Pagina 5 di 6 PrimaPrima ... 3456 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 58
  1. #41
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    25/07/19
    Località
    nepi (VT)
    Età
    39
    Messaggi
    931
    Menzionato
    89 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Citazione Originariamente Scritto da Raffaello Visualizza Messaggio
    La tua poi, ha una salita repentina, il che significa che è stata molto veloce ed ha stazionato li per molto tempo.
    mi fa venire qualche dubbio proprio il fatto che dura parecchio, se fosse la nostra "bolla" non dovrebbe continuare la salita, quindi avere un tempo piu breve?

    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-annotazione-2020-06-04-090910.jpg

  2. #42
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    826
    Menzionato
    81 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Sto continuando a leggermi tutti gli articoli e studi sul PBL (Planetary Boundary Level).
    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-750px-troposphere.jpg
    Il PBL è quella porzione di troposfera direttamente influenzata dalla superficie terrestre e che risponde alle immissioni di energia da essa provenienti con scale temporali dell'ordine dell'ora. Secondo Stull che l'ha definita in questo modo già dal 1989.
    Questo spessore è variabile e va da alcune centinaia di metri durante la notte a quasi 2Km di giorno.
    Questo strato di troposfera si studia con i radiosondaggi, i rilevamenti statici a diverse quote, con i sodar, i radar a diverse frequenze, ecc.

    Quindi già si nota una ciclicità, con una "gobba", più pronunciata durante il giorno.

    Per capire perché si notano queste "bolle", dobbiamo immaginare lo strato del PBL come un fluido viscoso che scorre su una superficie rugosa.
    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-schematic-of-flow-structure-of-turbulent-flow-over-rough-surface.png

    A tutto questo, si somma il ruolo fondamentale dell'irraggiamento che durante il giorno crea anche dei movimenti convettivi.
    Così si è deciso di dividere in due momenti il PBL: PBL convettivo (prevalentemente diurno) e PBL stabile (prevalentemente notturno).

    In entrambi i casi vi sono vortici che tendono a salire.
    -------------------------
    Raffaello Di Martino - IZ0QWM
    http://www.kwos.it - https://www.facebook.com/kwos.it

  3. #43
    Vento teso
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,989
    Menzionato
    68 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Non è che si tratta delle correnti termiche sfruttate da uccelli e umani con ultraleggeri, deltaplani e simili per salire di quota?

  4. #44
    myMeteoNetwork Team L'avatar di tommy2760
    Data Registrazione
    30/08/08
    Località
    Rimini(RN)
    Età
    31
    Messaggi
    425
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    Non è che si tratta delle correnti termiche sfruttate da uccelli e umani con ultraleggeri, deltaplani e simili per salire di quota?
    Si, quelle sfruttate da uccelli e deltaplani sono la somma delle singole bolle di oke. Tale somma di bolle crea una spinta ascensionale poderosa la quale è spesso anche responsabile della formazione di nuvolosità cumuliforme se le bolle staccatesi da terra sono particolarmente calde e umide.
    È un po' come trovarsi in una pentola con acqua che bolle.. le singole bolle si formano in maniera pseudo casuale lungo la superficie della base della pentola e si vanno ad unire durante il loro tragitto formando bolle più grandi che arrivano in superficie

    Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di tommy2760; 05/06/2020 alle 15:22

  5. #45
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    25/07/19
    Località
    nepi (VT)
    Età
    39
    Messaggi
    931
    Menzionato
    89 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    una bella bolla da 2°

    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-annotazione-2020-06-06-092739.jpg

  6. #46
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,015
    Menzionato
    76 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    piccolina, ma qualcosa anche stamattina, curioso che avvenga sempre un poco prima dell'effettivo arrivo della radiazione solare ma sicuramente la spiegazione è nei documenti che ha citato @Raffaello, ma questi giorni ho tempo solo sotto forma di "ritagli", non ho approfondito e me ne scuso

    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-schermata-2020-06-07-09-18-27.jpg

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  7. #47
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    22
    Messaggi
    675
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Citazione Originariamente Scritto da capriccio Visualizza Messaggio
    Questa mattina credo di aver notato anch'io un paio di tentativi di improvviso rialzo in ore non sospette

    Allegato 529320

    un poco più in dettaglio

    Allegato 529321

    Mauro
    per quanto possa valere, anche da me sembra esserci questo andamento un po' altanelante nelle ore notturne: essendo una zona in cui l'inversione termica è limitata questa si ferma spesso verso mezzanotte, e durante la notte si verificano queste strane "bolle". Sarà un errore di rilevazione? Chissà, però sarebbe strano questo andamento se fosse così

    non riesco a inserire gli screenshot, metto il link Arbus- Genna Frongia - Weathercloud

  8. #48
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    22
    Messaggi
    675
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Citazione Originariamente Scritto da Raffaello Visualizza Messaggio
    Ottimo Mauro, si, come vedi anche nella tua postazione ci sono queste bolle.

    magari dipenderà molto da direzione e intensità del vento, oltre che dal puntamento della postazione, è possibile?
    pur non essendo competente in materia credo che un innalzamento importante all'alba sia fisiologico, anche se potrebbe essere minore di quanto viene rilevato in questi casi

    complimenti comunque per l'idea della discussione, molto interessante

    PS:per voi questi fenomeni potrebbero verificarsi anche in un contesto extraurbano o è sicuramente il microclima urbano la causa?

    Tra l'altro quello che sappiamo dalla teoria è che è il terreno a raffreddarsi/riscaldarsi, successivamente al quale varia anche la temperatura dell'aria sovrastante. Se l'esistenza delle bolle pomeridiane è perfettamente coerente con ciò, teoricamente lo è un po' meno l'innalzamento improvviso all'alba, quando il terreno è ancora freddo (certamente ci vuole un po' perchè si riscaldi). Il punto è: la temperatura reale (così come quella rilevata dai nostri termometri) può variare anche se non varia la temperatura del suolo ma solo per il fatto che compaiano i primi raggi solari, o l'aumento di temperatura rilevato è da imputarsi interamente a un errore di misurazione? Comunque in questo caso non vedo una gobba pronunciata,nel senso che una volta che si è avuto un aumento la temperatura rilevata non diminuisce più di qualche decimo, insomma da questo punto di vista non sembra così anomalo
    Ultima modifica di ale97; 10/06/2020 alle 09:28

  9. #49
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    826
    Menzionato
    81 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    per quanto possa valere, anche da me sembra esserci questo andamento un po' altanelante nelle ore notturne: essendo una zona in cui l'inversione termica è limitata questa si ferma spesso verso mezzanotte, e durante la notte si verificano queste strane "bolle". Sarà un errore di rilevazione? Chissà, però sarebbe strano questo andamento se fosse così

    non riesco a inserire gli screenshot, metto il link Arbus- Genna Frongia - Weathercloud
    Ciao Ale, nel tuo caso vi è anche un avvallamento della radiazione solare ad esempio intorno alle 8. La bolla che si osserva avviene già a radiazione solare presente.

    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-cattura2.jpg

    Se osservi i grafici qui postati, molte bolle avvengono un'ora prima che il Sole sorga. Guarda l'ultimo grafico di @bodo o quello di @capriccio
    -------------------------
    Raffaello Di Martino - IZ0QWM
    http://www.kwos.it - https://www.facebook.com/kwos.it

  10. #50
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Raffaello
    Data Registrazione
    19/05/09
    Località
    Scandriglia(RI)
    Età
    49
    Messaggi
    826
    Menzionato
    81 Post(s)

    Predefinito Re: Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    magari dipenderà molto da direzione e intensità del vento, oltre che dal puntamento della postazione, è possibile?
    pur non essendo competente in materia credo che un innalzamento importante all'alba sia fisiologico, anche se potrebbe essere minore di quanto viene rilevato in questi casi
    complimenti comunque per l'idea della discussione, molto interessante
    PS:per voi questi fenomeni potrebbero verificarsi anche in un contesto extraurbano o è sicuramente il microclima urbano la causa?

    Tra l'altro quello che sappiamo dalla teoria è che è il terreno a raffreddarsi/riscaldarsi, successivamente al quale varia anche la temperatura dell'aria sovrastante. Se l'esistenza delle bolle pomeridiane è perfettamente coerente con ciò, teoricamente lo è un po' meno l'innalzamento improvviso all'alba, quando il terreno è ancora freddo (certamente ci vuole un po' perchè si riscaldi). Il punto è: la temperatura reale (così come quella rilevata dai nostri termometri) può variare anche se non varia la temperatura del suolo ma solo per il fatto che compaiano i primi raggi solari, o l'aumento di temperatura rilevato è da imputarsi interamente a un errore di misurazione? Comunque in questo caso non vedo una gobba pronunciata,nel senso che una volta che si è avuto un aumento la temperatura rilevata non diminuisce più di qualche decimo, insomma da questo punto di vista non sembra così anomalo
    Si il vento, sia intensità che direzione, sono uno dei fattori scatenanti degli heat peaks o bolle. Il vento favorisce lo scorrimento dell'aria sul substrato e quanto è più veloce, tanto più veloci saranno gli updrift (le salite in alto dell'aria).
    Infatti le bolle solitamente si osservano quando l'aria è molto calma e si da il tempo ai termometri di accorgersene.

    Le bolle avvengono anche in contesto extraurbano. Ci servirebbero ulteriori esempi visti anche da altre stazioni.

    Sarebbe utile ad esempio, una stazione montana, una su un altopiano in campo aperto, una in piena città della pianura padana ed una in piena città vicino al mare....
    E così via.

    La temperatura varia non solo perchè varia quella del terreno.
    Studio in corso: le bolle di calore registrate dai nostri strumenti-ravan_autoe.jpeg
    -------------------------
    Raffaello Di Martino - IZ0QWM
    http://www.kwos.it - https://www.facebook.com/kwos.it

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •