Pagina 25 di 25 PrimaPrima ... 15232425
Risultati da 241 a 243 di 243
  1. #241
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    56
    Messaggi
    2,573
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Modifiche ai sensori , schermi e test Ecowitt

    Citazione Originariamente Scritto da bodo Visualizza Messaggio
    letto il tuo articolo, fatto molto bene ......ma forse io ho interpretato male la tua risposta precedente e forse mi sono anche espresso male, qui si parla effettivamente di un ritardo ma non di un rilevamento di temperatura più basso, qui ce stata l'incomprensione
    come si vede nel grafico postato da me, simile al tuo articolo, ce di mezzo il ritardo del sensore ad rilevare la temperatura istantanea a causa dello schermo....ma un ritardo non vuol dire che un passivo può dare una T più bassa di quella "reale", cosa che potrebbe accadere con un ventilato fatto male....capito cosa voglio dire?
    Certo, ora è perfettamente chiaro e lo confermo
    purtroppo siamo in un terreno minato, e abbiamo solo due sentieri da percorrere, ambedue insidiosi, uno è

    L'approccio meteorologico al rilevamento della temperatura dell'aria

    Non abbiamo la necessità di misurare la reale temperatura dell’aria, ci sta bene farlo come è stato fatto fin’ora, con i limiti (conosciuti) e le incertezze di misura (conosciute) dei tradizionali metodi e strumenti.
    Ovviamente la tecnologia migliora costantemente precisione e accuratezza dei sensori, ben venga, ma non è lo stravolgimento dei dati l’ottica di questo approccio quanto la “ripetibilità” del dato

    L'approccio metrologico

    assume tutt’altro aspetto, in questo caso è benvenuta la sperimentazione a 360° volta a ottenere IL risultato, cioè la misurazione della reale temperatura dell’aria in atmosfera non adiabatica qualunque sia la tecnologia utilizzata

    Non amo i ventilati proprio per i motivi che esponi, o meglio, non amo i ventilati come comunemente sono realizzati e come comunemente sono utilizzati, ma all'orizzonte ci sono nuove soluzioni, completamente differenti da come si è affrontato il problema fino ad oggi, chissà che le cose non cambino

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  2. #242
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    48
    Messaggi
    602
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Modifiche ai sensori , schermi e test Ecowitt

    Sono d'accordo sulla definizione dei due approcci, ma bisogna fare attenzione al primo approccio, quando si modificano le condizioni.
    Con condizioni intendo il tipo di schermatura perchè potrebbero variare "
    i limiti (conosciuti) e le incertezze di misura (conosciute) dei tradizionali metodi e strumenti.
    "

    Se costruisco uno schermo solare che esce dai metodi di costruzione comunemente utilizzati, devo fare attenzione a confrontarlo con i precedenti.
    Faccio un esempio: potrei costruire uno schermo solare che lo protegga perfettamente dai raggi solari...tenendolo chiuso, schermandolo con materiale assorbente, nero all'interno, ecc. ecc. ma il rischio è di creare intorno a lui una camera climatica che appiattisce sempre di più la curva giornaliera.

    Vedendo solo il grafico, direi...woow guarda, segna meno di qualsiasi altro schermo solare. Ma poi? Quale sarebbe la verità?
    Ricordo che nel bilancio energetico c'è anche il vento! Non solo la radiazione solare, sebbene il rapporto di influenza sia circa 3:1 a favore di quest'ultima.

    Insomma, sono d'accordo con Bodo nel provare a distanzia un po' i piatti del suo schermo e vedere se riesce a far passare più ventilazione.

    PS.
    rimango sempre più colpito e soddisfatto dall'approccio matematico alla risoluzione e mitigazione degli errori dovuti alla diretta esposizione alla radiazione solare.
    -------------------------
    Raffaello Di Martino - IZ0QWM
    http://www.kwos.org/poggiocoresemeteo - http://www.kwos.it

  3. #243
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    56
    Messaggi
    2,573
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Modifiche ai sensori , schermi e test Ecowitt

    Citazione Originariamente Scritto da Raffaello Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo sulla definizione dei due approcci, ma bisogna fare attenzione al primo approccio, quando si modificano le condizioni.
    Con condizioni intendo il tipo di schermatura perchè potrebbero variare ""

    Se costruisco uno schermo solare che esce dai metodi di costruzione comunemente utilizzati, devo fare attenzione a confrontarlo con i precedenti.
    Faccio un esempio: potrei costruire uno schermo solare che lo protegga perfettamente dai raggi solari...tenendolo chiuso, schermandolo con materiale assorbente, nero all'interno, ecc. ecc. ma il rischio è di creare intorno a lui una camera climatica che appiattisce sempre di più la curva giornaliera.

    Vedendo solo il grafico, direi...woow guarda, segna meno di qualsiasi altro schermo solare. Ma poi? Quale sarebbe la verità?
    Ricordo che nel bilancio energetico c'è anche il vento! Non solo la radiazione solare, sebbene il rapporto di influenza sia circa 3:1 a favore di quest'ultima.

    Insomma, sono d'accordo con Bodo nel provare a distanzia un po' i piatti del suo schermo e vedere se riesce a far passare più ventilazione.

    PS.
    rimango sempre più colpito e soddisfatto dall'approccio matematico alla risoluzione e mitigazione degli errori dovuti alla diretta esposizione alla radiazione solare.
    [/COLOR]
    Concordo ovviamente, la mia era una classificazione alla buona

    I complimenti vanno agli utenti di questa sezione, molti di loro hanno grande passione e il giusto approccio scientifico

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •