Pagina 7 di 9 PrimaPrima ... 56789 UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 85
  1. #61
    Vento forte L'avatar di Adriano90
    Data Registrazione
    12/01/11
    Località
    Roma (Montesacro)
    Messaggi
    3,053
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020-fluxes.gif

    A livello molto rozzo possiamo spiegare questa mancata (all'inizio) irruzione artica con flussi moderati convergenti, poi divergenti (zonalità residua) e poi tendono ad essere di nuovo convergenti. Per quel motivo vediamo la bolla continentale che arriva nel long.

    Vediamo.
    Always looking at the sky.


  2. #62
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,297
    Menzionato
    31 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Buongiorno a tutti e coraggio!

    Inutile stare a sottolineare che la componente fotochimica non aiuti affatto nell'accelerare i processi di progressivo smantellamento stagionale del vps a cominciare dai piani alti.
    Qualcosa di più si sta vedendo dal punto di vista dinamico e i modelli nei giorni scorsi inquadravano una consistente frenata zonale anche in troposfera con un forcing dinamico in strato al limite del riscaldamento maggiore.
    Pare tuttavia una proiezione piuttosto forzata alla luce delle ultime emissione e del fatto che la componente dinamica, che si tradurrebbe nell'accoppiata con l'oceano in fasi 2/3 della mjo, non presenta le necessarie caratteristiche non solo per andare verso un final warming (che sarebbe in tal caso early) ma per incidere in modo eccessivamente significativo neppure in troposfera.

    NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020-nada_3_mar_ok.png

    Quello che oggi appare evidente, a scapito di un vortice polare ancora piuttosto forte e con le masse artiche assai coese sul polo, è l'innalzamento di latitudine della corrente a getto polare in seno ad ondulazioni non in grado di incidere troppo ad alte latitudini.
    Il gradiente quindi resta quindi apprezzabile ma si eleva di latitudine distribuendo le fasce di alta pressione oltre i 50°N tra il Nord Atlantico e l'Europa centro settentrionale.
    Ne dovrebbe conseguire quindi uno sdoppiamento della corrente portante in uscita dal continente americano in cui il ramo meridionale tende a portare verso le medie latitudini correnti umide da ovest nel mentre al contrario correnti da est fresche localmente fredde tendono a conquistare la Russia e l'Europa orientale e a portarsi verso ovest.

    I modelli nei prossimi giorni dovrebbero confermare quindi una configurazione sinottica simile ad una Bartlett high con il probabile avvento di correnti più fredde verso il nord Italia e probabilmente più umide verso il resto della penisola.

    Matteo



  3. #63
    Vento moderato L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    1,131
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti e coraggio!

    Inutile stare a sottolineare che la componente fotochimica non aiuti affatto nell'accelerare i processi di progressivo smantellamento stagionale del vps a cominciare dai piani alti.
    Qualcosa di più si sta vedendo dal punto di vista dinamico e i modelli nei giorni scorsi inquadravano una consistente frenata zonale anche in troposfera con un forcing dinamico in strato al limite del riscaldamento maggiore.
    Pare tuttavia una proiezione piuttosto forzata alla luce delle ultime emissione e del fatto che la componente dinamica, che si tradurrebbe nell'accoppiata con l'oceano in fasi 2/3 della mjo, non presenta le necessarie caratteristiche non solo per andare verso un final warming (che sarebbe in tal caso early) ma per incidere in modo eccessivamente significativo neppure in troposfera.

    NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020-nada_3_mar_ok.png

    Quello che oggi appare evidente, a scapito di un vortice polare ancora piuttosto forte e con le masse artiche assai coese sul polo, è l'innalzamento di latitudine della corrente a getto polare in seno ad ondulazioni non in grado di incidere troppo ad alte latitudini.
    Il gradiente quindi resta quindi apprezzabile ma si eleva di latitudine distribuendo le fasce di alta pressione oltre i 50°N tra il Nord Atlantico e l'Europa centro settentrionale.
    Ne dovrebbe conseguire quindi uno sdoppiamento della corrente portante in uscita dal continente americano in cui il ramo meridionale tende a portare verso le medie latitudini correnti umide da ovest nel mentre al contrario correnti da est fresche localmente fredde tendono a conquistare la Russia e l'Europa orientale e a portarsi verso ovest.

    I modelli nei prossimi giorni dovrebbero confermare quindi una configurazione sinottica simile ad una Bartlett high con il probabile avvento di correnti più fredde verso il nord Italia e probabilmente più umide verso il resto della penisola.

    Ottima analisi. È molto potente in effetti la depressione semi-permanente islandese che molto spesso si fusa con l'anticiclone groenlandese e tende a ripristinarsi, non a caso le più basse temperature le stanno registrando adesso nel nord atlantico e il sotto media è abbastanza marcato, per di più in quota vi sono valori impressionanti, tipici di febbraio, isoterme sulla -30 malgrado l'avanzamento stagionale.

    Adesso nel Mediterraneo e in genere nell'Europa meridionale sta per cedere il dominio anticiclonico, ultimi residui dell'hp in questi giorni in Italia a cui poi seguirà un periodo piovoso e instabile, abbassamento del flusso perturbato e circolazione di tipo anti-zonale in buona parte del continente, al contrario in nord Europa (Scandinavia/Russia occidentale) i valori di pressione saranno particolarmente elevati poiché l'anticiclone russo imporrà il suo dominio garantendo stabilità atmosferica; a sud-ovest, l'hp delle Azzorre, non potendosi ben elevare verso nord per via della potenza del VP in Groenlandia/Islanda, tenterà di scavare una strada verso la Scandinavia, ma prima di giungere lì dovrà aprirsi un corridoio fra Atlantico ed Europa continentale.

    Quando l'alta dell'Azzorre creerà un corridoio anticiclonico, raggiungendo l'Europa orientale fino ad arrivare alle coste del Mar di Kara e i valori di pressione aumenteranno, risponderà un azione fredda che si riverserà sul Mediterraneo. Si attenderanno eventuali conferme per le carte over 200h.

  4. #64
    Burrasca L'avatar di Cristian-Ostuni/Bologna
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Ostuni(BR)-Busca(CN)
    Messaggi
    5,112
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    La trottola barcolla ma non molla. Meno male che che sotto la troposfera ogni tanto fa come gli pare. comuqnue di sto passo final warming almeno seconda decade di aprile (se non terza).

    NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020-gfs_nh-namindex_20200324.png
    Cit. dal film Wanted:"... Voi che cazz0 avete fatto ultimamente?"
    Cit. da Colorado: "La neve scende a fiocchi perchè se scendesse a nodi non si scioglierebbe."

    viva la φγα

  5. #65
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    30
    Messaggi
    21,329
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Citazione Originariamente Scritto da Cristian-Ostuni/Bologna Visualizza Messaggio
    La trottola barcolla ma non molla. Meno male che che sotto la troposfera ogni tanto fa come gli pare. comuqnue di sto passo final warming almeno seconda decade di aprile (se non terza).

    NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020-gfs_nh-namindex_20200324.png
    Ma è mai successa una cosa del genere?

  6. #66
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    30
    Messaggi
    1,896
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Ma è mai successa una cosa del genere?
    Se intendi come ritardo del FW, in certi anni è avvenuto anche a maggio inoltrato quindi nulla di strano per ora

  7. #67
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    16,574
    Menzionato
    102 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    Se intendi come ritardo del FW, in certi anni è avvenuto anche a maggio inoltrato quindi nulla di strano per ora
    penso intenda uno schema del genere, mi fa impressione e vorrei capire perché il NAM sia così alto in media-alta strato da mesi oramai... cioè, è mai successo prima? oltre ai vari record NAM e AO con cambiamento scala sul grafico, una cosa così prolungata in termini di tempo e così costantemente strong s'è mai vista?
    a mia umilissssssima memoria, non ne ricordo di grafici simili...
    Si vis pacem, para bellum.

  8. #68
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    30
    Messaggi
    1,896
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    penso intenda uno schema del genere, mi fa impressione e vorrei capire perché il NAM sia così alto in media-alta strato da mesi oramai... cioè, è mai successo prima? oltre ai vari record NAM e AO con cambiamento scala sul grafico, una cosa così prolungata in termini di tempo e così costantemente strong s'è mai vista?
    a mia umilissssssima memoria, non ne ricordo di grafici simili...
    Senza arrivare all’intensità avuta quest’anno ma come durata anche gli anni a fine decade ‘80 non scherzarono affatto in quanto a durata di anomalie positive del NAM

  9. #69
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,890
    Menzionato
    136 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    I livelli di ozono sono stati molto bassi a causa delle freddissime temperature stratosferiche, e infatti quest'anno si è creato un "buco dell'ozono" sull'Artico, naturalmente inferiore in termini di entità rispetto a quello antartico, ma raro e record per il polo nord:

    The Weather Network - Rare Arctic ozone hole stretches from Hudson Bay to Siberia

  10. #70
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,890
    Menzionato
    136 Post(s)

    Predefinito Re: NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020

    Citazione Originariamente Scritto da Cristian-Ostuni/Bologna Visualizza Messaggio
    La trottola barcolla ma non molla. Meno male che che sotto la troposfera ogni tanto fa come gli pare. comuqnue di sto passo final warming almeno seconda decade di aprile (se non terza).

    NAM =/>+4 e i record del "non inverno" 2019/2020-gfs_nh-namindex_20200324.png
    Ma è assurdo!!

    Cioè la NAM non solo ha assunto finora valori record, ma potrebbe continuare ad avere valori mai registrati in inverno ormai a metà primavera meteorologica??

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •