Pagina 2 di 7 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 61

Discussione: Feed back circolatori

  1. #11
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    ciao matteo, grazie opportuna precisazione la tua
    ti faccio due domande
    - il core di cui parli è lo stesso che si osserva nei miei plot per esempio guardando alla zona cruciale per la semipermanente islandese e che se noti è sempre di segno opposto (in atlantico) rispetto all'anomalia del getto oceanico, quindi pare che nel momento in cui c'è un cedimento di quest'ultimo la circolazione polare si rafforza a latitudini ancora più elevate
    - mia curiosità: possiamo utilizzare il dato delle vorticità potenziali nella fascia isoentropica 360k per avere un'idea dello stato di salute della circolazione polare unitamente al vortex edge ti faccio l'esempio dell'attuale previsione che vede per l'inizio di ottobre addirittura un'area tanto estesa che prossima ad uscire dalle deviazioni standard mentre ovviamente di contro il vortex edge è su valori bassissimi penso che questo possa dare un'idea di quanto il vortice sia in grado di contenere le masse artiche rispetto a una circolazione molto "lasca"

    p.s.
    sono andato per curiosità a vedere le anomalie del getto negli anni immediatamente seguenti al nino 98 in rapporto a quelle degli ultimi due anni e guarda che salta fuori

    Immagine


    Immagine


    questo invece la media per fare il paragone con il tuo plot

    Immagine
    Davvero molto interessante notare come siano diametralmente opposte le condizioni di partenza.

    Ci sarebbe ora da domandarsi la ragione per cui si possa ipotizzare che l'enso strong del 97/98 abbia funzionato da trigger per abbattere il gradiente e il motivo per cui quest'ultimo del 2015/2016, almeno fino a sto punto (campionatura scarsina ) sia andato a rinforzarlo...


    ps... davvero acuta l'intuizione di andare a leggere questi due parametri. Complimenti!

    ppss. conosco il sito ma quel plot non mi era noto....da che link l'hai pescato?
    Ultima modifica di mat69; 02/10/2017 alle 22:52
    Matteo

    Freelance

  2. #12
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,343
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Davvero molto interessante notare come siano diametralmente opposte le condizioni di partenza.

    Ci sarebbe ora da domandarsi la ragione per cui si possa ipotizzare che l'enso strong del 97/98 abbia funzionato da trigger per abbattere il gradiente e il motivo per cui quest'ultimo del 2015/2016, almeno fino a sto punto (campionatura scarsina ) sia andato a rinforzarlo...


    ps... davvero acuta l'intuizione di andare a leggere questi due parametri. Complimenti!

    ppss. conosco il sito ma quel plot non mi era noto....da che link l'hai pescato?
    grazie, felice di averti dato buoni spunti
    ecco qui

    Arctic Ozone Watch: 2017/2018 Arctic MERRA2 Potential Vorticity

  3. #13
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    grazie, felice di averti dato buoni spunti
    ecco qui

    Arctic Ozone Watch: 2017/2018 Arctic MERRA2 Potential Vorticity
    Grazie!

    E già che ci siamo allora ti faccio notare come la questione sia specularmente opposta tra tropo e stratosfera:

    ecco qui siamo in strato a circa 10 hpa:

    Feed back circolatori-w9dapkxr6m.png

    con un core del vps molto meno contenitivo
    Matteo

    Freelance

  4. #14
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,343
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Grazie!

    E già che ci siamo allora ti faccio notare come la questione sia specularmente opposta tra tropo e stratosfera:

    ecco qui siamo in strato a circa 10 hpa:

    Feed back circolatori-w9dapkxr6m.png

    con un core del vps molto meno contenitivo
    interessante
    tra l'altro al proposito di condizioni tropo strato diametralmente opposte volevo un tuo parere alle mie assurde elucubrazioni sulle renalisi delle anomalie di gpt sulla colonna del vp
    è il post 24 del td sul monitoraggio del vp
    ovviamente ti permetto di andare a dormire prima di farlo

    p.s.
    ne approfitto per ringraziarti, se riesco a seguire qualche ragionamento su tematiche che solo poco tempo fa mi erano del tutto ignote è proprio a ragione dell'impegno di persone come te sui forum

  5. #15
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    29
    Messaggi
    1,506
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Nell'articolo si parla di crisi artica come conseguenza e non come causa dei cambiamenti climatici recenti nello sviluppo del VP, in particolare, come ha sottolineato Matteo, si indica come siano le fasce medie e il relativo gradiente ad influenzare la tenuta o meno della banchisa nei mesi estivi e di conseguenza lo sviluppo più o meno ritardato del VP. Questo se ho ben capito è il nocciolo della questione (sono stato molto assente ultimamente quindi se ho compreso male ditemelo pure ). Andrei quindi a suddividere i plot in ante 2007 (anno della prima grande crisi artica) e post 2007.
    Feed back circolatori-img_2319.png
    Feed back circolatori-img_2321.png

    Si nota appunto per quest'anno, rispetto sia agli anni prima del 2007 e soprattutto a quelli dopo, maggiori velocità zonali in area polare e di conseguenza un getto più teso in ingresso sul nostro continente
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Feed back circolatori-img_2323.png  

  6. #16
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    Nell'articolo si parla di crisi artica come conseguenza e non come causa dei cambiamenti climatici recenti nello sviluppo del VP, in particolare, come ha sottolineato Matteo, si indica come siano le fasce medie e il relativo gradiente ad influenzare la tenuta o meno della banchisa nei mesi estivi e di conseguenza lo sviluppo più o meno ritardato del VP. Questo se ho ben capito è il nocciolo della questione (sono stato molto assente ultimamente quindi se ho compreso male ditemelo pure ). Andrei quindi a suddividere i plot in ante 2007 (anno della prima grande crisi artica) e post 2007.
    Feed back circolatori-img_2319.png
    Feed back circolatori-img_2321.png

    Si nota appunto per quest'anno, rispetto sia agli anni prima del 2007 e soprattutto a quelli dopo, maggiori velocità zonali in area polare e di conseguenza un getto più teso in ingresso sul nostro continente
    Hai inteso benissimo Daniele
    peraltro nel plot che hai postato di raffronto rispetto agli anni immediatamente successivi alla grande crisi artica del 2007, si nota come la maggiore frammentazione del getto coinvolga anche il Pacifico.
    Ci sarebbe peraltro poco da meravigliarsi visto che veniamo da un periodo, iniziato grossomodo dopo il big Nino del 97, caratterizzato da IPO- e circolazione La Nina like (ovvero che ne presenta le caratteristiche anche in assenza di segnale enso attivo).
    Indubbiamente vanno a mescolarsi componenti attribuibili al riscaldamento globale con altre attribuibili alla normale variabilità del sistema.
    Matteo

    Freelance

  7. #17
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,343
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    pur nella consapevolezza come ha già sottolineato matteo che questi risultati risentono di una serie di fattori che vanno oltre al dato in esame nel td volevo provare a osservare le anomalie nell'orientamento invernale prendendo come punto di riferimento sempre il nino 98
    e prendendo spunto anche dalla considerazione di daniele inserisco, con riferimento alla media 60-90, prima gli anni precedenti al 2007 e poi comprendenti anche i successivi





    le anomalie del primo plot vengono confermate e amplificate in quelle post crisi
    getto fortemente ondulato nel pacifico con risposta positiva dritta al cuore dell'artico
    sull'atlantico la risposta non può essere, visto la posizione delle figure, che l'incremento della zonalità oceanica
    vi ricorda qualcosa?

  8. #18
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    6,937
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Ci sarebbe ora da domandarsi la ragione per cui si possa ipotizzare che l'enso strong del 97/98 abbia funzionato da trigger per abbattere il gradiente e il motivo per cui quest'ultimo del 2015/2016, almeno fino a sto punto (campionatura scarsina ) sia andato a rinforzarlo...
    Torno sul punto.

    Feed back circolatori-_dqolnm4rt.png
    decisamente maggiore l'incremento termico alle medie ed alte latitudini rispetto a quelle delle fasce tropicali, eccetto l'atlantico dopo l'evento strong del '97.
    Notare il passaggio ad IPO- con il raffreddamento della colonna d'aria nel Pacifico al di sopra del bacino cileno-peruviano e facente capo alla corrente di Humboldt.
    Evidentemente una forte attività d'onda fu in grado di spezzare il forte regime zonale degli anni '90 (fine anni '80) caratterizzato da inverni piuttosto miti alle medie latitudini e da una stratosfera molto fredda.

    Palese altresì la modifica delle anomalìe:

    Feed back circolatori-597lyplklz.png

    La condotta del getto in Atlantico potrebbe essere un riflesso teleconnettivo dell'importante modifica occorsa nel Pacifico.

    Tornando all'estate trascorsa, le condizioni relative alle anomalìe termiche tropicali si mostrano così:

    Feed back circolatori-compday.ezwoi4tx80.gif
    ove prevalgono anomalìe di t. nell'oceano indiano, in quello Pacifico al di sopra delle regioni enso 1+2 e diffusamente nell'atlantico tropico equatoriale fino alle medie latitudini
    Ultima modifica di mat69; 03/10/2017 alle 11:21
    Matteo

    Freelance

  9. #19
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,343
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    chiarissima l'impronta di come viene redistribuito il calore in eccesso nelle fasce temperate dalle westerlies



  10. #20
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    4,343
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Feed back circolatori

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Torno sul punto.





    La condotta del getto in Atlantico potrebbe essere un riflesso teleconnettivo dell'importante modifica occorsa nel Pacifico.
    questo penso che sia da stampare a caratteri cubitali e imprimere
    se abbiamo un pacifico in condizioni "neutrali" i fattori locali atlantici diventano determinanti ma credo che in un contesto di forti mutamenti circolatori se il pacifico presenta delle anomalie più o meno rilevanti queste si riflettono in modo inequivocabile sulla circolazione atlantica (a tal proposito vedere i plot con le anomalie vettoriali del getto)
    questo se vogliamo fare una valutazione gerarchica

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •