Pagina 24 di 27 PrimaPrima ... 142223242526 ... UltimaUltima
Risultati da 231 a 240 di 270
  1. #231
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,501
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano G Visualizza Messaggio
    Poco fa temporale con rate max 167,0 mm/h durato poco più di dieci minuti.

    Questa volta ha sottostimato un po': 12,6 mm contro i 14,0 del pluviometro manuale che però questa volta si trovava a circa 60 cm da terra mentre la davis si trova a 180 cm.
    Purtroppo, in situazioni come queste, cioè con rain rate particolarmente elevati, l'errore (sottostima) è inevitabile ed è indipendente dal tipo di tecnologia utilizzata, che si tratti di un tradizionale tipping bucket o di un tipping spoon le cose non cambiano molto
    a rain rate elevati, in ambito amatoriale, è necessario accettare errori di sottostima anche nell'ordine del 10% o più

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  2. #232
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,501
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Il problema fondamentale nasce, come in tutti i pluviometri a bascula commerciali, e il Davis lo è, nel non tenere conto del rain rate e del conseguente diverso errore di misura
    ci si ostina a tarare le bascule con una metodologia errata, quali siringhe, bottiglie forate e altri escamotage che NON portano a nessun risultato, l'errore nella misurazione della pioggia con un pluviometro a bascula è per sua natura variabile al variare del rain rate, e non è possibile una taratura per un punto fisso

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  3. #233
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,546
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da capriccio Visualizza Messaggio
    ci si ostina a tarare le bascule con una metodologia errata, quali siringhe, bottiglie forate e altri escamotage che NON portano a nessun risultato, l'errore nella misurazione della pioggia con un pluviometro a bascula è per sua natura variabile al variare del rain rate, e non è possibile una taratura per un punto fisso
    E come si fa a simulare diversi rain rates?

  4. #234
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,501
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    E come si fa a simulare diversi rain rates?
    Simulare i rain rate sarebbe il problema minore, il fatto è che non è possibile utilizzare una taratura universale proprio per la natura variabile dell'errore

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  5. #235
    Bava di vento
    Data Registrazione
    24/06/19
    Località
    Broni (PV)
    Età
    37
    Messaggi
    140
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da capriccio Visualizza Messaggio
    Simulare i rain rate sarebbe il problema minore, il fatto è che non è possibile utilizzare una taratura universale proprio per la natura variabile dell'errore

    Mauro
    Come varia l'errore? Per esempio se io ottengo una taratura ottimale simulando rate bassi, all'aumentare del rate il pluviometro sottostimerà o sovrastimerà?

  6. #236
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,546
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da capriccio Visualizza Messaggio
    Simulare i rain rate sarebbe il problema minore, il fatto è che non è possibile utilizzare una taratura universale proprio per la natura variabile dell'errore
    Mauro
    Se catturo i messaggi del pluviometro con l'orario poi con comodo mi posso fare i calcoli indipendentemente da quelli fatti dalla console e apportare le modifiche di conseguenza. Se ho una tabella di correzioni per i diversi rain rate la posso benissimo applicare dopo, una volta che ho catturato tutti i messaggi del pluviometro con l'orario.
    Ad esempio il pluviometro giocattolo della Lidl nel messaggio manda i millimetri totali da quando metto le pile. Se fra due messaggi consecutivi faccio la sottrazione del tempo e mi calcolo il numero di impulsi dal valore dei millimetri (un impulso sono 0.25mm) poi mi posso fare tutti i conti.

    Nelle simulazioni misuro anche gli impulsi al secondo.

    Mi sembra fattibile.

  7. #237
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,501
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    Se catturo i messaggi del pluviometro con l'orario poi con comodo mi posso fare i calcoli indipendentemente da quelli fatti dalla console e apportare le modifiche di conseguenza. Se ho una tabella di correzioni per i diversi rain rate la posso benissimo applicare dopo, una volta che ho catturato tutti i messaggi del pluviometro con l'orario.
    Ad esempio il pluviometro giocattolo della Lidl nel messaggio manda i millimetri totali da quando metto le pile. Se fra due messaggi consecutivi faccio la sottrazione del tempo e mi calcolo il numero di impulsi dal valore dei millimetri (un impulso sono 0.25mm) poi mi posso fare tutti i conti.

    Nelle simulazioni misuro anche gli impulsi al secondo.

    Mi sembra fattibile.
    A livello software si può tentare tutto, il problema è di natura meccanica, e purtroppo stasera sono fuori, preparo qualcosa domani

    L'errore è sempre una sottostima, mai una sovrastima se non quest'ultima avvenga per errato tentativo nella taratura

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  8. #238
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,501
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Normalmente un pluviometro a bascula, in qualunque versione o variante, ha un errore crescente al crescere del rain rate, tale errore è piuttosto importante e, assieme al vento, potremmo considerarlo il più importante, ci sono poi errori minori in termini di intensità, che possiamo volendo approfondire.
    L'errore del sistema a bascula deriva dal tempo di ribaltamento delle bascule, ma per spiegarlo meglio allego una semplice immagine

    -schermata-2020-05-03-11.41.09.jpeg

    durante le fasi 1 e 2 la bascula sx riceve acqua fino alla quantità necessaria al suo ribaltamento, che viene raggiunto in fase 3, tale quantità è quella relativa alla calibrazione di quel tipping bucket, chè è tarato cioè per scattare con una determinata quantità d'acqua, diciamo, per pura ipotesi, 6,25ml, nella fase 3 e 4 la bascula sx continua a ricevere acqua ma riceve acqua in sovrappiù a quella necessaria e va pertanto persa, solo in fase 5 la pioggia inizia a essere versata nella bascula dx, quanto dovremo aggiungere ai 6,25ml necessari?

    Ora, è evidente che l'errore è importante e che ovviamente è strettamente legato al rain rate, tanto questo sarà maggiore, tanto maggiore sarà, a parità di tempo, la quantità d'acqua caduta in eccesso a ogni basculata

    si potrebbe ipoteticamente tarare il pluviometro con una quantità minore per poter scattare, tecnicamente il Practical value, ma questo non è fattibile su un punto fisso, il rain rate è sempre costantemente variabile, anche durante una singola precipitazione, per poter far ciò si ricorre, ma in strumenti professionali, ad elaborati algoritmi di correzione, spesso purtroppo approssimativi, o, meglio ancora, all'utilizzo di sifoni.

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  9. #239
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    922
    Menzionato
    108 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Ottima spiegazione Mauro, e da questa si evince che per far contare ad un pluviometro a bascula la quantità di acqua vera, senza perdere gocce, bisogna rallentare la sua discesa verso la bascula.
    Si può fare o allargando la bocca di ingresso e rendendola meno concava, o stringendo il buco di ingresso, o creando un freno con una doppia bascula o rendendo le coppette della bascula più piccole e più veloci, con un ingresso più piccolo.

    Se osservate un pluviometro professionale costruito appositamente per funzionare con rainrate elevatissimi, noterete quante bascule servono per frenare la caduta della pioggia.
    -bgt-ss1-raingauge_2.jpg

    Qui invece, la soluzione adottata da BitLine per rendere più preciso il pluviometro, stringendo il buco di ingresso in un secondo stadio

    -pluviometro-professionale-davis_img11.png
    La Ecowitt invece, ha preferito rendere più "più piatto il piatto" rendendolo anche più grande del recipiente, facendo rallentare le gocce. In più ha reso più piccola la bascula per farle fare una corsa più breve.

    YouTube
    -------------------------
    Raffaello Di Martino - IZ0QWM
    http://www.kwos.it - https://www.facebook.com/kwos.it

  10. #240
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,501
    Menzionato
    92 Post(s)

    Predefinito Re: Novità in casa Davis 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Raffaello Visualizza Messaggio
    Ottima spiegazione Mauro, e da questa si evince che per far contare ad un pluviometro a bascula la quantità di acqua vera, senza perdere gocce, bisogna rallentare la sua discesa verso la bascula.
    Si può fare o allargando la bocca di ingresso e rendendola meno concava, o stringendo il buco di ingresso, o creando un freno con una doppia bascula o rendendo le coppette della bascula più piccole e più veloci, con un ingresso più piccolo.

    Se osservate un pluviometro professionale costruito appositamente per funzionare con rainrate elevatissimi, noterete quante bascule servono per frenare la caduta della pioggia.


    Qui invece, la soluzione adottata da BitLine per rendere più preciso il pluviometro, stringendo il buco di ingresso in un secondo stadio


    La Ecowitt invece, ha preferito rendere più "più piatto il piatto" rendendolo anche più grande del recipiente, facendo rallentare le gocce. In più ha reso più piccola la bascula per farle fare una corsa più breve.

    YouTube
    Giustissimo Raffaello e grazie per il contributo,
    personalmente sono della convinzione che il sistema migliore sia quello di utilizzare un sifone, una volta tarato fuori possono cadere "cat's and dogs" o ciò che vuole ma sarai matematicamente certo di avere un errore limitato e costante in qualunque situazione

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •