Pagina 2 di 104 PrimaPrima 12341252102 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 1039
  1. #11
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Già.... nonostante sia presto per tirare le somme (potremmo farlo compiutamente verso metà novembre), è indubbio che il processo verso un precoce raffreddamento sia in corso e sequenziale che il vps tenda prossimamente ad approfondirsi mutando radicalmente lo stato di anomalìa positiva di gpt registrata ad inizio ottobre.
    Il vps appare in prospettiva leggermente sbilanciato verso il comparto Atlantico.

    Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)-pole10_nh.gif

    La t° polare media del vps a 10 hpa dovrebbe attestarsi attorno ai -68°C
    Le previsioni del FUB ci proiettano a fine analisi (240h) con valori possibili di circa -74°C attorno ai 80°N:

    Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)-ecmwf10f240.gif

    Cause?
    Flussi di calore intermittenti con fasi deboli e aggiungerei senza troppe esitazioni il 2° anno consecutivo di WQbo (a causa dell'anomalìa di cui si è già diffusamente parlato qui) in una fase solare ormai debole e votata verso il minimo.
    Matteo

    Freelance

  2. #12
    Burrasca L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    7,041
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    A questo punto da augurarsi un bel decoupling strato/tropo.....

  3. #13
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Buongiorno a tutti.
    I Gm ci mostrano la reiterazione di un potente blocco euroscandinavo in troposfera che, a questo punto dell'evoluzione del vps ritengo non possa, data la persistenza e l'intensità, non comportare a breve l'attivazione di un flusso di calore verticale.
    Queste situazioni sono generalmente precursori dell'attivazione in stratosfera di un'onda pacifica o se vogliamo meglio definirla con Van Loon, Jenne, Labitzke di un pattern ad 1 onda.

    Vorrei richiamare a tal proposito l'istruttivo thread di Steph sulle waves e la loro corretta definizione: Note sulle waves

    Pattern ad 1 onda anche perché non mi sovvengono statisticamente a fine ottobre / inizio novembre in (medio alta) stratosfera patterns wave 2 in grado di rischiare il break down del vps o per lo meno una sua forte bilobazione.

    Peraltro la circolazione troposferica connotata nel comparto euro asiatico di zonalità negativa è imho del tutto compatibile con l'evoluzione prevista a fine corsa dal modello inglese:



    e che vede un travaso massiccio di geopotenziali verso il comparto asiatico e il rinforzo della semipermanente aleutinica.
    Situazione abbastanza consona ad un'ulteriore consolidamento di un blocco stratosferico dal comparto Pacifico in direzione del canada occidentale.

    Ora come ora, senza voler tirar fuori definizioni inflazionate quanto scomode
    , direi che potremmo essere avviati verso fine mese verso il primo minor warming.

    Matteo

    Freelance

  4. #14
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,094
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.
    I Gm ci mostrano la reiterazione di un potente blocco euroscandinavo in troposfera che, a questo punto dell'evoluzione del vps ritengo non possa, data la persistenza e l'intensità, non comportare a breve l'attivazione di un flusso di calore verticale.
    Queste situazioni sono generalmente precursori dell'attivazione in stratosfera di un'onda pacifica o se vogliamo meglio definirla con Van Loon, Jenne, Labitzke di un pattern ad 1 onda.

    Vorrei richiamare a tal proposito l'istruttivo thread di Steph sulle waves e la loro corretta definizione: Note sulle waves

    Pattern ad 1 onda anche perché non mi sovvengono statisticamente a fine ottobre / inizio novembre in (medio alta) stratosfera patterns wave 2 in grado di rischiare il break down del vps o per lo meno una sua forte bilobazione.

    Peraltro la circolazione troposferica connotata nel comparto euro asiatico di zonalità negativa è imho del tutto compatibile con l'evoluzione prevista a fine corsa dal modello inglese:

    Immagine


    e che vede un travaso massiccio di geopotenziali verso il comparto asiatico e il rinforzo della semipermanente aleutinica.
    Situazione abbastanza consona ad un'ulteriore consolidamento di un blocco stratosferico dal comparto Pacifico in direzione del canada occidentale.

    Ora come ora, senza voler tirar fuori definizioni inflazionate quanto scomode
    , direi che potremmo essere avviati verso fine mese verso il primo minor warming.

    Mica male.....
    Stamattina mi sono guardato anche tutte le ens GEFS e diciamo che la troposfera andrà a lavorare in modo molto favorevole all'attivazione dei suddetti flussi di calore.
    Scand+ forte e VP che andrà picchiare duro sull'Eurasia......
    Sappiamo benissimo che parlando di strato le sue mosse dipendono dalla troposfera.
    Al momento la troposfera andrà a lavorare come non mai ha fatto negli ultimi 3 anni......

  5. #15
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,094
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.
    I Gm ci mostrano la reiterazione di un potente blocco euroscandinavo in troposfera che, a questo punto dell'evoluzione del vps ritengo non possa, data la persistenza e l'intensità, non comportare a breve l'attivazione di un flusso di calore verticale.
    Queste situazioni sono generalmente precursori dell'attivazione in stratosfera di un'onda pacifica o se vogliamo meglio definirla con Van Loon, Jenne, Labitzke di un pattern ad 1 onda.

    Vorrei richiamare a tal proposito l'istruttivo thread di Steph sulle waves e la loro corretta definizione: Note sulle waves

    Pattern ad 1 onda anche perché non mi sovvengono statisticamente a fine ottobre / inizio novembre in (medio alta) stratosfera patterns wave 2 in grado di rischiare il break down del vps o per lo meno una sua forte bilobazione.

    Peraltro la circolazione troposferica connotata nel comparto euro asiatico di zonalità negativa è imho del tutto compatibile con l'evoluzione prevista a fine corsa dal modello inglese:

    Immagine


    e che vede un travaso massiccio di geopotenziali verso il comparto asiatico e il rinforzo della semipermanente aleutinica.
    Situazione abbastanza consona ad un'ulteriore consolidamento di un blocco stratosferico dal comparto Pacifico in direzione del canada occidentale.

    Ora come ora, senza voler tirar fuori definizioni inflazionate quanto scomode
    , direi che potremmo essere avviati verso fine mese verso il primo minor warming.

    Aggiungo Matteo che tali dinamiche andrebbero a ricalcare i passi di un evoluzione del SAI verso AO negativa.
    Forse troppo presto ma di sicuro la distribuzione di tali anomale troposferiche andrebbe a far diminuire le SSTA in area PDO.
    Altro elemento di discontinuità ravvisabile...

  6. #16
    Burrasca L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    7,041
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Non male direi, vediamo che succede ma certo è che il raffreddamento euroasiatico quest'anno oltre che precoce è veramente tosto ed esteso.

  7. #17
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    26/10/10
    Località
    Milano, 122m slm
    Messaggi
    438
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Situazione molto interessante ma anche "pericolosa".
    Mi spiego: sappiamo che anche quest'anno la BDC dovrebbe essere debole, stante la fase della QBO ancora, sorprendentemente, occidentale. E infatti l'alta stratosfera, ancora una volta, si sta raffreddando più velocemente della media. Quindi il trasporto di calore dalla troposfera, figlio della dinamica da voi descritta, potrebbe segnare un primo attacco al neonato VPS. Il mio timore è che questo disturbo rappresenti soltanto un ritardo al processo di anomalo raffreddamento stratosferico. Se così fosse, potremmo raggiungere valori di pre condizionamento Strato-tropo più avanti rispetto allo scorso anno e giocarci tutto ilo cuore dell'inverno. Ne resterebbe fuori l'inizio e la fine.

    Se invece questa dinamica troposferica diventasse reiterata, allora ci troveremmo di fronte a un netto cambiamento, forse figlio di una PDO neutra-negativa dopo una lunga fase di positività.

  8. #18
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.

    Queste situazioni sono generalmente precursori dell'attivazione in stratosfera di un'onda pacifica o se vogliamo meglio definirla con Van Loon, Jenne, Labitzke di un pattern ad 1 onda.


    Pattern ad 1 onda anche perché non mi sovvengono statisticamente a fine ottobre / inizio novembre in (medio alta) stratosfera patterns wave 2 in grado di rischiare il break down del vps o per lo meno una sua forte bilobazione.


    Situazione abbastanza consona ad un'ulteriore consolidamento di un blocco stratosferico dal comparto Pacifico in direzione del canada occidentale.


    Veramente non volevo dare alcuna connotazione di "valore" (positiva o negativa) a questa possibile evoluzione ma solo probabilistica.
    Dunque.....

    Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)-nh_hgt_10mb_384.gif

    Matteo

    Freelance

  9. #19
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Citazione Originariamente Scritto da Angelo_81 Visualizza Messaggio
    Situazione molto interessante ma anche "pericolosa".
    Mi spiego: sappiamo che anche quest'anno la BDC dovrebbe essere debole, stante la fase della QBO ancora, sorprendentemente, occidentale. E infatti l'alta stratosfera, ancora una volta, si sta raffreddando più velocemente della media. Quindi il trasporto di calore dalla troposfera, figlio della dinamica da voi descritta, potrebbe segnare un primo attacco al neonato VPS. Il mio timore è che questo disturbo rappresenti soltanto un ritardo al processo di anomalo raffreddamento stratosferico.

    Infatti....
    Questa è la parte della tua considerazione che trovo condivisibile
    Matteo

    Freelance

  10. #20
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,094
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio e analisi della stratosfera (2016-2017)

    Diciamo che abbiamo alcuni elementi di discontinuità troposferica rispetto agli ultimi 3 anni.
    Basteranno ad avere ragione di percorso stratosferico tendente al raffreddamento oltre la media?
    Del resto la strato procede sotto gli input tropo e cerchiamo di capire da lì l'iter stratosferico.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •