Pagina 124 di 124 PrimaPrima ... 2474114122123124
Risultati da 1,231 a 1,236 di 1236
  1. #1231
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    36
    Messaggi
    6,324
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Eh però abbiamo a che fare con una situazione strato/tropo non propriamente consona a quello che sono i canoni tradizionali letterali da quel che vedo e che ho letto
    Se da un lato non abbiamo il condizionamento "classico" con VP centrato sul polo dall'altro canto i forecast non sono propriamente ottimistici… O nessuna ripartenza dei flussi o, al più, qualcosa sul lungo termine ma sempre assimilabile ad un displacement:

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gefs-ens_nh-gphells_010hpa_20200116_f324.jpg

    E la MJO rimane attiva con magnitudo elevata soltanto nei forecast MJO:

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-cfso_phase_small.jpg
    Il discorso dei blocchi anticiclonici con avvezioni fredde durante il periodo invernale mi sembra un pò complesso… In parte può dipendere dallo stato delle SST e del mixed layer (prima parte invernale) mentre dall'altro dall'interazione strato/tropo (seconda parte invernale):

    Error - Cookies Turned Off

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-immagine.jpg
    Ovvero che, se è vero che le dinamiche della seconda parte invernale seguono più una dinamica stratosferica e questa non è favorevole ad avvezioni fredde c'è poco da fare.
    Sono sempre un pò di fretta ultimamente (recupererò), comunque vi leggo sempre e sempre complimenti a tutti quanti


    IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  2. #1232
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,261
    Menzionato
    30 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    In certe situazioni, quali quella ad esempio di un ese cold ove il superamento della soglia critica del nam supera il valore di +2, occorre attendere l'assestamento derivante dall'elaborazione di dati attuali.
    Oggi che la dinamica del touch down si è completata possiamo renderci conto dell'effettiva intensità di questa dinamica stratosferica che indubbiamente si inquadra a pieno diritto, come da letteratura, in uno degli eventi cold in grado di condizionare la condotta del vortice troposferico.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-namindex_20200118.png

    L'evento stratosferico è stato preceduto da heat fluxes deboli e seguito da un loro sostanziale azzeramento con blanda ripartenza al momento e vettori dell'e.p. flux in netta divergenza.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-ehflx_20200118.png Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-uzm-epfluxes_latprs-xsect_20200118_f024.png

    Il vortice polare appare oggi piuttosto ben allineato tra i piani isentropici alle diverse altezze sia in strato che in troposfera altro aspetto che indubbiamente ci ha evidenziato che la trasmissione, a scapito di epv non proprio saldissime in bassa stratosfera, è avvenuta anche grazie alla particolare intensità dell'evento.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-vort3d_20200118_f000_rot000.png

    Cosa dovremmo aspettarci da qui grossomodo fino ad inizio febbraio?
    Credo nulla di eclatante in troposfera contraddistinta nei meridiani atlantico europei da una zonalità medio alta salvo interferenze dovute ad una blanda divergenza del getto polare in direzione dell'atlantico portoghese.
    Le proiezioni evidenziano invece, quale esito dell'incremento dei flussi di calore in troposfera (mjo fase 6 e poi probabilmente nuovamente in 5) dovuti al forte gradiente e all'incremento delle anomalìe di momento angolare (GLAAM+) un'intensificazione degli stessi anche in stratosfera segnatamente ad inizio febbraio la quale dovrebbe indurre dal basso una complessiva rotazione della massa del vortice polare fino a disporre un nuovo asse con vertici Europa / Giappone.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-epv_2020012600_f240_800.png

    Trattandosi di una dislocazione della massa di un vortice molto profondo (ancora valori a 10 hpa al di sotto dei 2800 dam) questo dovrebbe a sua volta assestare l'intera colonna in base a questa disposizione modificando l'assetto delle correnti sull'Europa.
    Ritengo probabile che possa essere una dinamica assai prossima a quella di un MMW displacement anche se ad oggi non sarei in grado di dire se questa possa compiutamente realizzarsi o restare nei limiti di un minor warming.
    Come possibili effetti in troposfera ritengo assai probabile che si possa progressivamente assistere ad una rotazione delle correnti da nord o da nord ovest con intensità piuttosto sostenuta anche sull'Europa centrale (forse un pò più marginale su quella meridionale).
    Una situazione che, stante il possibile successivo allungamento del'asse del vp potrebbe portare a condizioni ventose, con precipitazioni piuttosto fugaci e con episodi di foehn al nord.

    Questa ad oggi la mia impressione e che indubbiamente non ho la pretesa che possa risultare per molti particolarmente esaltante ma indubbiamente compatibile con uno step conseguente agli avvenimenti stratosferici avuti.

    Poi forse cambierà qualcosa ma è davvero presto per disegnare scenari nuovi e per illudere chi ancora sta aspettando una stagione invernale più incisiva
    Matteo

    Freelance

  3. #1233
    Tempesta L'avatar di Fabry18
    Data Registrazione
    23/02/06
    Località
    Tagliacozzo (AQ)
    Messaggi
    10,316
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    In certe situazioni, quali quella ad esempio di un ese cold ove il superamento della soglia critica del nam supera il valore di +2, occorre attendere l'assestamento derivante dall'elaborazione di dati attuali.
    Oggi che la dinamica del touch down si è completata possiamo renderci conto dell'effettiva intensità di questa dinamica stratosferica che indubbiamente si inquadra a pieno diritto, come da letteratura, in uno degli eventi cold in grado di condizionare la condotta del vortice troposferico.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-namindex_20200118.png

    L'evento stratosferico è stato preceduto da heat fluxes deboli e seguito da un loro sostanziale azzeramento con blanda ripartenza al momento e vettori dell'e.p. flux in netta divergenza.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-ehflx_20200118.png Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-uzm-epfluxes_latprs-xsect_20200118_f024.png

    Il vortice polare appare oggi piuttosto ben allineato tra i piani isentropici alle diverse altezze sia in strato che in troposfera altro aspetto che indubbiamente ci ha evidenziato che la trasmissione, a scapito di epv non proprio saldissime in bassa stratosfera, è avvenuta anche grazie alla particolare intensità dell'evento.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-vort3d_20200118_f000_rot000.png

    Cosa dovremmo aspettarci da qui grossomodo fino ad inizio febbraio?
    Credo nulla di eclatante in troposfera contraddistinta nei meridiani atlantico europei da una zonalità medio alta salvo interferenze dovute ad una blanda divergenza del getto polare in direzione dell'atlantico portoghese.
    Le proiezioni evidenziano invece, quale esito dell'incremento dei flussi di calore in troposfera (mjo fase 6 e poi probabilmente nuovamente in 5) dovuti al forte gradiente e all'incremento delle anomalìe di momento angolare (GLAAM+) un'intensificazione degli stessi anche in stratosfera segnatamente ad inizio febbraio la quale dovrebbe indurre dal basso una complessiva rotazione della massa del vortice polare fino a disporre un nuovo asse con vertici Europa / Giappone.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-epv_2020012600_f240_800.png

    Trattandosi di una dislocazione della massa di un vortice molto profondo (ancora valori a 10 hpa al di sotto dei 2800 dam) questo dovrebbe a sua volta assestare l'intera colonna in base a questa disposizione modificando l'assetto delle correnti sull'Europa.
    Ritengo probabile che possa essere una dinamica assai prossima a quella di un MMW displacement anche se ad oggi non sarei in grado di dire se questa possa compiutamente realizzarsi o restare nei limiti di un minor warming.
    Come possibili effetti in troposfera ritengo assai probabile che si possa progressivamente assistere ad una rotazione delle correnti da nord o da nord ovest con intensità piuttosto sostenuta anche sull'Europa centrale (forse un pò più marginale su quella meridionale).
    Una situazione che, stante il possibile successivo allungamento del'asse del vp potrebbe portare a condizioni ventose, con precipitazioni piuttosto fugaci e con episodi di foehn al nord.

    Questa ad oggi la mia impressione e che indubbiamente non ho la pretesa che possa risultare per molti particolarmente esaltante ma indubbiamente compatibile con uno step conseguente agli avvenimenti stratosferici avuti.

    Poi forse cambierà qualcosa ma è davvero presto per disegnare scenari nuovi e per illudere chi ancora sta aspettando una stagione invernale più incisiva
    Beh il poi ci porta già a metà febbraio leggendo quindi siamo già quasi in primaveraRosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20bene così Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  4. #1234
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,266
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    e queste?
    che roba

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-18-alle-20.57.58.png

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-18-alle-20.58.06.png

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-18-alle-20.58.14.png

  5. #1235
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,890
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    In certe situazioni, quali quella ad esempio di un ese cold ove il superamento della soglia critica del nam supera il valore di +2, occorre attendere l'assestamento derivante dall'elaborazione di dati attuali.
    Oggi che la dinamica del touch down si è completata possiamo renderci conto dell'effettiva intensità di questa dinamica stratosferica che indubbiamente si inquadra a pieno diritto, come da letteratura, in uno degli eventi cold in grado di condizionare la condotta del vortice troposferico.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-namindex_20200118.png

    L'evento stratosferico è stato preceduto da heat fluxes deboli e seguito da un loro sostanziale azzeramento con blanda ripartenza al momento e vettori dell'e.p. flux in netta divergenza.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-ehflx_20200118.png Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-uzm-epfluxes_latprs-xsect_20200118_f024.png

    Il vortice polare appare oggi piuttosto ben allineato tra i piani isentropici alle diverse altezze sia in strato che in troposfera altro aspetto che indubbiamente ci ha evidenziato che la trasmissione, a scapito di epv non proprio saldissime in bassa stratosfera, è avvenuta anche grazie alla particolare intensità dell'evento.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-gfs_nh-vort3d_20200118_f000_rot000.png

    Cosa dovremmo aspettarci da qui grossomodo fino ad inizio febbraio?
    Credo nulla di eclatante in troposfera contraddistinta nei meridiani atlantico europei da una zonalità medio alta salvo interferenze dovute ad una blanda divergenza del getto polare in direzione dell'atlantico portoghese.
    Le proiezioni evidenziano invece, quale esito dell'incremento dei flussi di calore in troposfera (mjo fase 6 e poi probabilmente nuovamente in 5) dovuti al forte gradiente e all'incremento delle anomalìe di momento angolare (GLAAM+) un'intensificazione degli stessi anche in stratosfera segnatamente ad inizio febbraio la quale dovrebbe indurre dal basso una complessiva rotazione della massa del vortice polare fino a disporre un nuovo asse con vertici Europa / Giappone.

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-epv_2020012600_f240_800.png

    Trattandosi di una dislocazione della massa di un vortice molto profondo (ancora valori a 10 hpa al di sotto dei 2800 dam) questo dovrebbe a sua volta assestare l'intera colonna in base a questa disposizione modificando l'assetto delle correnti sull'Europa.
    Ritengo probabile che possa essere una dinamica assai prossima a quella di un MMW displacement anche se ad oggi non sarei in grado di dire se questa possa compiutamente realizzarsi o restare nei limiti di un minor warming.
    Come possibili effetti in troposfera ritengo assai probabile che si possa progressivamente assistere ad una rotazione delle correnti da nord o da nord ovest con intensità piuttosto sostenuta anche sull'Europa centrale (forse un pò più marginale su quella meridionale).
    Una situazione che, stante il possibile successivo allungamento del'asse del vp potrebbe portare a condizioni ventose, con precipitazioni piuttosto fugaci e con episodi di foehn al nord.

    Questa ad oggi la mia impressione e che indubbiamente non ho la pretesa che possa risultare per molti particolarmente esaltante ma indubbiamente compatibile con uno step conseguente agli avvenimenti stratosferici avuti.

    Poi forse cambierà qualcosa ma è davvero presto per disegnare scenari nuovi e per illudere chi ancora sta aspettando una stagione invernale più incisiva
    magari ci scappa un articata bella tosta

  6. #1236
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,890
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    e queste?
    che roba

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-18-alle-20.57.58.png

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-18-alle-20.58.06.png

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2020-01-18-alle-20.58.14.png
    alla fine un ESE con i contro.. mi pare

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •