Pagina 2 di 12 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 119
  1. #11
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,295
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Dal ciclo solare, se rimane a questi livelli, non ci dobbiamo attendere alcunché di eclatante perché a parte qualche scossone iniziale, vedi inverno 2009-10 con AO a fondo scala, si è visto solo il trend che ho detto nell'articolo.
    Per quanto riguarda invece l'AMO è innegabile che influisca sullo scioglimento dell'artico, vuoi perché la perdita di estensione avviene proprio tra la Groenlandia e la Russia, vuoi perché siamo nella fase culminante del ciclo

    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-amo.png

    dopodiché ci possiamo chiedere perché questo ciclo AMO è così pompato... ma l'articolo, e quello che mi interessa, sono gli effetti sull'inverno in Europa non invece la causa.
    Always looking at the sky

  2. #12
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Dal ciclo solare, se rimane a questi livelli, non ci dobbiamo attendere alcunché di eclatante perché a parte qualche scossone iniziale, vedi inverno 2009-10 con AO a fondo scala, si è visto solo il trend che ho detto nell'articolo.
    Per quanto riguarda invece l'AMO è innegabile che influisca sullo scioglimento dell'artico, vuoi perché la perdita di estensione avviene proprio tra la Groenlandia e la Russia, vuoi perché siamo nella fase culminante del ciclo

    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-amo.png

    dopodiché ci possiamo chiedere perché questo ciclo AMO è così pompato... ma l'articolo, e quello che mi interessa, sono gli effetti sull'inverno in Europa non invece la causa.
    Quindi ritieni difficile avere in futuro inverni caratterizzati da un AO negativa?
    Se parli di "trend" immagino che fai previsioni a lungo termine, che riguardano i decenni venturi

  3. #13
    Vento forte L'avatar di luca_mo
    Data Registrazione
    03/10/10
    Località
    Modena
    Età
    25
    Messaggi
    3,790
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Dal ciclo solare, se rimane a questi livelli, non ci dobbiamo attendere alcunché di eclatante perché a parte qualche scossone iniziale, vedi inverno 2009-10 con AO a fondo scala, si è visto solo il trend che ho detto nell'articolo.
    Per quanto riguarda invece l'AMO è innegabile che influisca sullo scioglimento dell'artico, vuoi perché la perdita di estensione avviene proprio tra la Groenlandia e la Russia, vuoi perché siamo nella fase culminante del ciclo

    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-amo.png

    dopodiché ci possiamo chiedere perché questo ciclo AMO è così pompato... ma l'articolo, e quello che mi interessa, sono gli effetti sull'inverno in Europa non invece la causa.
    Secondo te quando potrebbe avvenire il cambio dell'AMO? E secondo te cosa dovrebbe avvenire per invertire questa tendenza?
    Febbraio 2012...io c'ero!!!
    UNIVERSITA' DI SCIENZE GEOLOGICHE - MODENA

  4. #14
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,295
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Siberiano Visualizza Messaggio
    Secondo te quando potrebbe avvenire il cambio dell'AMO? E secondo te cosa dovrebbe avvenire per invertire questa tendenza?
    A mio avviso il cambio di segno AMO avverrà a metà anni 20. Però non avendo misurazioni dirette negli anni 30 e primi 40 del secolo scorso, perchè l'indice è stato definito decenni dopo, le principali ricostruzioni sono ottenute con misure indirette. Ammettendo anche una stima, ci troveremo comunque genericamente del decennio prossimo.

    Per risponderti alla seconda domanda dovrei fare uno studio delle cause, mentre come ho detto a me interessa l'effetto e dunque un trend per il futuro. A mio avviso quello descritto è già il trend che osserveremo per diversi anni a venire perchè ci stiamo assestando da un pò di tempo sul milione di km quadri persi in media in estate, cioè anche se non c'è limite al peggio, quì mi sembra difficile riuscire a peggiorare.
    Con queste premesse e supponendo che l'AMO sia la causa principale, rimane da vedere se l'AMO agisce direttamente o indirettamente. Se agisce direttamente come causa endogena, rientra nella variabilità del sistema e quindi quando scende si ritorna come prima, più o meno. Purtroppo però l'AMO va detrendizzato dal GW nel suo computo, cioè agisce per conto di qualcuno è veicolo di qualcosaltro. Per cui quando verrà stabilito il cambio di segno con un'operazione artificiale di detrendizzazione non penso che ritornerà tutto come prima (cioè ante anni 2000), anche se ci potrebbe essere un guadagno di estensione del ghiaccio artico.
    Always looking at the sky

  5. #15
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,295
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Nix novariensis Visualizza Messaggio
    Quindi ritieni difficile avere in futuro inverni caratterizzati da un AO negativa?
    Mi chiedi ciò a proposito di questa mia risposta:

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Dal ciclo solare, se rimane a questi livelli, non ci dobbiamo attendere alcunché di eclatante perché a parte qualche scossone iniziale, vedi inverno 2009-10 con AO a fondo scala, si è visto solo il trend che ho detto nell'articolo.
    Per quanto riguarda invece l'AMO è innegabile che influisca sullo scioglimento dell'artico, vuoi perché la perdita di estensione avviene proprio tra la Groenlandia e la Russia, vuoi perché siamo nella fase culminante del ciclo

    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-amo.png

    dopodiché ci possiamo chiedere perché questo ciclo AMO è così pompato... ma l'articolo, e quello che mi interessa, sono gli effetti sull'inverno in Europa non invece la causa.
    dove ho detto che c'è stato uno scossone ad inizio ciclo debole (inverno 2009-10) che ha portato l'AO a fondo scala (<-4), ma a parte quello si è osservata la tendenza detta nell'articolo. E qual'è questa tendenza:

    novembre e dicembre positivi (il primo fortemente), ma intanto gennaio poco connotato e febbraio decisamente negativo (marzo di nuovo poco connotato). Anzi ti dirò che la media AO inverni 2007-2014 è più bassa di 0.7 rispetto a quella 1948-2014, quindi...

    il fatto che il ciclo solare non stia incidendo per niente ne sugli inverni ne tantomeno sui ghiacci, non ha nulla a che vedere e non significa per nulla che l'AO non possa andare negativa negli inverni futuri.

    Quello che invece si evince dallo shift climatico (sempre con le dovute eccezioni di inverni totalmente miti o inverni freddi solo nella prima parte) è che la prima parte dell'inverno scorre di tipo autunnale mentre la seconda parte si presenta più incisiva.
    Ultima modifica di 4ecast; 12/02/2015 alle 17:07
    Always looking at the sky

  6. #16
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Mi chiedi ciò a proposito di questa mia risposta:



    dove ho detto che c'è stato uno scossone ad inizio ciclo debole (inverno 2009-10) che ha portato l'AO a fondo scala (<-4), ma a parte quello si è osservata la tendenza detta nell'articolo. E qual'è questa tendenza:

    novembre e dicembre positivi (il primo fortemente), ma intanto gennaio poco connotato e febbraio decisamente negativo (marzo di nuovo poco connotato). Anzi ti dirò che la media AO inverni 2007-2014 è più bassa di 0.7 rispetto a quella 1948-2014.

    Per cui il fatto che il ciclo solare non stia incidendo per niente, non ha nulla a che vedere e non significa per nulla che l'AO non possa andare negativa negli inverni futuri.

    Io l'avevo interpretato come "a parte uno scossone (AO---) nel 2009-10 e dicembre 2010, la tendenza è chiara e segnata"
    Ne approfitto per farti un'altra domanda...il fatto che ci sia stato uno shift stagionale nella conformazione del VP, presuppone che i nostri inverni ne risentiranno pesantemente in termini di mitezza?
    O in altre parole, novembre sarà l'ottobre di una volta, dicembre il novembre di una volta ecc.

  7. #17
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,295
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Nix novariensis Visualizza Messaggio
    Io l'avevo interpretato come "a parte uno scossone (AO---) nel 2009-10 e dicembre 2010, la tendenza è chiara e segnata"
    Ne approfitto per farti un'altra domanda...il fatto che ci sia stato uno shift stagionale nella conformazione del VP, presuppone che i nostri inverni ne risentiranno pesantemente in termini di mitezza?
    O in altre parole, novembre sarà l'ottobre di una volta, dicembre il novembre di una volta ecc.
    Avevo approssimato per eccesso con 2 mesi di shift, considerato che prima il massimo rinforzo del VP avveniva tra settembre e ottobre mentre adesso è centrato in novembre.
    Sempre tenendo a mente le eccezioni che sempre ci saranno e su cui non voglio portare pena, 1 mese e mezzo occorrerà per azzerare l'eccesso di mitezza autunnale in atmosfera/ssta e riportare le condizioni buone per una partenza della stagione invernale.
    Always looking at the sky

  8. #18
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Avevo approssimato per eccesso con 2 mesi di shift, considerato che prima il massimo rinforzo del VP avveniva tra settembre e ottobre mentre adesso è centrato in novembre.
    Sempre tenendo a mente le eccezioni che sempre ci saranno e su cui non voglio portare pena, 1 mese e mezzo occorrerà per azzerare l'eccesso di mitezza autunnale in atmosfera/ssta e riportare le condizioni buone per una partenza della stagione invernale.

    Questo purtroppo si accorda con la situazione degli ultimi 2 anni...quel poco di inverno che fa, non parte che a stagione avanzata
    Lo stesso dicembre ha T più simili a un novembre del passato che a un dicembre

    Quindi sostanzialmente dici che dovremo rassegnarci a vivere inverni come il 2013-14 o autunni come il 2014 salvo eccezioni

    Mamma mia, 4ecast...è una coltellata

  9. #19
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,295
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Nix novariensis Visualizza Messaggio
    Questo purtroppo si accorda con la situazione degli ultimi 2 anni...quel poco di inverno che fa, non parte che a stagione avanzata
    Lo stesso dicembre ha T più simili a un novembre del passato che a un dicembre

    Quindi sostanzialmente dici che dovremo rassegnarci a vivere inverni come il 2013-14 o autunni come il 2014 salvo eccezioni

    Mamma mia, 4ecast...è una coltellata
    anche il 2012-2013 iniziò con l'avvezione continentale intorno a metà gennaio, il 2011-12 vide il grande febbraio 2012 e nulla prima
    in controtendenza solo il 2010-2011 (l'unico con un AO settembre vicina a -1), mentre il 2007-08 fu mite, e queste possono essere considerate le eccezioni cui ti parlavo, e niente vieta che il prossimo riservi una nuova eccezione
    Always looking at the sky

  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    anche il 2012-2013 iniziò con l'avvezione continentale intorno a metà gennaio, il 2011-12 vide il grande febbraio 2012 e nulla prima
    in controtendenza solo il 2010-2011 (l'unico con un AO settembre vicina a -1), mentre il 2007-08 fu mite, e queste possono essere considerate le eccezioni cui ti parlavo, e niente vieta che il prossimo riservi una nuova eccezione
    Capisco...ma pensi che il minimo artico del 2012 abbia esasperato questa tendenza oppure siamo ancora nelle condizioni degli anni 2004-05-06 ecc.?
    Comunque ora torna tutto...per forza non arrivano irruzioni e siam sempre sopramedia: ci rimane 1 mese di inverno su 3, massimo uno e mezzo

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •