Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17
  1. #11
    Brezza tesa L'avatar di Gianfranco
    Data Registrazione
    19/11/18
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    24
    Messaggi
    530
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    Citazione Originariamente Scritto da Gianfranco Visualizza Messaggio
    Aggiornamento

    Per estrema curiosità ho deciso di installare un secondo pluviometro manuale nella posizione del terrazzo meno disturbata dal vento, soprattutto quello dalle direzioni incriminate che mi fanno dubitare sul mio pluviometro Davis (W/NW/N)

    Il modello è lo stesso di quello che ho affiancato alla Davis Vp2 e alla stessa altezza, ovvero su ringhiera. La distanza tra questo manuale e l'altro/pluvio Davis è di circa una 15 ina di metri, o poco più. Attendo solo le piogge e un pò di vento per testare il tutto.

    Come si può notare dalle foto, è libero da ostacoli verticali o altre fonti di disturbo. Allego anche una panoramica del terrazzo per capire meglio la situazione.

    Allegato 619694 Allegato 619695 Allegato 619696

    @capriccio
    @capriccio

    Ricordo che la panoramica del terrazzo è puntata già a Nord da Google Earth, quindi puoi usare questa rappresentazione per capire l'esposizione degli strumenti in base alla direzione della ventilazione che evento per evento ti descrivo (puoi infatti notare come il manuale 2 sia più esposto alle correnti orientali).

  2. #12
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    60
    Messaggi
    6,978
    Menzionato
    153 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    Citazione Originariamente Scritto da Gianfranco Visualizza Messaggio
    @capriccio

    La pioggia è arrivata ed ecco i primi dati.
    Fenomeni di stanotte legati ad una ritornante marittima da ESE/E, questi molto irregolari e a piú riprese come infatti si evince dal grafico del rain rate giornaliero.

    Allegato 620804

    Il vento non è mancato con direzione ENE/E/ESE con raffiche durante i fenomeni comprese tra i 30/35 e 40/45 km/h, con punte anche oltre i 50 km/h, in concomitanza dell'arrivo dei fenomeni. Ecco il grafico delle raffiche massime:

    Allegato 620805


    Totale stazione tra ieri sera e stanotte di 14.0 mm
    Totale manuale 1 : 14.0 mm
    Totale manuale 2: 13.0 mm

    Il secondo manuale questa volta è stato più esposto al vento date le raffiche da E/ESE e infatti ha accumulato 1 mm in meno a quanto pare, ma mi soddisfa che tra Pluviometro Davis e Manuale 1 affiancato, l'accumulo sia stato identico, nonostante comunque le forti raffiche di vento, seppur da una direzione meno "esposta" rispetto i venti incriminati (SW/W/N).

    Bene, per il momento ben poco da commentare, mi pare una situazione assolutamente soddisfacente per ora

    M.
    MeteoNetwork
    Validazione stazioni amatoriali

    mauro.serenello@meteonetwork.it
    mauro.serenello@protonmail.com



  3. #13
    Brezza tesa L'avatar di Gianfranco
    Data Registrazione
    19/11/18
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    24
    Messaggi
    530
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    @capriccio

    Giornata ed evento eccellente per testare.

    Passaggio del fronte freddo al meridione e sulle coste della Puglia settentrionale in mattinata.
    Pioggia dalle 6 del mattino sino alle 10/11 accompagnata da forti raffiche di Ponente/Maestrale a 45/50 km/h e talvolta a 60 km/h.

    Riporto le medie orarie e le raffiche nel momento in cui ha piovuto:
    Ore 7: 27.6 km/h
    Ore 8: 37.3 km/h
    Ore 9: 22.9 km/h
    Ore 10: 21.9 km/h

    Screenshot_20231125_145955_WeatherLink.jpg

    Ecco invece il grafico del rain rate:

    RainRateHistory.gif

    Gli accumuli come temevo sono stati molto differenti in base ai punti di osservazione:

    13.6 mm pluviometro Davis
    11.0 mm Manuale 1
    18.6 mm Manuale 2

    Ed ecco scongiurato il mio dubbio, persi circa 5 mm dal cono della Davis rispetto al manuale "più riparato". Da considerare anche una eventuale perdita anche dello stesso manuale 2 visto che il risultato del Manuale 1 è anche più basso del valore registrato dal pluviometro Davis, posto più in alto e più esposto.

    Infatti il valore di un'altra stazione urbana e dell'idrografico è di 20/21 mm.

    Adesso c'è da trovare una soluzione al problema, visto che questo c'è.


  4. #14
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    60
    Messaggi
    6,978
    Menzionato
    153 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    Citazione Originariamente Scritto da Gianfranco Visualizza Messaggio
    @capriccio

    Giornata ed evento eccellente per testare.

    Passaggio del fronte freddo al meridione e sulle coste della Puglia settentrionale in mattinata.
    Pioggia dalle 6 del mattino sino alle 10/11 accompagnata da forti raffiche di Ponente/Maestrale a 45/50 km/h e talvolta a 60 km/h.

    Riporto le medie orarie e le raffiche nel momento in cui ha piovuto:
    Ore 7: 27.6 km/h
    Ore 8: 37.3 km/h
    Ore 9: 22.9 km/h
    Ore 10: 21.9 km/h



    Ecco invece il grafico del rain rate:



    Gli accumuli come temevo sono stati molto differenti in base ai punti di osservazione:

    13.6 mm pluviometro Davis
    11.0 mm Manuale 1
    18.6 mm Manuale 2

    Ed ecco scongiurato il mio dubbio, persi circa 5 mm dal cono della Davis rispetto al manuale "più riparato". Da considerare anche una eventuale perdita anche dello stesso manuale 2 visto che il risultato del Manuale 1 è anche più basso del valore registrato dal pluviometro Davis, posto più in alto e più esposto.

    Infatti il valore di un'altra stazione urbana e dell'idrografico è di 20/21 mm.

    Adesso c'è da trovare una soluzione al problema, visto che questo c'è.

    Come già ho avuto modo di dirti il vento è la fonte di maggior errore, per qualunque pluviometro, che esso sia un tipping-bucket, un manuale, ottico o addirittura a pesatura

    il miglior pluviometro al mondo è un manuale con cono di raccolta interrato e parte superiore del cono al livello del terreno, laddove l'influenza del vento è minima e nessuna parte strutturale del pluviometro presta il fianco a errori da turbolenza

    n. 1 nella seguente immagine

    figure2.jpg

    in tutti gli altri casi l'errore da vento può tranquillamente giustificare le differenze che hai notato

    in soldoni, se la misura delle precipitazioni è per te un parametro importante, devi valutare lo spostamento in modo che sia più protetto ma senza che venga ostacolato da pareti, muri o altro, in alternativa puoi valutare dei windshield, strada piuttosto difficile

    M.
    MeteoNetwork
    Validazione stazioni amatoriali

    mauro.serenello@meteonetwork.it
    mauro.serenello@protonmail.com



  5. #15
    Brezza tesa L'avatar di Gianfranco
    Data Registrazione
    19/11/18
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    24
    Messaggi
    530
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    @capriccio

    Novità in arrivo, alla fine mi son deciso.
    Proprio non sopporto il sacrificare così una Vantage Pro 2 che ti permette di poter separare i sensori.

    Dovrò solo ultimare la prolunga del cavo del pluviometro che collegherò al trasmettitore anemometro, posto ricordo sul torrino ascensore, servondomi di canaline e quant'altro.



    20231230_165030.jpg 20231230_165036.jpg 20231230_165045.jpg
    Ultima modifica di Gianfranco; 30/12/2023 alle 17:05

  6. #16
    Brezza tesa L'avatar di Gianfranco
    Data Registrazione
    19/11/18
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    24
    Messaggi
    530
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    Ecco a lavoro terminato come si presenta la nuova installazione.
    Molto soddisfatto e speriamo che possa essere stata la scelta giusta per ovviare al problema, sono fiducioso.

    Unico intoppo è stato far funzionare il collegamento, visto che il cavo di prolunga se collegato al trasmettitore anemometro non dava segnale, se invece collegato all'ISS principale si.
    Probabilmente il trasmettitore non può dare due sensori contemporaneamente, non saprei.

    In ogni caso il lavoro è riuscito egregiamente e ieri ho già avuto modo di testarlo con un bel 122.6 mm/hr e 17.4 mm grazie ad un temporale.

    @capriccio ti ringrazio per tutti i consigli dati!

    20240106_160841.jpg Screenshot_20240107_131621_Gallery.jpg

    Come puoi notare dalle foto ho fatto partire la canalina sino all'ISS principale a partire dalla nuova postazione del pluviometro.
    Qui ci ho inserito una cassetta di giunzione per esterno dove ho fatto il collegamento tra cavo pluviometro e prolunga.

    Sul'ISS principale ho preferito lasciare base/cono per garantire le performance del passivo sul lato temperature senza andare a snaturare le condizioni in cui ha sempre lavorato. (Visto che il passivo di base è stato ideato per essere ombreggiato già dal blocco pluviometro).


  7. #17
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    60
    Messaggi
    6,978
    Menzionato
    153 Post(s)

    Predefinito Re: Vento e precipitazioni, quanto questo può influire sulle rilevazioni con una Davis Vp2.

    Citazione Originariamente Scritto da Gianfranco Visualizza Messaggio
    Ecco a lavoro terminato come si presenta la nuova installazione.
    Molto soddisfatto e speriamo che possa essere stata la scelta giusta per ovviare al problema, sono fiducioso.

    Unico intoppo è stato far funzionare il collegamento, visto che il cavo di prolunga se collegato al trasmettitore anemometro non dava segnale, se invece collegato all'ISS principale si.
    Probabilmente il trasmettitore non può dare due sensori contemporaneamente, non saprei.

    In ogni caso il lavoro è riuscito egregiamente e ieri ho già avuto modo di testarlo con un bel 122.6 mm/hr e 17.4 mm grazie ad un temporale.

    @capriccio ti ringrazio per tutti i consigli dati!

    20240106_160841.jpg Screenshot_20240107_131621_Gallery.jpg

    Come puoi notare dalle foto ho fatto partire la canalina sino all'ISS principale a partire dalla nuova postazione del pluviometro.
    Qui ci ho inserito una cassetta di giunzione per esterno dove ho fatto il collegamento tra cavo pluviometro e prolunga.

    Sul'ISS principale ho preferito lasciare base/cono per garantire le performance del passivo sul lato temperature senza andare a snaturare le condizioni in cui ha sempre lavorato. (Visto che il passivo di base è stato ideato per essere ombreggiato già dal blocco pluviometro).

    Direi un ottimo lavoro, sia concettualmente che nella realizzazione, sono i vantaggi che la vp2 consente, è potenzialmente una gran bella stazione, basterebbe un filino in più....

    M.
    MeteoNetwork
    Validazione stazioni amatoriali

    mauro.serenello@meteonetwork.it
    mauro.serenello@protonmail.com



Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •