo pure limitandoci alle legislazioni anche la storiella secondo cui solo qualche tiranno eurocrate vuole mettere il blocco è una vaccata, lo stanno preparando un po' tutti (almeno nel mondo civile), in Corea e Norvegia addirittura entrerà in vigore già nel 2025, nel Regno Unito nel 2030 (con blocco pure agli ibridi dal 2035), sempre nel 2030 in Israele, diversi stati degli Stati Uniti alla spicciolata fra 2028 e 2035, il Canada, la tanto vituperata Cina (con zone che anticiperanno addirittura al 2030), il Giappone nel 2035, ma pure gli stessi stati europei in diversi casi si portano avanti, tipo il Belgio che imporrà il blocco dal 2027, l'Austria dal 2028, i Paesi Bassi e la Grecia nel 2030. Alla fine gli unici che reman contro siamo noi che abbiamo il governo che abbiamo, i Polacchi che son pure peggio di noi e la Germania che si è tirata la zappa sui piedi con la dismissione del nucleare e non sa dove andare a parare.
    Ripeto che l'obbligo è un impedimento alle libertà personali in nome della storiella della CO2; immaginatevi solo chi abita in borghi isolati magari di montagna, in zone dove non verranno certo messe colonnine, si vuol impedire a tutta questa gente di usare l'auto; e aggiungo per fortuna abbiamo questo governo che cerca di impedire la follia

  4. #374
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    25/10/05
    Località
    provincia di Como
    Messaggi
    474
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero


  5. #375
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    32
    Messaggi
    27,436
    Menzionato
    438 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Ripeto che l'obbligo è un impedimento alle libertà personali in nome della storiella della CO2; immaginatevi solo chi abita in borghi isolati magari di montagna, in zone dove non verranno certo messe colonnine, si vuol impedire a tutta questa gente di usare l'auto; e aggiungo per fortuna abbiamo questo governo che cerca di impedire la follia
    chi te lo dice che non verranno messe colonnine? così, lui sa tutto probabilmente è più facile metterle in borghi di montagna che spesso hanno l'idroelettrico a portata di mano.
    la "storiella" della CO2.... siamo veramente all'assurdo e, come se non bastasse, ti metti a fare politica spiccia.
    ancora nessuno ha visto limitazioni alla libertà personale e per una dozzina di anni non ce ne saranno. Chiaro, se si vuole impedire che auto euro0 entrino nei centri abitati beh, mi sembra il minimo.
    ed è anche una questione di sicurezza. tu che vai in giro con il tuo mezzaccio anni 90 hai uno spazio di frenata ridicolo e sistemi di sicurezza inesistenti.
    quelle macchine vanno benissimo solo ed esclusivamente per le collezioni e le fiere.

    e non hai risposto riguardo l'aspirapolvere, perché sei di una faziosità immensa.
    Quando tu andrai in giro col tuo trabiccolo da cavernicolo in nome dei vecchi tempi e ti sfrecceranno di fianco auto EV voglio vedere se parli di aspirapolvere. prima di parlare, provala un'elettrica, almeno abbi la decenza di farlo.
    io ne ho provate un po' e non c'è dubbio riguardo la loro superiorità su tutti gli aspetti, meno che l'autonomia, ma è solo questione di tempo. come per TUTTO, anche per il computer o telefono da cui scrivi, ci sono dei tempi fisici da aspettare.
    quando arriverà l'elettrica con autonomia di 800km (e siamo già molto vicini) non ci sarà alcun dubbio a riguardo. bisognerà solo aspettare che il prezzo cali e succederà anche questo.

    ma poi, le prime a voler andare verso l'elettrico sono le case automobilistiche, quindi se vuoi prenditela con loro. ah no...
    Ultima modifica di jack9; 06/03/2023 alle 11:49
    Si vis pacem, para bellum.

  6. #376
    Responsabile sistemista MeteoNetwork L'avatar di merto
    Data Registrazione
    03/03/05
    Località
    Lodi / Pedavena (BL)
    Età
    36
    Messaggi
    1,378
    Menzionato
    30 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Ripeto che l'obbligo è un impedimento alle libertà personali in nome della storiella della CO2; immaginatevi solo chi abita in borghi isolati magari di montagna, in zone dove non verranno certo messe colonnine, si vuol impedire a tutta questa gente di usare l'auto; e aggiungo per fortuna abbiamo questo governo che cerca di impedire la follia
    Tutta questa "mancanza di libertà" mi ricorda tanto una discussione di diversi anni fa in questo forum sulla norma che obbligava a spegnere il motore in sosta prolungata come ai passaggi a livelli. "Il motore si rompe", "quando fa freddo soffriamo", ecc...
    Comunque di certo questa "storiella" ha messo un po' di pepe al cu*o a chi ha dormito in tutti questi anni (Italia e Germania in primis) pensando di guadagnare sulla rendita per ancora tanti anni, dando poi ironicamente la colpa alla cattivona Cina che si è concentrata sullo sviluppo (batterie stato solido, carica veloce, ecc..) e che arriva bella bella nel nostro mercato a rubarci i clienti e il lavoro...

    Sul discorso "borghi isolati in montagna non arrivano le colonnine", il concetto è un po' diverso. Partendo dal fatto che qui in Valbelluna nei borghi isolati non ho mai visto distributori di carburante o che non vendessero il carburante come l'oro, la ricarica si farà tendenzialmente "in casa" e qui, sì, di rustici ristrutturati (con anche pannelli solari e accumulo) con predisposizione alla Type 2 ce ne sono un bel po'.

  7. #377
    Vento teso L'avatar di Stefano Riccio
    Data Registrazione
    25/10/10
    Località
    Firenze (FI)
    Età
    31
    Messaggi
    1,901
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da andi Visualizza Messaggio
    Ripeto che l'obbligo è un impedimento alle libertà personali in nome della storiella della CO2; immaginatevi solo chi abita in borghi isolati magari di montagna, in zone dove non verranno certo messe colonnine, si vuol impedire a tutta questa gente di usare l'auto; e aggiungo per fortuna abbiamo questo governo che cerca di impedire la follia
    E via a trovare un nuovo "scandalo" a cui gridare invece di rendersi conto di come va avanti il mondo... Ti ho messo le date annunciate dalle case automobilistiche per il passaggio a produzione esclusivamente elettrica, proprio non ti entra che anche se salta l'obbligo di legge dopo il 2035 se vogliono le auto nuove a benzina e diesel se le deve produrre il governo da solo perché le case avranno tutte dismesso la produzione. E una larga parte lo avrà fatto già nel 2030, senza contare che già nei prossimi anni il lancio di nuovi modelli vedrà una percentuale sempre maggiore, e ben presto maggioritaria, di modelli elettrici. I prodi governanti italici possono mettere tutti i bastoni fra le ruote che vogliono ai tiranni eurocrati ma le case automobilistiche ormai hanno deciso e vanno più veloci delle leggi, che poi mica lo fanno per chissà che ideale ma per strappare bonus e incentivi all'Europa, se glieli concedono vedrai che lo levano subito il veto (e pure la Germania se gli danno il contentino della riconversione per usare i carburanti ecologici).
    Database dei record in Toscana: http://climaintoscana.altervista.org/
    Record assoluti: +43,1°C ad Antella il 06/08/2003; -26,0°C a Firenzuola l'08/01/1985.

  8. #378
    Vento forte
    Data Registrazione
    22/07/08
    Località
    Virgilio (MN)
    Età
    40
    Messaggi
    3,334
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Che poi anche l'autonomia..se oggi uscisse un'utilitaria elettrica (simile a Yaris, Clio, ecc.) che costa più o meno 20k con un'autonomia di "soli" 250 km, secondo voi sarebbe un problema? Vuol dire che considerata la percorrenza media di queste auto un "pieno" durerebbe una settimana se non di più, sarebbe veramente una limitazione così grande?
    Chiaro che ci sono tutta una serie di altri problemi su cui mi sono già esposto, ma per certe tipologie di auto già ora l'autonomia sembra più che sufficiente..il fatto è che ad ora una full electric a poco più di 20k non credo ci sia, la renault Zoe mi pare sia sui 28-29k..

  9. #379
    Vento forte
    Data Registrazione
    22/07/08
    Località
    Virgilio (MN)
    Età
    40
    Messaggi
    3,334
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    Occhio che a gennaio in Cina hanno segato di brutto gli incentivi, essendo in numero assoluto il mercato che pesava di più non vorrei che nei prossim mesi ci sia uno stallo nella progressione del market stare dell'elettrico.
    Alla fine siamo sempre lì, se lo stato non sussidia pesantemente l'auto elettrica questa è troppo costosa per una gran parte della popolazione. Questo oggi, domani chissà..in fondo 15 anni fa gli smartphone erano un aggeggio da ricchi o da nerd, in pochi anni è cambiato tutto..

  10. #380
    Banned
    Data Registrazione
    11/08/20
    Località
    Mestre (VE)
    Messaggi
    507
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: La lunga strada verso le emissioni zero

    Citazione Originariamente Scritto da Snowstorm84 Visualizza Messaggio
    Che poi anche l'autonomia..se oggi uscisse un'utilitaria elettrica (simile a Yaris, Clio, ecc.) che costa più o meno 20k con un'autonomia di "soli" 250 km, secondo voi sarebbe un problema? Vuol dire che considerata la percorrenza media di queste auto un "pieno" durerebbe una settimana se non di più, sarebbe veramente una limitazione così grande?
    Chiaro che ci sono tutta una serie di altri problemi su cui mi sono già esposto, ma per certe tipologie di auto già ora l'autonomia sembra più che sufficiente..il fatto è che ad ora una full electric a poco più di 20k non credo ci sia, la renault Zoe mi pare sia sui 28-29k..
    Certo, con 250 km teorici, che poi saranno si e no 200 effettivi ci giri tantissimo in auto!

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •