Pagina 10 di 52 PrimaPrima ... 8910111220 ... UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 516
  1. #91
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,708
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Sinceramente vorrei riuscire a capire come andrà a comportarsi il NAD dal momento che si è confermata, nel corso degli ultimi anni, come una forzante troposferica determinante per il percorso della corrente a getto nel semestre freddo e fortemente impattante sul segno della NAO.

    Allegato 511887

    Gli effetti congiunti e separati sono qui ben rappresentati ma in realtà quel che più conta è la % di sovrapposizione nel segno positivo che è stata davvero determinante.
    La componente NAD+/NAO- infatti è risultata visibile a titolo esemplificativo lo scorso inverno a seguito del forte MMW di natura ibrida (displacement e in seguito split) e solo per pochi giorni dal momento che la correlazione AO/NAO in questi ultimi anni si è rivelata sempre più blanda a favore di forzanti troposferiche incisive e prettamente determinate dal complessivo riscaldamento degli oceani.
    Grazie matteo come funziona questo indice ..ci capisco poco grazie

  2. #92
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,171
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da sponsi Visualizza Messaggio
    Grazie matteo come funziona questo indice ..ci capisco poco grazie
    E' un dipolo prevalentemente generato dalle SSTA e catturato dalla corrente a getto che va a modulare in maniera piuttosto ripetitivo il treno d'onda.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-kp_hwxfph0.png Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-wybx8orybk.png

    Si evidenzia con una polarità positiva contraddistinta da anomalìe positive di gpt nella west coast americana e al contrario negativa sulla e-coast a partire dal Canada orientale ma anche a latitudini più basse.
    In condizioni di vortice polare forte in particolare tende a forzare il segno della NAO mantenendolo su valori costantemente positivi.
    Matteo

    Freelance

  3. #93
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,708
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    E' un dipolo prevalentemente generato dalle SSTA e catturato dalla corrente a getto che va a modulare in maniera piuttosto ripetitivo il treno d'onda.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-kp_hwxfph0.png Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-wybx8orybk.png

    Si evidenzia con una polarità positiva contraddistinta da anomalìe positive di gpt nella west coast americana e al contrario negativa sulla e-coast a partire dal Canada orientale ma anche a latitudini più basse.
    In condizioni di vortice polare forte in particolare tende a forzare il segno della NAO mantenendolo su valori costantemente positivi.
    Grazie matteo direi che con quelle sst sull alaska non ci sia scampo

  4. #94
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    16,658
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Che cosa comporterebbe a livello di configurazioni prevalenti questo schema nei prossimi mesi in Europa orientativamente ?

    Inviato dal mio SM-G970F utilizzando Tapatalk

  5. #95
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,646
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Quel che credo intenda dire Matteo è che al netto di un quadro teleconnettivo che potrebbe fare pensare ad AO/Nao positiva o negativa abbiamo un setting circolatorio in quell'area che determina fortemente il getto sul tutto comparto americano/ europeo. Tra l'altro è lecito pensare che suddetto pattern vada a modulare ogni qualsivoglia forzate TST. L'anno scorso è stato palese.
    Riaggiungo però che parliamo di un pattern troposferico "nuovo" con tutta l'imprevedibilita' del nuovo millennio teleconnettivo.... Vedremo il decorso di quell'area critica.
    #SAVETHEBEAR

  6. #96
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,421
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Quel che credo intenda dire Matteo è che al netto di un quadro teleconnettivo che potrebbe fare pensare ad AO/Nao positiva o negativa abbiamo un setting circolatorio in quell'area che determina fortemente il getto sul tutto comparto americano/ europeo. Tra l'altro è lecito pensare che suddetto pattern vada a modulare ogni qualsivoglia forzate TST. L'anno scorso è stato palese.
    Riaggiungo però che parliamo di un pattern troposferico "nuovo" con tutta l'imprevedibilita' del nuovo millennio teleconnettivo.... Vedremo il decorso di quell'area critica.
    sì e non solo l'anno scorso Giuseppe
    il primo responsabile dei t-s-t per l'assetto ottobrino e quindi l'impriting sulla struttura al netto di altre importanti variabili in corso d'opera è la disposizione della prima onda troposferica e la conseguente intensità e localizzazione ereditata dalle sst in quell'area chiave del pacifico settentrionale
    ora se facciamo il solito giochino con le tlc a livello meramente statistico negli anni recenti vediamo che con enso neutro qbo positiva l'anno più simile è il 2013
    ora al netto del fatto che la fase solare è quasi invertita anche se a livello di elettromagnetismo non siamo ancora così in basso c'è un aspetto su cui vale la pena di investire le proprie speculazioni




  7. #97
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,421
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    per la cronaca
    per ritrovare invece un anno con fasi simili qbo/sole bisogna risalire al 2008 ma allora si veniva da una debole nina (a proposito, anche in relazione alle fasi mjo meriterà una certa attenzione il monitoraggio in area IOD)
    mentre per ritrovare una coerenza di questi parametri anche per l'area enso nell'arco di tutto l'anno solare bisogna tornare addirittura al '95

  8. #98
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,708
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Dream Design Visualizza Messaggio
    Che cosa comporterebbe a livello di configurazioni prevalenti questo schema nei prossimi mesi in Europa orientativamente ?

    Inviato dal mio SM-G970F utilizzando Tapatalk
    Il solito direi js sparato ..zero blocchi zonali e freddo dirottato in Turchia.. mi chiedo quell emersione calda dove trovi tanta linfa...sembra inesauribile una sorta di pattern circolatorio a se stante..mi chiedo come mai in quella zona

  9. #99
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    778
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da sponsi Visualizza Messaggio
    Il solito direi js sparato ..zero blocchi zonali e freddo dirottato in Turchia.. mi chiedo quell emersione calda dove trovi tanta linfa...sembra inesauribile una sorta di pattern circolatorio a se stante..mi chiedo come mai in quella zona
    Se si analizza la NAO nel momento in cui avvengono le colate di aria artico continentale in Grecia e Turchia spunta fuori sempre un indice NAO positivo con valori fino a +2 perché per avvenire uno scambio meridiano l'hp deve elevarsi e l'indice SCAND diventa positivo, inoltre, visto che il gelo si spinge in Europa centro-orientale meridionale purtroppo l'anticiclone si estende anche troppo a E, coinvolgendo parte d'Italia mentre il sud, più a est se la passa un po' meglio ma nulla di che e resta in media mentre nella parte opposta dello Ionio (oriente) si scatena l'apocalisse... sempre per quei 500 Km di longitudine che servono più di 1000 Km di latitudine verso nord. L'anno scorso/quest'anno poi è stato, fatto apposta per scatenare la mia ira, particolarmente un anno proficuo nei Balcani e penisola Anatolica a livello di freddo russo, segno NAO++ e derive orientali ogni 2 settimane, per fare un confronto la discesa fredda da N del 4-5 gennaio è stata 2 volte più intensa a parità di latitudine ma 500 km più a est da noi, perchè non solo hanno medie più basse, ma soprattutto sono colpiti meglio da irruzioni pro centro-est Europa, sono al centro delle ciclogenesi, a febbraio si fece il bis a fine mese le cui temperature per esempio in Grecia a livello del mare, scesero a livelli simili all'ondata di freddo del Dicembre 2014/Gennaio 2015, e noi, ribadisco, abbiamo sperimentato quasi le stesse massime con un burian potente a fine dicembre/inizio gennaio, loro quasi a marzo con un normale vortice da NE... ora, la NAO viene spesso collegata all'oscillazione artica poiché quando questa è positiva in inverno si rafforza l'attività zonale e gli scambi meridiani cessano di esistere, situazione con vortice polare a "manetta", confinato al Circolo polare, con segno AO- il vortice polare è disturbato con possibilità di fluttuazioni e dinamicità a livello europeo, rimonte di hp e per controbilanciare discese fredde nella parte opposta, non è sinonimo di freddo certo in Italia benché i segni + o - dell'oscillazione nord-atlantica saranno poi loro a condizionare le sorti della stagione e dell'Europa intera, anche est coast dell'America. È difficile ogni anno che tutto vada per il meglio in Italia in termini di freddo, noi rappresentiamo una piccola fetta dell'emisfero nord, in cui ci sono delle aree a Nord dell'Equatore la cui assenza di svolte fredde è latente, più che nel nostro paese.

  10. #100
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,551
    Menzionato
    72 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Quest'anno però abbiamo anche una BDC veramente tosta


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •