Pagina 121 di 137 PrimaPrima ... 2171111119120121122123131 ... UltimaUltima
Risultati da 1,201 a 1,210 di 1364
  1. #1201
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,348
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Praticamente l'influenza dei minimi e massimi solari sul jet stream e sulle celle di Ferrel e Walker... Minimo solare amplifica le ondulazioni favorendo i blocchi, max solari il contrario... Praticamente quello che l'ipcc e il mainstream negano DA SEMPRE.. E ora che siamo appena entrati nel profondo minimo, certi professoroni continuano a negare adducendo che non si vede alcuno stop al GW.... Come se fosse un interruttore.. Ne riparleremo, e vedremo quello che succederà, intanto prende sempre più corpo l'ipotesi di una NINA bella tosta a partire da fine primavera e poi vedremo cosa succederà all'aspetto termico globale... Chiuso OT.
    Abbiamo avuto 20 anni bloccati e cosa abbiamo ottenuto, freddo forse ?? Ci vorrebbe al contrario un limite inferiore del VP di una decina di gradi più a sud se vuoi avere il freddo, l'esatto contrario di ciò che è avvenuto con questi blocchi in posti sempre gli stessi che distruggono solo permafrost e ghiacci artici.
    Always looking at the sky

  2. #1202
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    64
    Messaggi
    2,000
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Abbiamo avuto 20 anni bloccati e cosa abbiamo ottenuto, freddo forse ?? Ci vorrebbe al contrario un limite inferiore del VP di una decina di gradi più a sud se vuoi avere il freddo, l'esatto contrario di ciò che è avvenuto con questi blocchi in posti sempre gli stessi che distruggono solo permafrost e ghiacci artici.
    sempre immenso leggerti. e complimenti per la previ sulla MJO il primo ad indicarla ..

  3. #1203
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,950
    Menzionato
    75 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Abbiamo avuto 20 anni bloccati e cosa abbiamo ottenuto, freddo forse ?? Ci vorrebbe al contrario un limite inferiore del VP di una decina di gradi più a sud se vuoi avere il freddo, l'esatto contrario di ciò che è avvenuto con questi blocchi in posti sempre gli stessi che distruggono solo permafrost e ghiacci artici.
    Perdonami Andrea ma non capisco quanto hai scritto... Che c'entrano "20 anni bloccati" con una maggiore ondulazione del jet stream e blocchi MERIDIANI..??

  4. #1204
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Piro
    Data Registrazione
    28/12/05
    Località
    Pisa
    Età
    45
    Messaggi
    6,457
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    A questo punto credo si possa affermare che quasi certamente la pulsazione anticiclonica indotta dalla Madden non riuscirà a vincere questa prima battaglia con il Vortice Polare, che "dopato" dalla propagazione del forte cooling in alta e media stratosfera continuerà a rilasciare vorticità significative in Atlantico.

    C'è un "però", rappresentato da un assetto del VP non propriamente da manuale dell'ESE cold. E qui ci giochiamo la seconda chance per far svoltare la stagione, dopo quella mancata del periodo natalizio.

    La pulsazione anticiclonica dei prossimi giorni avrà il pregio di raffreddare il comparto russo-scandinavo, e qualora la naturale ripartenza dei flussi post-ESE fosse accompagnata da una buona attività dell'onda atlantica ci troveremmo in una situazione interessante, vista la presenza di due lobi del VP in posizione "giusta" e la disponibilità di aria fredda da cui pescare di ben altra levatura rispetto a quella attuale .

    Chiudo con un sincero ringraziamento a tutti i forumisti, dal primo all'ultimo, che rendono questo thread speciale. Un thread che ha accompagnato la stagione invernale dal suo "concepimento" al suo svezzamento. Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20 Che dire, il ragazzo ad oggi si è mostrato poco incline a mostrare il suo lato migliore, ma non e detto che ora che sta raggiungendo la sua piena maturità non metta la testa a posto e ci faccia vedere che non è fatto solo di scirocco o HP. Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk

  5. #1205
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    64
    Messaggi
    2,000
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Piro Visualizza Messaggio
    A questo punto credo si possa affermare che quasi certamente la pulsazione anticiclonica indotta dalla Madden non riuscirà a vincere questa prima battaglia con il Vortice Polare, che "dopato" dalla propagazione del forte cooling in alta e media stratosfera continuerà a rilasciare vorticità significative in Atlantico.

    C'è un "però", rappresentato da un assetto del VP non propriamente da manuale dell'ESE cold. E qui ci giochiamo la seconda chance per far svoltare la stagione, dopo quella mancata del periodo natalizio.

    La pulsazione anticiclonica dei prossimi giorni avrà il pregio di raffreddare il comparto russo-scandinavo, e qualora la naturale ripartenza dei flussi post-ESE fosse accompagnata da una buona attività dell'onda atlantica ci troveremmo in una situazione interessante, vista la presenza di due lobi del VP in posizione "giusta" e la disponibilità di aria fredda da cui pescare di ben altra levatura rispetto a quella attuale .

    Chiudo con un sincero ringraziamento a tutti i forumisti, dal primo all'ultimo, che rendono questo thread speciale. Un thread che ha accompagnato la stagione invernale dal suo "concepimento" al suo svezzamento. Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20 Che dire, il ragazzo ad oggi si è mostrato poco incline a mostrare il suo lato migliore, ma non e detto che ora che sta raggiungendo la sua piena maturità non metta la testa a posto e ci faccia vedere che non è fatto solo di scirocco o HP. Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk
    siete persone speciali , lo dico da sempre. ps che tempi. ipotizzeresti?

  6. #1206
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Piro
    Data Registrazione
    28/12/05
    Località
    Pisa
    Età
    45
    Messaggi
    6,457
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Non prima di fine mese con questo VP...

    Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk

  7. #1207
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    64
    Messaggi
    2,000
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Piro Visualizza Messaggio
    Non prima di fine mese con questo VP...

    Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk
    sai i giorni della merla non "cantano" da un bel po buondi carissimo

  8. #1208
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    9,390
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    ecco il culmine dell'evento





    valori dei venti zonali seppur non record davvero notevoli

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-14-alle-10.41.38.png

    dopo di che il vps si allungherà prima sul nord america



    e a seguire andrà a impostare la classica rotazione da displacement euroatlantico a ragione di un momentum flux in ripartenza dall'alta strato sulla prima cresta





    difficile in questo modo strutturare un blocco con un regime nao+ peristente
    c'è da dire che le epv non incidono granché sull'indice zonale per ragioni già esposte


    intanto si vede la ripartenza dei flussi ben evidente soprattutto al limite con la tropopausa

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-14-alle-10.42.47.png

    gfs nei suoi ultimi aggiornamenti mostra la possibilità che questo incipit che si intravede nel fu berlin per limiti temporali possa attivare quella contropulsazione di risposta dall'alta strato che favorirebbe una decisa frenata zonale da displacement




    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-14-alle-10.49.27.png

    in sostanza date le prospettive non credo avremo drastici cali della nao nemmeno per il resto della stagione e quindi se dovessi riporre le speranze in qualche episodio continuerei a puntare sul continentale con tutti i possibili limiti del caso imposti dalla circolazione tropisferica sin qui osservata
    vedremo counque quanta consistenza riuscità a perdere il vortice all'ingresso nella sua naturale fase di allentamento stagionale
    mi unisco ai ringraziamenti di Luca per un td che è sempre stato piacevolmente leggibile e rispettoso

  9. #1209
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,950
    Menzionato
    75 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    ecco il culmine dell'evento

    Immagine




    valori dei venti zonali seppur non record davvero notevoli

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-14-alle-10.41.38.png

    dopo di che il vps si allungherà prima sul nord america

    Immagine


    e a seguire andrà a impostare la classica rotazione da displacement euroatlantico a ragione di un momentum flux in ripartenza dall'alta strato sulla prima cresta

    Immagine


    Immagine


    difficile in questo modo strutturare un blocco con un regime nao+ peristente
    c'è da dire che le epv non incidono granché sull'indice zonale per ragioni già esposte

    Immagine

    intanto si vede la ripartenza dei flussi ben evidente soprattutto al limite con la tropopausa

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-14-alle-10.42.47.png

    gfs nei suoi ultimi aggiornamenti mostra la possibilità che questo incipit che si intravede nel fu berlin per limiti temporali possa attivare quella contropulsazione di risposta dall'alta strato che favorirebbe una decisa frenata zonale da displacement

    Immagine



    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-14-alle-10.49.27.png

    in sostanza date le prospettive non credo avremo drastici cali della nao nemmeno per il resto della stagione e quindi se dovessi riporre le speranze in qualche episodio continuerei a puntare sul continentale con tutti i possibili limiti del caso imposti dalla circolazione tropisferica sin qui osservata
    vedremo counque quanta consistenza riuscità a perdere il vortice all'ingresso nella sua naturale fase di allentamento stagionale
    mi unisco ai ringraziamenti di Luca per un td che è sempre stato piacevolmente leggibile e rispettoso
    Purtroppo ecmwf oggi smorza quasiasi "sogno di gloria invernale": flussi divergenti e nuovo giro di giostra imposto dagli stessi all'asse del VP....un displacement eventuale sarebbe proprio la fine....unica possibilità, parlando di ecmwf, quella di cui parla Gianluca....oppure, che stia cannando ecmwf visto che oggi gfs è tornato a mostrare già a 180 h una forte bilobazione ( mentre fino a ieri vedeva la rotazione dell'asse e flussi divergenti)....le speranze ormai sono appese ad un filo, diamoci ancora un paio di giorni.

  10. #1210
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    17/04/18
    Località
    Bazzano (BO)
    Età
    31
    Messaggi
    259
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Buona sera ragazzi, rimane il fatto che non si vedono affatto situazioni da ESE COLD canonici, in quanto come si vede il vp rimane sempre dislocato, e difatti questo possibile futuro displacement ci deve fare riflettere, se fosse stato ESE COLD classico sarebbe già in prima armonica e centrato perfettamente sul polo. E pur vero che i displacement, dove appunto il tutto è a carico della wawe 1 è sempre altamente rischioso e potrebbe essere pure peggio in quanto, se non cè un azione subiltanea della seconda onda, il tutto rischia di andare a successiva risoluzione e riaccentramento e fine dei giochi, questa volta definitivi!!! a causa appunto del momento angolare e il tutto appunto il vp tenta il riequilibrio definitivo, ma ce un ma.... c'è anche da dire che i displacement non sono sempre cosi negativi, in quanto ricordiamoci l'enorme raffreddamento del comparto russo e formazione successiva dell'HP TERMICO, (WAWE 3 ASIATICA) questo stato di cose porterebbe ad attriti e a warming sulla siberia, con un VP di nuovo con un forte grado di eliticizzazione, con successiva attivazione anche della wawe atlantica.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •