Pagina 114 di 126 PrimaPrima ... 1464104112113114115116124 ... UltimaUltima
Risultati da 1,131 a 1,140 di 1256
  1. #1131
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    5,873
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    o al Final Warming
    quello del vp o il nostro

  2. #1132
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/04/18
    Località
    Bazzano (BO)
    Età
    30
    Messaggi
    171
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Buona sera ragazzi, complimentoni ad Ale 85 e a Mat 69 dove è sempre un piacere leggervi, anche io penso che oramai siamo allo sfinimento però e anche pur vero che sono dinamiche estremamente complesse e sappiamo bene come i modelli come pure reading che se pur essendo il Dottore quindi il miglior modello anche lui chiaramente sbarella, ma è normale che mal digeriscono le antizonalità e la propagazione stratosferica. Inoltre abbiamo davanti un evento stratosferico fuori dal comune che potrebbe essere un caso più "unico" che raro quindi ancora più difficile da capire e da analizzare. Rimango fermo anche delle mie idee comunque che ci divertiremo e questa snervante quando stancante attesa verrà presto ripagata con gli interessi.

  3. #1133
    Vento forte L'avatar di Giuseppe snow 87
    Data Registrazione
    17/11/06
    Località
    Altavilla Sil. (SA)
    Età
    31
    Messaggi
    4,689
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da Fabri93 Visualizza Messaggio
    Seconda forte '' pulsazione '' del MMW in troposfera, si entra nel vivo dell'Inverno in Italia (Verso il siberian express ??)•


    Analisi sul proseguo di Gennaio e Febbraio più paroline su Marzo...Prima di parlare metto un flashback così per valutare dove ci eravamo lasciati.



    Fine flashback.


    ••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••


    Già dal titolo dell'analisi che per certi versi può sembrare un po' allarmistico, non me la sentivo di andarci leggero stavolta si capisce bene come la posta in gioco sia alta, finalmente dopo tanta attesa entreremo pian piano in quella che potrebbe essere la parte più dinamica, fredda, interessante di tutto l'Inverno 2018-2019, il '' frutto '' diciamo vero e proprio del MMW natalizio.
    Ciò che un po' tutti noi speravamo e il '' famoso '' target bene o male preso da diversi analisti amatoriali delle long range analisi, delle analisi a lungo termine.
    Immagine


    Direi di partire subito col collage sopra, elaborato personalmente in modo da rendere chiari i diversi concetti di condizionamento del MMW sia in strato che troposfera con poi riverbero sull'AO index, sulla NAO e il NAM. Ormai la prima '' pulsazione '' troposferica che dovrebbe continuare per ancora 3 giorni a seconda delle proiezioni lascerà il posto pian piano alla sorellona, la seconda e ben più intensa pulsazione con tracollo dell'AO index che potrebbe raggiungere in questo caso forse i valori più bassi di tutto l'Inverno 2018-2019, NAO neutro, positiva tendente poi a negativa.
    Avremo quindi un VPT veramente molto debole mentre al contrario il VPS sopratutto ai piani alti della stratosfera continuerà a raffreddarsi, approfondirsi in maniera abbastanza intensa (ripresa zonal wind strato, forte raffreddamento delle temperature) comunque dovete tener conto che in questo caso i due viaggeranno come piani separati, ecco perché parlavo di decoupling nei passati aggiornamenti.
    • Entriamo nel vivo dell'Inverno proprio grazie a queste '' pulsazioni '' figlie del MMW che causano come già detto sopra un moderato disturbo, sconquasso in troposfera con VPT Weak. La fase più emozionante della stagione l'avremo proprio dall'ultima decade mensile 21 - 31.

    • Il condizionamento del MMW poi dovrebbe continuare fino a metà Marzo 2019 come da regola secondo lo studio di B & D...

    Mappa numero 1

    Immagine


    E fin qui ci siamo.

    _________________________________________


    In troposfera, da noi cosa potrebbe succedere per il proseguo della seconda metà di Gennaio e poi Febbraio ??

    • Tra il 17 ed il 22 Gennaio...(fase preparatoria) Assisteremo sulla nostra penisola ad un graduale abbassamento del getto perturbato nord-Atlantico con finalmente l'arrivo della neve in Appennino settentrionale tosco-emiliano dove fino ad ora la situazione sembra abbastanza critica, non è comunque una notevole novità ma nemmeno diciamo normalità. Precipitazioni e neve che si potrebbe fino a quote veramente basse, forse pianura al centro-nord tra il 20 ed il 23 di Gennaio.
    Questa fase dinamica diciamo favorirà maggiormente il lato tirrenico, l'Italia centrale e settentrionale, altrove gli effetti saranno meno invadenti...


    • Tra il 22 Gennaio ed il 20 Febbraio 2019

    La seconda pulsazione troposferica del MMW (E la 3° ?) sembrerebbe prendersi proprio quel lag temporale lì secondo le proiezioni e secondo la mia proiezione.NAO neutro-positiva tendente a negativa, AO index in tracollo messo sopra nel collage, MJO non postata prevista in fasi ottimali, ripresa della seconda onda planetaria che agirà sul VPT, bilobandolo e costringendolo a gettarsi quasi totalmente sul lato siberiano col ramo principale con asse Bering, Europa-orientale mentre l'altro lobo se ne starà sul Canada, Scand index in possibile formazione con aggancio dell'alta Atlantica e poi forse quella termica siberiana (dopo). Nord-Atlantico quindi non più depresso (svuotamento di vorticità) ma con possibili elevazioni anche importanti dell'anticiclone delle Azzorre verso la Groenlandia andando ad intrufularsi sul polo.
    Una configurazione e predisposizione ottimale per permettere movimenti retrogradi, barriera altopressoria sul polo, del lobo del VPT siberiano con possibile avvio di una fase continentale fredda anche intensa sull'Europa orientale e sulla penisola italiana.

    Immagine


    -> Per andare al sodo
    secondo quanto analizzato, secondo i miei pensieri, voglio essere stavolta schietto, crudo, puro mi aspetto al di dentro di quelle date una possibile grossa ondata di gelo continentale che oltre a colpire l'Europa orientale potrebbe colpire anche la nostra penisola in maniera più o meno intensa, un qualcosa secondo le proiezioni abbastanza duraturo a più riprese che potrebbe addirittura prendersi oltre una settimana.

    Febbraio...

    Per il discorso sopra ancora molto freddo e dinamico con possibili reiterazioni di aria fredda continentale miste ad agganci umidi atlantici, freddo su tutta la penisola e Europa, il mese più freddo di tutto l'Inverno 2018-2019.

    Marzo...

    Ancora dinamica, fredda la prima metà mensile..


    Commento finale:

    So, anzi sono certo di essermi spinto bel oltre i limiti di quella che dovrebbe essere una normale analisi chiara e coi piedi per terra dicendo le cose come stanno senza poi spingersi più in là. In questo caso però mi sono sentito di farlo, mi scuso per ciò ma l'ho fatto sopratutto per vedere se il frutto di un discorso nato addirittura ad Ottobre dell'anno passato possa avere un fondo o meno di verità che poi alla fin fine il succo principale è quello lì. Se diciamo buona parte del tutto potesse andare in porto allora la mia oltre ad essere una grande soddisfazione personale sarà anche motivo ulteriore di approfondimento di tali discorsi relativi a varie dinamiche climatiche, molto, molto interessanti.Che in una scienza inesatta che elabora dati incompleti per fornire previsioni inaffidabili (A. Baroni) vuol dire già molto.Un salutone e grazie per l'attenzione, il bello viene ora...
    Complimenti! Non ci resta che raccogliere i frutti...


    Giuseppe Laurino.

  4. #1134
    Vento fresco L'avatar di Fabri93
    Data Registrazione
    19/04/09
    Località
    Empoli (FI)
    Messaggi
    2,965
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    quello del vp o il nostro
    Il nostro, non ci si fa ad arrivare vivi a quello del VP di questo passo

  5. #1135
    Bava di vento
    Data Registrazione
    15/10/09
    Località
    Biella (BI)
    Età
    28
    Messaggi
    208
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Ciao ragazzi, sto seguendo con molto interesse questo topic da un mese a questa parte
    MI domandavo se ci fossero aggiornamenti importanti negli ultimi giorni, in merito alla propagazione del warming anche in troposfera, perchè a giudicare dalle code dei modelli deterministici (tropo) non sembrerebbero arrivare grossi sconquassi.. quello che si vede, correggetemi se sbaglio, assomiglia molto ad un riflesso del displacement (abbassamento del FP principalmente) più che split, voi cosa ne pensate?
    grazie mille e buona giornata a tutti

  6. #1136
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    7,059
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da ws2350 Visualizza Messaggio
    Ciao ragazzi, sto seguendo con molto interesse questo topic da un mese a questa parte
    MI domandavo se ci fossero aggiornamenti importanti negli ultimi giorni, in merito alla propagazione del warming anche in troposfera, perchè a giudicare dalle code dei modelli deterministici (tropo) non sembrerebbero arrivare grossi sconquassi.. quello che si vede, correggetemi se sbaglio, assomiglia molto ad un riflesso del displacement (abbassamento del FP principalmente) più che split, voi cosa ne pensate?
    grazie mille e buona giornata a tutti
    Ciao

    in realtà le novità non sono moltissime tuttavia si procede passin passino

    Come saprai e come detto in precedenza la spinta propulsiva verso il basso di un disturbo stratosferico dovuto ad un riscaldamento maggiore di tipo split deve provenire dai piani alti della stratosfera ovvero laddove grazie all'impermeabilizzazione creata dagli strati antizonali sottostanti l'ambiente tende a raffreddarsi e il vps si riforma.
    L'eccezionalità di questo riscaldamento è stata proprio la sua durata ai piani medio alti e, ancora oggi abbiamo i 10 hpa che oscillano su valori di velocità zonali prossimi a 0 mentre i piani sottostanti fino a circa 60 hpa sono negativi.
    Questa situazione perdura, con evoluzione lentissima, da più di 20 giorni e l'eccezionalità sta nel fatto che lo split sia stato conclamato ad inizio gennaio quando il raffreddamento radiativo dovrebbe galoppare e costringere il disturbo a risolversi abbastanza celermente nella dinamica propagativa.
    Una propagazione lenta fatta di strappi e di rallentamenti prevalentemente in zona polare e subpolare va a generare in troposfera effetti indiretti e molto graduali sulla circolazione alle latitudini più basse (peraltro assai….indigesta per i modelli deterministici).
    Detto ciò, le proiezioni odierne mostrano comunque una piccola evoluzione dai piani alti proprio a partire da 10 hpa dove finalmente l'inversione del gradiente termico verrebbe meno e a seguire a fine corsa anche a 30 hpa.
    Quindi che dire….qualcosa si muove e nel frattempo la troposfera accusa segnali discontinui dai piani alti che verosimilmente si susseguiranno per diverso tempo rendendo certamente debole la circolazione delle masse artiche facenti capo al vortice troposferico e mediamente deboli anche le velocità zonali.
    In queste condizioni sono favoriti strappi anche consistenti del getto con ondulazioni che rendono probabili vistosi abbassamenti del fronte polare e interazione di masse d'aria molto eterogenee.
    Il…."botto finale" potrebbe anche arrivare entro una ventina di giorni ma sinceramente non mi sento di spettacolarizzare troppo quella che ritengo ad oggi una possibilità alternativa ad una somministrazione graduale e progressiva del disturbo con….buona pace dei global models.
    Matteo

    Freelance

  7. #1137
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Piro
    Data Registrazione
    28/12/05
    Località
    Pisa
    Età
    43
    Messaggi
    6,110
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Dopo il Displacement e lo Split potremmo arrivare a definire una nuova tipologia di MMW?

    Il Donut Warming, il VPS con il buco! Vpt/vps  2018/19 ed il futuro inverno

    Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk

  8. #1138
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    5,873
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    mi stupisco di voi ragazzi
    eh sì che c'è anche scritto


  9. #1139
    Bava di vento L'avatar di davegahn
    Data Registrazione
    11/01/12
    Località
    giulianova (te)
    Età
    43
    Messaggi
    205
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Ciao

    in realtà le novità non sono moltissime tuttavia si procede passin passino

    Come saprai e come detto in precedenza la spinta propulsiva verso il basso di un disturbo stratosferico dovuto ad un riscaldamento maggiore di tipo split deve provenire dai piani alti della stratosfera ovvero laddove grazie all'impermeabilizzazione creata dagli strati antizonali sottostanti l'ambiente tende a raffreddarsi e il vps si riforma.
    L'eccezionalità di questo riscaldamento è stata proprio la sua durata ai piani medio alti e, ancora oggi abbiamo i 10 hpa che oscillano su valori di velocità zonali prossimi a 0 mentre i piani sottostanti fino a circa 60 hpa sono negativi.
    Questa situazione perdura, con evoluzione lentissima, da più di 20 giorni e l'eccezionalità sta nel fatto che lo split sia stato conclamato ad inizio gennaio quando il raffreddamento radiativo dovrebbe galoppare e costringere il disturbo a risolversi abbastanza celermente nella dinamica propagativa.
    Una propagazione lenta fatta di strappi e di rallentamenti prevalentemente in zona polare e subpolare va a generare in troposfera effetti indiretti e molto graduali sulla circolazione alle latitudini più basse (peraltro assai….indigesta per i modelli deterministici).
    Detto ciò, le proiezioni odierne mostrano comunque una piccola evoluzione dai piani alti proprio a partire da 10 hpa dove finalmente l'inversione del gradiente termico verrebbe meno e a seguire a fine corsa anche a 30 hpa.
    Quindi che dire….qualcosa si muove e nel frattempo la troposfera accusa segnali discontinui dai piani alti che verosimilmente si susseguiranno per diverso tempo rendendo certamente debole la circolazione delle masse artiche facenti capo al vortice troposferico e mediamente deboli anche le velocità zonali.
    In queste condizioni sono favoriti strappi anche consistenti del getto con ondulazioni che rendono probabili vistosi abbassamenti del fronte polare e interazione di masse d'aria molto eterogenee.
    Il…."botto finale" potrebbe anche arrivare entro una ventina di giorni ma sinceramente non mi sento di spettacolarizzare troppo quella che ritengo ad oggi una possibilità alternativa ad una somministrazione graduale e progressiva del disturbo con….buona pace dei global models.
    Sempre perfetto nella spiegazione....grz Mat
    Beato colui che nulla si aspettava....... perché non rimarra' deluso!(Il maggiore John Urgayle )

  10. #1140
    Burrasca forte L'avatar di Fabry18
    Data Registrazione
    23/02/06
    Località
    Tagliacozzo (AQ)
    Messaggi
    9,998
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Vpt/vps 2018/19 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    mi stupisco di voi ragazzi
    eh sì che c'è anche scritto

    Immagine


    antizonalità alta con quella
    No spoken word....Just a scream

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •