Pagina 5 di 6 PrimaPrima ... 3456 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 57
  1. #41
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    36
    Messaggi
    28,475
    Menzionato
    157 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Ma la tendenza al rallentamento sempre più evidente, c'è eccome, sono usciti studi recenti che lo confermano.
    Il rallentamento (temporaneo) del riscaldamento sì, vero, ma sempre riscaldamento è ma questo in periodi diversi, anche negli ultimi cinquant'anni, è stato osservato a macchia di leopardo in vari punti del pianeta, ma è sempre roba temporanea.
    Nel periodo 2005-2015 a larghissime spanne anche la zona mediterranea Egeo-Libica vide una cosa simile, ma fu appunto temporanea...
    Lou soulei nais per tuchi

  2. #42
    Uragano L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    15,847
    Menzionato
    143 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Il rallentamento (temporaneo) del riscaldamento sì, vero, ma sempre riscaldamento è ma questo in periodi diversi, anche negli ultimi cinquant'anni, è stato osservato a macchia di leopardo in vari punti del pianeta, ma è sempre roba temporanea.
    Nel periodo 2005-2015 a larghissime spanne anche la zona mediterranea Egeo-Libica vide una cosa simile, ma fu appunto temporanea...
    Parlo del rallentamento dell'AMOC

  3. #43
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    43
    Messaggi
    2,578
    Menzionato
    123 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Non è chiaro quanto si sia ridotta l'amoc, le osservazioni dirette ci sono solo dal 2004 e il proxy che usa questo lavoro ( anomalia nella subpolar gyre meno due volte quelle globali) è stato contestato; la subpolar gyre è una regione in cui (anche in assenza di una variazione dell'amoc) con il gw aumenta il trasporto di calore verso l'artico dove contribuisce all'amplificazione artica e si riscaldarebbe in ogni caso meno della media globale:

    Multiple drivers of the North Atlantic warming hole | Nature Climate Change

    Scientists shed light on human causes of North Atlantic’s ‘cold blob’

    un altro possibile contributo è l'intensificazione del jet stream nel nord atlantico:

    https://lozier.eas.gatech.edu/wp-con...2021-10-07.pdf
    Ultima modifica di elz; 04/08/2023 alle 06:09

  4. #44
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    43
    Messaggi
    2,578
    Menzionato
    123 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    e questa è una nuova pubblicazione che rinforza l'idea che le fluttuazioni decennali recenti nell'amoc (nel periodo in cui abbiamo osservazioni dirette) sono una conseguenza di quella serie di inverni in nao+ di fine anni '80-90 che hanno indotto un anomala convezione nella regione del labrador:


    Decadal changes in Atlantic overturning due to the excessive 1990s Labrador Sea convection | Nature Communications

  5. #45
    Vento fresco
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    2,435
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Mah, non saprei. L'innesco delle glaciazioni è guidato dal calo dell'insolazione estiva al circolo polare artico, e al momento si è al minimo e da qui seguirà un aumento che durerà tra varie oscillazioni per qualche decina di migliaio di anni. Sinceramente un'interruzione dell'AMOC la vedo difficile dia inizio ad una glaciazione mancando il contributo del calo della radiazione solare, e considerando l'effetto serra che al contrario trattiene radiazione riducendo la quota uscente viene ancor meno questo fattore di innesco.
    Poi è anche vero che i feedback che potrebbero attivarsi sono in parte imprevedibili, ma allo stato attuale non vedo nulla che giustifichi una simile preoccupazione.
    Siamo ancora lontani dal minimo di inclinazione dell'asse...23 gradi circa attuale, si dovrebbe arrivare sino a 21 e qualcosa se non vado errato...ovviamente tra qualche millennio!

    La mia non era una preoccupazione, figuriamoci, però volevo porre in rilievo il fatto che i meccanismi di magnificazione legati all'albedo sono la causa principale dei cicli glaciali e che secondo me su questo la CO2 potrebbe fare ben poco con simili crolli delle temperature in artico (-8 °C)...

    Anche perchè, ricordiamoci, i soli effetti radiativi della co2 sono piuttosto modesti (meno di 2°C per un raddoppio). La domanda è se ci saranno cambiamenti così forti da far sciogliere enormi quantità di ghiaccio dalla calotta groenlandese, tali da innescare un blocco della AMOC. Tra l'altro, mi chiedo se la latitudine non sia troppo alta, rispetto all'ipotizzato effetto indotto dal lago laurentide come già riportato in vari studi sul dryas recente.

  6. #46
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    55
    Messaggi
    7,670
    Menzionato
    53 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Alta correlazione fra salinità (SSS maggiore rispetto alle SSTA) delle regioni subpolari del Nord Atlantico e capacità di assorbimento di CO2 in grado di limitare, grazie al maggior assorbimento, gli effetti dei GHG e del riscaldamento globale.
    Alla base di questo una AMOC forte:

    Present-day North Atlantic salinity constrains future warming of the Northern Hemisphere | Nature Climate Change
    Matteo



  7. #47
    Vento fresco
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    2,435
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Sul secondo grassettato nulla da dire: giusta osservazione.

    Sul primo grassettato no, non ho detto così, forse non mi sono spiegato: il livello glaciale della precedente osservazione vale eccome, infatti avevamo, per dire, un 30% della Terra ricoperti da ghiacci, ora ne abbiamo un 2%, per dire, quindi vale eccome
    Valutazione piuttosto spannometrica e soprattutto esagerata nei 2 casi. Antartide e pack, Groenlandia, pack mare artico credo facciano più del 2%. Inoltre aggiungiamo il fatto che durante i periodi glaciali le calotte erano per lo più limitate alle zone europee e della laurentide quindi molto meno del 30%. Ma il punto è capire quali sono le zone "critiche" per un rallentamento o azzeramento della AMOC, e su questo forse non sono stati fatti adeguati studi.

  8. #48
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    23,932
    Menzionato
    980 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Siamo ancora lontani dal minimo di inclinazione dell'asse...23 gradi circa attuale, si dovrebbe arrivare sino a 21 e qualcosa se non vado errato...ovviamente tra qualche millennio!
    Siamo al minimo per questa fase (parlo dell'insolazione a 65°N, non dell'inclinazione dell'asse), seguirà a breve un nuovo aumento e altre oscillazioni con minimi inferiori in entità a quello attuale fino a circa 50mila anni in avanti nel futuro.
    Si prospetterebbe un interglaciale molto lungo quindi, a maggior ragione dopo aver emesso tanta CO2.

    La mia non era una preoccupazione, figuriamoci, però volevo porre in rilievo il fatto che i meccanismi di magnificazione legati all'albedo sono la causa principale dei cicli glaciali e che secondo me su questo la CO2 potrebbe fare ben poco con simili crolli delle temperature in artico (-8 °C)...
    A mio parere più che l'albedo quel che potrebbe essere imprevedibile è la modifica a livello circolatorio sull'emisfero, che se non è stata inquadrata correttamente dai modelli potrebbe dar luogo a meccanismi sconosciuti innescando persino una sorta di glaciazione.
    Comunque allo stato attuale non credo ci sia nulla a sostegno di una simile ipotesi, e in fondo non si naviga propriamente nel buio: anche senza un blocco totale dell'AMOC, un precedente si potrebbe avere in caso di forte rallentamento nell'evento Bond di 8,2k anni fa. In quel caso ci fu una repentina diminuzione termica a livello globale, specialmente nel nord emisfero, ma non fu l'innesco di una nuova glaciazione.

    Anche perchè, ricordiamoci, i soli effetti radiativi della co2 sono piuttosto modesti (meno di 2°C per un raddoppio). La domanda è se ci saranno cambiamenti così forti da far sciogliere enormi quantità di ghiaccio dalla calotta groenlandese, tali da innescare un blocco della AMOC. Tra l'altro, mi chiedo se la latitudine non sia troppo alta, rispetto all'ipotizzato effetto indotto dal lago laurentide come già riportato in vari studi sul dryas recente.
    Sono modesti, ma considera che persino nell'innesco delle glaciazioni il calo della CO2 rientra tra le concause, quindi è probabile che valga anche il contrario, fungendo da freno in caso di livelli elevati.

  9. #49
    Uragano L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    15,847
    Menzionato
    143 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Siamo al minimo per questa fase (parlo dell'insolazione a 65°N, non dell'inclinazione dell'asse), seguirà a breve un nuovo aumento e altre oscillazioni con minimi inferiori in entità a quello attuale fino a circa 50mila anni in avanti nel futuro.
    Si prospetterebbe un interglaciale molto lungo quindi, a maggior ragione dopo aver emesso tanta CO2.



    A mio parere più che l'albedo quel che potrebbe essere imprevedibile è la modifica a livello circolatorio sull'emisfero, che se non è stata inquadrata correttamente dai modelli potrebbe dar luogo a meccanismi sconosciuti innescando persino una sorta di glaciazione.
    Comunque allo stato attuale non credo ci sia nulla a sostegno di una simile ipotesi, e in fondo non si naviga propriamente nel buio: anche senza un blocco totale dell'AMOC, un precedente si potrebbe avere in caso di forte rallentamento nell'evento Bond di 8,2k anni fa. In quel caso ci fu una repentina diminuzione termica a livello globale, specialmente nel nord emisfero, ma non fu l'innesco di una nuova glaciazione.



    Sono modesti, ma considera che persino nell'innesco delle glaciazioni il calo della CO2 rientra tra le concause, quindi è probabile che valga anche il contrario, fungendo da freno in caso di livelli elevati.
    Non può, a mio modesto parere, essere inquadrata dai modelli una eventuale modifica a livello circolatorio perchè il sistema atmosfera/oceani è altamente caotico: tutti gli studi sono tali e le conclusioni sono in termini probabilistici non certezze, ovviamente...come tali vanno letti e seguiti ma le certezze in un sistema caotico non esistono anche se le evidenze relative all'attuale fase (AGW) SONO LAPALISSIANE soprattutto in merito alla accelerazione causata dal genere umano negli ultimi 40 anni.
    Non è tanto il valore in sè del +1,2° globale rispetto alla fine PEG, ma quanto più il fatto che oltre il 50% di tale valore è avvenuto negli ultimi 40 anni , complice anche ( da studi recentissimi e già citati) una atmosfera molto più limpida rispetto ai primi 70 anni del 900 ( SO2 e compagnia che fungevano da schermanti) : in ogni caso continuo a non credere al fatto che il 98% di tale valore sia antropico ( come dice l'IPCC) esiste un trend naturale di fondo ovvio visto che il confronto si fa con la fine di un periodo particolarmente freddo, ma sta di fatto che nel calderone della famosa "A" ( antropico) non c'è da considerare solo la CO2 e il CH4 ma anche le deforestazioni selvagge, la cementificazione, l'incremento demografico, gli allevamenti intensivi, etc....ma con tutto non credo che quella "A" incida per il 98%.

  10. #50
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    23,932
    Menzionato
    980 Post(s)

    Predefinito Re: Corrente atlantica ai minimi storici

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Non può, a mio modesto parere, essere inquadrata dai modelli una eventuale modifica a livello circolatorio perchè il sistema atmosfera/oceani è altamente caotico: tutti gli studi sono tali e le conclusioni sono in termini probabilistici non certezze, ovviamente...come tali vanno letti e seguiti ma le certezze in un sistema caotico non esistono anche se le evidenze relative all'attuale fase (AGW) SONO LAPALISSIANE soprattutto in merito alla accelerazione causata dal genere umano negli ultimi 40 anni.
    Non è tanto il valore in sè del +1,2° globale rispetto alla fine PEG, ma quanto più il fatto che oltre il 50% di tale valore è avvenuto negli ultimi 40 anni , complice anche ( da studi recentissimi e già citati) una atmosfera molto più limpida rispetto ai primi 70 anni del 900 ( SO2 e compagnia che fungevano da schermanti) : in ogni caso continuo a non credere al fatto che il 98% di tale valore sia antropico ( come dice l'IPCC) esiste un trend naturale di fondo ovvio visto che il confronto si fa con la fine di un periodo particolarmente freddo, ma sta di fatto che nel calderone della famosa "A" ( antropico) non c'è da considerare solo la CO2 e il CH4 ma anche le deforestazioni selvagge, la cementificazione, l'incremento demografico, gli allevamenti intensivi, etc....ma con tutto non credo che quella "A" incida per il 98%.
    A mio parere anno dopo anno l'effetto antropico diventa sempre più predominante ed invadente da essere già oggi approssimabile al 100%. Il trend naturale di fondo non si sa in realtà dove ci porterebbe: se era il sole, allo stato attuale direi che dovremmo iniziare ad avvertirne gli effetti dato il minimo in atto, al tempo stesso tornando al discorso del calo dell'insolazione a 65°N che sta per raggiungere il minimo degli ultimi 20mila anni ciò dovrebbe ulteriormente portarci ad un clima glaciale (ipotesi nella "Neoglaciazione", che spiegava la PEG anche alla luce di questo meccanismo astronomico di fondo: Neoglaciazione - Wikipedia).


    Comunque è argomento per un altro TD.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •