Pagina 10 di 227 PrimaPrima ... 891011122060110 ... UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 2264
  1. #91
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,953
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Beh, veramente l'ho disegnato io poco fa...

    mi sembra comunque che questa cosa sia abbastanza ricorrente da un pò di tempo in qua, non trovi?
    Chiaramente la tua traduzione grafica trova sostegno negli studi, ormai piuttosto noti, sull'amplificazione artica.

    Recent Arctic amplification and extreme mid-latitude weather

    Cito in particolar modo, visto che è piuttosto calzante con la tua rappresentazione grafica, questo passaggio:

    The possibility of a link between Arctic change and mid-latitude weather has spurred research activities that reveal three potential dynamical pathways linking Arctic amplification to mid-latitude weather: changes in storm tracks, the jet stream, and planetary waves and their associated energy propagation.

    Si tratta quindi di modifiche associabili alla distribuzione del maggior calore presente e quindi sostanzialmente del gradiente termico.
    La distribuzione diventa fondamentale, a parità di quantità di energia immessa nel sistema, in quanto va ad incidere in modo significativo sulla sinottica.
    Gli effetti dell'amplificazione artica (ma non solo, in quanto non tutto il surplus di calore diviene e si traduce immediatamente in amplificazione artica) si concretano in una diminuzione di "ripidità" nelle onde di Rossby, in una minor velocità di traslazione delle masse d'aria (momentum flux che si attenua) e in un getto meno incisivo.
    In soldoni....un po' filosoficamente si traduce in una minor necessità di equilibrio nel divario polo/tropici.

    Di fatto hai rappresentato profili (orizzontali e verticali) più "dolci" delle Rossby waves.

    Al di fuori dell'amplificazione artica, che ribadisco non spiega tutto, la quale può vivere di fasi remissive o parzialmente tali, quali quello attuale dovute ad un parziale recupero di gradiente, il surplus energetico va a concentrarsi sulle fasce tropicali estendendo verso nord la Cella di Hadley.
    In questo caso onde medie o lunghe, ma non critiche per le velocità zonali (quindi mobili), trovano attrito e maggiore opposizione dal richiamo di calore.
    Questo banalmente si può tradurre dapprima in un allungamento della saccatura fino ad arrivare ad una frattura del getto e in un cut off visualizzabile dall'analisi al suolo ove la pressione tende ad aumentare.
    Regioni ed aree condizionate dall'espansione delle fasce tropicali possono essere soggette pertanto a ritardi evolutivi stagionali nelle configurazioni sinottiche anche se, non dobbiamo dimenticare che le componenti che oggi attribuiamo al riscaldamento globale devono essere integrate (anch'esse in modo non lineare) alla normale variabilità interannuale rendendo molto impervia la rappresentazione di un'evoluzione lineare laddove di linearità c'è poco o nulla!
    Matteo

    Freelance

  2. #92
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,791
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Caro Mat, avrei un quesito grafico da proporti. Direi che negli ultimi anni è sempre più palese una discrepanza tra modelli e realtà circa la propagazione delle onde di Rossby che è questa secondo me. L'ultimo esempio si è verificato proprio in questi giorni. Ho messo anche le frecce che forse spiegano il comportamento anomalo dell'atmosfera che forse i GM non sono ancora capaci di inquadrare a una certa distanza temporale. Mi chiedevo come è mai cè quest'errore sistematico...

    Potrà mai "rientrare" questo comportamento anomalo? O è una tendenza che ci porteremo dietro in modo sempre più accentuato con il procedere delle anomalie termiche e del GW? Sembra OT ma forse non lo è tanto...

    ciao e grazie per l'evenutale risposta

    Ciao Copernicus. In effetti è un comportamento anomalo, che personalmente non ho mai approfondito, perciò ti chiedo: lo hai riscontrato durante tutto l'anno? Dove (Europa, Atlantico, etc.)? Sembrerebbe un errore delle condizioni al contorno, che poi si ripercuotono sui calcoli. Primo fra tutti mi viene in mente il gradiente termico orizzontale, lunghezza critica etc.

    Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18 Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    tramite Tapatalk

  3. #93
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,463
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    discorso rossby che trova ulteriore conferma nei dati postati precedentemente sul vpt negli ultimi decenni e che vede un incremento medio dell'ao invernale

  4. #94
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    512
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Chiaramente la tua traduzione grafica trova sostegno negli studi, ormai piuttosto noti, sull'amplificazione artica.

    Recent Arctic amplification and extreme mid-latitude weather

    Cito in particolar modo, visto che è piuttosto calzante con la tua rappresentazione grafica, questo passaggio:

    The possibility of a link between Arctic change and mid-latitude weather has spurred research activities that reveal three potential dynamical pathways linking Arctic amplification to mid-latitude weather: changes in storm tracks, the jet stream, and planetary waves and their associated energy propagation.

    Si tratta quindi di modifiche associabili alla distribuzione del maggior calore presente e quindi sostanzialmente del gradiente termico.
    La distribuzione diventa fondamentale, a parità di quantità di energia immessa nel sistema, in quanto va ad incidere in modo significativo sulla sinottica.
    Gli effetti dell'amplificazione artica (ma non solo, in quanto non tutto il surplus di calore diviene e si traduce immediatamente in amplificazione artica) si concretano in una diminuzione di "ripidità" nelle onde di Rossby, in una minor velocità di traslazione delle masse d'aria (momentum flux che si attenua) e in un getto meno incisivo.
    In soldoni....un po' filosoficamente si traduce in una minor necessità di equilibrio nel divario polo/tropici.

    Di fatto hai rappresentato profili (orizzontali e verticali) più "dolci" delle Rossby waves.

    Al di fuori dell'amplificazione artica, che ribadisco non spiega tutto, la quale può vivere di fasi remissive o parzialmente tali, quali quello attuale dovute ad un parziale recupero di gradiente, il surplus energetico va a concentrarsi sulle fasce tropicali estendendo verso nord la Cella di Hadley.
    In questo caso onde medie o lunghe, ma non critiche per le velocità zonali (quindi mobili), trovano attrito e maggiore opposizione dal richiamo di calore.
    Questo banalmente si può tradurre dapprima in un allungamento della saccatura fino ad arrivare ad una frattura del getto e in un cut off visualizzabile dall'analisi al suolo ove la pressione tende ad aumentare.
    Regioni ed aree condizionate dall'espansione delle fasce tropicali possono essere soggette pertanto a ritardi evolutivi stagionali nelle configurazioni sinottiche anche se, non dobbiamo dimenticare che le componenti che oggi attribuiamo al riscaldamento globale devono essere integrate (anch'esse in modo non lineare) alla normale variabilità interannuale rendendo molto impervia la rappresentazione di un'evoluzione lineare laddove di linearità c'è poco o nulla!
    Grazie mat per la risposta...appena posso commento le tue considerazioni e analisi!

  5. #95
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    512
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da Lucas80 Visualizza Messaggio
    Ciao Copernicus. In effetti è un comportamento anomalo, che personalmente non ho mai approfondito, perciò ti chiedo: lo hai riscontrato durante tutto l'anno? Dove (Europa, Atlantico, etc.)? Sembrerebbe un errore delle condizioni al contorno, che poi si ripercuotono sui calcoli. Primo fra tutti mi viene in mente il gradiente termico orizzontale, lunghezza critica etc.

    Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18 Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    tramite Tapatalk
    Si , in genere c'è una sopravvalutazione della propagazione verso le basse latitudini e una "sottovalutazione" del flusso zonale alle latitudini medio basse. Poi a poco a poco con l'avvicinarsi della previsione i GM aggiustano il tiro...oppure succede che uno solo dei GM vede una scarsa propagazione dell'onda e poi gli altri invariabilmente seguono...ma come dicevo anche a mat, ne riparliamo più tardi...

  6. #96
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,791
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Si , in genere c'è una sopravvalutazione della propagazione verso le basse latitudini e una "sottovalutazione" del flusso zonale alle latitudini medio basse. Poi a poco a poco con l'avvicinarsi della previsione i GM aggiustano il tiro...oppure succede che uno solo dei GM vede una scarsa propagazione dell'onda e poi gli altri invariabilmente seguono...ma come dicevo anche a mat, ne riparliamo più tardi...
    Grazie per la risposta. Qualcosa viene in mente ma aspetto le tue considerazioni Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18 . Per la gioia degli italiani potrebbe venire fuori una cosa del genere forse? Molto grossolanamente



    Previsione a medio termine punto 1, a breve/brevissimo termine diventa punto 2.

    Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18 Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18


    tramite Tapatalk

  7. #97
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,463
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    proiezioni strato reading che sono pienamente coerenti con la corsa odierna
    fase di allungamento con possibilità di circolazione secondaria (bisogna vedere se continuerà la divergenza del getto)




    nuova rotazione con potenziale svuotamento di vorticità e scambio meridiano sul finale


  8. #98
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    512
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Rispondo sia a mat che a Lucas80...
    per Lucas...direi più o meno di si...anche se vedrei il tutto spostato semplicemente più ad ovest che a nord. In effetti poi è il mediterraneo stesso ad alimentare il richiamo di altra aria da nord attraverso la formazione di un vortice (caso 1) e quindi a far penetrare l'onda più a sud. Nell'altro caso (il 2) invece (ahimè) si rimane anche a secco di precipitazioni...

    Rispondendo anche a Mat che ha in parte dipanato la matassa...

    quel che a me sembra prevalente (oltre all'amplificazione artica che senz'altro ha un ruolo) è un accelerazione del getto in alta troposfera alle latitudini medio basse. Questo creerebbe il mancato "aggancio" dell'aria fredda che sfila di norma invece verso est europa e balcani.

    Per qualche ragione i modelli non inquadrano tanto bene questi cambiamenti ...

    Mi sembra di ricordare che questa accelerazione abbia una causa legata soprattutto al riscaldamento globale e forse anche alla co2 ma in questo momento non dispongo delle fonti...

  9. #99
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    35
    Messaggi
    5,839
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    proiezioni strato reading che sono pienamente coerenti con la corsa odierna
    fase di allungamento con possibilità di circolazione secondaria (bisogna vedere se continuerà la divergenza del getto)

    Immagine



    nuova rotazione con potenziale svuotamento di vorticità e scambio meridiano sul finale

    Immagine
    Si Ale, tutto sembra che proceda in modo "normale"... Temperatura minima che passerebbe a -82 °C e venti zonali in rinforzo sino a 27.2 m/s.
    Anche i data GMAO mostrano una roba simile, venti zonali in rinforzo evidente e flussi di calore al livello dei 10 hpa nulli:

    Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18-zonal-wind-10hpa.jpg

    Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18-flux-10hpa.jpg

    IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  10. #100
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,791
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Rispondo sia a mat che a Lucas80...
    per Lucas...direi più o meno di si...anche se vedrei il tutto spostato semplicemente più ad ovest che a nord. In effetti poi è il mediterraneo stesso ad alimentare il richiamo di altra aria da nord attraverso la formazione di un vortice (caso 1) e quindi a far penetrare l'onda più a sud. Nell'altro caso (il 2) invece (ahimè) si rimane anche a secco di precipitazioni...

    Rispondendo anche a Mat che ha in parte dipanato la matassa...

    quel che a me sembra prevalente (oltre all'amplificazione artica che senz'altro ha un ruolo) è un accelerazione del getto in alta troposfera alle latitudini medio basse. Questo creerebbe il mancato "aggancio" dell'aria fredda che sfila di norma invece verso est europa e balcani.

    Per qualche ragione i modelli non inquadrano tanto bene questi cambiamenti ...

    Mi sembra di ricordare che questa accelerazione abbia una causa legata soprattutto al riscaldamento globale e forse anche alla co2 ma in questo momento non dispongo delle fonti...
    Ricevuto. Il mio punto di vista è un altro (in base anche a qualcosa che stavo sbirciando da un po') ma mi rendo conto che qui andrei pesantemente OT, perciò penso che ne parlerò in altra Discussione (appena avrò tempo Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18 ).

    Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18 Monitoraggio Vortice Polare semestre invernale 2017/18

    tramite Tapatalk

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •