Pagina 9 di 19 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 183
  1. #81
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,578
    Menzionato
    93 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Penso di poter dare un modesto contributo avendo svolto, nel mese di giugno, un confronto proprio tra due Meteoshield Pro, in uno un sensore wh serie EP con classica sonda sht35 bianca, nell'altro il wh31 originale, allineati nel range -10/+40 con incertezza di misura di +o- 0,1°C

    una giornata tipo di giugno, che mette oltretutto in evidenza quanto le calde ore pomeridiane siano quelle più in grado di mettere in difficoltà una schermatura passiva
    nel confronto si vedono anche i dati della vp2 passiva 5 piatti

    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-20giugno.jpgWh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-20giugno2.jpg

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  2. #82
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,654
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Citazione Originariamente Scritto da Raffaello Visualizza Messaggio
    Il motivo per cui ho chiesto di fare due test con il nastro, è perché vorrei capire se i raggi entrano da sopra o dai lati.
    Giusto ieri ho fatto una prova col cappuccio di un sensore a sonda simile ma non uguale a quello di Ivan. Sicuramente cambia la filettatura per cui anche se all'aspetto sembrano uguali c'è la possibilità che siano differenti in qualcosa.
    Ieri mi sembrava che penetrasse più luce dai bordi ma oggi ho ripetuto la prova e non mi è sembrato che ci fossero differenze rilevanti.


    Citazione Originariamente Scritto da Raffaello Visualizza Messaggio
    Mettendo il nastro isolante si potrebbero avere due risultati:

    1) il sensore all'interno del cappuccio non riceve più i raggi solari e si appaia all'altro. Quindi sapremo che lo schermo solare che stiamo utilizzando fa penetrare UV

    2) il sensore all'interno del cappuccio si riscalda ancora di più. Quindi sapremo che non sono gli UV ma un rilevamento vero e proprio di temperatura più elevata...forse a causa di una differente reattività tra SHT31 e SHT35.
    Anche io ho pensato agli UV ma non mi sembrava possibile che potessero riscaldare il sensore più di tanto rispetto agli infrarossi.
    Ma qui la prova la posso fare. Al lavoro abbiamo degli spettrometri UV per cui ho preso un OceanOptics USB2000+, l'ho collegato al PC e ho usato il programma OceanART V1.01
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-uv_metal_annotated.jpg

    Lo spettro in bianco è quello dello spettrometro inclinato leggermente verso il Sole, altrimenti si satura. In basso, segnata dalla freccia rossa, c'è lo spettro con la protezione metallica sinterizzata. Sembrerebbe che la radiazione sia praticamente azzerata o comunque molto debole. Per fare una prova più rigorosa dovrei montare lo spettrometro su treppiede e trovare un modo per tenere il tappo metallico fermo sullo spettrometro e fare la differenza tra il dark, cioè uno spettro preso con lo spettrometro al buio, e una con il tappo metallico.
    I vari picchi verso il basso nello spettro senza il tappo sinterizzato sono dovuti ai vari gas presenti in atmosfera che un po' assorbono gli UV in determinate bande, principalmente il vapore acqueo.

    La prova con il nastro comunque magari nei prossimi giorni la effettuerei lo stesso.

  3. #83
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    938
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Ottima prova @zoomx così sappiamo che li sotto gli uv non passano.
    La rossa è meno preoccupante.


    Inviato dal mio Mi Note 10 utilizzando Tapatalk

  4. #84
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,654
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Forse ho capito il mistero. Il sensore è sensibile alla luce UV non nel senso che si riscalda ma proprio alla luce. Probabilmente la giunzione PN del diodo che misurerà la temperatura è sensibile ai raggi UV ma non alla luce visibile. Il cappuccio metallico fa passare un pochino di UV mentre lo scatolotto sembra che li scherma.
    Sto finendo i test e preparando una esposizione estesa.

  5. #85
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    938
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Ma infatti gli errori radiativi non sono sempre dovuti ad un riscaldamento dell'elemento sensibile.
    È la lunghezza d'onda che crea problemi.
    Alcuni dei test io li faccio con nastri adesivi di vari colori per assorbire diverse lunghezze d'onda.
    Più è corta la lunghezza dell'onda maggiore è il problema.


    Inviato dal mio Mi Note 10 utilizzando Tapatalk

  6. #86
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,654
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Ecco quanto ho trovato questo pomeriggio.

    Ho preso una torcetta UV che emette principalmente a 365nm che ho controllato con lo spettrometro
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-prima.jpg
    Poi ho collegato il sensore con un Arduino e stampato il valore ogni 250ms e ho usato il plotter dell'IDE di Arduino.
    Ho quindi illuminato con la torcia il sensore e questo è il risultato.
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-sht_illuminated-by-uv-rays.jpg
    E' evidentissima la sensibilità del sensore ai raggi UV che non producono un riscaldamento ma un effetto che noi vediamo come riscaldamento. E agisce anche sull'umidità. La salita è molto veloce e la discesa più lenta. Credo sia un effetto fotoelettrico. Il tempo sotto, se lo dividete per 4 viene in secondi, ogni quadrato da 100 sono 25 secondi.

    Ho provato con la torcia LED in luce visibile e non produce alcun effetto. Dovrei provare con una lampada ad incandescenza.

    Ho quindi provato a vedere l'eventuale effetto schermante dello scatolotto. Ho usato la plastica che ricopre la batteria.
    Il segnale senza la plastica è lo stesso che c'è su di controllo del LED UV.
    Con la plastica succede questo. La torcia era distante circa 20 cm.
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-dopo.jpg
    Ho provato quindi ad avvicinare la torcia quasi a contatto con la plastica, sempre posta davanti al foro dello spettrometro.
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-conla-torcia-davanti.jpg
    In trasmissione passa una luce spostata nel visibile, forse dovuta ad un effetto di fluorescenza.

    Snow mi ha suggerito di illuminare la fessura dello scatolotto cosa che ho fatto e l'effetto si vede qui
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-screenshot_2020-10-16-ecowitt-weather-1-.jpg
    Quindi la plastica non fa passare gli UV ma li riflette.

    Ho quindi provato ad illuminare la capsula sinterizzata e provato daccapo con il sensore collegato ad Arduino. L'effetto è molto debole ma c'è e il ritorno alla situazione iniziale lento come con l'illuminazione diretta.
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-uv_-sullacapsula.jpg
    Il grafico è diventato orizzontale quando ho rimosso la luce ma la discesa c'era, solo che era lenta.
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-temperatura-scende.jpg
    Al slito ogni 100 del grafico sull'asse X sono 25 secondi, perché stampavo 4 valori al secondo.

    Infine ho collegato daccapo lo spettrometro e provato la luce riflessa.
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-luce-riflessa.jpg
    In riflessione ci sono sia gli UV che la parte nel visibile, credo originata per fluorescenza.

    Che la luce potesse influenzare i componenti elettronici non è una cosa nuova ma io l'unico caso che conosco è quello scoperto alcuni anni fa secondo cui un lampo di un flash allo xenon manda in reset un RaspberryPi.

    Resterebbe da capire se si tratta veramente di un effetto fotoelettrico oppure il riscaldamento è reale, sebbene solo nella micrometrica area del sensore. Se fosse solo fotoelettrico dovrebbe scendere rapidamente. Ma mi sembra strano che si possa riscaldare così solo con gli ultravioletti e non con la visibile.
    E questo è tutto, per adesso.

    Edit: dimenticavo, il mio sensore è un SHT30, resta da vedere che succede con gli altri sensori di temperatura e umidità.
    Ultima modifica di zoomx; 16/10/2020 alle 16:30

  7. #87
    Vento moderato L'avatar di Ivan13
    Data Registrazione
    15/03/20
    Località
    Sclafani Bagni (Pa) 570 mslm
    Età
    18
    Messaggi
    1,201
    Menzionato
    53 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Grafici della giornata odierna, giornata prevalentemente soleggiata, con minime molto basse (mai cosi basse da inizio Maggio!). Ho visto l'ottimo lavoro che ha effettuato @zoomx, lo ringrazio molto. Dal suo lavoro abbiamo capito che il problema non sta nel cappuccio metallico, ma nella impostazione in cui fare funzionare il sensore.

    Ecco i grafici:
    Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-16-10-20-temp.pngWh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-16-10-20-scost.pngWh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-16-10-20-hum.pngWh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-16-10-20-vento.pngWh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica-fb6ddc81-7528-4f78-bb49-344cfacdedf1.jpeg
    Ultima modifica di Ivan13; 16/10/2020 alle 20:00

    PWS_dashboard: http://meteofontanamurata.altervista...php?theme=dark

    IVAN - froggit Hp1000 se pro

  8. #88
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    938
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Ottima analisi zoomx. Mi piacerebbe fare un articolo sul mio sito con questo test. Se ti va, mandami una email con il tuo nome e se possibile, qualche foto del setup utilizzato e dei cover che hai testato.
    -------------------------
    Raffaello Di Martino - IZ0QWM
    http://www.kwos.it - https://www.facebook.com/kwos.it

  9. #89
    Vento fresco L'avatar di Nevizio
    Data Registrazione
    29/05/06
    Località
    Pianeta Terra (per il momento...)
    Messaggi
    2,978
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Il confronto fatto da Mauro dice che il wh31 scatolotto si distanzia di soli +0.3° durante una tipica giornata estiva,un ulteriore prova che il tanto bistrattato sensore scatolotto in pratica è un eccellente sensore ad un prezzo incredibilmente basso.Ovvio che la versione EP è di un altro pianeta ma costa pure 60 Euro di piu', il costo non giustifica la differenza di prestazioni ma ormai di queste follie del mercato ci ho fatto l'abitudine,una cattiva abitudine!La domanda è: che cosa sarebbe successo in termini di prestazioni con il sensore scatolotto se il Met Pro avesse avuto piu' spazio al propio interno migliorando così il ricircolo d'aria ?Chissà che non pareggierebbe le prestazioni della versione EP Senza considerare che la sonda EP non tocca l'interno dei piatti del Met Pro cosa che invece accade con il sensore scatolotto.
    Pertanto lo stesso rimane un sensore estremamente performante,e vista l'esigua differenza di prestazioni tra il Met Pro e il 7714 a favore del primo e semmai il wh-31 scatolotto entrasse nel 7714 sarebbe un'altra buona soluzione oltretutto ad un prezzo assai piu' basso dell'accoppiata Met Pro WH31 EP
    Ultima modifica di Nevizio; 16/10/2020 alle 22:13

  10. #90
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,578
    Menzionato
    93 Post(s)

    Predefinito Re: Wh3x-ep con sonda in metallo vs wh3x-ep con sonda in plastica

    Citazione Originariamente Scritto da Nevizio Visualizza Messaggio
    Il confronto fatto da Mauro dice che il wh31 scatolotto si distanzia di soli +0.3° durante una tipica giornata estiva,un ulteriore prova che il tanto bistrattato sensore scatolotto in pratica è un eccellente sensore ad un prezzo incredibilmente basso.Ovvio che la versione EP è di un altro pianeta ma costa pure 60 Euro di piu', il costo non giustifica la differenza di prestazioni ma ormai di queste follie del mercato ci ho fatto l'abitudine,una cattiva abitudine!La domanda è: che cosa sarebbe successo in termini di prestazioni con il sensore scatolotto se il Met Pro avesse avuto piu' spazio al propio interno migliorando così il ricircolo d'aria ?Chissà che non pareggierebbe le prestazioni della versione EP Senza considerare che la sonda EP non tocca l'interno dei piatti del Met Pro cosa che invece accade con il sensore scatolotto.
    Pertanto lo stesso rimane un sensore estremamente performante,e vista l'esigua differenza di prestazioni tra il Met Pro e il 7714 a favore del primo e semmai il wh-31 scatolotto entrasse nel 7714 sarebbe un'altra buona soluzione oltretutto ad un prezzo assai piu' basso dell'accoppiata Met Pro WH31 EP
    L'unico problema è che il sensore wh originale non entra nel 7714 se non cannibalizzandolo.
    Inoltre, mi sembra @ivano, ha dimostrato che il 7714 da il meglio di se con sonde di modeste dimensioni, con sensori più grandi le sue prestazioni tendono a degradare

    Forse, ma dico forse, e lo ripeto al fine di fugare ogni dubbio, vedrei un wh originale meglio inserito in un Metspec rad02, tanto spazio all'interno e nessuna necessità di modifica al sensore o allo schermo.

    Inoltre, forse, e ripeto forse, i materiali indubbiamente migliori del Metspec dovrebbero garantire una vita maggiore e quindi una meno frequente necessità di sostituzione che giustificherebbe il prezzo lievemente superiore

    ho ripetuto più volte "forse" e ho parlato con ampi margini di dubbio per il fatto che i Metspec sono ancora in fase di test

    In merito al Pro ovviamente non so rispondere, posso solo dire che non esisterà mai un Pro con maggiori spazi interni, questo mi sento di dirlo con certezza

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •