Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    23
    Messaggi
    1,680
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Buona serata a tutti, spiego un po' la mia idea che potrebbe essere fattibile o un po' meno, volevo aprire un po' una discussione su questo argomento.

    In particolare, la mia idea sarebbe come accennato quella di rilevare le condizioni meteorologiche durante le escursioni, quindi durante la camminata in una grande varietà di condizioni, e in modo che magari possa essere capace anche di gestire bene le soste o comunque le salite in cui tipicamente si cammina molto piano, e magari anche le temperature notturne.

    Sappiamo che ci sarebbe il Meteotracker per cui potrei fare un sacrificio anche se il costo sarebbe un po' altino per il mio budget attuale, ma purtroppo ho visto che ci sono stati intoppi con la prima fase di produzione e dato che questa cosa vorrei farla già da questa estate se si riesce sono costretto a cercare altrove per il momento. Comunque, anche questo non sarebbe stato esente da difetti in quanto anch'esso sarebbe pensato per essere utilizzato in movimento a velocità più alte e non essendo schermato non restituirebbe la temperatura corretta nelle ore notturne.

    Un altro aspetto che vorrei chiarire sia sul meteotracker che sui prodotti che citerò ora (e che magari potrete suggerirmi voi eventualmente) è quello della connessione e del trasferimento di dati: si connettono allo smartphone via bluetooth, ma se manca la rete i dati vengono comunque trasmessi? Sul momento direi proprio di no, ma voglio dire: vengono archiviati in una memoria temporanea per poi essere salvati sul server quando torna la connessione? A proposito mi ha un po' preoccupato il leggere di "buchi nei dati a causa della connessione instabile" in una sorta di recensione del Meteotracker, ovviamente in montagna i momenti in cui la connessione è assente sono tantissimi e renderebbe quasi inutile un'opera di rilevamento continuativa come quella che avrei in mente; tra l'altro il solo fatto di tenere attiva la connessione dati in un contesto di rete instabile o molto debole consumerebbe parecchio la batteria e dato che si parla di trekking di più giorni...beh, potrebbe essere un problema.



    Fatte queste premesse e assodata l'idea di dover accantonare per il momento il meteotracker, mi sono indirizzato su prodotti decisamente più economici e meno performanti per il momento, magari con l'intenzione di comprare il meteotracker in seguito appunto.

    Ci sarebbero per esempio questi due della inkbird

    Inkbird IBS-TH1 Termometro Igrometro Wireless con Avvisi per iOS e Android, Registratore di Temperatura e umidita Bluetooth con Sonda Esterna e Base Magnetica: Amazon.it: Casa e cucina
    Inkbird IBS-TH2 Bluetooth Termometro e Igrometro, Termoigrometro Digitale Ambiente Resistente al Freddo e agli Schizzi, Supporta iOS/Android: Amazon.it: Commercio, Industria e Scienza


    e se proprio questi non potessero comunque garantire misure sufficientemente utili, ci sarebbe questo, dalla serie "giocattolo per giocattolo"....ORIA Igrometro Termometro Wireless Bluetooth, Sensore di Temperatura e umidita con Funzione di Esportazione dei Dati, Termometro da Interno Mini con iPhone e Android per Vino, Soggiorno, Casa: Amazon.it: Commercio, Industria e Scienza

    Oppure ancora datalogger più classici come questo, con l'handicap non da poco della visualizzazione possibile solo a casa a posteriori, rendendo anche difficile poi incrociare i dati con l'orario delle singole osservazioni probabilmente- voglio dire, guardando a posteriori credo che sarebbe difficile contestualizzare precisamente i dati in base al luogo in cui si trovava, con informazioni memorizzate automaticamente su un app certamente meno (anche se questi consentirebbero di risolvere eventuali problemi di trasmissione dei dati) Elitech Data logger USB Display LCD, Registratore Temperature, Capacita di Registrazione di 32000 Punti, Rilevatore di Temperatura e Registratore Digitale di Dati USB: Amazon.it: Commercio, Industria e Scienza

    In realtà la precisione dei sensori non mi sembra nemmeno così orrenda, però certo, non vuol dire che funzionino bene sotto il sole , magari il colore bianco può aiutare un po' ma ovviamente ci vuole una protezione dai raggi solari e non è detto che basti


    Ecco, sicuramente sono prodotti non pensati per un utilizzo del genere e anzi sono forse pensati per la rilevazione della temperatura negli interni, quindi sicuramente la fattibilità della cosa diventa non scontata.
    In particolare, se già con il meteotracker poteva esserci qualche dubbio la fattibilità con questi strumenti direi che sarebbe vincolata alla costruzione di una protezione dai raggi solari (e magari puri da altri elementi atmosferici dato che probabilmente non sono nemmeno inmpermeabili), quindi il punto focale della questione è: si può costruire uno schermino solare con i piatti talmente piccoli da rendere l'aggeggio non ingrombante se lo si trasporta appeso a uno zaino in qualche modo? Ma soprattutto, funzionerebbe? Darebbe delle misure con un errore massimo di 1-2 gradi (2 gradi sarebbero già tantini tra l'altro ma mi rendo conto che non è così facile fare tano meglio, oppure no? Tanto per ipotizzare, pensavo a piatti di 8-10 cm di diametro in questo senso.

    Oppure qualche altra forma di protezione tipo una staffa come di quelle che si vedono per ombreggiare gli schermi, però in spazi piccoli come quelli descritti non so se sia così fattibile.


    Insomma, se vi va ditemi cosa ne pensate, se può valere la pena provare o se è meglio lasciar perdere direttamente
    Ultima modifica di ale97; 20/05/2021 alle 22:47

  2. #2
    Vento forte
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    3,834
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Del Meteotracker ho la stessa conoscenza che hai tu.
    Gli aggeggi che mostri in effetti sono pensati per interni, non sono impermeabili alla pioggia anche se uno dichiara di esserlo agli schizzi, non sono schermati.
    In queste situazioni mobili io credo che la migliore soluzione sia quella adottata dalle radiosonde dove una coppia di sensori nudi, uno chiaro o metallizzato e l'altro completamente nero, sono esposti all'aria e poi i valori corretti a posteriori con delle formule di bilancio energetico di assorbimento ed emissione. Se non ricordo male tale sistema fa a meno della componente del vento.
    Il Meteotracker adotta una strategia simile, i sensori sono identici.
    Gli aggeggi non adottano nessuna di queste soluzioni ed avendo il sensore ben dentro lo scatolotto saranno di reazione più lenta. Gli scatolotti sotto al Sole, anche verniciati di bianco o addirittura ricoperti in alluminio, sovrastimano sempre di parecchi gradi. Il problema della geolocalizzazione dei dati forse potrebbe essere risolto da una app fatta apposta che prenda i dati dai sensori bluetooth e ci aggiunga la posizione presa dal telefono che è poi quello che fa il Meteotracker. Solo che così non so quanto dura lo smartphone se fai un trekking di 3 giorni. Oppure in alternativa registri la traccia GPS con lo smartphone e poi allinei manualmente i dati del datalogger con la traccia.

    Roba già fatta non ne conosco, cioè di datalogger ce ne sono tanti ma nessuno integra un GPS o un sistema per geolocalizzare i dati e soprattutto nessuno ha una forma di schermatura. Una radiosonda potrebbe andare solo che trasmette via radio e la batteria è pensata per durare poche ore. Ce ne vorrebbe una che trasmettesse in bluetooth oppure che registrasse su memoria interna. E' possibile che nel mondo professionale esistano ma credo costeranno un bel po'

  3. #3
    Vento moderato L'avatar di giusCB
    Data Registrazione
    06/09/15
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    1,116
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    MeteoIsernia e Molise

    www.meteoisernia.net

  4. #4
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    23
    Messaggi
    1,680
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Citazione Originariamente Scritto da giusCB Visualizza Messaggio
    La ho citata cinque volte eh, non è che ho dimostrato di non conoscerne l'esistenza....

  5. #5
    Brezza tesa L'avatar di tommy2760
    Data Registrazione
    30/08/08
    Località
    Rimini(RN)
    Età
    32
    Messaggi
    535
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Non scordarti anche che tu stesso, essendo un corpo a 36-37° vicino ad un sensore, vai ad inficiare sulla misura! Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

  6. #6
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    23
    Messaggi
    1,680
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    Del Meteotracker ho la stessa conoscenza che hai tu.
    Gli aggeggi che mostri in effetti sono pensati per interni, non sono impermeabili alla pioggia anche se uno dichiara di esserlo agli schizzi, non sono schermati.
    In queste situazioni mobili io credo che la migliore soluzione sia quella adottata dalle radiosonde dove una coppia di sensori nudi, uno chiaro o metallizzato e l'altro completamente nero, sono esposti all'aria e poi i valori corretti a posteriori con delle formule di bilancio energetico di assorbimento ed emissione. Se non ricordo male tale sistema fa a meno della componente del vento.
    Il Meteotracker adotta una strategia simile, i sensori sono identici.
    Gli aggeggi non adottano nessuna di queste soluzioni ed avendo il sensore ben dentro lo scatolotto saranno di reazione più lenta. Gli scatolotti sotto al Sole, anche verniciati di bianco o addirittura ricoperti in alluminio, sovrastimano sempre di parecchi gradi. Il problema della geolocalizzazione dei dati forse potrebbe essere risolto da una app fatta apposta che prenda i dati dai sensori bluetooth e ci aggiunga la posizione presa dal telefono che è poi quello che fa il Meteotracker. Solo che così non so quanto dura lo smartphone se fai un trekking di 3 giorni. Oppure in alternativa registri la traccia GPS con lo smartphone e poi allinei manualmente i dati del datalogger con la traccia.

    Roba già fatta non ne conosco, cioè di datalogger ce ne sono tanti ma nessuno integra un GPS o un sistema per geolocalizzare i dati e soprattutto nessuno ha una forma di schermatura. Una radiosonda potrebbe andare solo che trasmette via radio e la batteria è pensata per durare poche ore. Ce ne vorrebbe una che trasmettesse in bluetooth oppure che registrasse su memoria interna. E' possibile che nel mondo professionale esistano ma credo costeranno un bel po'
    OK, quindi escludendo la possibilità di dilettarsi nel fai da te dici proprio di lasciar perdere?

  7. #7
    Vento forte
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    3,834
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Per quanto conosco io si ma potrebbe esistere qualcosa che io non conosco. Anzi, mentre scrivo mi viene in mente che potrebbero esserci sensori che si collegano direttamente agli smartphone, anche se non credo che saranno schermati. Poi quello che si può fare dipende dall'app.

    Il fatto è che simili esigenze non sono comuni, ecco perché l'idea del Meteotracker.

  8. #8
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    23
    Messaggi
    1,680
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    Per quanto conosco io si ma potrebbe esistere qualcosa che io non conosco. Anzi, mentre scrivo mi viene in mente che potrebbero esserci sensori che si collegano direttamente agli smartphone, anche se non credo che saranno schermati. Poi quello che si può fare dipende dall'app.

    Il fatto è che simili esigenze non sono comuni, ecco perché l'idea del Meteotracker.
    Tipo il sensorpush intendi? Immagino però che il problema non sia il sensore in questo caso ma proprio la schermatura.

    Se quindi non risulta conveniente, fattibile o utile improvvisare una protezione diresti di aspettare il meteotracker, rinunciando a cose per cui anche lui soffre a causa della mancanza di un vero schermo (come il rischio di sovrastima nelle soste e di sottostima nelle temperature notturne)?

  9. #9
    Vento forte
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    3,834
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Purtroppo non credo ci sia di meglio. Vedi anche quanto dura la batteria del Meteotracker.

    Dal punto di vista tecnico il nodo è proprio la schermatura, non c'è che fare. Usare un qualcosa di ventilato significa avere scarsa autonomia, credo. Per questo vedo come possibile soluzione quella usata dalle radiosonde.

  10. #10
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    23
    Messaggi
    1,680
    Menzionato
    48 Post(s)

    Predefinito Re: Utilizzare un datalogger per rilevare la temperatura durante le escursioni in montagna: si può?

    Citazione Originariamente Scritto da zoomx Visualizza Messaggio
    Purtroppo non credo ci sia di meglio. Vedi anche quanto dura la batteria del Meteotracker.

    Dal punto di vista tecnico il nodo è proprio la schermatura, non c'è che fare. Usare un qualcosa di ventilato significa avere scarsa autonomia, credo. Per questo vedo come possibile soluzione quella usata dalle radiosonde.
    Eh lo so, in assenza di sistemi correttivi la schermatura è necessaria, speravo fosse fattibile costruire una piccola protezione infatti ma effettivamente è difficile. Allora aspetterò....

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •