Pagina 4 di 12 PrimaPrima ... 23456 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 119
  1. #31
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,122
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Alcune indicazioni (oggettive) per lo shift stagionale negli ultimi anni.

    Estati sempre meno roventi...
    Allegato 401443
    l'estate 2012 una pura eccezione, come (forse) quest'anno

    Autunni sempre più africaneggianti...
    Allegato 401444

    Inizi invernali sempre più latitanti...
    Allegato 401445

    Maggi sempre più in picchiata ....
    Allegato 401446

    Risultato: ASSOTTIGLIAMENTO DEL RANGE TERMICO ANNUALE
    Allegato 401447
    Effetti ancora perduranti dell'assottigliamento del delta di gradiente polo/equatore?

    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-delta-tropo-strato-inv.jpg
    Ultima modifica di mat69; 24/04/2015 alle 17:19
    Matteo

    Freelance

  2. #32
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,308
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Effetti ancora perduranti dell'assottigliamento del delta di gradiente polo/equatore?

    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-delta-tropo-strato-inv.jpg
    Chiaro.
    Meno ghiacci artici -> oceano artico molto più caldo -> gpt+ in artico -> AO negativa / vortice polare debole in autunno -> diminuzione gradiente polo-equatore fino a ripresa VP in inverno inoltrato
    Stratcooling inizio primaverile -> stratwarming con final warming in marzo/aprile -> gpt+ in artico -> AO negativa / vortice polare debole tra fine aprile e metà giugno -> diminuzione gradiente polo-equatore fino a ripresa VP in estate inoltrata

    Always looking at the sky

  3. #33
    Burrasca forte L'avatar di Lorenzo Catania
    Data Registrazione
    16/07/06
    Località
    Livorno
    Età
    40
    Messaggi
    9,845
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Meno ghiacci artici -> oceano artico molto più caldo -> gpt+ in artico -> AO negativa / vortice polare debole in autunno -> diminuzione gradiente polo-equatore fino a ripresa VP in inverno inoltrato
    Stratcooling inizio primaverile -> stratwarming con final warming in marzo/aprile -> gpt+ in artico -> AO negativa / vortice polare debole tra fine aprile e metà giugno -> diminuzione gradiente polo-equatore fino a ripresa VP in estate inoltrata
    Fila come il cacio sui maccheroni
    "La meteorologia è una scienza inesatta, che elabora dati incompleti, con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili" (A. Baroni)

  4. #34
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,122
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Notare nei grafici sopra postati relativi alla stratosfera l'accenno verso una controtendenza rispetto la diminuzione del delta di gradiente .
    Questo unitamente alla fase positiva dell'enso e quindi ad un maggior riscaldamento della troposfera tropicale potrebbero giocare a favore di dinamiche autunnali diverse rispetto quelle avute nelle ultime stagioni autunnali (in particolare le ultime 2).
    Non mi sento di escludere un tendenziale maggior riassorbimento delle forti anomalìe che hanno contraddistinto l'AA. come pure di quelle relarive al NPM+ con maggior resilienza delle SSTA+ nel settore più propriamente della PDO.

    Molto probabile che l'intensificazione del regime del Nino decorra a partire dal mese di luglio come, ritengo, altrettanto verosimile che il vps antartico possa vivere un inverno australe insolitamente disturbato...
    Matteo

    Freelance

  5. #35
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,506
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Un mio personalissimo ragionamento mattutino:
    -La diminuzione del delta termico in questi ultimi anni tra polo ed equatore ha portato a questi shift stagionali. Parimenti in seno a questo diminuzione di "attriti" tra polo ed equatore abbiamo avuto una pervicace zonalità nella zona atlantico-europea.
    Ora, mi chiedo: è la zonalità prevalente ad aver "appiattito" il delta termico, oppure è il delta termico diminuito ad aver "riproposto" la zonalità?
    Sinceramente mi piace ragionare per "configurazioni" prevalenti.
    Laddove è palese che l'AA ha indotto una serie di feedback sulla struttura del VP e sua evoluzione negli ultimi 2-3 anni è altresì vero che 5-10 anni fa i feedback innescati erano assai diversi.
    O meglio a fronte di una "vita" del VP autunnale assai disturbata abbiamo avuti esiti invernali, primaverili ed estivi assai diversi.
    Passiamo dal 2009-2010 al 2014-2015.

    Potrebbe essere che in questo modificato setting del VP (AA, AD) influisca ancora più l'andamento dei cicli solari?
    Personalmente non mi riesco a spiegare un bipolarismo configurativo così evidente nel giro di 4-5 anni stanti i perduranti effetti dell'AA.

    Concordo con Matteo circa l'evoluzione autunnale.
    Mediamente con ENSO++ a fine estate dovremo avere più energia in gioco in fase di raffreddamento del NH.

  6. #36
    Burrasca L'avatar di Aliseo
    Data Registrazione
    16/11/05
    Località
    Lucera(FG) 219 slm
    Età
    38
    Messaggi
    5,012
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Nelle attuali dinamiche spiegate in maniera semplice ed efficace da tutti voi, due sono le cose interessanti a cui ritengo dobbiamo porre attenzione:

    1) come detto da zago, capire come si evolverà il clima e i patetrn vari con l'accoppiata Enso++ e qbo-, e come un vigoroso Nino (dando per buona l'ipotesi che sia vigoroso) possa forzare o meno il delta di gradiente polo/equatore.
    2) capire, ma per questo ci dovremo aggiornare fra un pò di anni, se siamo di fronte ad un calo strutturale dell'attività solare (appuntamento al prossimo massimo, ammesso che ci sarà) e come questa possa influire su quanto esposto da 4cast.

    A dir poco affascinate non trovate?
    "....[I]E vedrete il Figlio dell'uomo, seduto alla destra della Potenza, venire con le nubi del cielo[/I]."
    [B]Gesù Cristo[/B] (Marco 14,62)

    [B][URL="http://www.luceraweb.eu"]
    [/URL][/B]

  7. #37
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Piro
    Data Registrazione
    28/12/05
    Località
    Pisa
    Età
    44
    Messaggi
    6,284
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Anche io provo a esprimere il mio pensiero, partendo da tutte le ottime considerazioni riportate in questo bel thread.

    La base del mio ragionamento e' semplice: il sistema tropo-strato e' in perenne "affanno" alla ricerca di un equilibrio (che per ovvi motivi non potra' mai raggiungere). Ogni piccola variazione apportata al sistema induce una serie di reazioni a catena che comportano inevitabili modifiche alla circolazione atmosferica (guardandola in "3D" come piace a Matteo ).

    E' evidente che durante gli ultimi 10 anni circa il sistema abbia sperimentato un importante "rilascio" di calore (non interessa in questa fase indagarne la natura, sia essa antropica o naturale) che ha indotto importanti modifiche agli schemi circolatori che un po' tutti noi davamo per "assodati" e quindi "normali".

    Bene, anche io come Giuseppe sono convinto che siamo ben lontani dall'aver raggiunto un nuovo equilibrio, come dimostrano le stagioni catterizzate da configurazioni prevalenti diametralmente opposte che abbiamo vissuto in questi ultimi anni.

    E poiche' non mi pare che dal 2007 in poi la situazione media dell'Artico sia cambiata cosi' tanto da giustificare i repentini cambi di pattern prevalenti, credo che si debbano cercarne anche altrove le cause... E come ulteriore indiziato io vedo il sole.

    Luca Bargagna

  8. #38
    Vento teso
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    39
    Messaggi
    1,989
    Menzionato
    52 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Il riscaldamento artico non comporta aumento della slp/gpt a 1000 hpa da cui sono calcolati l'AO e l'AD, al contrario le slp calano leggermente nell'artico, se c'è un impatto sull'AO è indotto da variazioni dinamiche non è conseguenza diretta di sst più elevate:
    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-climindex.79.54.90.176.114.4.7.15.png

    La tendenza ad ao/nao- è solo quanto si vede in esperimenti appositamente disegnati per studiare l'impatto della perdita di ghiacci, nella realtà variano molte altre cose con il gw ed i modelli climatici mostrano variazioni nella circolazione atmosferica che spesso sono di segno opposto a quanto previsto dalla sola amplificazione artica o incosistenti tra di loro:
    http://www.columbia.edu/~lmp/paps/ba...15-inpress.pdf

    Ad esempio mentre il gradiente polo/equatore in bassa troposfera si riduce al contrario in alta troposfera è previsto aumentare(su lungo termine, c'è molta variabiltà anche su scale multidecennali) e nei modelli la risposta alle medie latitudini dell'emisfero nord in inverno è sostanzialmente la somma dei due opposti trend:
    http://www.met.reading.ac.uk/~ben/ho...t/stspread.pdf

  9. #39
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,122
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Il riscaldamento artico non comporta aumento della slp/gpt a 1000 hpa da cui sono calcolati l'AO e l'AD, al contrario le slp calano leggermente nell'artico, se c'è un impatto sull'AO è indotto da variazioni dinamiche non è conseguenza diretta di sst più elevate:
    Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico-climindex.79.54.90.176.114.4.7.15.png

    La tendenza ad ao/nao- è solo quanto si vede in esperimenti appositamente disegnati per studiare l'impatto della perdita di ghiacci, nella realtà variano molte altre cose con il gw ed i modelli climatici mostrano variazioni nella circolazione atmosferica che spesso sono di segno opposto a quanto previsto dalla sola amplificazione artica o incosistenti tra di loro:
    http://www.columbia.edu/~lmp/paps/ba...15-inpress.pdf

    Ad esempio mentre il gradiente polo/equatore in bassa troposfera si riduce al contrario in alta troposfera è previsto aumentare(su lungo termine, c'è molta variabiltà anche su scale multidecennali) e nei modelli la risposta alle medie latitudini è sostanzialmente la somma dei due opposti trend:
    http://www.met.reading.ac.uk/~ben/ho...t/stspread.pdf
    Infatti così è nell'ultimo quinquennio che pare aver invertito il trend a cominciare dalla stratosfera.
    Matteo

    Freelance

  10. #40
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,122
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Oscillazione Artica (AO): indicazioni per lo shift climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Piro Visualizza Messaggio
    Anche io provo a esprimere il mio pensiero, partendo da tutte le ottime considerazioni riportate in questo bel thread.

    La base del mio ragionamento e' semplice: il sistema tropo-strato e' in perenne "affanno" alla ricerca di un equilibrio (che per ovvi motivi non potra' mai raggiungere). Ogni piccola variazione apportata al sistema induce una serie di reazioni a catena che comportano inevitabili modifiche alla circolazione atmosferica (guardandola in "3D" come piace a Matteo ).

    E' evidente che durante gli ultimi 10 anni circa il sistema abbia sperimentato un importante "rilascio" di calore (non interessa in questa fase indagarne la natura, sia essa antropica o naturale) che ha indotto importanti modifiche agli schemi circolatori che un po' tutti noi davamo per "assodati" e quindi "normali".

    Bene, anche io come Giuseppe sono convinto che siamo ben lontani dall'aver raggiunto un nuovo equilibrio, come dimostrano le stagioni catterizzate da configurazioni prevalenti diametralmente opposte che abbiamo vissuto in questi ultimi anni.

    E poiche' non mi pare che dal 2007 in poi la situazione media dell'Artico sia cambiata cosi' tanto da giustificare i repentini cambi di pattern prevalenti, credo che si debbano cercarne anche altrove le cause... E come ulteriore indiziato io vedo il sole.

    Luca... è quasi un copia-incolla del mio pensiero.
    Matteo

    Freelance

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •