Pagina 36 di 64 PrimaPrima ... 26343536373846 ... UltimaUltima
Risultati da 351 a 360 di 635
  1. #351
    Brezza tesa L'avatar di Z_M
    Data Registrazione
    16/12/16
    Località
    Savona
    Messaggi
    784
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    intanto i ghiacci sono rientrati dal minimo storico riportandosi sui valori del precedente minimo del 2012 per quanto riguarda l'estensione mentre per il volume siamo ancora a livelli eccezionalmente bassi data la scarsissima consistenza del ghiaccio formatosi
    l'area che continua a rimanere libera e in considerevole ammanco è proprio quella di bering

    Immagine
    Per comprendere il livello dell'anomalia in atto presso lo stretto di Bering, l'estensione in zona è addirittura scesa negli ultimi 3 giorni: non vi è quindi alcuna estensione ma perdita, a novembre già ampiamente iniziato. Come già scritto da altri questo potrebbe essere un fattore che influenza il futuro dislocamento del core del VPT.

  2. #352
    Vento moderato
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,169
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Z_M Visualizza Messaggio
    Per comprendere il livello dell'anomalia in atto presso lo stretto di Bering, l'estensione in zona è addirittura scesa negli ultimi 3 giorni: non vi è quindi alcuna estensione ma perdita, a novembre già ampiamente iniziato. Come già scritto da altri questo potrebbe essere un fattore che influenza il futuro dislocamento del core del VPT.
    Al netto di quello che si osserva, che è comunque spaventoso e precisando che in un contesto in cui lo spessore dei ghiacci marini è minimo (per non dire infimo) molto gioco, in termini di perdita/acquisizione di superficie, ce l'hanno le correnti marine... l'unico punto non negativo dell'attuale situazione è che, per la prima volta dal 2013, l'assetto della banchisa artica è tale da favorirci o quantomeno da non danneggiarci... magra consolazione... comunque...
    Ultima modifica di galinsog@; 11/11/2019 alle 12:57

  3. #353
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,328
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Sul nord Asia sta facendo molto freddo, le discese artiche prediligono quella regione così come prediligono il nord ovest Europa. Sul vicino Medio Oriente abbiamo una subtropicale molto tonica che si estende a nord in area caucasica, mar Nero e ovest Russia, perchè alla fine il fronte polare sta scendendo molto basso sul Marocco e Algeria e rifornisce l'HP di aria tropicale di provenienza est africana-arabica supportata dall'anomalia sull'ovest dell'Oceano Indiano e sul Mar Arabico. La nascita del blocco ad est che emerge piano piano in Ecmwf, e Gfs un pò più in là, potrebbe alla fine impattare sul pattern dominante nel futuro prossimo.
    Always looking at the sky

  4. #354
    Tempesta L'avatar di Fabry18
    Data Registrazione
    23/02/06
    Località
    Tagliacozzo (AQ)
    Messaggi
    10,089
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Sul nord Asia sta facendo molto freddo, le discese artiche prediligono quella regione così come prediligono il nord ovest Europa. Sul vicino Medio Oriente abbiamo una subtropicale molto tonica che si estende a nord in area caucasica, mar Nero e ovest Russia, perchè alla fine il fronte polare sta scendendo molto basso sul Marocco e Algeria e rifornisce l'HP di aria tropicale di provenienza est africana-arabica supportata dall'anomalia sull'ovest dell'Oceano Indiano e sul Mar Arabico. La nascita del blocco ad est che emerge piano piano in Ecmwf, e Gfs un pò più in là, potrebbe alla fine impattare sul pattern dominante nel futuro prossimo.
    Ma quel blocco a est rimarrà a cuore caldo diciamo o piano piano metterà su zampe e artigli??Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  5. #355
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    16,769
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Sul nord Asia sta facendo molto freddo, le discese artiche prediligono quella regione così come prediligono il nord ovest Europa. Sul vicino Medio Oriente abbiamo una subtropicale molto tonica che si estende a nord in area caucasica, mar Nero e ovest Russia, perchè alla fine il fronte polare sta scendendo molto basso sul Marocco e Algeria e rifornisce l'HP di aria tropicale di provenienza est africana-arabica supportata dall'anomalia sull'ovest dell'Oceano Indiano e sul Mar Arabico. La nascita del blocco ad est che emerge piano piano in Ecmwf, e Gfs un pò più in là, potrebbe alla fine impattare sul pattern dominante nel futuro prossimo.
    Che potrebbe essere ... quale ?

    Inviato dal mio SM-G970F utilizzando Tapatalk

  6. #356
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,328
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Dream Design Visualizza Messaggio
    Che potrebbe essere ... quale ?

    Inviato dal mio SM-G970F utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Fabry18 Visualizza Messaggio
    Ma quel blocco a est rimarrà a cuore caldo diciamo o piano piano metterà su zampe e artigli??Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Per la maturazione a maturazione a Scand+ occorre tempo, al momento non vedo nemmeno le condizioni. Vedremo come evolve.
    Always looking at the sky

  7. #357
    Tempesta L'avatar di Fabry18
    Data Registrazione
    23/02/06
    Località
    Tagliacozzo (AQ)
    Messaggi
    10,089
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Per la maturazione a maturazione a Scand+ occorre tempo, al momento non vedo nemmeno le condizioni. Vedremo come evolve.
    Io già speravo nel tuo avatar con l’orso...primo boccone amaro della stagioneRosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  8. #358
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    30
    Messaggi
    1,788
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Intanto per quanto riguarda la stratosfera è il possibile ese cold di cui si era parlato qualche settimana fa, volevo segnalare che il NAM da oggi comincerà a calare piuttosto rapidamente quindi o la soglia è stata superata ieri oppure non sarà più superata almeno fino a fine mese in ogni caso, anche se il NAM avesse superato 1,5 tra ieri e oggi, ritengo che le vorticità in strato siano decisamente troppo “acerbe” per provocare un condizionamento della troposfera. Direi che le carte di dicembre sono tutte in mano ai piani bassi dell’atmosfera

  9. #359
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,617
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Sul nord Asia sta facendo molto freddo, le discese artiche prediligono quella regione così come prediligono il nord ovest Europa. Sul vicino Medio Oriente abbiamo una subtropicale molto tonica che si estende a nord in area caucasica, mar Nero e ovest Russia, perchè alla fine il fronte polare sta scendendo molto basso sul Marocco e Algeria e rifornisce l'HP di aria tropicale di provenienza est africana-arabica supportata dall'anomalia sull'ovest dell'Oceano Indiano e sul Mar Arabico. La nascita del blocco ad est che emerge piano piano in Ecmwf, e Gfs un pò più in là, potrebbe alla fine impattare sul pattern dominante nel futuro prossimo.
    Il discorso è sempre quello e già condiviso con Alessandro: finchè il getto andrà ad impattare sul mediterraneo occ.le/nord africa occidentale, rimarrà quel promontorio dinamico ad est di cui parli e di cui c'è evidenza da tutti i gm: non appena il getto rallenterà o, meglio, non impatterà più sulle attuali zone, l'est europeo russia in particolare, andrà in freezer così come si comincia a scorgere dopo le 200 h in tutti i gm , ecmwf in primis: a mio avviso non escluderei una retrogressione fredda diretta verso le medie latitudini sul finire del mese/primi di dicembre.

  10. #360
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    15,426
    Menzionato
    85 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    Intanto per quanto riguarda la stratosfera è il possibile ese cold di cui si era parlato qualche settimana fa, volevo segnalare che il NAM da oggi comincerà a calare piuttosto rapidamente quindi o la soglia è stata superata ieri oppure non sarà più superata almeno fino a fine mese in ogni caso, anche se il NAM avesse superato 1,5 tra ieri e oggi, ritengo che le vorticità in strato siano decisamente troppo “acerbe” per provocare un condizionamento della troposfera. Direi che le carte di dicembre sono tutte in mano ai piani bassi dell’atmosfera
    il "problema" è la fisiologica contrazione per la fine del mese che già da qualche giorno si scorge nelle code dei forecast, quando il VPS sarà maturo ed in grado di condizionare, sempre di riflesso, gli strati più bassi. Che non si sarebbe superata (o che non sarebbe stato rilevante) in questo periodo oramai è assodato da un po', il problema chiaramente se si presenta si presenterà più avanti. Ancora non è detta l'ultima parola comunque, siamo ben distanti.

    PS: al momento comunque è il VPS più freddo da quando si hanno i dati per questo periodo e le velocità zonali a 10hPa sono anch'esse le più sostenute da quando si rilevano i dati. e va avanti così da un mese oramai, così come andava a martello, letteralmente, anche gli scorsi anni ma in periodi diversi, tendenzialmente più avanti, tra nov e dic.
    Si vis pacem, para bellum.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •