Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 37

Discussione: Andamento della PDO

  1. #11
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di steph
    Data Registrazione
    23/08/06
    Località
    Lugano (Svizzera ita
    Messaggi
    6,006
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    Uno schema esplicativo:

    Andamento della PDO-pdv_schematic-web.png

    Si vede anche bene come sia l'ENSO ad influenzare la PDO, piuttosto che il contrario, come già veniva riportato ad es. in questo lavoro:

    http://one.geol.umd.edu/dv/readings/Newman_etal03.pdf

    La PDO, in realtà, è una parte (emisfero boreale) della più vasta Interdecadal Pacific Oscillation

    Oscillazione pacifica decadale - Wikipedia
    ~~~ Always looking at the sky~~~








  2. #12
    Vento teso
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    38
    Messaggi
    1,754
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    In realtà è un fatto ben noto almeno negli ultimi 15 anni, forse le differenze derivano da quanto riportavano i primi studi sulla pdo; infatti c'è un'intera review che inizia così:

    Since its identification in the late 1990s as the dominant year-round pattern of monthly North Pacific sea surface temperature (SST) variability, the Pacific decadal oscillation (PDO) has been connected both to other parts of the climate system and to impacts on natural resources and marine and terrestrial ecosystems. Subsequent research, however, has found that the PDO is not a single physical mode of climate variability but instead largely represents the combination of three groups of processes: 1) changes in ocean surface heat fluxes and Ekman (wind driven) transport related to the Aleutian low, due to both local unpredictable weather noise and to remote forcing from interannual to decadal tropical variability (largely El Niño) via the “atmospheric bridge”; 2) ocean memory, or processes determining oceanic thermal inertia including “reemergence,” which act to integrate this forcing and thus generate added PDO variability on interannual and decadal time scales; and 3) decadal changes in the Kuroshio–Oyashio system, forced by winds over the North Pacific driving westward-propagating oceanic Rossby waves, manifested as SST anomalies along the subarctic front at about 40°N in the western Pacific Ocean. Thus, the PDO represents the effects of different processes operating on different time scales, and its apparent impacts elsewhere only partly represent direct forcing of the atmosphere by the North Pacific Ocean. What has often been characterized as PDO impacts in the literature may, in fact, reflect correlations with processes that drive simultaneous variations in both the PDO and the impact variables. Consequently, care should be taken when positing the PDO as a forcing of nonoceanic responses without a convincing argument for the physical forcing mechanism.
    http://journals.ametsoc.org/doi/full...LI-D-15-0508.1

  3. #13
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    35
    Messaggi
    5,800
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    Si, lo studio postato da Elz qua sopra mette in luce alcuni fenomeni interessanti legati alla PDO e che volevo condividere e discutere con voi... In primis, ho dedotto che questo pattern caratterizzante il nord pacifico non può essere considerato come un fenomeno "indipendente" e a se stante, ma si collega ed è messo in relazione ad almeno tre gruppi di processi differenti, ovvero:
    1) modifiche/variazioni dei flussi di calore che agiscono sulla bassa pressione delle Aleutine;
    2) "memoria oceanica", ovvero riemersione di anomalie termiche che rimangono intrappolate sotto lo strato marino superficiale;
    3) modifiche e/o cambiamenti nella corrente di Kuroshio, indotta dai venti nel nord pacifico che provocano una propagazione verso ovest delle onde Rossby;

    2) Il discorso "riemersione" è correlato alla capacità oceanica di mantenere a lungo (e isolate rispetto alle modifiche indotte sullo strato superficiale) le anomalie termiche intrappolate e di farle riemergere, anche a distanza di diversi mesi.
    Nella figura seguente, si vede bene come le anomalie termiche (positive o negative) riferite al Golfo di Alaska, Pacifico centrale e Pacifico Occidentale riescano a riemergere sino a quasi 3 anni rispetto ad una data "X":
    Andamento della PDO-jcli-d-15-0508.1-f4.jpg

    3) Per quanto riguarda invece le dinamiche oceaniche nel nord pacifico che agiscono e interagiscono con la PDO, ci sono due tipi di circolazioni: una antioraria e una oraria.
    Queste sono separate da uno strato di acque superficiali, a differenti temperature, denominato "zona frontale subartica" (SAFZ): in questa zona, la persistenza di acque calde (o fredde) tende ad incrementare (o a ridurre) i flussi di calore e l'apporto di umidità durante l'inverno in atmosfera e a produrre modifiche nelle circolazioni oceaniche sopra descritte.
    Una di queste modifiche è rappresentata da una propagazione verso ovest delle onde Rossby (visibile dai puntini blu nell'immagine seguente di destra):


    Andamento della PDO-ssh_mwr.jpg

    La PDO può inoltre essere rappresentata come la somma di diversi processi, ovvero da tre modelli statico/dinamici che descrivono le SST rispettivamente nel:
    - Pacifico settentrionale;
    - Pacifico centrale;
    - Pacifico meridionale;

    La "somma" delle SST di queste tre zone differenti riproduce abbastanza bene l'andamento della PDO:

    Andamento della PDO-pdo-reconstructed.jpg

    Domani o nei prossimi giorni, se riesco, volevo riportare quanto trattato nella seconda parte del documento, ovvero la relazione ENSO/PDO, quella tra l'IPO e la PDO e l'utilizzo della PDO per i forecast climatici

    Stazione ERO105 su Meteonetwork, IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  4. #14
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,883
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    grandissimo Gio

  5. #15
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,883
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    già che ci siamo riporto un mio post dell'altro td che può magari darti qualche spunto per il proseguio della discussione

    a proposito del cambio di segno dell'ipo due considerazioni/domande:
    - sbaglio o l'ultima fase che a naso dovrebbe essere terminata nel 2013 o giù di lì è durata meno dei cicli precedenti
    - dato che se anche qui non vado errato l'ipo+ dovrebbe essere correlata con una diminuzione di intensità degli alisei e in generale favorire una circolazione più tipica enso+ quest'anno diventerebbe un banco di prova interessante per valutare come risponde il pacifico
    visto che sarebbene il primo anno in cui la circolazione del segnale enso non asseconda quella dell'ipo
    tra l'altro andando a rafforzare le depressioni aleutiniche asseconderebbe il pattern tipico degli ultimi anni




    ovviamente in netto contrasto con gli anni recenti tipici nina



    si potrà valutare nei prossimi mesi quale sarà il segnale prevalente

  6. #16
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,891
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    già che ci siamo riporto un mio post dell'altro td che può magari darti qualche spunto per il proseguio della discussione

    a proposito del cambio di segno dell'ipo due considerazioni/domande:
    - sbaglio o l'ultima fase che a naso dovrebbe essere terminata nel 2013 o giù di lì è durata meno dei cicli precedenti
    - dato che se anche qui non vado errato l'ipo+ dovrebbe essere correlata con una diminuzione di intensità degli alisei e in generale favorire una circolazione più tipica enso+ quest'anno diventerebbe un banco di prova interessante per valutare come risponde il pacifico
    visto che sarebbene il primo anno in cui la circolazione del segnale enso non asseconda quella dell'ipo
    tra l'altro andando a rafforzare le depressioni aleutiniche asseconderebbe il pattern tipico degli ultimi anni


    [/URL]

    ovviamente in netto contrasto con gli anni recenti tipici nina

    [/URL]

    si potrà valutare nei prossimi mesi quale sarà il segnale prevalente
    PNA- ,GLAAM negativo unitamente ad una gwo in stage 0,5/1,5 potrebbe assecondare la fase attiva del segnale enso piu che il pattern atmosferico prevalente (like).
    Sempre che Nina sia.
    Matteo

    Freelance

  7. #17
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,883
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    PNA- ,GLAAM negativo unitamente ad una gwo in stage 0,5/1,5 potrebbe assecondare la fase attiva del segnale enso piu che il pattern atmosferico prevalente (like).
    Sempre che Nina sia.
    esatto matteo
    in effetti ultimamente vedo troppa sicurezza in merito a questo punto
    c'è già chi parla di nina tra il moderato e forte ma io sarei molto più cauto verso un segnale che dovrebbe presentarsi per lo più debole sino a fine anno

  8. #18
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,883
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    segnali di svolta nel pacifico

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-01-alle-12.19.24.png

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-01-alle-12.18.49.png

  9. #19
    Vento moderato
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    62
    Messaggi
    1,445
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    segnali di svolta nel pacifico

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-01-alle-12.19.24.png

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-01-alle-12.18.49.png
    Notavo anche io..potrebbe dare una mano la MJO..magari in fase 7/8 cmq carte NH con blocco pacifico sempre meno addossato e piu'centrale...mi lascia perplessa la NAO..cmq anomalie in alcune emiss da PDO neutro-negativa

  10. #20
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,883
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Andamento della PDO

    per riprendere l'ottimo post di Gio volevo introdurre questo studio che propone una correlazione tra pdo e amo
    in particolare separando la componente NPMO in associazione con il PNA
    si parte da alcune considerazioni di carattere paleoclimatico

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-02-alle-11.41.17.png

    per giungere tramite verifiche tra i modelli e le osservazioni delle principali variabili teleconnettive

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-02-alle-12.16.21.png

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-02-alle-12.17.06.png

    a questo ipotetico meccanismo qui schematizzato

    Andamento della PDO-schermata-2017-11-02-alle-11.50.27.png

    si mette in relazione la variabilità legata al segnale amo delle ssta nel favorire (o sfavorire) il trasporto di calore atmosferico verso nord da parte degli eddy transienti e eddy vorticity flux alle medie latitudini atlantiche e pacifiche
    ne deriva un impatto di innalzamento o abbassamento del fp che a sua volta condiziona il segnale pna favorendo o sfavorendo l'attivita della bassa pressione aleutinica
    l'anomalia di alta o bassa pressione relativa alle medie latitudini del nord pacifico va a impattare sulla corrente di Kuroshio con relativo impatto sulle ssta della zona KOE
    ovviamente tutto questo con dei lag per la modifica dell'attività delle rossby a carattere pluriennale
    qui lo studio

    Andamento della PDO-10.1.1.143.6246.pdf

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •